Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La classe media senza mezzi

Questo è un lavoro accademico molto solido in cui tutti gli autori sono critici – in parte molto critici – di questa comprensione della classe media in Africa

"Non credo che un singolo conflitto militare possa risolvere un problema".

L'INTERVISTA DEI TEMPI MODERNI: Elisabeth Hoff, rappresentante dell'OMS in Libia oggi, si è chiesta perché la Norvegia sia stata coinvolta e abbia sganciato 700 bombe sulla Libia nel 2011: "Non ha alcun senso". Per 30 anni Hoff ha cercato di salvare vite umane in zone di guerra come l'Afghanistan, la Siria e la Libia. Come può un essere umano sopportare tanta sofferenza?

I migliori cattolici del mondo?

CANADA: Con la scoperta di tombe di bambini in Canada, i canadesi fanno rivendicare agli irlandesi il titolo di "migliori cattolici del mondo". I bambini delle Prime Nazioni venivano regolarmente rapiti, confinati in isolamento, costretti a entrare in una cultura straniera, in una lingua straniera, esposti ad abusi sessuali e abbandono generale.

In direzione del totalitario

PREFASCISMO: Il piccolo libro di testo di Timothy Snyder Sulla tirannia – scritto per le società "tra Hitler e Stalin" – è situato tra l'obbedienza patriottica e la disobbedienza politica. Il libro è ancora attuale.

Perché ricorriamo a bombe e pistole?

GUERRA: Il progetto a lungo termine di Christopher Blattman è stato quello di esplorare le ragioni per cui il conflitto tra gruppi e nazioni sfocia in guerra.

NATO: un'alleanza per il 21° secolo?

Industria militare: Il nuovo documento strategico della NATO è una continuazione della linea neoconservatrice dopo la politicizzazione di Anders Fogh Rasmussen di una NATO 2009-2014 gestita da un gruppo. Il nuovo documento rivela un abisso ideologico tra la vecchia e la nuova NATO.

Per rivendicare la democrazia

DEMOCRAZIA: MODERN TIMES ha scelto due angolazioni sullo stesso libro. Che dire delle iniziative guidate dalla comunità come contributo al Green Deal europeo?

Le crisi sono buoni negozi

AFRICA: Moltissimi consulenti e ricercatori incaricati hanno guadagnato bene dalle crisi nella cintura che si estende in tutta l'Africa. Il Sahel è diventato importante non solo per la Norvegia, ma anche per l'UE e gli USA.

Una visione moderna dell'Africa

L'antologia presenta 13 testi scritti da diversi rinomati africanisti. L'editore e professor Nic Cheeseman riesce nel suo obiettivo di offrire una comprensione nuova e moderna dello stato africano.

Élite musulmane, esercizio del potere e terrore

AFRICA: Cosa può dire un libro su Boko Haram o sul confine poroso tra l'odierno Camerun e l'odierno Ciad? O del regno precoloniale di Kanem-Bornu?
État et religion en Afrique di Bayart

Politica, spiritualità e religione sotto il sole africano

La religione occupa troppo spazio nell'analisi dei conflitti africani, ritiene il politologo Jean-François Bayart.

Sovraconsumo digitale

TECNOLOGIA: Più leggo in Screen Damage, più forte è il senso di colpa per il danno che devo aver causato ai miei figli. I bambini tra zero e sei anni non dovrebbero essere esposti agli schermi, secondo il libro.

Il pericolo della natura modificata

ECOLOGIA:Con le mosse tecnologiche in tutte le direzioni, i ricercatori devono affrontare sfide alle stelle. Uno di questi è l'ignoranza delle persone unita all'indifferenza.

Libertà di espressione, estremismo e ruolo dei media

DIFFERENZA: Un'antologia che affronta temi importanti come la libertà di espressione, la globalizzazione, l'estremismo, le minoranze e la disuguaglianza nel mondo, ma molti degli autori vogliono troppo.

La democrazia nell'Africa francofona

SAHEL IN INGLESE: La Francia è riuscita notevolmente a preservare la sua egemonia sulle sue ex colonie, anche per quanto riguarda la diffusione della conoscenza. Questo libro è un'eccezione tanto necessaria, che fornisce le basi per comprendere il recente colpo di stato in Mali.

Tutti possiamo essere come Paolo

PASOLINI: L'apostolo Paolo mostra il potere rivoluzionario di lottare per una causa che sfida il solito modo di vivere. Paolo diventa il simbolo della creazione di una nuova realtà e della sconfitta del potere egemonico. Ma possiamo immaginare che ci sia un Paolo nell'Israele di oggi?

Non è possibile spazzare via Hamas

HAMAS: Leila Seurat fornisce una buona base per comprendere cosa è andato terribilmente storto il 7 ottobre, quando Hamas ha apportato un drastico cambio di rotta. Lo scopo di tutto ciò era riportare la causa palestinese nell’agenda globale, e in gran parte ci è riuscito.