Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Tutto è colpa degli altri

Hate Inc. – Perché i media di oggi ci fanno disprezzare l'un l'altro
Forfatter: Matt Taibbi
Forlag: OR Books (USA)
MEDIA DI MASSA / Laddove la pubblicità dava una sensazione di benessere, desiderio e piacere, il consumo dei nuovi media dà una sensazione di paranoia, rabbia e sfiducia. Cappello vende. Anche in Campidoglio.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il contenuto delle notizie dei mass media è controllato dal mercato pubblicitario e ha cambiato il giornalismo americano, scrive Matt Taibbi (nato nel 1970). È redattore e giornalista collaboratore di Rolling Stone. L'ultimo libro di Taibbi, Odio Inc., è un esame critico dello stato dei media americani. Il momento della pubblicazione è stato scelto bene, in vista di una prevista campagna elettorale americana orientata all'odio.

Taibbi è cresciuto a Boston, dove suo padre era una star televisiva, non diversamente dalle serie TV L'Anchorman (2004). Ha una vasta esperienza giornalistica dalla Russia, Mongolia e Uzbekistan. Taibbi è stato espulso dall'Uzbekistan dopo aver criticato il presidente Karimov.

Capitol Hill e Fox News

"Gli Stati Uniti hanno bisogno di un nuovo sistema mediatico", Taibbi ha scritto 11 gennaio 2021, sul suo blog (ripubblicato sul National Post), una settimana dopo l'assalto a Capitol Hill.

Odio Inc. prefigurava quasi profeticamente la situazione della società americana. Il giornalismo di notizie negli Stati Uniti non è obiettivo, ma fabbriche di notizie guidate dal mercato con profitti e valutazioni elevate come linee guida. Taibbi scrive che Rupert Murdoch ha sacrificato il già scarno rispetto che aveva il canale televisivo Fox e ha reinventato una piattaforma per il marchio di costruzione della cospirazione di Donald Trump in un populismo da cartone animato in una narrativa "più Fox-than-Fox". Trump è un sintomo dei problemi dell’America, ma non la loro causa. La CNN e la MSNBC alla fine adottarono un approccio simile a quello di Fox. "Le notizie possono essere vendute come episodi televisivi basati sui personaggi alla maniera delle soap opera", scrive Taibbi.

La tecnica Fox era la seguente: durante il periodo Bush, avevano imparato che gli indici d’ascolto salivano alle stelle se il pubblico si faceva l’idea che i loro vicini liberali fossero terroristi e traditori. In termini di ascolti, questo è stato più efficace delle notizie su Al Qaeda, poiché il nemico era più vicino e rendeva l’odio più reale.

È necessaria un’istituzione giornalistica credibile

I media funzionano come un'agenzia di stampa al contrario, prima si chiedono: "Come vuole il nostro target demografico capire cosa è appena accaduto?" Quindi trovano parole e angoli adatti alla ricerca di mercato. Fox News, ad esempio, definisce l'assalto a Capitol Hill “manifestanti pro-Trump”, mentre The New York Times e The Atlantic le chiamano “insurrezioni” [insurrezioni, ndr. Nota]. I media conservatori sottolineano anche come Apple, Google e Amazon abbiano escluso Trump, mentre i mass media hanno accennato alla possibilità di un altro round di proteste armate, probabilmente il 19 o 20 gennaio.

Matt Taibbi

Taibbi skriver videre: «Alla deriva in due tribù separate, con fatti separati e realtà separate, con nulla in comune tranne la nostra ostilità verso ciascuna di esse e la sfiducia per le poche istituzioni nazionali che tutti ancora condividiamo.» Han fortsetter: «Quello che abbiamo visto esplodere la settimana scorsa, è un paradosso. Un sistema politico e informativo che trae profitto dalla divisione e dal conflitto e utilizza un processo in stile fabbrica per stimolarlo, ma professa shock e orrore quando si verifica un conflitto reale. […] Non puoi vendere odio e aspettarti seriamente che finisca.»

Ciò di cui c’è disperatamente bisogno negli Stati Uniti è un’istituzione giornalistica istituzionalmente credibile, scrive Taibbi. Il nuovo sistema mediatico nel paese, nella prospettiva di Taibbi, dovrebbe essere indipendente dai partiti politici, con un giornalismo obiettivo e credibile, indipendente da Apple, Google o Amazon.

