Teatro della crudeltà

Il militarismo di Trump 

L'industria militare è la grande vincitrice delle elezioni presidenziali di quest'anno, sia negli Stati Uniti che a livello internazionale. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando il mercato azionario statunitense si è aperto dopo le elezioni, i produttori di armi del paese sono stati premiati per la vittoria elettorale di Trump. Nonostante il calo generale del mercato statunitense, i produttori di armi si sono distinti con una crescita significativa come risultato diretto dei risultati elettorali.

Il più grande appaltatore del Pentagono, Lockheed Martin, ha aumentato il valore delle sue azioni del 7,6% quando il mercato azionario è stato aperto mercoledì. Durante le ore mattutine, le loro azioni sono aumentate di un ulteriore 4,8%. Gli altri colossi della produzione di materiale bellico americano seguirono l'esempio. Northrop Grumman ha avviato un corrispondente 4,9%, mentre General Dynamics è aumentata del 4,1% e Raytheon è aumentata di un enorme 6,3% all'apertura del mercato azionario.

In tutto il mondo. Il mercato americano sta quindi prendendo sul serio le promesse di Trump di una forte crescita del budget della difesa americana. Il fatto che i repubblicani controlleranno entrambe le camere del Congresso dopo le elezioni rafforza ulteriormente la ferma convinzione degli analisti finanziari che il complesso militare-industriale stia ora affrontando tempi molto buoni.

Il terzo maggiore fornitore del Pentagono, BAE Systems, ha sede nel Regno Unito. Nel 2014 il 92,8% del loro fatturato è stato realizzato sul mercato americano. Il titolo BAE è salito a un nuovo record dopo una crescita del 5,5% quando gli inglesi hanno aperto la borsa dopo le elezioni. Allo stesso modo, il valore delle azioni del più grande produttore di armi francese, Thales, è aumentato tra il 3 e il 4% quando la sua borsa ha aperto quella mattina sull'altra sponda della Manica.

Tutte le società sopra menzionate sono tra i maggiori profittatori di armamenti non solo negli Stati Uniti ma anche nel mondo nel suo insieme. Sono entrambi nella top 10 degli appaltatori del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, e nella top 10 del SIPRI delle più grandi compagnie militari del mondo. Sono tutte anche tra le più grandi aziende esportatrici di armi al mondo.

Armamento nucleare. Se il militarismo di Trump rafforza la crescita dell’industria mondiale degli armamenti, non è solo grazie alla promessa di nuovi contratti per l’industria degli armamenti. Ciò è dovuto anche all'opinione comune secondo cui le politiche del presidente entrante creeranno più disordini e paure in tutto il mondo. Durante tutta la campagna elettorale, Trump ha dimostrato di essere un giocatore imprevedibile. Il fatto che il popolo dell’unica superpotenza mondiale elegga un simile presidente è visto di per sé come un argomento a favore del riarmo globale.

Il fatto che il popolo dell’unica superpotenza mondiale elegga un simile presidente è visto di per sé come un argomento a favore del riarmo globale.

Trump è anche un militarista tradizionale, nel senso che cerca principalmente mezzi militari per affrontare i conflitti internazionali. In campagna elettorale non solo ha sostenuto l'abbassamento della soglia per l'uso delle armi nucleari, ma ha anche annunciato che investirà 1000 miliardi di nuovi dollari nel riarmo dell'arsenale nucleare del paese. Se prendiamo solo come punto di partenza le promesse di nuovi investimenti nell’esercito americano auspicate da Trump a settembre – 90 soldati in più, 000 nuove navi da guerra e più di 42 nuovi aerei da combattimento, oltre a più armi nucleari e scudi missilistici – i costi di questi si stima che ammontino a 100 miliardi di dollari all'anno. Il militarismo quindi costa, e i profitti andranno all’industria militare.

Inquietante. La politica di sicurezza non è esattamente il punto forte di Trump. Né all'estero né in patria. In un anno e mezzo di campagna elettorale, ha sostenuto una politica estera frammentata e talvolta contraddittoria che sembra cambiare di giorno in giorno, a seconda di chi parla, con o per chi. Nemmeno le sue promesse concrete sul riarmo vanno intese come assolute. In tutta questa imprevedibilità, ci sono ancora alcune cose che dovremmo notare. In patria, ha contribuito a creare un’America più divisa che mai. Il neoeletto presidente e la sua campagna elettorale hanno dimostrato incompetenza e soprattutto scarso interesse per il lavoro internazionale a favore del disarmo e della distensione durante tutta la campagna elettorale. Non c’è quindi motivo di credere che tali argomenti saranno ai primi posti nell’agenda di Trump nel momento in cui sta mettendo insieme il suo governo e pianificando politiche pratiche. Ciò dovrebbe preoccupare tutti coloro che lavorano per un sistema internazionale più civile e ben organizzato.

Harang è un leader dell'Associazione norvegese per la pace. alexander@fredslaget.no

Alessandro Harang
Alexander Harang
Harang è l'editore di "Fredsnasjonen", la rivista MODERN TIMES pubblicata nell'estate 2021.

Potrebbe piacerti anche