Teatro della crudeltà

Uso biologico del territorio?

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.
NATURA: >/b>L'Europa si sta riscaldando più velocemente che in qualsiasi altra parte del pianeta. Affinché si possa raggiungere un equilibrio ecologico sul pianeta, è necessario bonificare almeno il 30% delle terre emerse e degli oceani, che a causa delle attività umane non sono più intatte. I ricercatori agricoli prevedono: in futuro gli agricoltori torneranno all'uso biologico dei terreni o dovranno rinunciarvi. Possono costruire impianti solari. Possono coltivare canne adatte per materiali isolanti, imballaggi, materiali da costruzione o materie prime energetiche rispettosi dell'ambiente.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Una breve chiacchierata all'aeroporto porta al seguente commento del controllore passaporti: "Quindi lavori con le questioni climatiche. E tu voli molto, vedo. Queste attività sono ora in armonia tra loro?” Premetto che il dibattito sul clima è diventato una questione universale. A tempo di record. Solo cinque o sei anni fa era controverso affermare che i combustibili fossili dovessero rimanere nel sottosuolo. Ora "tutti" sono d'accordo con questo obiettivo. Manca solo un accordo generale su come raggiungere l’obiettivo in tempo.

Non c’è più alcun dubbio che sia urgente. Il comitato climatico delle Nazioni Unite (IPCC) ha pubblicato le sue conclusioni nel 2022. Anche se oggi facciamo tutto il possibile per adattarci al peggioramento del clima e limitare il riscaldamento del pianeta a 1,5 gradi, secondo gli esperti è ancora troppo poco. Troppo tardi perché le differenze tra le persone aumentano allo stesso ritmo. "Nell'ultimo decennio, le persone che vivono in regioni particolarmente vulnerabili hanno 15 volte più probabilità di morire a causa di inondazioni, siccità e tempeste rispetto alle persone che vivono in regioni con bassa vulnerabilità", scrive l'IPCC.

Il gruppo Exxon ha speso miliardi contro il proprio buon senso per decenni per mettere in dubbio le scoperte scientifiche.

Dopotutto, possiamo rassicurarci al Nord pensando che viviamo in regioni a bassa vulnerabilità? Purtroppo. Il professore svedese e direttore dell'Istituto Potsdam per la ricerca sul clima di Berlino, Johan Rockström, ha spiegato che l'Europa si sta riscaldando più velocemente che in qualsiasi altra parte del pianeta: "Quando si tratta di conseguenze climatiche, l'Europa è il Ground Zero planetario".

Con il coltello alla gola cresce la reattività alla necessità di agire. Questa reattività è fatalmente nuova. Nella Norvegia degli anni '70, la comprensione delle minacce ambientali era limitata a un piccolo gruppo di fanatici che prendevano di mira principalmente la “grande industria”. Alcuni si sono distinti come punte di diamante della scienza. Jørgen Randers è stato uno dei ricercatori dietro il rapporto I limiti alla crescita, pubblicato nel 1972. È stato tradotto in 36 lingue. Motti come “sostenibilità” tuttavia hanno avuto relativamente poco effetto. Gli attivisti del movimento ambientalista venivano spesso etichettati come sognatori romantici. Alcuni di loro tuttavia hanno ricevuto molta attenzione, come il filosofo e alpinista Arne Næss. Ha sviluppato teorie sui termini “ecologia profonda” ed “ecosofia”, con una visione della vita che collocava la natura in un contesto più ampio, dove tutto ciò che vive ha lo stesso diritto alla vita.

Il termine "grande industria" è stato utilizzato come bersaglio dal movimento ambientalista negli anni '70. A quel tempo, i termini “tecnologia” e “natura” erano spesso percepiti come diametralmente opposti. Oggi cresce la consapevolezza che non possiamo farcela senza sviluppare anche soluzioni tecniche per eliminare la CO2- le emissioni in atmosfera.

