Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

"Mettere la pace prima della vittoria"

Susanna Urbana
Susanne Urban
Leader della Lega internazionale delle donne per la pace e la felicità (IKFF-Bergen).
PAROLE IN MEMORIA / Johan Galtung. Potrebbe il 21° secolo vedere l’abolizione della guerra – proprio come la schiavitù è stata abolita nel 19° secolo e il colonialismo nel 20°?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

(Galtung. Foto: Truls Lie)

Il primo professore al mondo di ricerche sulla pace, Johan Galtung è morto, all'età di 93 anni. Così, la Norvegia e il mondo hanno perso una persona completamente fuori dal comune. Galtung è stato attivo, ottimista, creativo e positivo operatore di pace da oltre 70 anni. Già all'età di 24 anni scrisse il suo primo libro, L'etica politica di Gandhi. All'epoca era in prigione per aver rifiutato di arruolarsi nell'esercito. Nessuno aveva sistematizzato GandhiLe strategie non violente di Galtung e del suo mentore, l’ecosofo Arne Ness, subentravano.

Lo scopo principale delle Nazioni Unite è proteggere le generazioni future dal flagello della guerra. Pochi, se non nessuno, hanno contribuito tanto quanto Johan Galtung a dimostrarne le possibilità costruzione della pace.

Termini come pace positiva e pace negativa; violenza diretta, violenza strutturale e violenza culturale; o risoluzione dei conflitti in tre fasi: mappatura, legittimazione e costruzione di ponti.

Compromesso o pace? Johan era un piantagrane per la pace. In conferenze, conferenze e in circa 160 libri sui molteplici aspetti della pace ha sempre sostenuto opinioni non tradizionali e in parte controverse. Più di 40 libri sono stati tradotti in altre lingue. Il libro Trascendere e trasformare è disponibile in 25 lingue diverse. Galtung ha pubblicato più di 1700 articoli e capitoli di libri e per molti anni ha scritto contributi settimanali per Transcend Media Service-TMS, un sito web per il giornalismo di pace orientato alla soluzione. Johan è stato una delle forze trainanti dietro la creazione di PRIMA, Istituto di ricerca sulla pace di Oslo. È stato visiting professor in una cinquantina di università, ha 10 dottorati onorari e ha ricevuto diverse cattedre onorarie tra il 1975 e il 2017. È stato insignito del Premio Nobel alternativo Right Livelihood Award nel 1987, e ha ricevuto numerosi premi, tra cui in Norvegia, Spagna, Stati Uniti, Cina e India.

Risoluzione di una collisione di bersagli

Non è conflitto che è pericoloso, ma se proviamo a risolverne uno collisione del bersaglio con violenza. Le persone sono diverse, hanno obiettivi diversi. Che gli obiettivi si scontrino è naturale. Da buon pedagogo quale era, Johan disegnava semplici figure sui fogli della lavagna a fogli mobili durante lezioni e conferenze. Il risultato? Termini come pace positiva e pace negativa; violenza diretta, violenza strutturale e violenza culturale; o la risoluzione dei conflitti in tre fasi: mappatura, legittimazione e costruzione di ponti – non sono più concetti riservati solo a chi ha un interesse particolare. Johan Galtung ha dato al mondo tutta una serie di concetti per creare una cultura di pace. Il metodo di Galtung per la pace implica trascendere un conflitto in modo creativo: introdurre un nuovo elemento, un progetto comune, che può portare a una situazione vantaggiosa per tutte le parti.

Alternative a militare il pensiero viene creato con parole e concetti che possono essere paragonati al pensiero strategico delle scuole di guerra di tutto il mondo. Il lavoro di una vita di Galtung ci dà accesso a una serie di teorie che mostrano come i conflitti possono essere trasformati senza l'uso della violenza.

L'arte della pace

Galtung era grato per tutto ciò che aveva imparato dal suo collaboratore e coniuge, il giapponese Fumi. Non ultimo il riconoscimento che la nostra mentalità occidentale “o/o” – “o sei con noi o sei contro di noi” è una limitazione pericolosa. Dopotutto esiste anche il "nessuno dei due" e non meno importante: entrambi e. Entrambi-e piuttosto che uno o è stato l'insegnamento fondamentale di Galtung, sia come insegnante che come mediatore in molte situazioni di conflitto in tutto il mondo.

Molte persone importanti hanno ricevuto grandi riconoscimenti solo dopo la loro morte. Possa succedere a Galtung e al suo metodo. Che la PACE venga inserita nell'orario scolastico!

Lui stesso formula il futuro per pratica di pace così, nella postfazione al libro L'arte della pace (2017)
Per migliorare, competi con te stesso, non con gli altri. Non contribuire a una società di vincitori e perdenti.
Concentrati sul positivo. Il focus, positivo o negativo, è una tua scelta.
Utilizzare il dialogo per la ricerca congiunta di soluzioni sostenibili. Chiedi: che aspetto ha la famiglia, la scuola, il paese, la regione di cui vuoi far parte? Era meglio prima? Dove è andato storto? Qual è la cosa peggiore che è accaduta? Il peggio che potrebbe succedere?

Igiene del conflitto

Con igiene del conflitto possiamo andare lontano. I medici hanno condiviso le conoscenze su come lavarsi le mani e lavarsi i denti come igiene; i tempi sono maturi per l’igiene del conflitto. Insegnare alle persone a prendersi cura della propria salute ci ha portato oltre i farmaci avanzati e le procedure chirurgiche.

