Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Una mentalità dell’era della Guerra Fredda

Spie, bugie e algoritmi. La storia e il futuro dell'intelligence americana
INTELLIGENZA / Negli Stati Uniti, 18 diverse agenzie statunitensi a livello governativo sono impegnate in attività di intelligence. Nel 1996 ci sono state 6 milioni di decisioni di declassificazione di materiale – nel 2016 il numero è cresciuto fino a 55 milioni!




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando un gruppo di Navy Seals americani trovò Osama nel maggio 2011 Bin Laden e stava per attaccare il suo nascondiglio in Pakistan, era il pakistano servizio di intelligence completamente ignaro di ciò che stava accadendo. Non avevano scoperto nulla. Ma un cittadino pakistano con esperienza in informatica, Sohaib Athar, ha sentito rumori insoliti nella notte. "Elicotteri sopra Abbottabad all'una di notte", ha scritto su Twitter. Questo di per sé era molto insolito. Ha continuato ad ascoltare e osservare, riferendo continuamente sull'intera operazione statunitense contro il terrorista più ricercato al mondo vivere sui social.

Amy B. Zegart, scienziata politica dell'Università di Stanford, usa l'episodio nel suo ultimo libro come un buon esempio di come i cosiddetti open source-L'informazione negli ultimi decenni si è affermata come una sfida sempre più grande anche per le 18 diverse agenzie statunitensi che si occupano di intelligence a livello statale.

L’enorme volume di informazioni che passa di mano in questo modo è sconcertante. Nel 2019 posato Internetgli utenti inviano 500 milioni di tweet ogni giorno, inviano 294 miliardi di email e pubblicano 350 milioni di foto su Facebook. Giorno feriale!

Lo sviluppo tecnologico

Solo una minima parte di questa enorme quantità ha un reale valore di intelligence, ma il fenomeno ha comunque finito per rappresentare un serio ostacolo alla necessaria democratizzazione dei diversi servizi di spionaggio a livello mondiale. Una sfida seria è al centro della natura di questi servizi, vale a dire segretezzaAltrimenti. In passato, questi servizi interagivano minimamente con i cittadini comuni perché non ne avevano bisogno, quindi raccoglievano con discrezione informazioni su controparti reali o immaginarie per mantenere sempre un vantaggio.

Nel 2019, gli utenti della rete hanno pubblicato 500 milioni di tweet ogni giorno, inviato 294 miliardi di email e pubblicato 350 milioni di foto su Facebook – ogni giorno!

In un'epoca in cui più della metà della popolazione mondiale è online e in cui ogni giorno vengono effettuate cinque miliardi di ricerche su Google, la classica spia come la conosciamo da John le Carré è diventata da tempo un pezzo da museo. Abbiamo avuto un buon esempio dei tempi nuovi all’indomani dell’invasione dei sostenitori di estrema destra di Trump Campidoglio a Washington DC il 6 gennaio 2021. Tutta una serie di fanatici del computer privati ​​​​hanno iniziato a raccogliere immagini degli eventi. Uno studente universitario ha persino creato il sito web I volti della rivolta, e con l'aiuto degli strumenti tecnologici prontamente disponibili su Internet, questo gruppo di civili ha effettivamente identificato i principali autori molto più velocemente delle agenzie professionali.

Ma laddove si può dire che ciò abbia una funzione benefica per la società, lo sviluppo tecnologico ha anche portato a un violento slittamento per quanto riguarda le fughe di notizie che hanno sempre fatto parte della comunità dell’intelligence. Ci è voluto prima Roberto Hanssen, che rappresenta uno dei casi più significativi degli ultimi tempi, vent'anni di consegna di un totale di 6000 documenti segreti dell'FBI ai russi, una borsa alla volta. In confronto, il Chelsea è riuscito Manning di scaricare 250 documenti dal Dipartimento di Stato nel corso del 000, e in soli dieci mesi Edward Snowden ha messo le mani su un milione e mezzo di documenti.