Consenso alla produzione

Durante i viaggi in Mongolia e Uzbekistan, Taibbi aveva con sé tre libri: Paura e delirio: durante la campagna elettorale del '72 di Hunter S. Thompson ("una grande opera di giornalismo"), e Notizia in anticipo di Evelyn Waugh ("la perfetta parodia del giornalismo"). Ma quando Taibbi lesse il libro numero tre, Consenso alla produzione: l'economia politica dei mass media (1988), scritto dal linguista, filosofo e critico sociale Noam Chomsky e dal professore di economia Edward Herman, ha cambiato radicalmente la sua comprensione del ruolo svolto dai media nella società americana.

Odio Inc. è la continuazione della critica ai media di Noam Chomsky e Edward Herman del 1988. Quando le verità sono in vendita in circuiti di feedback, l'incitamento all'odio e la polarizzazione aumentano. Chomsky e Herman hanno rivelato che i mass media americani erano potenti nel sostenere le istituzioni ideologiche come in un apparato di propaganda efficace e sistemico. Un'idea centrale – una continuazione della critica mediatica del giornalista americano Walter Lippmann Opinione pubblica (1922) – era che la censura negli Stati Uniti era subdola e dipendente dalle forze di mercato.

Chomsky e Herman discutono di propaganda e ostacoli alla libertà giornalistica nella stampa americana. Gran parte di questo deriva dal libro precedente di Herman, Controllo corporativo, potere corporativo (1981), ma era già stato ampiamente discusso nel libro di Herman e Chomsky L'economia politica dei diritti umani, pubblicato due anni prima (1979). Il lavoro era basato su un libro ancora precedente di Chomsky/Herman: Violenza controrivoluzionaria: massacri nei fatti e nella propaganda (1973). Ciò dimostra che le menzioni dei mass media sui significativi interessi economici e politici degli Stati Uniti – e sulle relazioni con stati amici o ostili – funzionano come agenzie di propaganda statale.

Chomsky e Herman risolvono le critiche alla copertura inadeguata da parte della stampa statunitense delle condizioni discutibili della politica estera americana, del protocollo sui diritti umani e del ruolo nella guerra del Vietnam. Ciò rientra in categorie come pubblicità amichevole, segnalazioni di complicità criminale (carenti o errate) e informazioni che creano miti.

Le entrate pubblicitarie sono molto importanti

Modelli di propaganda i Consenso alla produzione ha cinque punti: 1) Gli introiti pubblicitari sono una fonte di reddito più importante delle vendite e degli abbonamenti individuali, e i pregiudizi politici e le richieste degli inserzionisti mettono in discussione la libertà editoriale. 2) Attori sociali potenti e intraprendenti sovvenzionano finanziariamente i mass media; in cambio ricevono una diffusione privilegiata delle “loro” notizie. 3) I media favoriscono le autorità e gli intraprendenti per restare all'interno della sfera formativa ed economica. 4) Gli editori evitano argomenti controversi e fatti che diano feedback negativi, che a loro volta incidono sulle entrate pubblicitarie. 5) L’ultimo punto del modello propagandistico sono le notizie sull’anticomunismo, un tema che dalla fine della Guerra Fredda (1945-91) aveva riempito di paura i lettori dei giornali. Dopo il 1991, Chomsky sostituì questa notizia con la notizia della “guerra al terrore” come principale meccanismo di controllo sociale.

La conclusione principale i Consenso alla produzione era che la stampa libera, nella “Terra della Libertà”, non era indipendente. Ha tagliato come una motosega l'inganno americano, scrive Taibbi.

Il libro di Chomsky e Herman non ha ricevuto quasi nessuna recensione. La Warner Publishing ha interrotto la divisione editoriale che pubblicava Consenso alla produzione. Al momento del lancio furono vendute solo 500 copie della prima edizione di 20.

Malcontento della produzione

La retorica dell’odio è molto più presente oggi che allora Consenso alla produzione era pubblicato. Il libro di Taibbi originariamente doveva essere pubblicato con il titolo parafrasato Malcontento della produzione, poiché continua la prospettiva mediatico-politica dei già citati Lippmann, Chomsky e Herman. Tuttavia, il libro di Taibbi ha ricevuto buone recensioni sul New York Times, sul Washington Post e sul Publishers Weekly, tra gli altri.

