Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un oblio ben diretto, un genocidio al rallentatore

John Y Jones
John Y. Jones
Cand. philol, giornalista freelance associato a MODERN TIMES
GIORNALISTA / Vive questa lotta, Gideon Levy. Sulla democrazia israeliana e sul genocidio dei palestinesi. Qui in una lettera estiva dall'Islanda.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Sta con le spalle rivolte al sole umido che risale il fianco della montagna da Gullfoss in Islanda. Gli enormi specchi d'acqua che si tuffano nel nulla nero laggiù non invitano né alla conversazione né al commento. Un bellissimo arcobaleno si forma in armonia con il sole basso alle nostre spalle.

cosa sta pensando Gideon Levi, l'iconico giornalista israeliano di una vita e bene così. Quest'estate farà un giro di conferenze. In pensione, ma attivo come non mai. Potremo stare con lui per qualche giorno nella fresca e piovosa estate dell'Islanda. Lontano dalle spiagge del Mediterraneo e dai letti asciutti dei fiumi lungo la Valle del Giordano. Lontani dai bulldozer minacciosi contro le case palestinesi – e dagli adolescenti che inseguono con mitragliatrici le donne incinte ai valichi di frontiera di Kalandiya. Gideon Levy si gode il sole a Gullfossen.

All'improvviso vide che il suo stato era uno stato di apartheid.

70enne e pensionato, sì. Ma sul quotidiano Haaretz continua a impegnarsi, settimana dopo settimana, con eventi auto-investigati e ben documentati, commenti coraggiosi e precisi sulla vita attuale in Israele, che ha servito fedelmente da quando è nato nella ricca Tel Aviv. nel 1953. Fu sionista fino alla maturità.

"Ero uno di loro", racconta durante un incontro nella nobile Safnahúsið di Reykjavík, questo sabato di giugno. Sì, era uno di quelli che credevano in questa terra promessa. Il diritto di Israele ad ogni metro quadrato che ci è stato "promesso". Che vedevano i palestinesi esclusivamente come sassolini nella scarpa di questo ben oliato sogno sionista di prosperità – un rifugio pacifico da un mondo malvagio che augura il male a tutti gli ebrei. Un rifugio sicuro contro il futuro olocausto in una terra desolata di cui potevano solo nutrirsi...

Ma poi il serpente strisciò all'orizzonte di Gideon. Si chiede: cosa ci ha dato il diritto di fare tutta questa violenza contro la terra, la natura e i suoi abitanti da tempo immemorabile? Ha visto neonati e ottantenni uccisi – e ignorati. Vedeva una "democrazia" che definiva "gli altri" solo come cittadini inferiori che sarebbero stati felici di trasferirsi se non si sentissero a proprio agio come di seconda classe. All'improvviso vide che il suo stato era uno stato di apartheid, qualcosa che non aveva mai visto prima. All'inizio lo pensava. Adesso osa dirlo. E scrivilo. Israele dell'apartheid. E osa sostenere le campagne BDS che chiedono il boicottaggio anche se ciò viola le nuove leggi israeliane.

La scrittura

Non scrive testi per i discorsi, Gideon Levy, né per l'incontro al centro culturale/biblioteca Safnahúsið. Parla direttamente dal cuore, perché vive questa lotta. Qui a Reykjavík colpisce i cuori. E non è un cliché. L'assemblea è istruita. Ottengono conoscenze confermate e rafforzate da qualcuno che sa di cosa sta parlando. Questo lo ha vissuto. Esperienza vissuta. Vivi la vergogna. Perché era uno di loro. E la congregazione sa apprezzare la sua disponibilità a raccontare.

Sì, Israele è uno stato di apartheid. Parti della popolazione non vivono sotto la stessa legge. Non hanno gli stessi diritti. Non gli stessi regimi di sostegno. Non lo stesso sostegno da parte della polizia o delle forze dell’ordine. Non le stesse scuole, le stesse condizioni di lavoro. Levy si è lanciato nella lotta contro tutto ciò.

Il fatto che sia in viaggio non significa che Gideon Levy si sia preso una pausa dalla scrittura su Haaretz e dalla lotta:

  1. 26 giugno: chi proteggerà i palestinesi?
  2. 28 giugno: il comandante della brigata israeliana è un assassino?
  3. 1 luglio: una vita tranquilla? Pensa a Israele e pensa il contrario.
  4. 6 luglio: i figli di Jenin non dimenticheranno mai
  5. 8 luglio: i coloni invadono terreni privati. Arrestati proprietari palestinesi. È nato un nuovo avamposto.

E il 9 luglio scrive l'articolo "Come osi lottare per la democrazia, Ehud Barak?". Qui Levy prende di mira l'ex primo ministro Ehud Barak, che sostiene le rivolte democratiche in città. Come osa Barak prendere in bocca la parola “democrazia”? Barak combatte per solo ebrei- democrazia. Barak, che ha guidato l’Operazione Piombo Fuso – l’attacco a Gaza che ha ucciso 1385 bambini, civili e poliziotti. Levy si rivolge direttamente a Barak: "Se fossi palestinese", chiede Levy, "parteciperesti a queste manifestazioni per la democrazia?" Levy gioca con una famosa intervista di Barak nella quale gli viene chiesto cosa avrebbe fatto se fosse stato un giovane palestinese nell'odierno Israele: probabilmente si unirebbe ad un'organizzazione terroristica, ha ammesso l'ex primo ministro.

Quando sarà Store...

Cosa sta pensando Gideon Levy sotto la pioggerellina di Gullfoss? Con il sole alle spalle e un solido arcobaleno sopra la cascata. Più tardi vediamo le calde cascate di Geisir e finalmente ci troviamo in quella che gli islandesi chiamano la culla della democrazia, Tingvellir.

A Tingvellir si incontrano la piattaforma continentale eurasiatica e quella americana. Tingvellir è la democrazia dell'era vichinga. Stiamo parlando del 900. A Tingvellir lo spartiacque continentale si sposta di 2 centimetri all'anno. Il Paese sta ancora sperimentando modelli democratici. Quello di Israele solo ebreiil modello non è uno di questi.

Rubano acqua e terra, distruggono case, monumenti culturali, alberi millenari, bambini
- e speranza.

I famosi accordi di Oslo non si sono spostati di 2 cm. un anno, ma con migliaia di civili sionisti che invadono illegalmente la terra palestinese. Stanno strisciando come la piattaforma continentale americana verso est – rubando acqua e terra, distruggendo case, monumenti culturali, alberi millenari, bambini – e speranza. Cambia le condizioni "sul campo" e non chiede il permesso a nessuno. Crudo, brutale e di fatto accettato dalle democrazie esterne.

I paesi sostenitori dell'accordo, inclusa la Norvegia, "protestano davanti al mondo, ma accettano volentieri". Includono volentieri Israele in ogni buona compagnia. Commercia beni israeliani, conduce ricerca, cooperazione tecnologica e di intelligence, condivide incontri culturali e amicizie. Il tutto lasciando, con un sorriso, che un popolo venga calpestato nel cammino verso un oblio ben diretto, un genocidio al rallentatore in cui l'uso della parola 'genocidio' (nakhba) crea più rabbia del genocidio stesso, degli sfollati, torturati e umiliati quotidianamente.

In un Israele a cui è stato insegnato che i palestinesi sono subumani.

Levy ci fa riflettere: quando parteciperà la Palestina al Gran Premio di Melodi? Quando la Palestina avrà il suo stadio nazionale con la sua squadra di calcio in una partita nazionale con la Norvegia? Quando il Primo Ministro Støre visiterà la nazione della Palestina e di Gaza e darà forza a coloro che sono perseguitati da quasi 80 anni? Quando verranno versati 75 miliardi come primo, piccolo, contributo norvegese alla restaurazione di un popolo e di una nazione bombardata? Quando ci vergogneremo pubblicamente di aver contribuito al programma di armi nucleari di questo stato di apartheid? Quando combatterà la Norvegia affinché la Palestina ottenga la sua democrazia? Quando la Norvegia costruirà lo Yad Vashem dei palestinesi?

