Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Russofobia e propaganda anti-russa

PROPAGANDA / Glenn Diesen ha intrapreso un'analisi accademica completa della "russofobia" di cui diamo un piccolo assaggio con questo capitolo introduttivo del suo libro Russiophobia: Propaganda in International Politics (2022). Il rapporto dell'Occidente con il paese più grande del mondo è caratterizzato da un misto di paura e superiorità dell'insegnante.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Anti-russo propaganda negli ultimi 500 anni si è basato sullo stereotipo dell’Occidente culturalmente superiore contrapposto al russo inferiore. La Russia diventa paradossalmente un rappresentante chiave dell’“Altro” orientale a causa della sua vicinanza – una potenza asiatica in Europa.

Inizialmente, l’europeo civilizzato veniva accoppiato con il barbaro russo-asiatico, uno stereotipo che fu gradualmente inquadrato attraverso ideologie come quella dell’Occidente liberale democratico contro quello autoritario. Russia.

La notevole persistenza della russofobia nel corso dei secoli può essere spiegata dalle sfide geopolitiche della Russia e dal ruolo centrale del paese nel definire l’identità collettiva dell’Occidente, assegnandogli il ruolo di “l’Altro”.

Di Russia reso più diverso e inferiore, l’Occidente diventa più omogeneo, uniforme e superiore come gruppo interno che rappresenta il sé. La propaganda fa appello ai propri ideali virtuosi come l'umanità, la libertà e la ragione e si confronta con le caratteristiche dell'"Altro" come inferiore e minaccioso.

Le narrazioni sono in gran parte vaccinate contro i fatti e la ragione quando tutte le informazioni vengono filtrate attraverso una lente manichea di un Occidente moralmente giusto rispetto a una Russia moralmente inferiore. Rimuovere i modelli discorsivi dell'inferiorità dell'"Altro" minerebbe l'identità e la superiorità del sé.

Il subordinato "barbaro"

Nel corso dei secoli, le relazioni con la Russia sono state rappresentate come Occidente contro Oriente, Europeo contro Asiatico, civiltà contro barbarie, moderno contro arretrato, sviluppato contro sottosviluppato, liberale contro dispotico, illuminato contro superstizioso, libero contro schiavo, progressista contro stagnante, bene contro male. , società aperta contro società chiusa e mondo libero contro mondo autoritario. Il concetto di un Occidente comune non ha avuto un ruolo di primo piano nel pensiero europeo fino alla fine del XIX secolo, in gran parte a causa dell’ingresso della Russia sulla mappa politica europea.

Durante la Guerra Fredda, questa divisione in due si espresse ideologicamente nel fatto che la divisione bipolare del potere divenne una rivalità tra capitalismo e comunismo. La democrazia era contrapposta al totalitarismo e il cristianesimo all’ateismo. Dopo la Guerra Fredda, le persistenti linee di divisione nel continente europeo sono state riideologizzate come democrazia liberale contro autoritarismo.

Kap SeLibex.Eu

Occidente contro Oriente, europeo contro asiatico, civiltà contro barbarie, moderno contro arretrato, sviluppato contro sottosviluppato, liberale contro dispotico, illuminato contro superstizioso, libero contro schiavo, progressista contro stagnante, bene contro male...

Il "barbaro" inferiore viene trattato con disprezzo per la sua natura arretrata e accolto con immensa paura come minaccia alla civiltà. La Russia è costantemente dipinta come inferiore e minacciosa, il che spesso si traduce in rappresentazioni paradossali. Lo stereotipo barbarico implica che la Russia si trovi di fronte a un dilemma in quanto può svolgere solo uno dei due ruoli: la Russia può assumere il ruolo dello studente che vuole essere civilizzato dall’Occidente come insegnante, oppure la Russia può rifiutare il soggetto-oggetto o insegnante -rapporto studentesco e rimangono incivili e quindi rappresentano ancora una minaccia che deve essere controllata o sconfitta. Nessuno di questi due ruoli consente alla Russia di rivendicare l’uguaglianza politica. In forma di propaganda, l’Occidente si crea un ruolo civile e generoso come attore socializzatore o civilizzatore, mentre alla Russia viene assegnato il ruolo di studente riluttante e di forza anticivilizzatrice.

La propaganda del "barbaro Altro".

