Teatro della crudeltà

Leadership femminile per la pace 





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nel corso della storia, le donne sono state costantemente trascurate come importanti attori di pacificazione. Ma è assolutamente cruciale concentrarsi sulle donne come leader, mediatrici di pace e costruttori di comunità per superare la radice dei conflitti odierni.

Negli ultimi anni, la portata dell’estremismo violento e della militarizzazione è aumentata notevolmente nel Medio Oriente e nell’Asia meridionale. I dati del Global Terrorism Index mostrano che tra il 2013 e il 2014 l’aumento delle persone uccise dal terrorismo è stato il più grande mai registrato. Anche i costi economici legati al terrorismo e all’estremismo violento sono a livelli record: appena 53 miliardi di dollari. Quasi l’80% di tutti gli omicidi sono avvenuti in cinque paesi: Afghanistan, Iraq, Nigeria, Pakistan e Siria. Dieci degli undici paesi più colpiti dal terrorismo registrano anche il maggior numero di rifugiati e sfollati interni. Ciò dimostra la forte connessione tra la crisi dei rifugiati, il terrorismo e i conflitti armati.

Le donne restano. Anche i poteri di governo nella regione sono diventati generalmente più autoritari e repressivi. I diritti umani fondamentali come la libertà di espressione, la libertà di associazione e l'uguaglianza sono sottoposti a un'enorme pressione, sia da parte delle autorità di paesi come Egitto, Arabia Saudita, Iran e Turchia, sia naturalmente nelle aree dominate dall'ISIS e gruppi simili.

La prima cosa che accade nei paesi caratterizzati da conflitti violenti e polarizzazione è che lo spazio per la società civile si riduce notevolmente. Con il pretesto di prevenire l’estremismo, oppositori politici, giornalisti e difensori dei diritti vengono arrestati e terrorizzati.

L’ascesa del jihadismo e della sua ideologia ha reso la lotta per i diritti delle donne più precaria che mai in gran parte dell’Asia e dell’Africa. La violenza sessuale contro le donne è stata inserita in un sistema crudele con la tratta degli schiavi da parte dell’Isis, ma l’abuso sessuale e la violenza contro le donne sono un enorme problema sociale che va ben oltre i territori dell’Isis.

Gli uomini costituiscono la maggioranza di coloro che vengono uccisi e la maggioranza di coloro che fuggono. Le donne vengono lasciate indietro e devono raccogliere i pezzi. Ecco perché è assolutamente essenziale investire davvero nelle donne come leader, mediatrici di pace e costruttrici di comunità, al fine di stabilizzare e superare la radice dei conflitti.

La società civile è importante. Nel corso della storia, le donne sono state costantemente trascurate in quanto importanti attori del processo di pace. Quante persone sanno che Bertha von Suttner è la donna dietro il Premio Nobel per la Pace? Perché le innumerevoli donne coinvolte nei vari movimenti per la pace e per i diritti civili nel corso dei secoli hanno ricevuto così poca attenzione, mentre gli uomini rimangono icone storiche?

Nel 2000, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato la Risoluzione n. 1325 su donne, pace e sicurezza. La settimana scorsa ho avuto la fortuna di incontrare una delle donne centrali nello sforzo di realizzare questa risoluzione, Sanam Naraghi-Anderlini. È la fondatrice dell'International Civil Society Action Network (ICAN) e leader dell'Alleanza femminile per la leadership nella sicurezza (WASL), lanciata con il sostegno norvegese durante l'Assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre. L'alleanza sostiene gli attivisti per la pace sul campo e lavora per garantire che le organizzazioni femminili di base siano ascoltate nei canali e nei processi politici nazionali e internazionali.

In un’epoca caratterizzata da estremismo e polarizzazione, la società civile moderata deve essere coltivata e ampliata. Laddove non esiste una società civile vivace, inclusiva e tollerante – e quindi nessuna sfera moderata per interessi diversi – pensieri, interessi e ideologie andranno sottoterra e forniranno terreno fertile per la radicalizzazione.

WASL mette in risalto le voci delle organizzazioni guidate da donne e garantisce che queste siano ascoltate dai decisori e dai fornitori di premesse nel discorso internazionale sulla prevenzione dell’estremismo e del terrorismo. In un recente rapporto, permettono a un certo numero di attiviste pacifiste locali di parlare, e i consigli che portano sono concreti, pratici e basati sulla conoscenza.

La Norvegia contro una migliore conoscenza. Nel suo ultimo rapporto, l’alleanza scrive anche di come le cosiddette misure preventive contro l’estremismo violento facciano più male che bene laddove gli stati autoritari restringono la possibilità di pluralismo politico e di opposizione. I regimi della regione, alleati dell’Occidente, utilizzano la lotta al terrorismo per sopprimere le ONG, i giornalisti e i gruppi politici legittimi che criticano le autorità o sono altrimenti visti come un’influenza indesiderata.

Questo è qualcosa di cui le autorità norvegesi dovrebbero essere a conoscenza. È quindi estremamente grave che lo Storting del 26 aprile 2016 abbia approvato la vendita di materiale militare all’Arabia Saudita, il che costituisce un aggravamento globale delle violazioni dei diritti umani e dell’oppressione della sua stessa popolazione, con abusi particolarmente gravi nei confronti delle donne. L’Arabia Saudita è anche la parte aggressiva nella guerra contro lo Yemen, che causa enormi sofferenze tra i civili. Ideologicamente, l’Arabia Saudita e l’ISIS sono praticamente identici, quindi prevenire l’estremismo violento non ha senso a meno che non includa anche paesi come l’Arabia Saudita.

I gruppi per i diritti delle donne mettono in guardia da tre decenni contro l’aumento dell’estremismo in Medio Oriente e in Asia e hanno la necessaria conoscenza approfondita di come l’estremismo violento influisce sulla vita delle persone e delle dinamiche immensamente complesse dei conflitti che stanno emergendo. Perché la Norvegia, orientata all’uguaglianza, prende decisioni che vanno contro le loro valutazioni concrete e ben informate?


Linda Noor è la direttrice generale di Minotenk e un'antropologa sociale qualificata. Contribuisce regolarmente a Ny Tid con la rubrica Krysskultur. linda@minotenk.no

Potrebbe piacerti anche