Gideon Levy non dovrà pensare al contributo che noi norvegesi daremo. Ma nemmeno io riesco a lasciar andare il pensiero, quando cammino all’ombra di un’icona giornalistica che presto tornerà e affronterà il suo disprezzo quotidiano in un Israele a cui è stato insegnato che i palestinesi sono subumani, sì, che lo ha scritto la sua costituzione. E a chi nel 2023 sarà permesso di continuare a pensarlo e di incontrare ancora sorrisi nella buona “comunità internazionale”.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Il pianeta umano

SAGGIO: Cosa si nasconde realmente nel termine “antropocene” come termine per l’era in cui ci troviamo ora? L’Antropocene si riferisce ai molti modi in cui noi esseri umani abbiamo trasformato il mondo e lo abbiamo ricreato a nostra immagine. Ma c’è stata una discussione tra biologi, antropologi, geologi e altre discipline su cosa significhi effettivamente il termine.

Il desiderio, secondo Lacan, è impossibile da afferrare

PSICOLOGIA: Blaise Pascal fu una figura contraddittoria: fu uno dei matematici e scienziati più importanti di tutti i tempi, ma allo stesso tempo un cattolico piuttosto severo e dogmatico. Per dogmatico si intende principalmente il fatto che egli sottolineava una chiara distinzione tra fede e conoscenza. E chiediti: esiste una differenza tra la "verità dell'idiozia" e l'"idiozia della verità"?

La resistenza della NATO, un germoglio per SF e Orientering

PARTITO LAVORATORE: La forza trainante del movimento operaio ha manipolato la Norvegia obbligandola ad un matrimonio militare, politico ed economico con il blocco capitalista occidentale della NATO. Quali metodi ha utilizzato la leadership del Partito Laburista per ottenere la maggioranza e come è stata organizzata la prima opposizione? Sigurd Evensmo era redattore culturale dell'Arbeiderbladet quando furono annunciati i primi progressi della NATO. Quando il partito iscrisse la Norvegia all'alleanza nel 1949, lasciò la presidenza del redattore e si dimise dal partito laburista.

Il privato è politico

ATTIVISMO: Uno degli obiettivi principali del clero iraniano, dei politici e delle persone che sostengono il clero è quello di tenere le donne e tutto ciò che riguarda loro fuori dalla sfera pubblica. Ma la candidata al Premio Nobel Masih Alinejad sta dando voce alle donne oppresse dell’Iran attraverso i media sociali e globali. L'onestà, senza pretese, è una parte importante della vita e della scrittura di Alinejad.

Progresso nei tempi bui

FUTURO: Con crisi da tutte le parti, è diventato difficile affermare che il mondo sta andando avanti progressivamente. Nel suo nuovo libro Fortschritt und Regression, Rahel Jaeggi si attiene tuttavia all'idea di progresso. La società non mira a obiettivi intrinseci: risolvono principalmente i problemi, afferma.

Un rinnovamento della critica dell’ideologia

ALIENAZIONE: Questo piccolo libro di Rahel Jaeggi è stimolante e utile, in un'epoca in cui la critica dell'ideologia e l'ermeneutica del sospetto sono messe sotto pressione, tra l'altro da parte di persone che coltivano la “presenza” e la quotidianità. E se le nostre azioni e istituzioni si svuotassero di significato e andassero con il pilota automatico, verremmo percepiti come alienati?

C'era una volta

GAZZA: Istantanee da una Gaza che non c'è più. Una volta tutti passavano per Gaza. E per tutti era l'"Atene dell'Asia", perché era un centro di filosofia. Gaza fu conquistata, e fu ottomana dal 1516, britannica dal 1917, egiziana dal 1948 – e infine israeliana dal 1967. Nella vecchia Gaza, vedevi ragazze in minigonna, ragazze con whisky e sigarette, ragazze che ballavano e ragazze che dipingevano all'opera d'arte. accademia. E la casa da tè ottomana Beit Sitti era un ritrovo di intellettuali, musicisti e artisti. C'erano anche un gruppo rock e un centro yoga, e pizzeria Italiano e granita... Ma oggi?

Le basi biopolitiche della società moderna

FILOSOFIA: Un corpo immune è inteso come protetto contro gli invasori esterni. Ma come ha accennato Esposito, l’immunità biologica ha avuto anche un significato storico politico e militare.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.