Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Verso un futuro più verde a Evvia

Aleksander Huser
Aleksander Huser
Huser è un critico cinematografico regolare in Ny Tid.
FESTIVAL DEL CINEMA/CLIMA / Dopo i catastrofici incendi boschivi di Evvia, l’isola greca ha allestito un proprio festival cinematografico, che è anche un punto d’incontro per discutere di clima, ambiente e sostenibilità.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando la Grecia fu devastata da catastrofici incendi boschivi due anni fa, la parte settentrionale della seconda isola più grande del paese, Evia, che si trova fuori Atene, fu la più colpita. All'epoca circa un terzo delle aree forestali dell'isola furono più o meno ridotte in cenere. Gli incendi di quest'estate nell'area mediterranea sono stati un'eco agghiacciante della stessa tragedia, dove Evvia è stata ancora una volta tra le aree colpite, oltre a Rodi, Corfù e parti della Grecia continentale.

Quest'estate i TEMPI MODERNI sono tornati a Evvia per partecipare alla seconda edizione di The Evia Film Project. Dietro questo festival cinematografico c'è Salonicco festival internazionale del cinema, che già organizza nella stessa città un festival di documentari a marzo e un festival di lungometraggi a novembre – mentre questa terza iniziativa annuale si svolge a Evvia. L'Evia Film Project è stato creato per contribuire alla ricostruzione dell'isola e ha visto la sua prima edizione l'anno scorso, l'estate successiva agli incendi originari. L'edizione di quest'anno è stata organizzata dal 20 al 24 giugno, poche settimane prima che scoppiassero i nuovi incendi. Allo stesso modo, la distruzione legata al clima di due estati prima ha costituito uno scenario grave, quest’anno come l’anno scorso.

Il regista Alexander Payne e la direttrice del festival Elise Jalladeau dall'apertura della seconda edizione di The Evia Film Project.

Varietà forestale

Durante il viaggio in autobus dalla terraferma alla cittadina di Edipsos, che funge da punto d'incontro per i partecipanti al festival, si attraversano diverse aree con pini neri e ulivi che caratterizzano questa parte dell'isola. Lo stesso vale quando ci si sposta da Edipsos a Limni e Agia Anna, gli altri due villaggi dove si tiene il festival. Per quanto ce ne sia bisogno, la vista della foresta bruciata ci ricorda fortemente perché siamo a Evvia, anche se innegabilmente , anche essere ad un festival cinematografico su un'isola greca a giugno ha i suoi lati piacevoli.

La vista della foresta bruciata ci ricorda fortemente il motivo per cui siamo a Evvia.

Si può certamente obiettare che un festival cinematografico non è la cosa più ovvia di cui Evvia ha bisogno dopo una crisi del genere. Il progetto cinematografico Evia è, tuttavia, solo una delle numerose misure volte ad aiutare l’isola a rimettersi in piedi. Abbastanza opportunamente, il clima, l'ambiente e la sostenibilità sono temi generali per il festival e vengono affrontati in tutti i film proiettati nel programma, che comprende documentari e film di finzione in una combinazione di film nuovi e vecchi. L'Evia Film Project non è un grande festival, ma piuttosto un punto d'incontro su cui puntare i riflettori sostenibilità e produzione di film ecologici. In questo senso ha una funzione importante per l'industria dei visitatori, oltre al fatto che il festival è destinato a beneficio dei residenti locali. Tutti i film e gli altri eventi – che comprendono anche concerti all'aperto – sono gratuiti e aperti a tutti. La diffusione del festival nei tre villaggi significa che vengono raggiunti più residenti permanenti – allo stesso tempo i visitatori sperimentano e sostengono l'ambiente locale in più di un solo luogo dell'isola.

Le proiezioni dei film si svolgono in due cinema all'aperto restaurati da Festivaluno, di cui il magnifico cinema Apollon a Edipsos non era stato utilizzato per quasi tre decenni prima della sua riapertura in connessione con l'Evia Film Project dello scorso anno. Di conseguenza, non vengono proiettati film finché l'oscurità non cala sull'isola, mentre durante il giorno vengono organizzate conferenze, tavole rotonde e altri eventi.

Apertura satirica

L'anno scorso, l'Evia Film Project è stato visitato dal veterano regista tedesco Volker Schlöndorff, noto anche per il lungometraggio vincitore dell'Oscar Il tamburo di latta del 1979. Il suo recente documentario sul clima Il creatore di foreste è stato poi proiettato come film finale al festival. L'edizione di quest'anno si è aperta con il lungometraggio downsizing di Alessandro Payne, che era presente durante la proiezione. Il regista greco-americano (che l'anno scorso ha anche ricevuto la cittadinanza greca) ha visitato più volte il festival di Salonicco, e non è impossibile che il suo prossimo film I Rimanenti avrà la sua prima internazionale lì a novembre.

downsizing è stato a sua volta un film di apertura divertente e rilevante per il festival Evvia. Il film del 2017 è una commedia satirica sulle persone che scelgono di ridursi a dimensioni in miniatura come soluzione alle sfide climatiche mondiali, dopo che alcuni scienziati norvegesi hanno escogitato questa svolta tecnologica. downsizing è stata una produzione molto più grande dei film per cui il regista era precedentemente noto, e ha ricevuto un'accoglienza mista da parte della critica quando è uscito – ed è stata una delusione finanziaria per i produttori. È stato un Payne dal cuore aperto ad incontrare il pubblico a Evvia, dove ha anche condiviso i suoi pensieri attuali sui punti deboli del film. Tuttavia, è stata una piacevole rivisitazione di un film che va detto migliore della sua reputazione. In particolare, la tagliente satira sociale legata all'ambiente del film sembra ancora più attuale oggi rispetto a sei anni fa.

