Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Immagini di guerra personali e impressionistiche

Aleksander Huser
Aleksander Huser
Huser è un critico cinematografico regolare in Ny Tid.
FILM NORVEGESE / Knut Erik Jensen, 83 anni, è tornato con Voglia di presente. Un film che non rientra perfettamente nella schiera dei moderni blockbuster norvegesi sulla Seconda Guerra Mondiale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

I lungometraggi sulla Seconda Guerra Mondiale sono diventati una forma a sé stante successo nel cinema norvegese: produzioni sontuose che riproducono eventi drammatici dei giorni della guerra, raccontati secondo un modello narrativo preferibilmente 'hollywoodiano' con l'obiettivo di raggiungere un vasto pubblico. Un regista norvegese che non rientra in questa tradizione, ma che ha affrontato la stessa guerra in gran parte della sua filmografia, è Knut Erik Jensen. All'età di 83 anni, può essere definito uno dei veri – e altamente distintivi – veterani del cinema norvegese. Ora è tornato nei cinema norvegesi con il lungometraggio Nostalgia per il presente.

Punto di partenza personale

Som lungometraggio Jensen è meglio conosciuto per la trilogia Stella Polare (1993) Bruciato dal gelo (1997) e Quando l'oscurità sarà passata (2000), di cui il lungometraggio d'esordio senza dialoghi Stella Polare eccelle in particolare. Con questi film ha stabilito il suo stile cinematografico sperimentale e distintivo, che può essere descritto come una forma di modernismo poetico e impressionista. Nostalgia per il presente è il primo lungometraggio di Jensen da allora Iskyss (2008), che era una narrazione romanzata basata sulla vita di Gunvor Galtung Haavik. Successivamente, però, ha diretto il documentario-ritratto La persona acuta (2011) su Mads Gilbert, oltre a diversi film più brevi.

Nel corso della sua vasta carriera, Jensen ha realizzato numerosi cortometraggi, documentari e serie. È stato associato a NRK per molto tempo, dove, tra le altre cose, ha realizzato la serie di documentari vincitrice di Amanda Finnmark tra est e ovest (1986). Nel 2001 ha avuto un enorme successo con il documentario cinematografico Feroce ed eccitato, a cui ha fatto seguito Sulle ali del canto l'anno successivo e relativi Su ah nel mare e 2004.

Jensen è nato a Honningsvåg nel 1940 e molti dei suoi film raccontano eventi del Finnmark durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale. Così anche Nostalgia per il presente. In una breve introduzione video proiettata prima delle proiezioni cinematografiche, il regista racconta il suo personale punto di partenza per il film, che è una sorta di riproduzione dei suoi ricordi e delle sue esperienze degli anni della guerra e del periodo successivo trascorso nella regione. Vale la pena notare, tuttavia, che Jensen ritiene che il film sia ambientato in tempo presente. Si può discutere se questo debba essere interpretato in modo completamente letterale, poiché le scene del film raffigurano innegabilmente eventi di molti anni fa, anche se in un flusso di ricordi, associazioni e sogni soggettivamente radicati. Il punto di Jensen, tuttavia, è piuttosto che la guerra è una condizione che sopravvive in coloro che l'hanno vissuta. E che l'attualità dell'argomento è rimasta attuale in tutti gli anni trascorsi da questa specifica guerra.

Flusso d'azione onirico

Nostalgia per il presente segue una giovane donna, interpretata dalla figlia del regista Ellinor Lilja Haug Jensen, che viene evacuata da Honningsvåg quando le aree settentrionali sono soggette alla "tattica della terra bruciata" della potenza occupante – dopo di che nella casa rimane solo la chiesa. Tra gli altri attori ci sono Ellen Dorrit Petersen, Per Kjerstad, Stig Henrik Hoff, Hege Aga Edelsteen e l'artista Morten Traavik. In linea con la forma non convenzionale e lo stile narrativo di Jensen, che guarda più alla tradizione cinematografica dell'Europa dell'Est che a quella americana, il film non trasmette necessariamente un'azione chiara che sia adatta ad essere riprodotta qui. Si muove invece attraverso un flusso onirico di scene, impressioni e stati d'animo, distaccati dalla cronologia e dalla drammaturgia classiche.

Così come lo descrive pienamente Nostalgia per il presente l'evacuazione forzata, l'esistenza e la liberazione dei rifugiati, così come la partecipazione norvegese alla Guerra d'Inverno e l'arruolamento dalla parte dei tedeschi – qualcosa che diventa anche parte del successivo trauma tra la popolazione. La narrazione utilizza diversi simboli, tra cui il pianoforte è il più importante. Generalmente ci sono pochi dialoghi qui – e quando i personaggi parlano tra loro, le battute vengono spesso ascoltate come voci narranti, piuttosto che come gli attori che le dicono direttamente tra loro. Questa mossa – che si ritrova in molti film di Jensen – può essere interpretata anche in una direzione più simbolica.

