Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Disinformazione dall’industria del petrolio e della plastica

Andrea Seifert
Andreas Seifert
Scrittore regolare in TEMPI MODERNI nell'ambito della tecnologia/ambiente.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Siamo responsabili delle nostre azioni sia individualmente che come aziende e industria? Come individui, possiamo essere ritenuti responsabili nella maggior parte dei settori, a meno che non siamo politici, ma le aziende e l’industria hanno maggiori opportunità di fuga.

Già nel 1959, l’industria petrolifera fu messa in guardia dal fisico delle armi nucleari Edward Teller, durante un simposio organizzato dall’American Petroleum Institute e dalla Columbia Graduate School of Business per celebrare i 100 anni di estrazione del petrolio, sui pericoli dell’uso continuato di combustibili fossili. Non solo ha menzionato CO2 e serra
Oltre al fatto che finiremo i combustibili fossili, ha sottolineato anche l’innalzamento del livello del mare e quante città costiere rischierebbero di essere inondate. Dopo il post, gli è stato chiesto di riassumere e lo ha fatto:

"Attualmente, il biossido di carbonio nell'atmosfera è aumentato del 1970% rispetto al normale. Nel 1980 sarà forse del 1990%; entro il XNUMX all'XNUMX%, entro il XNUMX al sedici%, se continuiamo con l'aumento esponenziale dell'uso di combustibili convenzionali puliti. A quel punto, ci sarà un serio ulteriore ostacolo alla radiazione che lascia la Terra. Il nostro pianeta diventerà un po’ più caldo. È difficile dire se saranno due gradi Fahrenheit oppure solo uno o cinque. Ma quando la temperatura aumenta effettivamente di qualche grado in tutto il mondo, c’è la possibilità che le calotte polari inizino a sciogliersi e il livello dei mari ad aumentare. Beh, non so se copriranno o meno l’Empire State Building, ma chiunque può calcolarlo guardando la mappa e notando che le calotte glaciali sulla Groenlandia e sull’Antartide sono spesse forse cinquemila piedi”.

Inquinamento da fuoriuscite di petrolio – Concetto con pellicani

Auto elettrica

Nel 1969, Robert Dunlop era a capo della Sun Oil Company ed era presente durante il discorso di Teller. Otto anni dopo, Dunlop era diventato presidente dell'American Petroleum Institute. Il Senato degli Stati Uniti ha indagato sulla possibilità e sul potenziale delle auto elettriche, ma Dunlop ha avuto una risposta chiara: “Noi dell’industria petrolifera siamo convinti che quando un’auto elettrica pratica potrà essere prodotta in serie e commercializzata, non trarrà alcun beneficio significativo da un’auto elettrica punto di vista dell’inquinamento. Le emissioni dei motori a combustione interna saranno state controllate da tempo." Le auto elettriche non appartengono solo al nostro tempo, ma sono in uso e sul mercato già dal 1828. Si dice che fossero pratiche solo nel 1870 ca. 1885, ma il primo pratico motore a combustione interna alimentato a benzina è considerata l'auto di Benz del XNUMX.

Disinformazione ad alto livello

Nel 2015 è stato rivelato che Exxon (ora Exxon Mobile) aveva investito molto nella ricerca sul clima. Si trattava di una ricerca iniziata nel 1977 e che non solo tenevano per sé, ma cercavano anche di mettere in dubbio. Miliardi di dollari sono stati investiti nella disinformazione. Non da ultimo la famigerata società di pubbliche relazioni Hill+Knowlton Strategies è stata utilizzata dall’industria petrolifera.

L’Union of Concerned Scientists (UCS) ha pubblicato un’indagine supplementare a quella di InsideClimate News, nota come Climate Deception Dossiers – composta da 7 documenti con 85 promemoria interni per un totale di più di 330 pagine. Questi rivelano una serie di tattiche ingannevoli utilizzate dall’industria dei combustibili fossili: “Abbiamo incluso un promemoria di una coalizione di società di combustibili fossili in cui sostanzialmente promettono di intraprendere un grande sforzo di comunicazione per seminare dubbi”, dichiarò all’epoca il presidente dell’UCS, Kenneth. Kimmel a Scientific America (2015). "C'è anche una citazione che dice qualcosa come 'la vittoria sarà raggiunta' quando la persona media diventerà incerta sulla scienza del clima", ha inoltre affermato.

In altre parole, l’industria petrolifera è stata molto consapevole di ciò che ha fatto, ma continua imperterrita per una semplice ragione: il profitto. Questa è una cospirazione contro l’umanità per il guadagno finanziario di pochi. Anche l’industria petrolifera ha esercitato una forte lobby per impedire investimenti su larga scala nelle auto elettriche – e in particolare nella tecnologia delle batterie. La ricerca della Exxon, condotta 45 anni fa e ora ben documentata, si è rivelata spaventosamente accurata.