Deep State

Come risultato di tutto ciò si è creata una profonda crisi di fiducia. I servizi segreti cercano freneticamente di proteggere il loro territorio, e questo è dimostrato dal fatto che sempre più documenti vengono classificati. Pertanto, nel 1996 sono state adottate 6 milioni di decisioni di declassificazione di materiale, mentre nel 2016 il numero è salito a 55 milioni. Spesso porta a situazioni assurde. Quando nel 2011 il presidente Obama si è alzato in piedi e ha potuto annunciare che un terrorista americano nello Yemen, Anwar al-Awlaki, era stato ucciso, non ha potuto menzionare le parole “drone” e “CIA”. Erano classificati, anche se la stampa quotidiana era piena di notizie secondo cui al-Awlaki era stato ucciso in un attacco con droni sponsorizzato dalla CIA.

Il libro include un'utile rassegna della storia dei servizi segreti americani, oltre a una parte più teorica sull'intelligence in generale. Ciò fornisce una buona base per comprendere cosa è successo nei tempi moderni, dove i media digitali hanno capovolto questo mondo speciale.

Zegart lancia, tra l’altro, una dura accusa contro la mancanza di flessibilità rispetto ai necessari aggiustamenti che la digitalizzazione dell’intera società deve necessariamente richiedere. CIA ha cercato di presentarsi verso l'esterno con un volto amichevole e aperto, ad esempio affidando al gruppo Disney la responsabilità della progettazione, quando doveva essere costruita una nuova reception presso la sede centrale. Il quadro generale, tuttavia, punta nella direzione opposta. Si vede che è emersa una distanza notevolmente maggiore tra la popolazione generale e i diversi servizi. Sono cose difficili da misurare, ma un sondaggio del 2017, lanciato dal quotidiano Washington Post, parla la propria lingua.

Il 48% della popolazione americana crede nell’esistenza di un Deep State, in cui i servizi militari e di intelligence manipolano le decisioni del governo.

Qui potrete leggere che il 48 per cento della popolazione americana crede nell'esistenza di uno Deep State, dove i servizi militari e di intelligence manipolano le decisioni del governo. Solo il 35% lo respinge come a teoria di cospirazione. E un altro sondaggio del 2019 ha rilevato che l’83% degli elettori repubblicani era convinto che lo stesso Deep State stesse lavorando per far cadere Trump.

Un futuro cupo

Questo di per sé è una sorta di assaggio di un futuro che promette di essere molto vario per il lavoro di intelligence come lo conosciamo in senso classico. Zegart fornisce un buon Esempio con i tentativi russi di interferire nella Campagna Presidenziale del 2016 senza sparare un Colpo Putin qui un mezzo economico ed efficace per indebolire in qualche modo la democrazia americana, manipolando gli atteggiamenti degli americani attraverso i social media. Per dirla senza mezzi termini, i paesi con una difesa forte e risorse abbondanti sono sempre stati i meglio attrezzati contro gli attacchi ostili. Ma nel mondo moderno, le catene montuose e gli oceani non offrono alcuna protezione, perché la battaglia si svolge nel cyberspazio, dove spesso si scopre che le società più avanzate e digitalizzate sono le più deboli contro il nemico. E questo nemico non sono solo le reti governative, ma tutto, dai truffatori criminali, agli hacker e alle spie, agli attivisti politici e agli adolescenti seduti al computer nel seminterrato dei genitori. Nel 2018, due miliardi di persone – equivalenti a due terzi della popolazione globale online – hanno subito il furto digitale delle loro informazioni personali. Quell’anno questi furti costarono al mondo 600 miliardi di dollari, la stessa cifra del valore del traffico globale di droga.

due miliardi di persone – equivalenti a due terzi della popolazione globale online – hanno subito il furto digitale delle loro informazioni personali.

Si potrebbe quindi giustamente temere che l’incapacità dei servizi segreti di adattarsi sia parte integrante della crisi politica in cui si trovano gli Stati Uniti. Ma si tratta di una democrazia capitalista avanzata che dipende dalle reti informatiche, mentre i servizi si rifiutano ostinatamente di farlo collaborare con attori privati, tra cui anche ricercatori universitari – e a questo proposito il rapporto tra Washington e i colossi tecnologici della Silicon Valley è caratterizzato da profonda reciprocità , fiducia. Qui è chiaro che i servizi segreti sono bloccati in una mentalità da epoca della Guerra Fredda. Accusano l’industria di mancanza di patriottismo.

Hans-Henrik Fafner
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare di Ny Tid. Vive a Tel Aviv.

Potrebbe piacerti anche