Teatro della crudeltà

Ecco perché sono a bordo della barca delle donne di Gaza

Il 5 ottobre, il battello delle donne diretto a Gaza è stato fermato dalla marina israeliana in acque internazionali. Qui puoi leggere i pensieri dell'attrice LisaGay Hamilton sul motivo per cui ha deciso di entrare a far parte dell'equipaggio della barca.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

È la notte di domenica 18 settembre 2016. Mentre i miei colleghi dell'industria cinematografica e teatrale partecipano alle feste degli Emmy e si vestono per il tappeto rosso, io sono al buio sull'accogliente molo di Ajaccio, in Corsica. ore prima dell'alba e in attesa che una piccola barca a vela chiamata Zaytouna-Oliva attracchi. La barca arriva poco dopo le due del mattino e i passeggeri e l'equipaggio, tutte donne, sbarcano. Il viaggio da Barcellona è stato duro. Tutti soffrivano il mal di mare, cosa che puoi vedere chiaramente sui loro volti. Una donna era così malata che è stata necessaria il trasporto in ambulanza in un ospedale locale. La barca è chiaramente usurata dalle intemperie e puzza di vomito, ma intorno alla nave c'è ancora tutt'altro che un'aria di disperazione. Le donne camminano con calma, quasi con aria di sfida, lungo la passerella e verso il molo, dove vengono accolte come eroine. Tra ventiquattr'ore anch'io prenderò il mare con loro, per la terza tappa del viaggio, che porterà a Messina in Sicilia. Da lì, Zaytouna-Oliva proseguirà verso la sua destinazione: Gaza.


Si tratta di libertà.
Cosa mi ha spinto a viaggiare per quasi diecimila chilometri da Los Angeles e a lasciare indietro la mia famiglia per affrontare il Mediterraneo a bordo di quella che sembra essere la nave più piccola del porto? Perché mai partecipare all’ennesimo tentativo di rompere il blocco israelo-egiziano di Gaza?

È così strano che questa piccola imbarcazione con tredici donne a bordo rappresenti una minaccia così grande per la sicurezza che l’esercito israeliano intercetterà e circonderà l’imbarcazione, arresterà le donne e distruggerà la barca.

Innanzitutto, sono qui per le donne: le straordinarie donne di Gaza, così come le meravigliose donne che sono orgoglioso di chiamare mie compagne di bordo. Sono qui perché sono preoccupata per le conseguenze della guerra e del blocco sulle donne, quando scuole, ospedali e case vengono regolarmente distrutte e le forniture di elettricità e acqua vengono interrotte. Sono qui perché quasi 1,8 milioni di abitanti di Gaza sono intrappolati in quella che viene spesso descritta come un’enorme prigione a cielo aperto. Sono qui per le 299 donne e i 551 bambini uccisi durante gli attacchi del 2014 e per le oltre 40 donne incinte che, a causa del blocco e della distruzione della guerra, sono prive dei servizi sanitari di base. Sono qui perché il blocco di Gaza, attuato sia dall'Egitto che da Israele, viola il divieto di punizione collettiva sancito dalla Convenzione di Ginevra. Sono qui perché il mio presidente ha appena aumentato gli aiuti militari statunitensi a Israele da 000 miliardi di dollari a 3,1 miliardi di dollari all’anno per i prossimi dieci anni, senza limitazioni o riferimenti alla situazione a Gaza. Sono qui perché il blocco – nonostante un certo allentamento delle restrizioni su cibo e acqua – è la causa di un’elevata disoccupazione, di forniture alimentari insicure, di un’infrastruttura che ha un disperato bisogno di riparazioni e di una crisi sanitaria in corso. Non siamo qui per portare “aiuto” alla popolazione di Gaza, ma per contribuire ad uno sforzo internazionale per rompere l’assedio. Noto le parole di un’altra donna impressionante, la scrittrice egiziana Adhaf Soueif: “Il mondo ha trattato Gaza come un caso umanitario, come se l’aiuto fosse ciò di cui i palestinesi hanno bisogno. Ciò di cui Gaza ha bisogno è la libertà”.