I peccati di Exxon Mobil

Tuttavia, la grande tecnologia e i suoi attori non sono sempre i nostri migliori amici. Non dobbiamo cercare lontano per trovare qualcuno che sapesse cosa stava facendo e manteneva segreti i suoi peccati. Come la compagnia petrolifera americana Exxon Mobil.

Nel 2015 alcuni giornalisti hanno trovato prove che l’azienda era già consapevole dei pericoli della propria attività più di 40 anni fa. Nel 1977, i loro stessi scienziati avvertirono i loro leader delle conseguenze “potenzialmente catastrofiche” del cambiamento climatico provocato dall’uomo. Ora un gruppo di ricercatori ha esaminato più da vicino gli studi condotti all’epoca e li ha pubblicati sulla rivista scientifica Science. Qui diventa chiaro che gli esperti della Exxon stanno sorprendendo lo sviluppo con una precisione sorprendente. Tuttavia, contro il loro miglior giudizio, il gruppo Exxon ha speso miliardi per decenni mettendo in dubbio le scoperte scientifiche che dimostrano la connessione tra l’uso di combustibili fossili e il riscaldamento globale. Ancora nel 2004, la Exxon dichiarò pubblicamente che il ruolo dell’uomo nel cambiamento climatico era “scientificamente incerto”.

Quindi ha senso dedicare tempo e sforzi all’identificazione dei colpevoli? Sì, perché l'opinione pubblica è importante, e la responsabilità anche nei confronti del pianeta è stata finalmente sancita per legge. Nel 2021, l’ONU ha redatto una risoluzione che riconosce il diritto a un ambiente sano come diritto umano generale. L’Europa ha già visto diversi casi trattati in tribunale con la crisi climatica come tema e in cui la protezione del clima ha vinto. Se il processo legale continua nella stessa direzione, le grandi compagnie petrolifere rischiano di trovarsi in una zona pericolosa che non si sarebbero mai aspettate. Nel frattempo, però, Exxon potrebbe festeggiare un anno record nel 2022, con un utile di 59 miliardi di dollari – rispetto all'anno precedente, con un incremento del 157% (e grazie alla guerra di aggressione di Putin).

Carson ha dato voce alla consapevolezza ambientale.

Molti trovano immorale che le aziende traggano così tanto profitto dai problemi del mondo. Lo chiamano "crisi e profitto casuale". Gli USA hanno quindi già introdotto una tassa corrispondente, così come l’UE. Exxon Mobil si è lamentata della nuova tassa, che nel quarto trimestre del 4 le è costata 2022 miliardi di dollari. Il loro direttore finanziario Kathryn Mikells considerava questa tassa sugli utili una "cattiva politica", ma su quella che considerava una buona politica non ha detto nulla.

Rachel Carson

Nella lotta per un pianeta sano, abbiamo bisogno di stelle guida. Lo stesso ecosofo Arne Næss si ispirò a un altro pioniere, un biologo americano che, con un libro nel 1962, ispirò il movimento ambientalista globale. Quello di Rachel Carson Primavera silenziosa (La primavera silenziosa) costituiva un bivio. Descrive con dettagli strazianti la morte della natura, attraverso tutte le tossine ambientali che l’industria chimica ha vomitato sulla terra e sull’acqua, in parte per ignoranza, in parte per desiderio di profitto. I produttori tentarono invano di impedire la pubblicazione del libro. Il governo degli Stati Uniti ha risposto vietando, tra le altre cose, il più noto pesticida DDT.

Rachel Carson

Cosa si nasconde dietro questa scarna descrizione dell'eroe? Una giovane Rachel Carson, nata nel 1907, studiò scienze, cosa insolita per le donne del suo tempo. Suo padre morì presto e Rachel dovette lavorare per mantenere la famiglia. Scriveva nel tempo libero e negli anni Quaranta e Cinquanta aveva pubblicato una trilogia sul mare che l'aveva resa una star della letteratura. Lei stessa si considerava la "poetessa del mare", non l'acuto difensore dell'ambiente come in seguito fu acclamata.

