Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

"Giornalismo puzzolente" contro gli informatori

John Y Jones
John Y. Jones
Cand. philol, giornalista freelance associato a MODERN TIMES
GIORNALISMO / La professoressa Gisle Selnes scrive che la colonna di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno al veemente attacco ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come ad esempio nel caso di Edward Snowden?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Fuori dallo Storting il 2 giugno 2015, l'allora editore di Aftenposten Harald Stanghelle, insieme all'informatore dietro i Pentagon Papers, Daniel Ellsberg, hanno preso parte a un coraggioso confronto con il presidente di Storting Olemic Thommessen. Il post di Stanghelle si è trasformato in una pungente cronaca su Aftenposten il 12 giugno 2015 con il preambolo: "La Norvegia tiene a debita distanza gli avvertimenti più importanti del mondo. Codardo e comprensibile”. Ma quello era allora.

Se entri nell'archivio di Aftenposten, scoprirai che il giornale ha fatto un uso generoso del materiale di Assange e WikiLeaks e ha impostato scavatori dedicati per esporre le rivelazioni di WikiLeaks. Aftenposten era orgoglioso delle rivelazioni pubblicate, e giustamente.

Non trapelato da Assange

Ma il 23 gennaio dello scorso anno Trine Eilertsen dell'Aftenposten lo era in Dagsnytt 18 in un dibattito con Eva Joly. Eilertsen potrebbe dire che "non vedo Assange come un giornalista. Per questo, dispone di metodi che nessun giornalista con una spina dorsale etica utilizzerebbe. Lo ha dimostrato quando ha scaricato tutti i file senza nascondere né nomi né dettagli personali.... ».

Nessuno le ha chiesto quale background avesse per dire questo. Assange non poteva rivendicare protezione per le sue dichiarazioni, credeva Eilertsen, rivelando una fondamentale mancanza di comprensione di qualcosa di così fondamentale come la libertà di espressione. È redattrice di uno dei giornali più grandi della Norvegia!

Tuttavia, il giornale lo ha capito più tardi. Il leader il 17 settembre 2020 afferma l'ovvio: "La libertà di parola vale per tutti.” Le fughe di notizie irresponsabili non erano dovute ad Assange, ma ai giornalisti del Guardian Luke Harding e David Leigh in collaborazione con Daniel Domscheit-Berg. Il mondo lo ha imparato già nel 2011 (vedi l’allora giornalista del Guardian Glenn Greenwald in Salon 2 settembre 2011 e Der Spiegel 1 settembre 2011).

Daniel Ellsberg ha recentemente parlato di etica nei confronti di Assange il sito web dell'Exberliner il 5 gennaio di quest'anno: “È un dato di fatto che pochi hanno il coraggio morale di mettere a rischio la propria carriera o le proprie relazioni interpersonali [denunciando delle irregolarità]…. [Ma] poi ci sono persone come Julian che hanno il coraggio morale di affrontare sia le accuse legali che i pericoli puramente fisici.

Perché un simile attacco alla morale di Assange? Solo Eilertsen e il giornale lo sanno, ma Eilertsen non ha più commentato WikiLeaks nemmeno dopo questo. Non si è scusata, per quanto ho visto.

Ellsberg ha inoltre riflettuto su Exberliner sul motivo per cui i principali media hanno trattato Assange in quel modo dopo aver utilizzato liberamente il "suo" materiale per molti anni:

"Non mi è chiaro il motivo per cui prendono le distanze da Assange. Forse è perché vogliono essere rispettati dai loro contatti governativi che forniscono loro materiale esclusivo, anche quando questo particolare materiale è spesso falso”.

Che un giornale parla bilingue e trasmette una realtà distorta, spesso negativa. È quella che viene chiamata “voce da donnola” o “giornalismo da donnola”.

"Giornalismo puzzolente"

Ma i puri errori fattuali e le idee sbagliate non sono il problema principale del giornalismo. Ciò che è molto più grave è proprio ciò che ha sottolineato il professore dell'Università di Bergen Gisle Selnes (nella foto): che un giornale parla con due lingue e trasmette una realtà distorta, spesso negativa. Questo è ciò che viene chiamato "voce da donnola" o "giornalismo da donnola".

Gisle Selnes fotografata da Eivind Senneset. Bergen, 30 agosto 2017

Quando l'anno scorso morì il giornalista Robert Fisk, il suo collega John Pilger criticò il necrologio dell'Independent in un tweet del 2.11.20: "Robert Fisk è morto. Voglio rendere omaggio a uno degli ultimi grandi reporter. La parola ambigua 'controverso' fu usata anche nel giornale a cui dedicò la sua vita, The Independent."