Fracking norvegese e acqua contaminata

Ma Exxon non è stata la sola a ingannare il mondo. La maggior parte di loro è qui, inclusa la norvegese Equinor (ex Statoil). Dal 2009, Equinor opera il fracking sia negli Stati Uniti che in Argentina. Fracking o fratturazione idraulica, estrazione del gas di scisto (estrazione di gas di scisto) è uno dei modi più sporchi per estrarre il gas. Il gas di scisto viene utilizzato anche per produrre plastica, ma il fracking è vietato in molti paesi a causa di ciò i pericoli e l’inquinamento che tale estrazione comporta.

L’estrazione del gas di scisto è uno dei modi più sporchi per estrarre il gas.

Nel fracking vengono utilizzate circa 1000 sostanze chimiche diverse, che vengono mescolate con sabbia e milioni di litri di acqua e pompate sotto pressione negli strati di scisto per espellere il gas. Molte di queste sostanze chimiche sono "segreti commerciali", il che rende difficile estinguere gli incendi, quando i vigili del fuoco non sanno quali sostanze chimiche vengono utilizzate. Gli incendi possono durare settimane. Le sostanze chimiche utilizzate si disperdono nelle falde acquifere – ci sono anche incidenti in cui le scorie originariamente da pulire finiscono nei fiumi e provocano la morte di massa di pesci e vita marina. Per ogni pozzo vengono utilizzati dai 5 ai 60 milioni di litri d'acqua. Solo il 15-40% ritorna a galla e può essere pulito. Ciò significa che molta acqua inquinata va fuori strada.

I bambini che bevono dalle bottiglie di plastica ingeriscono ogni giorno milioni di particelle microplastiche.

Edward Teller nel 1959 non parlò a orecchie da mercante. Al contrario, fece sì che l’industria prendesse i pericoli così seriamente da usare miliardi di dollari per ingannare il mondo. Solo le cinque maggiori compagnie petrolifere americane hanno speso dal 3,6 al 1986 la cifra sbalorditiva di 2015 miliardi di dollari, ovvero poco più di 120 milioni di dollari all’anno. E queste sono solo le cinque maggiori società americane. La conoscenza del riscaldamento globale da parte dell'industria petrolifera da così tanto tempo testimonia una cospirazione di occultamento, frode e falsificazione.

La plastica è un enorme problema di rifiuti

La plastica fu inventata nel 1862 da Alexander Parkes e chiamata parkesine, ma fu solo nel 1907 che la plastica completamente sintetica, cioè senza molecole provenienti dalla natura, arrivò sotto forma di bachelite, inventata da Leo Baekeland (1863-1944). La plastica è letteralmente ovunque, anche nel computer su cui mi siedo e scrivo. In sostanza, si può dire che la plastica è un prodotto del petrolio e del gas, anzi per il 99%. Per produrlo viene utilizzato circa il dieci per cento del petrolio. La plastica ha reso in molti modi la nostra vita quotidiana più semplice e ha aumentato il tenore di vita, soprattutto per noi occidentali. Ma ha il suo prezzo, e chi si è arricchito producendo plastica non è disposto a pagare quel prezzo. Ogni anno vengono prodotti quattrocento miliardi di chilogrammi di plastica e l’OCSE stima che i rifiuti di plastica quasi triplicheranno entro il 2060.

"È tipicamente norvegese essere buoni", disse Gro Harlem Brundtland nel suo discorso di Capodanno del 1992. E la Norvegia raccoglie e smista, compresa la plastica. Ben il 98% di questo viene esportato in Germania, quindi si potrebbe pensare che tutto sia in perfetto ordine. Ma lo è? La Germania esporta tre volte più plastica di quanta ne importa. E l'UE esporta ca. metà di tutta la plastica “riciclata” – 1,1 miliardi di chili di rifiuti di plastica – verso paesi al di fuori dell’UE.

Gio (Italia)-Plastic-Mare di plastica

Mentre solo il 2019% della plastica viene riciclato (a partire dal 17), l’OCSE prevede che la cifra salirà al 2060% nel 1,6. Si tratta di una lunga strada nel futuro e anche di una percentuale incredibilmente piccola. Inoltre, esiste un limite al numero di volte in cui la plastica può essere riciclata prima che perda le sue proprietà. La maggior parte viene riciclata solo due o tre volte, il che significa che non importa quanta plastica ricicliamo, la plastica causa un enorme problema di rifiuti. Negli oceani ci sono cinque grandi isole di plastica. Il più grande è di 1,8 milioni di chilometri quadrati, quattro volte più grande della massa terrestre della Norvegia. Il più grande, il Great Pacific Garbage Patch, contiene XNUMX miliardi di pezzi di plastica, una quantità non proprio trascurabile, e aumenta di dieci volte ogni decennio.