Odio Inc. è stato pubblicato per la prima volta come una serie di newsletter via email (tramite Substack). Oltre ad un accenno al rapporto Russiagate/Müller, viene pubblicata un'intervista a Chomsky. Il libro di Chomsky ha avuto anche la conseguenza imprevista di creare sfiducia nei media.

I media creano l’illusione che essere informati sia di per sé un atto sociale.

Il cappello vende

Molto prima che si affermasse l’incitamento all’odio che caratterizza Fox e CNN, e molto prima che Trump insegnasse ai suoi seguaci che la CNN diffondeva “notizie false”, il pubblico televisivo aveva imparato a disprezzare e ad antagonizzare i propri avversari attraverso la TV sportiva 24 ore su XNUMX. canale ESPN. Il nuovo consumatore di notizie "leggeva già la pagina sportiva". La copertura delle notizie è passata da relativamente neutrale a "cheerleader". "Il rovescio della medaglia del tifo è l'odio", scrive Taibbi.

Le regole dell'odio sono semplici. Ci sono solo due squadre, due idee politiche, e le due sono in conflitto permanente. L'odio è personale. Tutto è colpa degli altri. Le visioni di entrambe le parti sono a un livello sottile: trovare i propri simili ("Root, non pensare"), essere leali verso la squadra ("Non cambiare squadra") ed essere consapevoli della propria superiorità rispetto agli altri ("Sentirsi superiore"). Il nemico è letteralmente Hitler, e nella lotta contro Hitler tutto è legale.

Laddove la pubblicità trasmetteva una sensazione di benessere, desiderio e piacere, il consumo dei nuovi media trasmette una sensazione di paranoia, rabbia e sfiducia. La scoperta che l’odio vende ha trasformato le notizie in una merce o in un indicatore di identità. Un tipo di immagine giornalistica completamente nuova in cui l'interesse per la conoscenza viene utilizzato cinicamente per le vendite.

Facebook Inc.

I sin omtale av sosiale medier skriver Taibbi: «L'idea che tu stia leggendo la verità, e non consumando un prodotto, è il primo inganno dei media commerciali.» Utilizza Facebook o Google opplyser per questa «porta della verità […] è stata costruita proprio per te».

Facebook trasmette contenuti che rafforzano i propri pregiudizi in "circuiti di feedback a breve termine guidati dalla dopamina". Dopo che il tuo modello di consumo personale è stato analizzato (controllato dal "piccolo colpo di dopamina" che ottieni da Mi piace e premi), viene abbinato agli inserzionisti con prodotti adattati demograficamente. Ciò che ottieni, in modo completamente gratuito, è un messaggio di verità personalizzato, in base alla tua attività online. La funzione di Facebook e Google è vendere le informazioni sull'attività su.

Taibbi fortuitore: «Tutti gli attori commerciali guadagnano più soldi quanto più leggi o guardi. Il business, quindi, è orientato a tenerti incollato allo schermo.» Hatfeltene er lett gjenkjennelige, da «energia alla medicina, all'inquinamento, alla scienza, alle armi nucleari».

La sensazione che il mondo stia cadendo a pezzi fa parte della strategia.

La sensazione che il mondo stia andando in pezzi fa parte della strategia, per far sì che i lettori continuino a consumare notizie, a cercare maggiore conoscenza online. Il risultato è più pubblicità e più vendite per i dipartimenti di marketing, in un rapporto di reciproca dipendenza.

I media creano, secondo Taibbi, l'illusione che informarsi sia un atto sociale in sé. Ma essere aggiornati non crea cambiamento.

Odio Inc. cerca ancora di ripristinare la fiducia dei media puntando sulla credibilità della maggior parte dei giornali, come il New York Times, ma sottolinea che i compromessi e le sfumature tradizionalmente non vendono i giornali: "I mezzi di informazione sono in crisi". La speranza è un mercato in crescita per il giornalismo politicamente neutrale.


Consiglia anche MODERN TIMES podcast Consenso alla produzione


 LEGGI ANCHE la menzione di Dove sta la verità sui media americani e la cultura digitale.

Marianne Solberg
Marianne Solberg
Solberg è un critico regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche