Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

"Certo, l'Europa deve assumersi le proprie responsabilità"

L'EUROPA VERDE / Il "Green Deal europeo" ricorda il primo rapporto sul clima delle Nazioni Unite 30 anni fa, afferma Margrete Auken al Parlamento europeo. “Quando si tratta di clima, non vediamo l'ora di inventare qualcosa di intelligente. Dobbiamo agire ora", dice a MODERN TIMES.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il Parlamento europeo a Bruxelles in una soleggiata giornata di ottobre è a dir poco travolgente. Qui vengono prese le decisioni più importanti per l'Europa compresa, credo mentre corro dietro al consigliere di Margrete Auken. Mi viene incontro un sorridente e vivace Auken. Dal 2004 è membro del Parlamento Europeo, dove rappresenta i Verdi Europei / European Free Alliance.

Lotta per il clima

Auken è membro della più grande commissione del Parlamento europeo: la commissione per l'ambiente, la salute pubblica e la sicurezza alimentare. La prima donna presidente della Commissione europea appena insediata, Ursula von der Leyen, ha presentato un Green Deal europeo, in cui si afferma, tra l'altro: "Spingeremo affinché venga proposto a tutti i cittadini europei un Green Deal ambizioso per raggiungere il tanto -necessaria transizione verso un'economia più verde". A proposito del nuovo accordo di von der Leyen, Auken afferma:

"Il Green Deal ricorda il primo rapporto principale del panel climatico delle Nazioni Unite del 1990, che descriveva il cambiamento climatico con calcoli affidabili della COXNUMX prodotta dall'uomo2- emissioni responsabili di oltre la metà dell'aumento dell'effetto serra.

La relazione affermava che più a lungo continueremo ad aumentare le emissioni, maggiori dovranno essere i tagli per poter raggiungere la stabilizzazione a un dato livello. La battaglia per il clima era già in corso 30 anni fa! L'oceano non è solo pieno di plastica, ma anche di CO2, il che è un grosso problema. Il comitato verde di cui faccio parte si batte contro questo problema da anni. Quando si tratta di clima, non vediamo l’ora di inventare qualcosa di intelligente. Dobbiamo agire adesso. E poi, ovviamente, si può sperare che ci siano sviluppi e modelli che facciano andare le cose più velocemente. Si possono ora esaminare le proposte provenienti dalla Commissione per capire quanto siamo impegnati.

Quando leggo il Green Deal di von der Leyen, sono le stesse parole del 1990 – poi mi preoccupo un po' che si tratti di nuovo solo parole e nessuna azione. Fortunatamente Greta Thunberg ha chiarito alla comunità mondiale ciò che sapevamo diversi anni fa. Lei è un dono. Anche i miei otto nipoti sono i miei portavoce. Quindi, quando guardo il mondo oggi, penso che ora finalmente si sta facendo qualcosa, ora se ne parla og Azioni!»

Ora o mai più

Nel Green Deal europeo, gli obiettivi includono la neutralità climatica dell’UE entro il 2050 e una strategia sulla biodiversità per il 2030 che includa Natura2000,1 la protezione delle specie e degli habitat, nonché l’introduzione di una politica di inquinamento zero per quanto riguarda l’aria e l’ambiente. qualità dell’acqua e una politica fiscale ambientale, compresa una tassa sul tetto delle emissioni di carbonio.

Margrete Helle Auken è una politica danese che è membro del Parlamento europeo dal 2004.
Augen Margherita

Mi chiedo se sia realistico raggiungere gli obiettivi climatici entro i tempi previsti e se i cittadini dell’UE lo sosterranno. "Non credo che l'alternativa sia realistica. Devo credere e sperare che raggiungeremo questi obiettivi. Perché non riesco a immaginare l'alternativa; che il livello del mare e le emissioni di CO2 aumenteranno, il che comporterà vasti conflitti sociali e guerre – c'è un enorme potenziale di crisi e rumori sotto la superficie!" risponde Auken.

Ma come siamo arrivati ​​al punto in cui si trova? ora o mai più?

"La crisi climatica è la più grande crisi a cui l’umanità sia mai stata esposta ed è ancora in corso. Lo sappiamo da 30 anni, senza agire. Ogni volta che voliamo, inviamo il conto alla stanza dei bambini. Non possiamo volare in giro per il mondo. Ciò che avviene oggi tra i giovani è sacrificio di sé. La generazione dei loro genitori sapeva benissimo che la crisi climatica era un dato di fatto, ma erano paralizzati dall'azione", dice Auken chiaramente impegnato.

