Teatro della crudeltà

Anime gemelle o acerrimi nemici?

È discutibile se la presidenza Trump sia basata sulla filosofia di Ayn Rand.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Sotto Obama, il carico fiscale è stato aumentato, le normative intensificate, il debito/prestito del governo raddoppiato, i servizi pubblici rafforzati e la burocrazia ampliata. Questa politica ha avuto un grande sostegno da parte dell'intera élite di potere: mondo accademico, stampa, burocrazia, industria cinematografica e altro ancora.

Obama non è stato gentile nella sua caratterizzazione dei dissidenti: "Diventano amareggiati, si aggrappano alle pistole o alla religione o all'antipatia per le persone che non sono come loro o al sentimento anti-immigrati o al sentimento anti-scambio come un modo per spiegare le loro frustrazioni", qualcosa di simile all'affermazione di Hillary Clinton secondo cui metà dei sostenitori di Trump erano "il paniere dei deplorevoli [...] razzisti, sessisti, omofobi, xenofobi, islamofobi".

Molti ricordavano un libro vecchio di 50 anni che aveva predetto un simile sviluppo: quello di Ayn Rand La rivolta di Atlante  (1957). La vendita di Atlas è aumentato fortemente dopo il 2009, e come era prevedibile c'è stata anche una rivolta popolare contro Obama. Come presidente nel 2016, gli Stati Uniti hanno eletto l'outsider completo – un volgare, ricco uomo d'affari e star televisiva senza esperienza politica (ed ex democratico e amico di Clinton): Donald Trump.

Rand ha elogiato gli imprenditori og capitalisti, e non aveva molto di buono da dire sull'élite dominante. È diventato vero che gli ideali di Rand hanno iniziato a influenzare gli Stati Uniti? Molti lo affermano, inclusa la recensione del film di Cineaste Magazine Sorgente dal 1949 (pubblicato in una traduzione norvegese nel numero di novembre di Ny Tid), che affermava che "l'estrema utopia individualista di Rand è diventata da tempo una realtà negli Stati Uniti". Ad alcuni politici di spicco piacciono i romanzi di Rand, ma la collocazione di Trump alla presidenza è un segno che la filosofia di Rand ha preso piede?

Rand ammirava gli imprenditori: creano prodotti, ottimizzano le offerte e offrono cose che il pubblico acquista perché migliorano la loro vita. Considerano la concorrenza come un bene che motiva i miglioramenti. Gli imprenditori creano perché sono creativi. Steve Jobs ne è un esempio: iPhone, iPad e iTunes si trovano in innumerevoli case. Jobs ha rivoluzionato diversi settori: l’industria cinematografica (Pixar), l’industria musicale e l’industria informatica. La motivazione di Jobs era creare buoni prodotti, non fare soldi.

Atlas ci sono anche uomini d'affari che Rand non ammira: questi chiedono allo Stato sostegno e protezione contro la concorrenza, cercano vantaggi speciali, comprano politici e ricevono regolamenti su misura. Trump è uno di questi: ha donato alle campagne dei politici (ha dato "tangenti"), ha chiesto vantaggi speciali e voleva essere protetto dalla concorrenza. Nessuno batte Trump quando si tratta di ostentare la propria ricchezza in modo volgare, come conferma la Trump Tower. Howard Roark rifiuterebbe di progettare questo edificio, mentre l'opportunista Peter Keating accetterebbe volentieri l'incarico (personaggi del film di Rand La fonte meravigliosa).

Trump non vuole la libertà. Usa il potere politico per sostenere i gruppi di pressione. Secondo lui "la Cina ci sta rubando il lavoro", anche se la divisione internazionale del lavoro è un vantaggio che aumenta la produttività e quindi la prosperità. Trump vuole chiudere i confini per tenere fuori gli stranieri, ma maggiore è il numero di persone che svolgono un lavoro produttivo in un paese, maggiore sarà la produzione e la prosperità. Rand ha sostenuto la libertà sia per quanto riguarda il commercio che l'immigrazione. Trump, d’altro canto, ha poco rispetto per il diritto dell’individuo di cercare la felicità dove vuole. Molte persone vogliono andare negli Stati Uniti perché lì la libertà è maggiore: questo è un bene per gli Stati Uniti, ma non per i paesi di origine che perdono persone intraprendenti. IN Atlas Rand si riferisce a questo fenomeno come alla "fuga di cervelli" (il termine "fuga di cervelli" è stato usato sempre più spesso dopo il 1957).