Ma la “voce da donnola” o il “giornalismo puzzolente” non sono tecniche diffamatorie riservate solo agli informatori. Il sito Dynamics-of-writing.com (28.08.2018/XNUMX/XNUMX) richiama l'attenzione su tre trappole di ogni giornalismo: ad esempio, lo scrittore nasconde chi ha compiuto un'azione; può presentare cose che non sono documentate ed esagerare.

Quando aspetti importanti di un servizio scompaiono, vengono colorati o esagerati nel messaggio perché il giornalista sceglie un determinato modo di esprimersi, abbiamo a che fare con lo “stealth journalism”. Si tratta di una consapevole stravolgimento del messaggio attraverso scelte linguistiche.

Nascondere l'aggressore

Diamo un'occhiata a questo in un'area tematica molto infiammata: il Medio Oriente e le relazioni Palestina-Israele:

The Economist descrive il messaggio Twitter del New York Times del 26 maggio 2018 che i soldati israeliani avevano ucciso 24 manifestanti disarmati il ​​giorno prima. Il testo del NYT recita: "Una dozzina di palestinesi sono stati uccisi durante le manifestazioni mentre gli Stati Uniti si preparavano ad aprire la loro ambasciata a Gerusalemme".

"È morto"? Sono morti di vecchiaia? ha commentato un lettore attento. "Havedied" è diventato rapidamente un'epidemia su Twitter. L'Economist ha descritto il messaggio Twitter del NYT come una "voce da donnola". Il messaggio riduce la gravità di un atto grottesco garantendo al tempo stesso che l'incidente sia stato coperto. Allora sei già nel fraudolento. Poi puzza.

Il giornalista vincitore del Premio Pulitzer Glenn Greenwald ha commentato il rapporto del NYT come segue: "La maggior parte dei media occidentali sono diventati abili – attraverso anni di pratica – nel descrivere i massacri israeliani in modo passivo per nascondere l'aggressore. Ma il campione indiscusso in questo senso è sempre stato, ed è, il New York Times”.

Il giornalismo puzzolente può demonizzare e glorificare, esaltare e denigrare, ma prima di tutto deve manipolare. Ha un'intenzione di fondo che è facilmente rivelata a chi conosce i fatti del caso, ma rimane nascosta a chi non la conosce. Finge di illuminare, mentre in realtà nasconde. È anti-giornalismo.

Aftenposten

Mi sono incuriosito su come l'Aftenposten abbia coperto lo stesso evento. Avremmo potuto scegliere molti altri giornali, ma il paywall ha impedito l'ingresso a questo giornalista, quindi abbiamo scelto Aftenposten.

Quando l'articolo dell'Aftenposten "Venerdì è andata così. Ora potrebbe peggiorare”. Se si legge il 14 maggio 2018 a colazione, il lettore stanco della mattina scuoterà la testa davanti a questi palestinesi ribelli che minacciano costantemente Israele. Non dice "i palestinesi sono brutti, gli israeliani sono gentili", ma questo è il messaggio. L'Aftenposten scrive: "L'esercito israeliano teme" che la situazione "potrebbe addirittura peggiorare!". Gli attivisti "bruciano pneumatici", hanno "lanciato sassi con le fionde", "hanno lanciato aquiloni con bombe molotov", "hanno usato pinze sulla recinzione di confine".

L'articolo dell'Aftenposten può dire che "diverse decine sono state uccise e migliaia ferite nelle manifestazioni a Gaza". Ma molti degli uccisi sono “militanti”. Essi "vengono uccisi". Si dice che gli ufficiali israeliani abbiano affermato: "la maggior parte delle morti sono il risultato di piegamenti improvvisi dei manifestanti, rimbalzi o colpi di sbarramento". L'Aftenposten non è ironico nemmeno nella sua presentazione. È come se si sentisse un'eco di spiegazioni del tipo: "purtroppo il prigioniero è caduto dalla finestra ed è morto".

Non sono i militari nei carri armati corazzati con le armi cariche contro giovani e civili disarmati a preoccupare il giornalista dell'Aftenposten. No, esiste la possibilità di “escalation del conflitto”. L'esercito israeliano è pronto a "combattere questa situazione e a garantire la sicurezza dei cittadini israeliani, si legge in una dichiarazione dell'esercito", scrive l'Aftenposten.