"L'Unione europea è la comunità più grande del mondo. Se riusciamo a fare qualcosa qui, segue
il resto del mondo dopo”.

Mi chiedo come possiamo evitare che qualcuno non agisca adesso: come l'UE può rendere più semplice per i rispettivi cittadini europei diventare rispettosi del clima nella loro vita quotidiana?

Auk è provocato dalla mia domanda e crede che quello che possiamo fare è fare pressione affinché vengano attuate decisioni politiche rispettose del clima: "Ma affinché sia ​​facile come è sempre stato, no, non lo sarà. esso non è il requisito principale. Il requisito principale è che ci sia azione. Tutti abbiamo una responsabilità personale. Nessuno deve fare tutto, ma tutti devono fare qualcosa. Se lo facciamo insieme, possiamo farcela. L’Unione Europea è la comunità più grande del mondo. Se riusciamo a fare qualcosa qui, il resto del mondo segue l’esempio».

Il contributo della Norvegia

Chiedo ad Auken del suo rapporto con la Norvegia e di come la Norvegia, in quanto Stato non membro, può contribuire a un Green Deal europeo:

"Ho visitato la Norvegia per la prima volta nel 1953. Mi sarebbe piaciuto che la Norvegia entrasse nell'UE e vedere che anche voi foste parte dei processi decisionali. Ma anche se non sei membro dell’UE puoi contribuire. Non hai altra scelta che unirti alla lotta per il clima. La Norvegia può acquistare CO2- quote e l'industria norvegese deve fermare la produzione di petrolio; e deve accadere adesso. È una grande tragedia che la Norvegia abbia rinunciato al suo ruolo nell’UE. Il dibattito sull’adesione all’UE deve essere ripreso in Norvegia”.

Riguardo al futuro dell’Europa, Auken afferma: “Abbiamo grandi sfide quando si tratta della crisi climatica. Il crescente nazionalismo nell’Europa orientale, con Polonia e Ungheria in prima linea, la Brexit, che costerà caro al Regno Unito, l’aumento dei conflitti sociali e il crescente divario di classe sono alcune delle maggiori sfide che dobbiamo affrontare. L’UE deve proteggere la sicurezza sociale nella società attraverso una forte solidarietà sociale”.

I migranti d'Europa

Auken è vicepresidente della delegazione palestinese e membro della delegazione presso l'Assemblea parlamentare dell'Unione Mediterranea. Pochi giorni prima del mio incontro, i media mostrano i primi attacchi turchi contro i curdi nel Rojava, nel nord della Siria. Come curdo turco, sono scioccato dagli eventi e mi chiedo come l’Europa possa porre fine agli attacchi. Auken risponde che non sa come si possa risolvere il conflitto tra Turchia e Siria/Kurdistan:

"Gli attacchi non riguardano solo la ricerca dei terroristi dell'Isis, ma anche dei rifugiati siriani che la Turchia ha accolto. Il regolamento Dublino III,2, di cui fa parte anche la Norvegia, gioca un ruolo decisivo in questo caso."

"Ogni volta che voliamo, mandiamo il conto alla stanza dei bambini."

Secondo il regolamento, il richiedente asilo deve presentare domanda di asilo nel primo paese dell'UE in cui arriva. Se il richiedente asilo attraversa la frontiera verso un altro paese dell'UE dopo la registrazione delle impronte digitali, verrà rimpatriato nel primo paese dell'UE.

Auken ritiene che il sistema di Dublino stia fallendo e stia esercitando un'enorme pressione sui paesi situati ai confini esterni dell'UE, in questo caso la Turchia. Il ministro degli Esteri curdo, Abdulkarim Omar, ha detto degli attacchi turchi contro i curdi in Rojava: "Le persone fuggiranno, anche in Europa. L’Europa deve assumersi la responsabilità”.

A questo proposito afferma: "Naturalmente l'Europa deve assumersi la responsabilità. La politica di asilo in Europa è buona, ma si può anche dire che può essere migliorata. I richiedenti asilo devono ottenere condizioni migliori. Ad esempio, abbiamo la pessima cooperazione con la Libia, davvero vergognosa e difficile da finanziare”.

La Libia accetta molti rifugiati. Secondo il rapporto di 70 pagine di Human Rights Watch (HRW) "No Escape from Hell: EU Policies Contribute to Abuse of Migrants in Libya", basato su quattro visite di accoglienza per richiedenti asilo nel 2018, i migranti sono "malnutriti a causa della scarsa qualità del cibo e dell'acqua e mancano di un'assistenza sanitaria adeguata. Sono stati osservati anche atti di violenza e l'uso della frustata da parte delle guardie". Il rapporto afferma inoltre che gran parte dei bambini e dei neonati vivono in “condizioni altamente inadeguate” e che, oltre a non avere un'alimentazione adeguata, non dispongono né di attività organizzate né di istruzione. È preoccupante, se si considera che quasi il 20% dei rifugiati che hanno raggiunto l’Europa dalla Libia nel 2018 erano bambini.

Rifugiati climatici

L’UE finanzia la guardia costiera libica per tenere i migranti fuori dall’Europa. Ciò porta i migranti a cercare aiuto illegale da milizie e trafficanti di esseri umani. Se vogliamo creare una politica di asilo dignitosa e umana qui in Europa, Auken sottolinea che "l'Europa deve farlo insieme". Menziona anche che Francia, Germania, Italia, Malta e soprattutto Portogallo offrono buone condizioni per i richiedenti asilo con una politica progressista ed economica sui rifugiati.

Il Portogallo ha aperto le sue frontiere – anche dopo la crisi migratoria europea del 2015. Il primo ministro portoghese António Costa ha annunciato nel maggio 2018 che il paese avrebbe accettato 10 rifugiati (tre volte la quota della Commissione Europea).

Auken afferma che ogni singolo europeo che conosce è consapevole che il problema dei rifugiati non scomparirà da solo. «I rifugiati climatici sta arrivando. Non li abbiamo ancora definiti in convenzione, ma sappiamo che in realtà sono già in viaggio. I rifugiati climatici del mondo non arrivano direttamente in Europa; la maggior parte fugge prima nelle aree vicine. Ma sono convinto che l’Europa può e che l’Europa li accetterà. Perché se non lo facciamo, saremo noi stessi a risentirne: diventeremo disumani. E se non li accettiamo legalmente, arriveranno illegalmente e questo sarà più pericoloso per la società."

Equilibrio di genere

Nel suo primo discorso al Parlamento europeo (16 luglio 2019), Ursula von der Leyen ha affermato che l’equilibrio di genere all’interno delle commissioni dovrebbe essere una priorità. Con donna europea su Instagram, dove fa riferimento alla mitologica figura femminile greca Europa, afferma la sua lotta femminista nell'UE.

Chiedo ad Auken se anche lei è attenta al genere nel suo lavoro.

"Sì, sono una donna. È la mia identità. Mi sono sempre preoccupato di avere il miglior equilibrio possibile tra i generi nel mio lavoro. Sono prete ormai da molti anni e vengo da una casa in cui mio padre era molto favorevole a mia madre. Anche mio marito mi ha sostenuto molto. Si può dire che provengo da un ambiente privilegiato. Il progetto femminista non ha toccato me e la mia vita in particolare. Ecco perché nella mia carriera politica mi occupo maggiormente del progetto sociale dell’ambiente e del clima. Tuttavia, sono molto grata che esista la lotta femminista", conclude Auken.

  1. Natura 2000 è una rete di aree naturali di conservazione, aree di conservazione e aree protette nell'UE designate ai sensi della direttiva Habitat e della direttiva Uccelli.
  2. Regolamento UE che stabilisce i criteri e le procedure per decidere quale degli Stati membri è responsabile del trattamento dei richiedenti asilo, in conformità con la Convenzione sui rifugiati e la Direttiva UE sulle qualifiche.

Danske Margrete Auken (74) del partito verde di sinistra Partito socialista popolare (SF) è la seconda donna ad essere presentata nella serie di MODERN TIMES sui pensieri delle donne europee sull'Europa e sul futuro della Norvegia. Auk ha un cand.theol. dell'Università di Copenhagen (1971) ed è stato parroco della chiesa di Frederiksberg (1972).

Auken è stato coautore dei libri Il battesimo (1977) Il portavoce della Chiesa (1992) e 24 inni e canzoni di Natale (2001), inoltre, ha scritto numerosi articoli e cronache, tra l'altro, su ambiente, bioetica e questioni ecclesiali.

La sua carriera politica è iniziata con l'appartenenza al Parlamento norvegese (1979–1990 e 1994–2004).

È stata membro del Consiglio nordico (1982–1990), è membro del Consiglio d'Europa (1990–) e dal 2004 è membro del Parlamento europeo per i Verdi europei.

La serie di MODERN TIMES è supportata da Fritt Ord.

Pinar Cifci
Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Articoli Correlati