Una lunga vita dedicata al lavoro incessante per la pace con mezzi pacifici è finita. Gli sforzi di Galtung hanno contribuito al raggiungimento degli obiettivi provvisori. Persone in tutto il mondo sono state ispirate dai pensieri e, non da ultimo, dalle azioni del professore di pace.

Il 21° secolo potrebbe vedere l’abolizione della guerra, proprio come la schiavitù è stata abolita nel 19° secolo e il colonialismo nel 20. Sebbene elementi di schiavitù e colonialismo esistano ancora nel mondo, non sono più istituzioni sociali accettate.

Che Johan Galtung, il fondatore della disciplina accademica “studi sulla pace”, abbia ragione! Molti di noi sono determinati a mantenere viva la scintilla di pace che Egli ha acceso in noi.

Johan, facciamo brillare la PACE sulla tua memoria.

 


Urbano è l'autore del libro Il metodo di Galtung per la pace: la vita, le teorie e l'influenza del ricercatore di pace. È membro del consiglio dell'Accademia Hardanger per la pace, lo sviluppo e l'ambiente.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Il nostro sfortunato destino (ANTI-ODIPO ED ECOLOGIA)

FILOSOFIA: Può un modo di pensare in cui il divenire, la crescita e il cambiamento sono fondamentali, aprire nuove comprensioni e atteggiamenti verso il mondo nuovi ed ecologicamente più fruttuosi? Per Deleuze e Guattari il desiderio non inizia con la mancanza e non è desiderio di ciò che non abbiamo. Attraverso un focus sul desiderio come connessione e connessione – una comprensione dell’identità e della soggettività come fondamentalmente legate all’intermedio che la connessione costituisce. Ciò che mettono in luce sottolineando questo è come il desiderio edipico e il capitalismo siano legati tra loro e alla costituzione di una particolare forma di identità personale o soggettività. Ma in questo saggio di Kristin Sampson l'Anti-Edipo è legato anche al presocratico Esiodo, a qualcosa di completamente pre-edipico. TEMPI MODERNI offre al lettore qui una profonda immersione filosofica nel pensiero.

Una storia d'amore con il tessuto della vita

CIBO: Questo libro può essere descritto così: «Una celebrazione di storie, poesia e arte che esplora la cultura del cibo in un tempo di crisi ecologiche convergenti – dalla macchina agricola divoratrice al vaso di fermentazione rigenerativa.»

Sul rapporto tra poesia e filosofia

FILOSOFIA: Nel libro La poetica della ragione, Stefán Snævarr va contro un concetto troppo rigido di razionalità: vivere razionalmente non significa solo trovare i mezzi migliori per realizzare i propri obiettivi, ma anche rendere la vita significativa e coerente. Parti di questo lavoro dovrebbero interessare tutte le discipline interessate da modelli, metafore e narrazioni.

Il bagliore dell'utopia

FILOSOFIA: il problema dell’ottimismo fiducioso è che non prende abbastanza sul serio l’attuale crisi climatica e finisce per accettare lo stato delle cose. Ma esiste una speranza e un’utopia che nasconde una forza creativa e critica? TEMPI MODERNI esamina più da vicino la filosofia della speranza del tedesco Ernst Bloch. Per il tedesco Ernst Bloch bisogna riscoprire nella nostra esperienza concreta il fuoco che anticipa futuri possibili nel reale qui e ora.

Rivisitare la vera sala macchine

ORA: Appena 50 anni dopo la pubblicazione dell'Anti-Edipo di Gilles Deleuze e Félix Guattari, l'opera non ha perso la sua attualità, secondo il nuovo numero tematico della rivista norvegese AGORA. L’Anti-Edipo si è piuttosto rivelato uno strumento concettuale profetico e altamente applicabile per l’esame del capitalismo finanziario e dell’informazione contemporaneo. In questo saggio si fa riferimento anche all'affermazione del libro secondo cui non esiste economia o politica che non sia permeata al massimo grado dal desiderio. E che dire del fascista in cui qualcuno è portato a desiderare la propria oppressione come se significasse salvezza?

L’auto-messa in scena come strategia artistica

FOTO: Frida Kahlo era al centro di una sofisticata cerchia internazionale di artisti, attori, diplomatici e registi. In Messico, fu presto una tehuana – un simbolo di una donna emancipata che rappresenta un ideale di donna diverso da quello radicato nel marianismo tradizionale. Ma possiamo vedere gli stereotipi femminili della “puttana” e della “madonna” anche in una stessa persona?

Viviamo in un mondo da sogno collettivo

SAGGIO: La Bibbia secondo Erwin Neutzsky-Wulff: I testamenti nella Bibbia sono legati ad una "particolare miscela di mitologia babilonese, miti e falsificazione storica". Per lui, nessuna religione ha prodotto tante affermazioni mostruose quanto il cristianesimo, e nessuna ha preso le stesse come verità evidenti nella stessa misura. Neutzsky-Wulff parla correntemente dieci lingue e sostiene che nessun mondo esterno si oppone a quello interno. Inoltre, con un cosiddetto “io” soggettivo siamo prigionieri in una prigione somatica. Possibile capire?

Perché ci chiediamo sempre perché gli uomini commettono atti di violenza, invece di chiederci perché non lo permettono?

FEMICIDO: Gli omicidi di donne non avvengono solo in modo strutturale e non solo per motivi misogini, ma sono anche in gran parte banalizzati o rimangono impuniti.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.