Un giorno iniziò a ricevere lettere sconvolte da lettori che parlavano di uccelli morenti. Questo ne è stato il preludio Primavera silenziosa. Lo sfondo è il periodo successivo alla seconda guerra mondiale, quando gli Stati Uniti iniziarono un uso massiccio di insetticidi come DDT, dieldrin ed eptacloro, spruzzati indiscriminatamente dagli aerei. Carson descrive come i veleni piovessero dal cielo, sui giardini e sul bestiame, sulle strade e nei fiumi, sui campi e sui frutteti. Descrive gli scarafaggi morti, le mosche e le larve che furono raccolti dagli uccelli, che subito dopo giacevano a terra convulse. Davanti alla casetta in riva al mare di Rachel Carson gli uccelli stanno diventando rari, molte specie stanno scomparendo completamente – e con loro i loro canti. La primavera è rimasta silenziosa.

Fiumi e laghi, foreste pluviali, grandi savane, foreste di mangrovie e zone umide.

Dopo che le industrie chimiche e agrarie hanno lanciato un attacco frontale contro di lei, Carson ha dovuto difendersi davanti al Congresso degli Stati Uniti e in televisione. A quel punto stava morendo di cancro, il che non era particolarmente sorprendente dopo tutto il lavoro con sostanze tossiche. Non ha mai sperimentato ciò a cui ha portato la sua ricerca su scala globale. Nel 1968, l’Ungheria fu il primo paese a vietare l’insetticida DDT, seguito da quasi tutti i paesi europei. Negli USA ci è voluto fino al 1972. Due anni prima era stata fondata l’autorità statale per l’ambiente e la legge Clean Air Act contro l’inquinamento atmosferico è stata introdotta. Poi è seguito il Clean Water Act.

Carson ha dato voce alla consapevolezza ambientale. Si legge: Quando l’umanità avvelena la natura, la natura diventa tossica per gli esseri umani. Sulla scia dei suoi sforzi, molte organizzazioni ambientaliste videro la luce. Tuttavia, lo sviluppo ha preso il suo corso tortuoso. Ai tempi di Carson, gli agricoltori americani potevano scegliere tra 37 diversi pesticidi. Oggi la cifra è pari a 1000 e le quantità sono decuplicate. La morte delle specie si è trasformata in una crisi globale, che minaccia la stabilità dei sistemi terrestri.

Uso ecologico del territorio

Che la crisi climatica e la crisi della biodiversità siano strettamente collegate è un’intuizione che si sta diffondendo. Anche la conferenza mondiale sulla natura che si terrà a Montreal nel dicembre 2022 ne è stata un esempio. Allo stesso modo, sta crescendo la consapevolezza che i cosiddetti valori incommensurabili (la bellezza della natura, il benessere mentale in armonia con la natura, ecc.) possono e devono essere effettivamente misurati.

Proprio come i danni causati dall’uomo, questi possono e devono essere misurati.

Pertanto, la scienza è arrivata a determinate cifre. Per raggiungere l’equilibrio ecologico a livello mondiale è necessario bonificare almeno il 30% delle terre emerse e degli oceani, che a causa delle attività umane non sono più intatte. In particolare, occorre porre l’accento su fiumi e laghi, foreste pluviali, grandi savane, foreste di mangrovie e zone umide. Questa riparazione, sottolinea Greenpeace, deve avvenire solo in modo ecologico. L’accordo di Montreal, ad esempio, mira a dimezzare il rischio dei pesticidi entro il 2030. Qui si trova una sfida gigantesca, poiché i paesi industrializzati dovranno poi cambiare tutta la loro agricoltura. Molti altri agricoltori devono passare alla produzione biologica e combattere le piante e gli insetti dannosi con altri metodi. Sono inoltre incoraggiati a restituire la terra alla natura, un nodo gordiano economico e pratico.