Il film si muove attraverso un flusso onirico di scene, impressioni e stati d'animo, staccati dalla cronologia e dalla drammaturgia classiche.

Tuttavia, il film contiene anche materiale d'archivio, inclusi i frequenti lungometraggi di Filmavisen, che aggiungono un contesto rilevante.

Paradosso russo

In questo contesto rientra il ruolo dell'Armata Rossa nella liberazione del Finnmark durante la Seconda Guerra Mondiale. Il rapporto con la Russia è stato un altro tema centrale nei film di Jensen – e forse è opportuno ricordarci lo sforzo decisivo compiuto dai soldati russi (così come da altri sovietici) in questo contesto. Allo stesso tempo, viene inevitabilmente evidenziato il paradosso storico della posizione della Russia oggi, come parte attaccante in una guerra di invasione in corso.

Jensen avrebbe presumibilmente lavorato per realizzarlo Nostalgia per il presente sin dal suo precedente lungometraggio del 2008. Il film è stato prodotto senza il sostegno alla produzione da parte dei programmi cinematografici del Norwegian Film Institute, ma attraverso, tra le altre cose, finanziamenti pubblici, finanziatori privati ​​e il Filmfond Nord Nord-Norsk Filmsenter regionale. Parti del film si sono inizialmente manifestate come singoli cortometraggi, il che parla abbastanza di un modello di finanziamento non tradizionale e ovviamente non facile.

Come si può vedere, il pubblico spettatore non dovrebbe Nostalgia per il presente aspettatevi un tipico film norvegese sulla Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, dovremmo essere grati che Jensen sia ancora attivo come regista. Nella continua scrittura della storia sugli schermi cinematografici norvegesi, lui è una voce importante, unica e altamente intransigente, alla quale si può desiderare di più nel nostro presente.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

L'arte di muoversi

CON FESTIVAL DEL FILM DOCUMENTARIO UMANO: I documentari norvegesi Ibelin e Ukjent landskap, entrambi di forte impatto internazionale, raccontano storie commoventi su individui speciali, ma allo stesso tempo forniscono prospettive arricchenti sulla nostra vita sociale. Entrambi i film offrono ritratti commoventi di una persona che non è più viva, ma che ha lasciato una forte impronta.

Quando musulmani, ebrei e cristiani vivevano fianco a fianco

ETNIA: Maimonide è considerato uno dei pensatori ebrei più importanti di sempre. Ai suoi tempi, il rapporto tra musulmani, arabi ed ebrei si arricchiva reciprocamente. Piuttosto che vedere la relazione tra ebrei e arabi in modo polarizzato, l’esempio di Maimonide mostra che la loro inimicizia è ridondante e intellettualmente debilitante. Il conflitto non riguarda la religione, perché l’Ebraismo e l’Islam hanno troppe somiglianze centrali.

Afropessimismo, afrofuturismo e afropolitanismo

AFRICA: La disgregazione apre ai capitalisti una nuova manifestazione di potere e nuovi redditi: le persone, la società e la natura sono ridotte a materia prima. L'orizzonte dell'autore Achille Mbembe è sempre il più ampio possibile: cosmico, storico-terrestre e planetario. L’Africa, nonostante tutti i problemi strazianti, viene chiamata a diventare un vivace centro mondiale che ha ancora poteri di riserva, una brulicante fauna selvatica e una ricchezza di culture.

Come percepiamo le altre persone e il mondo

SOGGETTI: Hartmut Rosa sottolinea che gli uomini della tarda età moderna reagiscono al flusso di informazioni senza "sviluppare una comprensione stabile di ciò che è rilevante, della direzione e della definizione delle priorità". Ma qui l’accademico ben istruito diventa un ideologo che usa la religione come arma contro un mondo sempre più razionale, in cui l’economia colonizza il sociale?

Rispettoso e amorevolmente divertente

DOCUMENTARIO: In immagini in bianco e nero ben composte, Øystein Mamen segue quattro uomini nella prigione di Halden. Tutti i detenuti hanno commesso crimini particolarmente gravi. Mostra cosa possono fare il riconoscimento e la carità alle persone.

"Mettere la pace prima della vittoria"

PAROLE COMMEMORATIVE: Johan Galtung. Potrebbe il 21° secolo vedere l’abolizione della guerra – proprio come la schiavitù è stata abolita nel 19° secolo e il colonialismo nel 20°?

"L'era della trasformazione"

POTENZA: È possibile spiegare perché la rinascita delle idee del libero mercato ha provocato disoccupazione persistente, aumento della disuguaglianza e crisi finanziarie? Secondo Philip Ther, la pandemia del coronavirus e l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno portato alla fine di un’era: il mondo come immaginato dopo il 1989.

"L'ABC della Rivoluzione"

RUSSIA: Mikhail Khodorkovsky discute del futuro della Russia dopo Putin e sostiene la rivoluzione, la democrazia e l'equa distribuzione delle risorse. Si tratta di realizzare un Paese nuovo, aperto ed equo, che possa riconquistare il suo posto nella comunità internazionale...

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.