Greenwashing allo stato puro

Negli ultimi anni, l’industria petrolifera è intervenuta per aumentare la produzione di plastica. Ogni anno guadagna 400 miliardi di dollari dalla plastica.

Nel 2020, l'American National Public Radio (NPR) e PBS Frontline hanno pubblicato un rapporto approfondito sulla plastica e sugli insabbiamenti dell'industria petrolifera. Il rapporto lascia pochi dubbi sul fatto che l’industria sia stata molto consapevole dei problemi legati alla plastica. "C'è un dubbio reale che [il riciclo della plastica] possa mai essere reso economicamente sostenibile", ha scritto un membro dell'industria petrolifera in un discorso tenuto nel 1974. Anche se l'industria ha speso milioni di dollari per promuovere il riciclo della plastica, si tratta di puro greenwashing. Hanno guadagnato centinaia di miliardi di dollari vendendo nuova plastica. Mentre le spiagge, la natura e le discariche (i siti di rifiuti) sono inondate di plastica. Anche sulle montagne dell’Himalaya la plastica è un problema. E purtroppo non finisce qui. Nel mare la concentrazione aumenta anche nella catena alimentare. Più grande è il pesce, più plastica troverai al suo interno.

Tra le bevande, la maggior parte delle microplastiche si trova nella birra.

Recentemente sono state scoperte anche microparticelle costituite da un massimo di tre tipi di plastica nel sangue di 17 dei 22 soggetti sottoposti al test. La plastica arriva attraverso il cibo e le bevande e anche attraverso l’aria che respiriamo. È ancora peggio quando ai bambini piccoli viene dato il latte da bottiglie di plastica. Quindi la concentrazione di plastica può essere dieci volte superiore a quella ipotizzata negli adulti. Nello studio sulla plastica nel sangue umano, pubblicato sulla rivista Environmental International, è dimostrato che i bambini che bevono da bottiglie di plastica ingeriscono ogni giorno milioni di particelle microplastiche. E proprio le bottiglie di plastica rappresentano una delle principali fonti di assunzione di microplastiche da parte delle persone.

Altrimenti, si trova in quasi tutti gli alimenti. Anche nella frutta e nella verdura. Una mela al giorno non toglie più il medico di torno, poiché contiene fino a 195 particelle di plastica per grammo! Tra le verdure, broccoli e carote sono le più contaminate dalla plastica, ma la plastica può essere trovata ovunque, dall’insalata, ai cereali e al riso. Nel riso la concentrazione può essere ridotta dal 500 al 20% durante il risciacquo, ma non nell’acqua in bottiglia di plastica. Le piante ottengono la plastica dal suolo e dall'acqua. Tra le bevande, la maggior parte delle microplastiche si trova nella birra. Anche il miele ora contiene spesso microplastiche poiché le api non assorbono solo il polline, ma anche le microplastiche dall’aria.

Per così dire, tutto ciò che proviene dal mare contiene microplastiche, ma poiché queste finiscono soprattutto nella pancia dei pesci, che solitamente viene rimossa prima del consumo, qui i peggiori sono conchiglie e molluschi. E sale. Oltre il 90 per cento del sale proveniente da 21 Paesi contiene microplastiche, secondo uno studio condotto dall’Università Nazionale di Incheon, Corea del Sud e Greenpeace East Asia su un campione delle marche più popolari. Secondo un altro studio condotto a Hong Kong, per ogni chilogrammo di sale potrebbero esserci fino a 17,2 grammi di plastica.

Strategie Hill+Knowlton

L'agenzia di pubbliche relazioni Hill+Knowlton Strategies è ampiamente utilizzata dall'industria petrolifera. In precedenza hanno lavorato per l'industria del tabacco; che le autorità ugandesi coprano le violazioni dei diritti umani; per la Coca-Cola e, ultimo ma non meno importante, per l’OMS per influenzare le influenze. Erano anche dietro il famigerato e strappalacrime “video Iraq” che divenne virale nell’ottobre del 1990 e che contribuì a plasmare e rafforzare l’opinione pubblica per invadere l’Iraq. Nel video, l'adolescente kuwaitiana Nayirah Al-Sabah racconta ad un'audizione del Congresso americano come i soldati iracheni portassero i neonati fuori dalle incubatrici. Con le lacrime agli occhi, ha raccontato di aver assistito ad almeno 15 episodi del genere. Era tutto inventato. La ragazza era la figlia di un diplomatico kuwaitiano che viveva negli Stati Uniti. Per la fabbricazione la Hill & Knowlton venne pagata circa dieci milioni di dollari, il 99,85% dei quali provenivano dalle autorità kuwaitiane. È piuttosto interessante che tale agenzia possa operare liberamente. Il solo sentire il loro nome associato a qualunque cosa sia dovrebbe fare un controllo e ricontrollare la loro veridicità o intenzioni.