In questo testo esploro innanzitutto fino a che punto antirusso la propaganda è controllata dall’“Altro”, di cui la Russia è diametralmente opposta Giubbotti. Lo stereotipo dell'“Altro” affonda le sue radici nell'orientalismo, dove l'inferiore viene rappresentato come arretrato e, allo stesso tempo, come una minaccia esistenziale. Questa minaccia richiede una relazione soggetto-oggetto tra il civilizzato e l'incivile in cui lo studente può essere civilizzato o controllato. In secondo luogo, il testo considera come classificare la Russia come “l’Altro” sia passato dall’implicare un’etnicità inferiore al significare differenze ideologiche nel XIX e XX secolo. In terzo luogo, la propaganda nell’era post-Guerra Fredda ha trasformato la Russia in un apprendista di civiltà sotto l’Occidente in una relazione soggetto-oggetto in cui i tentativi di ripristinare l’identità politica russa equivalgono a essere percepiti come una forza contro-civilizzazione.

Infine, quando il rifiuto da parte della Russia del rapporto insegnante-studente e superiore-subordinato si manifesta come disuguaglianza di sovranità, ciò ha provocato un conflitto con l’Occidente. La relazione soggetto-oggetto tra il “noi” civilizzato e la propaganda del “barbaro Altro” fa appello a virtù come la ragione, la civiltà e la libertà umana per definire i gruppi interni e il diametralmente opposto per definire la Russia come il gruppo esterno.

Carlos Amorim. Se Libex.I

Nel corso della storia, il rapporto tra Occidente e Russia è stato concettualizzato come un rapporto tra soggetti politici che portano avanti la civiltà da un lato, e oggetti politici che devono essere civilizzati dall’altro. La relazione insegnante-studente giustifica una gerarchia e una disuguaglianza fondamentale, come l’etnia, la morale, la cultura e i valori inferiori con uno status inferiore. Propaganda aiuta a legittimare privilegi speciali per l'Occidente come insegnante, mentre la natura incivile dello studente russo presenta un ultimatum: accettare il ruolo di apprendista o confrontarsi sotto forma di subordinazione o sconfitta. In ogni caso, lo stereotipo impedisce alla Russia di ripristinare la sua soggettività politica e l’uguaglianza sovrana. L’accettazione da parte della Russia del ruolo di apprendista sotto l’Occidente è cruciale per la costruzione dell’identità dell’Occidente come egemone amichevole che contribuisce alla socializzazione e alla civiltà per il bene di tutti.

Andrew Kubilio, membro del Parlamento europeo ed ex primo ministro lituano, ha piuttosto sostenuto che: "La nuova strategia dell'UE nei confronti della Russia dovrebbe comportare tre elementi: deterrenza, controllo e cambiamento" (Kubilius, 2021).

La propaganda aiuta a legittimare privilegi speciali per l’Occidente come insegnante.

L'inferiore Andre spesso svolgono il duplice ruolo di popolo arretrato e di minaccia esistenziale (Linklater, 2005). Ad esempio, la propaganda di Hitler contro gli ebrei era definita da due distinti stili di linguaggio: "disprezzo sprezzante" nei confronti della razza inferiore o "paura in preda al panico" per la loro minaccia alla civiltà (Klemere, 2006).

Allo stesso modo, la russofobia ha prodotto due varietà di linguaggio negli ultimi 500 anni: il disprezzo per i russi in quanto incivili e arretrati, e allo stesso tempo un’enorme minaccia. Anche dopo il crollo dell’Unione Sovietica, era comune sostenere che, nonostante la “sindrome di arretratezza”, la Russia rappresentasse una minaccia alla sicurezza internazionale (Snyder, 1994).

Di conseguenza, la propaganda può produrlo Orwell indicato come doppio pensiero, il che significa accettare di ricoprire ruoli contrastanti allo stesso tempo. La Russia viene dipinta come irrimediabilmente debole e sull’orlo del collasso, e allo stesso tempo come una minaccia onnipotente, responsabile di quasi tutti i problemi dell’Occidente. Il senatore americano John McCain ha affermato che “la Russia è una stazione di servizio mascherata da paese”, paralizzata dalla corruzione e dall’autoritarismo – sebbene sia anche un paese che può avere un grande potere cospiratorio per influenzare quasi tutte le elezioni e i referendum in tutto l’Occidente. Viene espresso 'disprezzo sprezzante' contro l'economia senza speranza della Russia, che è grande solo quanto l'economia italiana e con un budget militare inferiore al 10% di quello della NATO – ma allo stesso tempo si crea il panico che la Russia possa conquistare l'Europa. Il blocco occidentale aumenterà continuamente i propri budget militari, porrà fine alla dipendenza economica dalla Russia e ricreerà la solidarietà contro la minaccia russa.

Durante le elezioni della Duma russa, alcuni media hanno affermato che la Russia non era una democrazia. Allo stesso tempo, è stato celebrato che il partito Russia Unita di Putin ha perso molti seggi alla Duma. Durante le tensioni Ucraina-Russia del 2021/22, gli ucraini sono stati descritti come coraggiosi, uniti e capaci di distruggere le forze d’invasione russe, mentre altri hanno riferito che c’erano avvertimenti che grandi orde di truppe russe al confine ucraino avrebbero potuto sopraffare gli ucraini impoveriti all’interno. alcuni giorni o ore.

 

L'estratto del libro è stato tradotto da John Y. Jones.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

L'arte di muoversi

CON FESTIVAL DEL FILM DOCUMENTARIO UMANO: I documentari norvegesi Ibelin e Ukjent landskap, entrambi di forte impatto internazionale, raccontano storie commoventi su individui speciali, ma allo stesso tempo forniscono prospettive arricchenti sulla nostra vita sociale. Entrambi i film offrono ritratti commoventi di una persona che non è più viva, ma che ha lasciato una forte impronta.

Quando musulmani, ebrei e cristiani vivevano fianco a fianco

ETNIA: Maimonide è considerato uno dei pensatori ebrei più importanti di sempre. Ai suoi tempi, il rapporto tra musulmani, arabi ed ebrei si arricchiva reciprocamente. Piuttosto che vedere la relazione tra ebrei e arabi in modo polarizzato, l’esempio di Maimonide mostra che la loro inimicizia è ridondante e intellettualmente debilitante. Il conflitto non riguarda la religione, perché l’Ebraismo e l’Islam hanno troppe somiglianze centrali.

Afropessimismo, afrofuturismo e afropolitanismo

AFRICA: La disgregazione apre ai capitalisti una nuova manifestazione di potere e nuovi redditi: le persone, la società e la natura sono ridotte a materia prima. L'orizzonte dell'autore Achille Mbembe è sempre il più ampio possibile: cosmico, storico-terrestre e planetario. L’Africa, nonostante tutti i problemi strazianti, viene chiamata a diventare un vivace centro mondiale che ha ancora poteri di riserva, una brulicante fauna selvatica e una ricchezza di culture.

Come percepiamo le altre persone e il mondo

SOGGETTI: Hartmut Rosa sottolinea che gli uomini della tarda età moderna reagiscono al flusso di informazioni senza "sviluppare una comprensione stabile di ciò che è rilevante, della direzione e della definizione delle priorità". Ma qui l’accademico ben istruito diventa un ideologo che usa la religione come arma contro un mondo sempre più razionale, in cui l’economia colonizza il sociale?

Rispettoso e amorevolmente divertente

DOCUMENTARIO: In immagini in bianco e nero ben composte, Øystein Mamen segue quattro uomini nella prigione di Halden. Tutti i detenuti hanno commesso crimini particolarmente gravi. Mostra cosa possono fare il riconoscimento e la carità alle persone.

"Mettere la pace prima della vittoria"

PAROLE COMMEMORATIVE: Johan Galtung. Potrebbe il 21° secolo vedere l’abolizione della guerra – proprio come la schiavitù è stata abolita nel 19° secolo e il colonialismo nel 20°?

"L'era della trasformazione"

POTENZA: È possibile spiegare perché la rinascita delle idee del libero mercato ha provocato disoccupazione persistente, aumento della disuguaglianza e crisi finanziarie? Secondo Philip Ther, la pandemia del coronavirus e l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno portato alla fine di un’era: il mondo come immaginato dopo il 1989.

"L'ABC della Rivoluzione"

RUSSIA: Mikhail Khodorkovsky discute del futuro della Russia dopo Putin e sostiene la rivoluzione, la democrazia e l'equa distribuzione delle risorse. Si tratta di realizzare un Paese nuovo, aperto ed equo, che possa riconquistare il suo posto nella comunità internazionale...

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.