Documentario controverso

Tra i documentari in programma c'erano Domare il giardino del 2021, proiettato al Bergen International Film Festival nello stesso anno. Il film tratta di un progetto di riforestazione piuttosto insolito nella terra natale della regista Salomé Jashi Georgia: Il ricchissimo e potente oligarca Bidzina Ivanishvili ha acquistato per diversi anni una serie di magnifici alberi in tutto il paese per sradicarli letteralmente e piantarli nel suo parco privato sulla costa del Mar Nero. Nonostante si possa dire che sia il personaggio principale del film, lo stesso Ivanishvili – che è anche un ex primo ministro della Georgia – è assente e appena menzionato per nome. Il film si concentra invece sul meticoloso processo di dissotterramento e trasporto di alcuni alberi selezionati fino alla destinazione finale. Allo stesso tempo, mostra il diverso atteggiamento dei georgiani locali nei confronti della vendita di questi alberi, che potrebbero fornire un reddito gradito e finanziare le infrastrutture tanto necessarie. Il documentario che osserva in silenzio lascia allo spettatore la possibilità di riflettere ed eventualmente prendere posizione, ma il progetto altamente assurdo che descrive la dice lunga di per sé sulla disuguaglianza economica e sull'intervento sconsiderato delle persone nella natura.

Il film è recentemente finito anche al centro di eventi inquietanti nella comunità cinematografica georgiana. L'anno scorso è stato deposto il capo del Centro cinematografico nazionale georgiano e molti temono che il partito al potere possa così esercitare un controllo ancora più forte sul contenuto della produzione cinematografica del paese, che tra l'altro ha lasciato una forte impronta internazionale in anni recenti. Lo stesso partito fu fondato una volta da Ivanishvili, e si sostiene che sia ancora lui a tirare le fila della politica. Come è stato osservato in altri campi culturali in Georgia, ora si teme che il cinema sia il prossimo settore a essere soggetto a un controllo più diretto da parte del governo, apparentemente innescato dall’attenzione Domare il giardino è stato proiettato in numerosi festival cinematografici internazionali.

Oltre ad essere presente alla proiezione del film tenuto dal regista Jashi una "master class" a Evvia per registi e altri interessati. Lo stesso ha fatto il documentarista austriaco Hubert Piattino, il cui film Veniamo come amici dal 2014 è stato proiettato al festival. In questo film, viaggia con un piccolo aereo costruito in casa nel nuovo stato del Sud Sudan e offre un ritratto caotico e rivoltante dei molti volti del neocolonialismo, che comprende forze militari, missionari e aziende internazionali interessate a le risorse naturali del paese. Al festival, il regista ha offerto uno sguardo emozionante sul suo lavoro con i suoi documentari ravvicinati e conflittuali, che includono anche
è il candidato all'Oscar L'incubo di Darwin dal 2004.

Salome Jashi

Luogo di registrazione per Triangolo della Tristezza

L'Evia Film Project non è il solo ad aver posizionato Evvia sulla mappa cinematografica internazionale. La parte settentrionale dell'isola è stata utilizzata anche come location per le riprese del film dello svedese Ruben Östlund Triangolo della Tristezza, che ha vinto la Palma d'Oro al Festival di Cannes dello scorso anno. Durante il festival di quest'anno a Evvia c'era ricerca della posizione ha prestato particolare attenzione ai partecipanti del settore attraverso escursioni in potenziali luoghi di registrazione, nonché a caso di studio-presentazione al coproduttore greco del film di Östlund. Se si aggiungeranno più riprese all'isola variegata e lussureggiante, ciò sarà naturalmente positivo anche per le comunità locali qui.

Può sembrare paradossale volare verso uno greco isola per discutere di clima e sostenibilità. Ma l’industria cinematografica ovviamente deve affrontare queste questioni e ha bisogno di tali arene. Sempre più produzioni cinematografiche mantengono conti climatici ragionevoli e impiegano i propri coordinatori per l’attuazione verde, cosa che è sempre più richiesta anche dai donatori pubblici. E non è quasi necessario sottolineare che i film documentari, ma anche i film di finzione, contribuiscono già da tempo alla sensibilizzazione climale sfide che affrontiamo.

Un numero crescente di produzioni cinematografiche tiene conto in modo sensato del clima e impiega i propri coordinatori per l’esecuzione verde.

Resta ancora da vedere se l'Evia Film Project diventerà un evento annuale permanente, ma la ripetizione di quest'anno potrebbe indicarlo. Forse questo progetto può essere d'ispirazione anche per i festival e per l'industria qui in patria?

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.