Ciò non è diventato più semplice dopo che la Russia ha attaccato l’Ucraina, uno dei più importanti fornitori di grano al mondo. Temevano conseguenze catastrofiche per la produzione alimentare globale. Le associazioni degli agricoltori europei e i politici agricoli conservatori hanno subito chiesto che fosse consentita la semina del grano nelle aree previste per la protezione della biodiversità, nonostante le assicurazioni degli esperti che ciò avrebbe portato risultati minimi.

E cos’è esattamente l’uso del suolo biologico?

In breve: le zone umide, le torbiere e le brughiere sono tra i più efficaci protettori del clima; messi a secco, sono tra i più pericolosi colpevoli del clima. Come quasi nessun altro biotopo naturale, le zone umide possono legare l’anidride carbonica. Se l’acqua scende al di sotto di un certo limite, invece, il terreno si secca, si erode e rilascia inoltre CO2 grandi quantità di gas ancora più dannosi per il clima, come il metano. È solo dopo che siccità e inondazioni hanno reso impossibile ignorare il cambiamento climatico che gli esperti vengono ascoltati. La terra ha bisogno di acqua. Per raggiungere questo obiettivo, i grandi paesaggi di brughiera devono essere radicalmente ricostruiti. E di questo devono esserne convinti coloro che li utilizzano: coltivatori, produttori di latte e forestali.

Il ricco Nord deve fornire sostegno finanziario al Sud del mondo, che è meno responsabile del riscaldamento del pianeta, ma più colpito dalle conseguenze.

La ricostruzione richiederà molti anni e costerà molto. Chi lo fa volontariamente? I ricercatori agricoli prevedono: in futuro gli agricoltori torneranno all’uso biologico dei terreni oppure rinunceranno. Possono costruire impianti solari. Possono coltivare canne adatte per materiali isolanti, imballaggi, materiali da costruzione o materie prime energetiche rispettosi dell'ambiente. Ma ciò richiede un colossale sforzo di persuasione, oltre al sostegno finanziario. Questo è uno degli obiettivi dell’Accordo di Montreal.

A Fuglemyra

C'è un posto nel Nordmarka a cui mi piace rivolgermi quando cerco il silenzio. Il viaggio passa sopra Vettakolltoppen. Lì è bello prendere una pausa a terra e godersi la vista sul fiordo di Oslo. Poi vado avanti. Dopo dieci minuti sono dove voglio essere e mi siedo su una roccia. Odora di terra e acqua. L'unico suono che mi arriva qui a Fuglemyra è il canto degli uccelli.

Ci sono pezzi sciolti nella mia testa. Parti di un mosaico che formerà un quadro finito di tutto il necessario. Perché non esiste un’unica soluzione. Tutte le soluzioni devono essere utilizzate. Ora: scienza e industria devono andare di pari passo. Il bene della comunità deve prevalere sul (presunto) interesse personale. Le nazioni devono abbandonare urgentemente i combustibili fossili e investire di più nelle energie rinnovabili. L’agricoltura deve essere rivoluzionata, la natura selvaggia e la diversità delle specie devono essere ripristinate. Il ricco Nord deve fornire sostegno finanziario al Sud del mondo, che è meno responsabile del riscaldamento del pianeta, ma più colpito dalle conseguenze. Il 30% della terra e dell'acqua deve essere protetto, a scapito delle popolazioni indigene? Coloro che da tempo immemorabile hanno utilizzato i servizi della natura in modo sostenibile?

Se continuiamo ad abbattere le foreste pluviali, a derubare il mare dei pesci, a sigillare il terreno con l’asfalto in modo che sempre più persone possano guidare ovunque, segheremo il ramo sempre più sottile su cui siamo seduti.

La realizzazione più difficile di tutte è probabilmente che ci troviamo in una nuova era. Niente è né sarà più come prima. Cercare soluzioni per il futuro con la mentalità del passato è destinato al fallimento. Penso a Rachel Carson, alla sua conoscenza e al suo coraggio. Gran parte del mondo accademico non l'ha mai accettata, perché non era membro del club. Ma il suo nome resterà per sempre impresso nella storia e legato al futuro. Amava gli uccelli e rifiutava di essere messa a tacere, come la primavera silenziosa.

Forse è proprio da qui che dobbiamo cominciare. Sentendoci tutt'uno con la terra su cui camminiamo e con la quale un giorno diventeremo tutt'uno. Proprio a questo riguardo il filosofo Peter Wessel Zapffe trovò parole poetiche, pubblicate nell'articolo "Hvad er tindesport" (1933):

"Ma l'intenzione, si chiede, il significato, lo scopo? Non c’è alcuna intenzione, non è un obiettivo. Lo sport più importante è privo di significato come la vita stessa, quindi la sua magia non potrà mai morire. Un giorno, quando ciò che aveva uno scopo, un'intenzione e un significato giace come la paglia del raccolto, allora ci sarà sostegno nella tua memoria e brillerà di uno splendore inestinguibile. Da loro saprai, quando ti troverai all'ultimo tumulo, che hai bevuto un giorno terrestre.»

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Essere nella posizione opposta

ŽIŽEK: Nonostante sia un intellettuale pubblico da almeno 30 anni, non c'è mai stata prima una discussione così sfaccettata e ricca di sfumature sul pensiero di Slavoj Žižek come quella che vediamo nella presente antologia. Ma Žižek riconosce il potenziale rivoluzionario del desiderio?

La terra non fa male, fratello?

ANIMALI: Eticamente parlando, abbiamo fatto gli straordinari con il modo in cui trattiamo gli animali non umani. Molti di questi provano emozioni come paura, pietà e tristezza. Non dovremmo mangiare animali, ma cosa succede se ci ammaliamo per non farlo?

Immagini di guerra personali e impressionistiche

FILM NORVEGESE: Knut Erik Jensen, 83 anni, è tornato con Voglia di presente. Un film che non rientra perfettamente nella schiera dei moderni blockbuster norvegesi sulla Seconda Guerra Mondiale.

La critica come gioco di ruolo?

LETTERATURA: I contesti informali in cui si poteva provare e fallire senza dover difendere ogni parola imprudente si sono ridotti. Nel libro di 229 pagine di Eirik Vassenden sul critico ci sono non meno di 317 punti interrogativi. Ci chiediamo anche: gli studiosi di letteratura hanno necessariamente qualche vantaggio quando si tratta di conoscenza umana, esperienza di vita o comprensione sociale?

L’Altro – come essere sofferente?

FILOSOFIA: Wolfram Eilenberger descrive qui la lotta che quattro filosofi – Hannah Arendt, Simone de Beauvoir, Ayn Rand e Simone Weil hanno combattuto per diventare persone indipendenti. Il libro riesce bene a contestualizzarli con l'attualità dalla quale sono stati coinvolti e da cui allo stesso tempo hanno cercato di uscire.

Avvicinare il più possibile il pensiero alla vita

NIETZSCHE: Una volta era la fede in Dio o in un partito politico, oggi è la fede nel lavoro, nel consumo e nell’economia, cioè in me stesso. Secondo Gilles Deleuze, cosa si può imparare da Nietzsche?

La rete natura/uomo

ANTROPOCEN: Gli effetti combinati del nostro impatto ambientale sono diventati una forza paragonabile a quella dei vulcani, dei terremoti, degli uragani, delle ere glaciali, delle inondazioni e della siccità. L'“antropocene” come concetto, fase temporale e realtà può essere interpretato oggi all'intersezione tra scienza (naturale) e politica?

Gli animali nel nostro mondo di favole e simboli

NATURA:Il modo in cui il mondo appariva dal punto di vista degli animali – come i mammiferi, i rettili, gli insetti, gli uccelli e i pesci hanno reagito nei nostri confronti – era assente nel nostro mondo immaginario. Quando la natura sembrava minacciosa, bisognava combatterla.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.