The Liquid Plain di LisaGay Hamilton e Naomi Wallace. FOTO: counterpunch.org
The Liquid Plain di LisaGay Hamilton e Naomi Wallace. FOTO: counterpunch.org

Minaccia alla sicurezza. Sono qui anche per stare fianco a fianco con così tante donne straordinariamente tenaci, come l'assistente sociale e attivista canadese Wendy Goldsmith, l'attivista politica israeliana Yehudit Barbara Llany, la deputata tunisina Latifa Habachi che ha contribuito a scrivere la costituzione tunisina del 2014, la ginecologa malese Fauziah Hasan , il nostro intrepido leader e veterano del convoglio, il colonnello americano in pensione Ann Wright, e il nostro skipper, Madeline Habib dall'Australia. Sono orgogliosa di essere l'unica donna nera a partecipare a questo viaggio e quando sbarco a Messina sento per la prima volta nella mia vita di far parte di qualcosa di molto più grande di me. Quando ho visto l’attracco della barca, ho pensato: che strano che questa piccola barca con tredici donne a bordo costituisca una minaccia alla sicurezza così grande che l’esercito israeliano intercetti e circondi la nave, arresti le donne e distrugga la barca.

screenshot-2016-10-12-at-17-56-36Censura. Un'altra donna che si unirà all'ultima tappa verso Gaza è la mia buona amica, la drammaturga Naomi Wallace. Con la sua natura tagliente e impavida, Naomi mi aiuta a ricordare che siamo qui anche per difendere la libertà di espressione artistica. La dice lunga il fatto che quando ho detto ad alcuni dei miei amici più cari che avrei fatto questo viaggio, erano meno preoccupati per la mia sicurezza di quanto lo fossero per le mie prospettive di lavoro in seguito. Criticare Israele o esprimere solidarietà al popolo palestinese è ovviamente ancora un tabù nell'industria cinematografica e televisiva e anche in teatro. Recentemente, il Public Theatre di New York ha dovuto annullare la produzione di L'assedio, che parla di cinque attivisti del movimento di solidarietà internazionale che hanno dovuto cercare rifugio in una chiesa a Betlemme durante la seconda intifada nel 2002. Questo tipo di censura non è affatto sconosciuto a Naomi. Il suo pezzo Ventuno posizioni, che ha scritto insieme ad Abdelfattah Abusrour e Lisa Schlesinger, è stato commissionato dal Guthrie Theatre – ma è stato successivamente rifiutato perché troppo amichevole nei confronti dei palestinesi. E quando la vincitrice del Tony Award e attrice Tonya Pinkins ha provato a ospitare un concerto di beneficenza per il Movimento per le Vite Nere, il proprietario del locale ha improvvisamente cancellato, citando le critiche del movimento nei confronti di Israele. Spero che il nostro viaggio contribuisca a rompere il tacito blocco americano dell’arte e degli artisti palestinesi.

Un inizio. Sarò completamente onesto: sono terrorizzato. Ho paura di soffrire il mal di mare, ho paura del carbone che naviga e ho paura di scomparire in mare. Ho paura per me stessa, e ho paura soprattutto per le donne coraggiose che cercheranno di sfondare il blocco. Ma ho ancora più paura di cosa succederà se tutti resteranno a casa, tranquilli e contenti, a posare per i paparazzi. Rompere l’assedio non significa libertà per Gaza, ma è un inizio. E noi donne vinceremo. Come dicevano spesso le mie sorelle sudafricane quando lottavano per la libertà: "Ora che hai toccato le donne, hai trovato un dirupo".


Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su counterpunch.org.
LisaGay Hamilton è un'attrice e regista americana.

Potrebbe piacerti anche