Teatro della crudeltà

Crollo ecologico e politico

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.
AMBIENTE / Il Mar Baltico è diventato una discarica illimitata di sostanze mortali. Ciò deriva dallo sviluppo e dall'inquinamento del fiume Oder. Ma per quanto riguarda il lato ambientale? Il delta dell'Oder è una vasta rete transfrontaliera di fiumi, laghi e zone umide vivificanti.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il pesce marcio con la pancia in su spunta dalla canna – di nuovo. Il fetore è insopportabile, dicono gli abitanti su entrambe le sponde del fiume di confine o vicino a Francoforte. Nel mese di giugno, in due canali sul lato polacco è stata trovata mezza tonnellata di pesci morti. A luglio è apparsa un'altra tonnellata di carcasse, questa volta dalla parte ceca. Per i residenti, questo dà un'idea dell'estate dell'anno scorso.

Morte di massa di pesci

Un anno fa si diffuse la notizia di una morte di massa pesce i media. Fino al 50% della popolazione totale di 50 diverse specie di pesci nell'Oder è stata spazzata via, circa 300-400 tonnellate di pesci nell'area vicino a Francoforte (Oder). Dapprima la salinità dell'acqua è aumentata notevolmente, poi è seguita una massiccia fioritura di alghe salmastre Piccolo Primnesio, dette anche alghe dorate, mortali per i pesci. Dal lato polacco tutto era tranquillo. Lungo. Le teorie abbondavano. La fonte esatta dell’aumento di sale e di altre sostanze chimiche non è chiara, ha affermato.

È stata chiamata la polizia. Si parlava di nuovi impianti di depurazione. Nessun colpevole identificato.

Il Fondo Mondiale per la Natura del WWF (WWF Germania) sottolinea: La decomposizione dei pesci e dei molluschi morti che non vengono rimossi dal letto del fiume crea ioni di ammonio, che sono fatali per i pesci ancora vivi. Pesci morti, vongole morte, granchi morti e i loro prodotti di decomposizione galleggiano Il delta dell'Oder e sbarca nel Mar Baltico. Pertanto, questo mare tra Svezia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Russia, Polonia, Germania e Danimarca funge da discarica illimitata di sostanze mortali.

Il fiordo è “crollato”

Nel Mar Baltico in diverse regioni si osservano da tempo le cosiddette zone morte senza ossigeno. Prima venivano trovati solo in acque profonde. Ora ce ne sono di più e si trovano nelle zone costiere. Il motivo è soprattutto la continua fuoriuscita di nitrati. Così come la pesca eccessiva e il riscaldamento climatico. Nel luglio 2023, notizie dal fiordo danese Vejle sono arrivate al quotidiano tedesco Frankfurter Allegemeine Tageszeitung, con il titolo "Tod im Meer" – Morte in mare. Il fiordo è "crollato". Il pesce è sparito. Solo i granchi si riproducono in grandi vasche. Il comune ha iniziato un lavoro minuzioso per riportare la vita. Coltiva cozze, che verranno poi rilasciate in varie località. Pianta erba marina nella quale possono crescere i pesci: l'anno scorso sono state portate dalla Svezia 8750 pietre. Formeranno barriere coralline e nuove case in cui i pesci potranno tornare.

Lo scorso anno il Parlamento europeo ha introdotto una legge sul ripristino della natura. Obbliga tutti i paesi dell’UE a riportare la natura danneggiata ad un buono stato ecologico. Ciò significa garantire la popolazione di impollinatori, promuovere le risorse naturali, l’aria pulita e l’acqua pulita. Un obiettivo ambizioso. Non è possibile rinaturalizzare un’area interna vulnerabile in un colpo solo. A Vejle la gente ne sa molto.

Jonathan

Il gruppo chimico Grupa Azoty e PiS

Tuttavia, si può fare del proprio meglio per evitare che la rinaturazione sia del tutto necessaria. E si può intervenire laddove vengono commessi misfatti.

Organizzazioni ambientaliste in Germania e Polonia lavorano da mesi per identificare la fonte dell'avvelenamento nell'Oder. Tutte le misurazioni puntano nella direzione delle fabbriche che utilizzano una zona umida come tubo fognario. Il più importante di questi è la chimica
il gruppo Gruppo Azoty, uno dei maggiori produttori di fertilizzanti in Europa. Una delle fabbriche principali del gruppo si trova proprio nel luogo in cui è maggiore la fioritura delle alghe che hanno causato la morte dei pesci l'estate scorsa: a Kędzierzyn-Koźle. Inoltre, lo stesso giorno è iniziata la fioritura della flora algale in due luoghi diversi, direttamente sotto l'impianto della Grupa Azoty, esattamente dove gli scarichi salini della pianta sfociano nell'Oder.