Sia Trump che altre figure chiave hanno affermato di ammirare le figure eroiche di Rand, ma spesso c'è un lungo divario tra le parole e le azioni; si possono ammirare gli ideali di Rand e allo stesso tempo essere contrari alle implicazioni di questi ideali.

Rand ammirava gli imprenditori: creano prodotti, migliorano l'offerta e offrono cose che il pubblico acquista perché migliorano la loro vita.

La Rand fuggì dalla tirannia comunista nell'Unione Sovietica nel 1926 e arrivò negli Stati Uniti dove credeva che le idee di libertà fossero forti. Rimase presto delusa: gli anni '1930 furono il "decennio rosso", un periodo in cui praticamente tutti gli intellettuali rendevano omaggio al "nobile esperimento" dell'Unione Sovietica e desideravano uno sviluppo simile negli Stati Uniti. Dopo che prima Hoover e poi Roosevelt intensificarono le regolamentazioni con un maggiore protezionismo (lo Smooth-Hawley Act approvò nel 1930; che sarebbe arrivato era noto in anticipo e fu in gran parte la causa del crollo del 1929), il divieto di possedere oro (moneta a prova di inflazione) per privati ​​a partire dal 1933 oltre a numerosi altri interventi. L’economia è entrata in crisi. Pochi hanno imparato da questo periodo e Trump è un protezionista.

La crisi finanziaria del 2008-2009 è stato causato principalmente dal fatto che la banca centrale americana aveva mantenuto i tassi di interesse artificialmente bassi per un periodo (tra le altre cose per accelerare il mondo degli affari dopo il 11/9 del 2001), e poi aveva implementato un significativo aumento dei tassi di interesse nel 2005-06. (il rapporto tra i tassi di interesse sui prestiti a breve e lungo è stato invertito). Investimenti e prestiti che erano stati redditizi con bassi tassi di interesse sono diventati improvvisamente non redditizi e ne sono seguiti i fallimenti. Un certo numero di banche hanno speculato su questo nella sicura convinzione che se le cose fossero andate male, lo Stato le avrebbe salvate (Obama ha sostenuto i salvataggi). I regimi di sostegno portano a comportamenti negligenti, che colpiscono anche gli imprenditori. I salvataggi governativi hanno salvato alcune banche e aziende da ciò che il libero mercato avrebbe dato loro: la bancarotta. Il costo dei “salvataggi” (e del debito nazionale) è a carico dei contribuenti: tutte le tasse sono pagate dalla gente comune che deve lavorare di più per guadagnare ciò che compra; la tassazione delle imprese è solo un modo indiretto di tassare i clienti.

Queste misure sono già state adottate prima di Trump, ma non sarebbero avvenute se le idee della Rand fossero rimaste forti: ha sostenuto la piena libertà imprenditoriale, compreso il “free banking”. Ciò avrebbe fornito un valore monetario stabile legato a un gold standard e un tasso di interesse determinato dal mercato anziché dai burocrati. Non ci sarebbe stata una banca centrale statale che manipolasse il valore del denaro e i tassi di interesse e creasse crisi economiche.

Rand ideali è razionalità: seguire i fatti, essere logici, onesti, basati su principi, a lungo termine, avere integrità e pensare attentamente prima di agire. Questa descrizione si adatta a Trump? La sua gestione dei fatti è disinvolta, i suoi innumerevoli tweet non indicano che riflette ciò che dice, e cambia le sue opinioni così rapidamente che mette in ombra anche i politici professionisti.

Trump e Rand non sono sulla stessa barca, non sono nello stesso universo ideologico – sono praticamente agli estremi opposti. Affermare che le idee di Rand abbiano oggi un'influenza significativa sulla politica americana è semplicemente assurdo.

Vegard Martinsen
Vegard Martinsen
Martinsen è il leader del Partito popolare liberale.

Potrebbe piacerti anche