Ma il tema non era forse l'apertura di un'ambasciata? I manifestanti sono a 110 chilometri dalla nuova ambasciata, che è anche il vecchio consolato. Stanno minacciando l’ambasciata, visto che questo è trattato nello stesso articolo?

In questo giorno, 13 maggio 2018, 24 (probabilmente 60 secondo The Economist) giovani, bambini e civili disarmati, alcuni giovani armati di fionde e pietre, che hanno manifestato dall'altra parte di una recinzione alta cinque metri, ucciso a colpi di arma da fuoco da uomini pesantemente armati soldati in autoblindo, carri armati e con armi automatiche. L'Aftenposten avrebbe potuto scrivere questo.

L'irresponsabilità dell'Aftenposten

È questa tecnica della “voce da donnola” che viene utilizzata anche quando l’Aftenposten descrive l’informatore Assange con il leader apparentemente benevolo”Julian Assange dovrebbe essere liberato" 17 settembre. Che bello, ho pensato, è tornato l'Aftenposten nella versione Stanghelle del 2015! Poi vedo che si tratta in realtà di una nuova ondata di inesattezze, che insieme danno al lettore un'immagine molto poco lusinghiera del leader di WikiLeaks. Ma per sicurezza: l'Aftenposten ritiene che "Julian Assange dovrebbe essere liberato".

Il fatto che migliaia di documenti siano andati smarriti senza essere modificati è dovuto ai giornalisti Harding e Leigh del quotidiano The Guardian e non ad Assange. Questo era già noto nel 2011.

Allora come usa l'Aftenposten la “voce da donnola” su Assange nell'editoriale del 17 settembre? Da un lato, inquadrano la sua descrizione con insinuazioni negative, accuse e disegnano scenari vaghi e distruttivi. D’altro canto riducono, banalizzano o omettono tutto ciò che è buono o benefico:

  • WikiLeaks viene criticato per aver pubblicato "materiale ottenuto da hacker russi". Si tratta di una teoria del complotto respinta dalla legge americana e studiata dai veterani dell'intelligence del gruppo VIPS, fondato da Daniel Ellsberg. In Consortium News del 24 luglio 2017 hanno smentito che il materiale di Wikileaks fosse stato violato dai russi. Per motivi tecnici il materiale deve essere trapelato internamente da un PC locale. Il fatto che le cospirazioni circolino liberamente anno dopo anno senza documentazione non giustifica l'Aftenposten a trasmetterle.
  • "Il punto di partenza è un insieme di documenti pubblicati da WikiLeaks nel 2010", si legge nell'editoriale. Si tratta di documenti che lo stesso Aftenposten ha portato avanti e che Assange ha attentamente modificato. Che ne vennero migliaia inedito fuori strada, è dovuto ai giornalisti del quotidiano The Guardian e non ad Assange. Ciò era già noto nel 2011. Per inciso, l'Aftenposten non ha mai criticato i giornalisti Berg, Harding e Leigh (vedi Glenn Greenwald in Salon 2 settembre 2011 e Der Spiegel 1 settembre 2011).
  • Il leader riduce la gravità di quanto rivelato da Assange e Wikileaks, ad esempio il film Omicidio collaterale. L'Aftenposten scrive che il film mostrava che gli americani "hanno ucciso 11 persone". Sarebbe stato più completo scrivere "Piloti di elicotteri che hanno ucciso e ferito ridendo bambini, padri, paramedici e giornalisti".
  • Non troverete parole come crimini di guerra, crimini contro l’umanità, violazioni menzionate nel processo di Norimberga, che sarebbero caratteristiche attuali delle azioni degli americani, ad esempio, Omicidio collaterale.
  • Assange è “controverso”, ha pubblicato “materiale riservato”, è “accusato di cospirazione”.
  • Non una parola sul fatto che le autorità svedesi e britanniche sono accusate da Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altre forme di trattamenti inumani, di aver perseguitato e molestato ingiustamente Assange per quasi 10 – dieci anni senza nemmeno essere stato giustamente accusato di qualsiasi cosa criminale (menzionato in diversi punti nel Notification Supplement di MODERN TIMES).
  • Non una parola che Assange abbia fatto il suo dovere come qualsiasi giornalista.

E che dire della copertura del rapporto delle Nazioni Unite da parte del relatore speciale Melzer? Kristoffer Rønneberg dell'Aftenposten lo ha descritto in 17 brevi righe il 6 giugno 2019. Melzer è il relatore speciale delle Nazioni Unite contro la tortura ai sensi di una convenzione di cui la Norvegia è un paese firmatario. Rønneberg definisce Melzer un "inviato dell'ONU", che "in un certo senso parla a favore del caso del 47enne" e respinge le accuse contro le autorità svedesi e britanniche di aver praticato "tortura psicologica".

Vedi anche il rapporto di Meltzer all'ONU in appendice, e vedere cosa l'Aftenposten non ha mai riferito in modo decente. E valuta se i lettori dovrebbero avere il diritto di sapere.

False accuse

L'Aftenposten non è solo contro Julian Assange. morgenbladet ha, ad esempio, contribuito con una colorata caricatura di Assange con il lungo naso da bugiardo, disegnata da Marvin Halleraker, come illustrazione per un articolo di Hilde Sandvik del 5 gennaio 2018, con un testo che non tenta nemmeno di discutere nulla sulla menzogna. Ma gli accenni al giornalismo puzzolente funzionano chiaramente in modo soddisfacente nel Morgenbladet.

Il professor Selnes ha tempestivamente criticato Bergens Tidende per il modo in cui il giornale ha trattato Assange. Certo lui scrive che il giornale di Bergen è "molto più onesto" dell'Aftenposten, dal momento che ha sostenuto Assange in posizioni di leadership. Non sono così sicuro.

Una delle cose più devastanti su Julian Assange sono le false accuse secondo cui avrebbe scaricato online migliaia di documenti non oscurati contenenti materiale di intelligence sensibile senza considerare le conseguenze per coloro che sono stati esposti.

È stato lo stesso Harding a stampare la password per i file WikiLeaks nel suo libro, rendendo così disponibile a tutti materiale sensibile e non oscurato.

Il 24 novembre 2014, Bergens Tidende ha intervistato il giornalista e autore del Guardian Luke Harding proprio sulla pubblicazione di documenti inediti. "È stato intelligente da parte sua [Snowden] dare i file a giornali come The Guardian, invece di fare come Assange e mettere tutto online?" voleva saperlo la giornalista Eirin Eikejord.
Harding risponde: “Penso che questo fosse parte del suo genio [di Snowden]. La strategia si adatta anche al suo obiettivo: Snowden non vuole distruggere il mondo dell’intelligence, vuole riformarlo”. Chiaramente, anche se indirettamente, Harding dice che Assange vuole “distruggere il mondo dell’intelligence” e che uno dei metodi era “mettere tutto online”.

Il problema è che, nei preparativi per l'intervista, Eikefjord avrebbe dovuto, come minimo, leggere il libro di Harding su Assange: e poi avrebbe dovuto rendersi conto che è stata la stessa Harding a stampare la password per i file WikiLeaks nel suo libro (vedi di seguito) e rendendo così disponibile a tutti materiale sensibile e inedito. Né Harding dice nulla a Bergens Tidende riguardo al suo ruolo in tutto questo.

Assange ha modificato attentamente

Oggi sappiamo, tra l'altro dalla testimonianza di Daniel Ellsberg, che la pratica di Assange era proprio quella di fare attenzione a modificare prima della pubblicazione, o di lasciare che fossero i giornali, come l'Aftenposten, a fare il montaggio. E che Assange, disperato nel vedere il codice nel libro di Harding, ha inviato un avvertimento all'intelligence americana, che altrimenti non avrebbe risposto all'inchiesta. Alla luce di ciò, l'intervista di Eikejord rivela o una pratica giornalistica inverosimilmente mediocre o una calunnia contro coloro che ne sanno di più.

Eikejord e Bergens Tidende devono almeno saperlo oggi, sette anni dopo. Abbiamo indagato se Bergens Tidende abbia inviato delle scuse ad Assange e ai lettori. Non abbiamo trovato nulla, ma ci riserviamo il diritto che c'è qualcosa che potremmo aver trascurato.

Oggi, chiunque voglia può ancora leggere il codice nel libro di Luke Harding e David Leigh Dentro la guerra alla segretezza di Julian Assange (2013), sono facsimile:

Facsimile dal libro di Harding/Leigh Inside Julian Assange's War on Secrecy. Seguendo il consiglio del giornalista e amico intimo di Assange, John Pilger, abbiamo scelto di redigere il codice, anche se è a disposizione del pubblico da oltre 7 anni.
- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.