La gestione dei rifiuti e delle infrastrutture in generale da parte del gruppo è poco trasparente, le indagini sono ostacolate, l'azienda respinge ogni sospetto. In un'intervista alla rivista Der Spiegel, un pescatore, anche lui di Kędzierzyn-Koźle, racconta dell'omicidio-
minacce tramite messaggi telefonici anonimi dopo aver detto che voleva parlare di chi credeva ci fosse dietro l'inquinamento. Si parla molto anche dell'attività mineraria nella zona e dei suoi effetti dannosi sciupareemissioni nell’Oder. Ma queste emissioni sono legali. Allora perché tali attori dovrebbero minacciare di morte qualcuno?

Un vicesindaco locale ha azzardato affermazioni forti nello stesso rapporto Spiegel: "Azoty è il secondo datore di lavoro più grande della regione dopo l'amministrazione comunale. L'azienda appartiene in larga misura allo Stato. I dipendenti e i funzionari di Azoty presso l’Autorità norvegese per l’acqua sono fedeli soldati del PiS." Legge e Giustizia è il partito di governo populista e conservatore nazionale della Polonia, guidato da Jaroslaw Kaczyński. Il vicesindaco non lo dice, ma il significato è chiaro: se le imprese statali dovessero essere complici della morte dei pesci, nessuna autorità le smaschererà.

Artù Jonathan

La nuova 'via d'acqua'

E le sfide del fiume non finiscono qui. Ci sono forti sostenitori dell’espansione del corso d’acqua di 854 chilometri, presumibilmente per le migliori ragioni. A Słubice e Gozdovice gli escavatori sono già in piena attività. Il fiume sarà approfondito per garantire la navigabilità delle nuove navi rompighiaccio, soprattutto per proteggersi dalle inondazioni durante l'alta marea. Allora perché il ministro tedesco dell’Ambiente Steffi Lemke chiede di fermare i piani?

Qui dobbiamo tornare indietro di qualche passo. Jonathan All'incirca, pluripremiato scienziato ambientale tedesco, fornisce materiale di base. Il caso inizia con un accordo tedesco-polacco del 2015, redatto da Andrzei Kreft e Stanisław Gawłowski. Il primo è l'ex direttore dell'autorità idrica di Stettino e quindi anche il leader della flotta rompighiaccio tedesco-polacca. Gawłowski è un ex viceministro polacco dell’ambiente, all’epoca responsabile della gestione dell’acqua. L'accordo stabilisce che lo sviluppo è necessario affinché le navi rompighiaccio non rimangano bloccate in acque poco profonde durante l'inverno. Stranamente, finora non era mai successo che le navi rompighiaccio si fossero bloccate. Nello stesso documento di pianificazione si ammette inoltre che l'Oder dispone già di una profondità d'acqua sufficiente per queste imbarcazioni. E che lo avrà per il prossimo periodo massimo calcolabile di 40 anni.

"Gli ideatori dell'accordo hanno ammesso di voler sfruttare il fiume per la navigazione marittima, ma che ciò andava contro la legislazione ambientale dell'UE."

Jonathan Rauhut è un uomo sulla quarantina, con uno zaino e una coda di cavallo, a cui piace canticchiare quando va in giro. L'impressione bonaria cessa quando MODERN TIMES chiede sull'argomento dell'Oder: “Bisogna capire innanzitutto come è nato l'accordo tedesco-polacco. Gli ideatori dell’accordo hanno ammesso di voler sfruttare il fiume per la navigazione marittima, ma che ciò andava contro la legislazione ambientale dell’UE. Poi hanno inventato l'argomento rompighiaccio e sono riusciti così a trasformare lo sviluppo dell'Oder in un progetto di protezione delle acque alte, "nell'interesse prevalentemente pubblico". Inoltre acconsentirono al desiderio dei tedeschi di realizzare una via d'acqua da Schwedt attraverso le regioni polacche fino al Mar Baltico, accettando così lo sviluppo dell'Oder, anche se da parte tedesca si sapeva che ciò non era necessario per le navi rompighiaccio. Kreft e Gawłowski hanno confermato che lo sviluppo dell'Oder è un progetto puramente marittimo." Evidentemente non erano molto preoccupati per le conseguenze di questo doppio gioco, compreso quello dello scavo ELVa non ridurrebbe, ma aumenterebbe il pericolo di inondazioni grazie a un flusso d'acqua più forte. E i produttori di fertilizzanti lungo il fiume sostengono ragionevolmente attivamente i piani, poiché sono aperti a utilizzare l’Oder come autostrada acquatica.

Questo è il motivo dell'appello negativo del ministro dell'Ambiente Lemke.

Lo sviluppo dell'Oder

 

Il delta dell'Oder è una vasta rete transfrontaliera di fiumi, laghi e luoghi vivificanti zona umida. In primavera offre prati fioriti e uccelli nidificanti, in estate è luogo di sosta delle gru, in autunno invita i cigni selvatici al letargo. La regione ha fornito mezzi di sostentamento alla popolazione locale. È una destinazione ricreativa per l'ecoturismo. Nemmeno con interventi come dighe e industria ha perso la sua bellezza e attrattiva. Come stabilito dall'ONU biodiversitàconferenza di Montreal (COP15) nel dicembre 2022 – le zone umide sono tra gli ecosistemi più produttivi al mondo, alla pari delle foreste pluviali e delle barriere coralline. Alcuni dei servizi forniti dalle zone umide includono la protezione e il miglioramento della qualità dell’acqua, la fornitura di habitat per pesci e fauna selvatica, il contenimento delle acque alluvionali e il mantenimento dei flussi superficiali durante i periodi di siccità.

Le zone umide sono tra gli ecosistemi più produttivi al mondo, alla pari delle foreste pluviali e delle barriere coralline.

La canalizzazione – lo scavo – dell’Oder mette a rischio tutto ciò ecosistemaUN. L’acqua del fiume scaverà nuovi sentieri e non fornirà più alle isole e ai prati la base necessaria alla vita.
strato. Le specie animali e vegetali, i nutrienti e i sedimenti vengono sbilanciati. Inoltre, l'acqua freatica affonda. Squadre internazionali di geografi dell'Università McGill di Montreal, tra cui anche del WWF, hanno pubblicato analisi che confermano che dove i corsi d'acqua naturali sono disturbati, "ci sono conseguenze negative anche per la produzione di acqua potabile pulita e di derrate alimentari per la pesca nelle acque interne".

 

Proprio il Grupa Azoty è da anni uno dei maggiori lobbisti per questo sviluppo del fiume. E l'ex vicepresidente della Grupa Azoty è Marek Gróbarczyk, il segretario di stato del Ministero polacco delle Infrastrutture, l'uomo che oggi dirige l'intera amministrazione polacca dell'acqua, che finora non ha identificato i responsabili della morte dei pesci e che sta spingendo in modo aggressivo per realizzare lo sviluppo dell'Oder.

Nel dicembre dello scorso anno, la più alta corte polacca ha deciso che lo sviluppo doveva essere fermato, poiché avrebbe potuto causare danni irreversibili all'ambiente. La sentenza è arrivata dopo le pressioni delle organizzazioni ambientaliste tedesche. Ma attualmente non è giuridicamente vincolante e viene ignorato dagli sviluppatori. E dal responsabile della gestione idrica. Marek Gróbarczyk ha dichiarato apertamente su Twitter di non avere intenzione di conformarsi alla sentenza.

Politica ambientale

Jonathan Rauhut ha un collega polacco. Artù Furdyn è un biologo dell'acqua e membro del consiglio dell'organizzazione ambientalista Rewilding Oder Delta. L'inglese di Artur contiene una grammatica fatta da sé, che non rende la sua opinione meno chiara quando MODERN TIMES gli chiede: "L'affermazione arrogante e ignorante di Gróbarczyk non sorprende. Purtroppo non si tratta di nessuno, ma del rappresentante di un governo la cui popolazione costituisce la metà degli Stati baltici. PoloniaLa cosiddetta protezione ambientale ha un impatto significativo sul Mar Baltico. Altrimenti molti soldi dell’UE – anche dalla Norvegia – affluiscono alla Polonia”.

Se le imprese statali dovessero essere complici della morte dei pesci, nessuna autorità le smaschererà.

Presta poco rispetto alla politica ambientale del suo paese. La maggior parte degli impianti di trattamento sono “inutili”. Sono serviti da persone "che non conoscono la differenza tra aringhe e merluzzo". Inoltre, il ministro Gróbarczyk non è solo il capo dell’intera industria idrica del paese, ma anche il capo di tutti gli organismi di controllo della stessa industria. La capra e il sacco d'avena personificati.

La protezione ambientale polacca è caratterizzata dalla storia politica del paese. Sotto il regime comunista, la consapevolezza della natura era minima e la società civile appena una parola. Negli ultimi anni, il governo guidato dal PiS non ha fatto molto per allineare la politica ambientale a quella dei paesi vicini occidentali. Al contrario, secondo le parole di Artur Furdyna, il paese è diventato un “regime oligarchico”, in cui alcuni decisori “siedono a Varsavia ed elaborano modi per trarre profitto dalla natura”.