Buste di plastica

All'inizio la produzione di plastica era relativamente bassa e fino a ca. 1980, ma in seguito è aumentato in modo esplosivo. All’inizio degli anni 2000, i rifiuti di plastica nell’ultimo decennio erano aumentati più che nei 40 anni precedenti messi insieme. L’ONU stima che nel mondo ci siano circa 8,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui 6,3 miliardi sono rifiuti.

Dei 36 milioni di tonnellate di plastica che produciamo ogni anno, circa il 400% viene utilizzato per gli imballaggi. Il Kenya ha introdotto un divieto sui sacchetti di plastica nel 2017, la Tanzania nel 2019, ma è stato il Bangladesh ad essere il primo, nel lontano 2002. In Norvegia, i sacchetti di plastica sono ancora ampiamente utilizzati. Nel 2019, i norvegesi hanno utilizzato 750 milioni di borse di plastica. L’UE, e quindi anche la Norvegia, ha come obiettivo quello di ridurre l’uso dei sacchetti di plastica del 70% entro il 2025, quindi nella nostra parte del mondo chiaramente non c’è fretta. Uno degli argomenti principali in Norvegia è che riutilizziamo i sacchetti della spesa per i sacchi della spazzatura. In una certa misura questo è vero, ma i sacchetti per la spazzatura acquistati in rotolo pesano solo la metà dei sacchetti di plastica e risparmiano l'uso della plastica, i trasporti e l'ambiente. In Norvegia, le persone sono brave a ripulirsi, a casa, quindi la plastica non si vede molto dopo l'uso. Che gran parte, se non la maggior parte, della nostra plastica finisca in natura in altri paesi poveri sembra essere una conoscenza indesiderata, anche se questo viene menzionato regolarmente dai media. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore?

Sostituzione della plastica

Sul fronte interno ci sono diverse cose che possiamo fare, sia per ridurre i consumi, sia per prevenire l’ingestione di microplastiche. Possiamo usare meno plastica in generale, anche in cucina, dove alcuni utensili possono rilasciare microparticelle dannose. Possiamo mangiare meno cibi pronti, dove la concentrazione di microplastiche è alta. Se si utilizza un forno a microonde, è una buona idea rimuovere i contenitori di plastica in modo che durante il processo di riscaldamento non venga rilasciata una quantità inutile di microplastica.

La cosa più importante è ridurre il consumo di plastica: usarne meno. Tutto ciò aiuta a contrastare l’aumento della crescita della plastica, ma non rimuove la plastica esistente. Accanto alle misure pubbliche, forse è ragionevole chiedere che i produttori che sono a conoscenza di tutti gli effetti si assumano la responsabilità e si assumano una parte del prezzo da pagare per ripulire.

L’introduzione di sistemi di deposito in altri paesi, a livello nazionale, potrebbe contribuire notevolmente al riciclaggio e alla riduzione dei consumi. Questo è il know-how in cui la Norvegia è brava. La Norvegia è stata tra le prime a introdurre programmi di mutuo e la norvegese Tomra è stata la prima a introdurre la macchina dei mutui come la conosciamo. Quando c’è un incentivo finanziario, è più facile coinvolgere le persone. Ma nei paesi più poveri non è necessariamente necessaria una macchina di deposito, quanto piuttosto un sistema di restituzione della plastica. Tuttavia, il sistema di restituzione è di scarso aiuto se la plastica non viene trattata adeguatamente.

Oggi esistono anche diversi metodi per il riutilizzo finale della plastica. Può essere miscelato con cemento e asfalto e può essere utilizzato nella costruzione di blocchi per case. Sono tutte modalità già in uso, anche se su piccola scala. Negli esempi citati, rendono i prodotti più resistenti ed economici da produrre, rimuovendo anche parte della spazzatura in circolazione.

Esistono diverse piante ecc. che possono sostituire la plastica. Tra le altre cose si possono utilizzare canapa, bambù, legno e funghi (micelio). Quest'ultimo può sostituire il polistirolo (polistirolo) ed è adatto per l'imballaggio, qualcosa con cui hanno già iniziato grandi catene come IKEA. Gli imballaggi di funghi, canapa e bambù sono degradabili al 100%.

Vedi anche il film THE WHY sulla plastica https://youtu.be/zZlRhCDzh2A?si=nH8XhZOzjbQajlBy
og https://www.instagram.com/p/C3aMYYsvKEK/?igsh=MWR0cnJ1c2pvaXdycg==

FONTI:

https://www.npr. org/2020/09/11/897692090/how-big- oil-misled-the-public-into-believing-plastic-would-be-recycled

 

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.