Lo sviluppo dell'Oder in un canale

Quest'estate, in relazione al continuo avvelenamento e alla decimazione della vita nel delta minacciato, è stata organizzata a Schwedt una conferenza tedesco-polacca sul tema dell'Oder. Erano presenti il ​​ministro dell'Ambiente Steffi Lemke e la sua collega polacca. C'erano molte parole vaghe davanti al microfono. In occasione del caso, il WWF Germania ha pubblicato un comunicato stampa: "Con scavi e barricate passiamo al prossimo disastro, contro il nostro miglior giudizio. E non solo da parte polacca. Anche il ministro federale dei trasporti tedesco dubita dei piani. […] Lo sviluppo dell’Oder in un canale peggiorerà ulteriormente le condizioni critiche del fiume, ne indebolirà la resilienza e aumenterà il rischio di disastri ambientali nei prossimi anni. [...] A meno che il Ministero dei Trasporti tedesco non prenda le distanze dallo sviluppo anche sul lato tedesco, compreso il Parco Nazionale nel basso Oderdal, il prossimo disastro ambientalen garantito.”

I disastri sull'Oder e Vejle – tra i tanti avvenuti nelle zone morte del Mar Baltico – non sono fenomeni naturali.

Con la moria dei pesci nell’agosto 2022, la resilienza dell’Oder è stata portata al limite. Quest'inverno ha piovuto così tanto che il fiume ha avuto un attimo di respiro. Ma l'alga dorata è paziente. È rimasto ad aspettare nel letto del fiume e si è svegliato di nuovo quest'estate. Gran parte della colpa è data al meteo. Anche l'attività mineraria. Ma affari, diplomazia ed ecologia sono un pessimo mix. Del produttore di fertilizzanti Grupa Azoty non viene menzionata una parola.

I disastri sull'Oder e Vejle – tra i tanti avvenuti nelle zone morte del Mar Baltico – non sono fenomeni naturali. E non sono episodi isolati. Sono sistemi creati dall’uomo che hanno come risultato la morte.

La buona notizia è che ciò che gli esseri umani causano, anche gli esseri umani possono cambiarlo. Se vogliono.

Foto: Ranveig Eckhoff e Brais Palmás

 

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Essere nella posizione opposta

ŽIŽEK: Nonostante sia un intellettuale pubblico da almeno 30 anni, non c'è mai stata prima una discussione così sfaccettata e ricca di sfumature sul pensiero di Slavoj Žižek come quella che vediamo nella presente antologia. Ma Žižek riconosce il potenziale rivoluzionario del desiderio?

La terra non fa male, fratello?

ANIMALI: Eticamente parlando, abbiamo fatto gli straordinari con il modo in cui trattiamo gli animali non umani. Molti di questi provano emozioni come paura, pietà e tristezza. Non dovremmo mangiare animali, ma cosa succede se ci ammaliamo per non farlo?

Immagini di guerra personali e impressionistiche

FILM NORVEGESE: Knut Erik Jensen, 83 anni, è tornato con Voglia di presente. Un film che non rientra perfettamente nella schiera dei moderni blockbuster norvegesi sulla Seconda Guerra Mondiale.

La critica come gioco di ruolo?

LETTERATURA: I contesti informali in cui si poteva provare e fallire senza dover difendere ogni parola imprudente si sono ridotti. Nel libro di 229 pagine di Eirik Vassenden sul critico ci sono non meno di 317 punti interrogativi. Ci chiediamo anche: gli studiosi di letteratura hanno necessariamente qualche vantaggio quando si tratta di conoscenza umana, esperienza di vita o comprensione sociale?

L’Altro – come essere sofferente?

FILOSOFIA: Wolfram Eilenberger descrive qui la lotta che quattro filosofi – Hannah Arendt, Simone de Beauvoir, Ayn Rand e Simone Weil hanno combattuto per diventare persone indipendenti. Il libro riesce bene a contestualizzarli con l'attualità dalla quale sono stati coinvolti e da cui allo stesso tempo hanno cercato di uscire.

Avvicinare il più possibile il pensiero alla vita

NIETZSCHE: Una volta era la fede in Dio o in un partito politico, oggi è la fede nel lavoro, nel consumo e nell’economia, cioè in me stesso. Secondo Gilles Deleuze, cosa si può imparare da Nietzsche?

La rete natura/uomo

ANTROPOCEN: Gli effetti combinati del nostro impatto ambientale sono diventati una forza paragonabile a quella dei vulcani, dei terremoti, degli uragani, delle ere glaciali, delle inondazioni e della siccità. L'“antropocene” come concetto, fase temporale e realtà può essere interpretato oggi all'intersezione tra scienza (naturale) e politica?

Gli animali nel nostro mondo di favole e simboli

NATURA:Il modo in cui il mondo appariva dal punto di vista degli animali – come i mammiferi, i rettili, gli insetti, gli uccelli e i pesci hanno reagito nei nostri confronti – era assente nel nostro mondo immaginario. Quando la natura sembrava minacciosa, bisognava combatterla.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.