Teatro della crudeltà

CINQUE prigioni

È tempo che la comunità internazionale si alzi per salvare Israele, lontano dalla sua stessa prigione mentale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"Quando vuoi misurare quanto è civile un paese, visiti le sue prigioni", dice la guardia carceraria Are Høidal a Jessica Benko. Questo giornalista americano sta visitando la prigione di Halden per il New York Times. Nell'articolo, pubblicato nel fine settimana, Benko paragona il nostro sistema carcerario a quello americano. La nuova prigione di Halden è descritta come circondata da prati di mirtilli in un ambiente tranquillo, senza bobine di filo spinato o torri carcerarie. Halden ha la reputazione di essere la prigione più umana tra quelle ad alto rischio del mondo. Benko afferma che la società di welfare norvegese – che offre istruzione, sanità e pensioni per tutti – spende 750 corone norvegesi all’anno per ciascun detenuto. Il suo paese d'origine utilizza solo la terza parte. Se gli Stati Uniti non avessero dieci volte più detenuti dei nostri in rapporto alla popolazione (700 su 100), potrebbero spendere per ciascuno gli stessi tre quarti di milione e allo stesso tempo risparmiare 000 ​​miliardi di corone norvegesi all'anno. Benko si lascia affascinare dal fatto che noi norvegesi ci concentriamo sulla riabilitazione, sull'istruzione, sulla formazione professionale e sulla terapia e che dal 2007 abbiamo avviato programmi per il reinserimento nella società dopo aver scontato una pena. Tuttavia, la Norvegia e gli Stati Uniti hanno lo stesso tasso di recidività: un detenuto su quattro finisce di nuovo in prigione entro tre anni. Ma la maggior parte non vuole diventare un cliente abituale dietro le mura. Un altro paragone: le carceri israeliane detengono circa 6500 palestinesi, un decimo dei quali si trovano nella cosiddetta detenzione amministrativa (vedi caso pagina 1). In carcere si finisce senza sentenza; quale cosiddetto reato hai commesso, nessuno te lo dice. È sufficiente che tu abbia protestato contro l’occupazione illegale del tuo Paese. In contrasto con l’idillio dei prati di mirtilli che circondano gli assassini di Halden, i palestinesi sono sottoposti a quella che l’ONU definisce tortura: uomini, donne e bambini sono sottoposti a brutali violenze fisiche, arresti nel cuore della notte, isolamento, malnutrizione, minacce agli abusi familiari e sessuali. Le celle delle carceri israeliane sono sovraffollate, scarsamente ventilate e prive di luce solare, e i prigionieri non ricevono le cure mediche di cui hanno bisogno, con il risultato che centinaia di loro muoiono durante o dopo la loro permanenza in prigione. I palestinesi vengono anche trasferiti con la forza nelle carceri delle aree non occupate di Israele, impedendo alle loro famiglie detenute in Cisgiordania o a Gaza di visitarli. Ed eccoci a un terzo tipo di prigione: Gaza e in parte la Cisgiordania sono probabilmente le prigioni più grandi che esistano. Qui, parti della popolazione sono rinchiuse, senza possibilità di uscire. Rinchiusi dietro alte mura, viene loro impedito di soddisfare i loro bisogni primari, qui vengono molestati dalle guardie carcerarie sotto forma di soldati israeliani. La presenza di queste guardie carcerarie e dei numerosi posti di blocco – come spiegano i veterani israeliani in Breaking the Silence – non riguarda la sicurezza, ma esclusivamente le molestie. Sei felice di uscire da questa "prigione" – se non tornerai mai più. O ti vogliono morto, come nel 1948 fu massacrata la popolazione di interi villaggi, oppure ti vogliono lontano, dagli altri profughi palestinesi. Un’altra tecnica di contenimento è l’assedio economico dei territori palestinesi, poiché l’accordo Oslo II di Parigi di 20 anni fa ha contribuito a far sì che Israele ottenesse il diritto esclusivo di riscuotere tasse e dazi per i palestinesi. Le autorità autonome (AP) sono diventate solo una parola sulla carta e non hanno portato ad alcuna reale indipendenza per la Palestina. Come mi ha detto in un’intervista l’ex ministro della Difesa e primo ministro Ehud Barak, nel 1995 consigliò al suo collega Yitzhak Rabin di lasciare che i palestinesi gestissero la propria economia. Questa mossa è caduta nel vuoto. Pertanto, l'attuale primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato ancora una volta in grado di punire i palestinesi trattenendo le entrate fiscali e lasciando che decine di migliaia di dipendenti pubblici dell'Autorità Palestinese soffrano di mancanza di salario. I palestinesi vengono puniti per aver chiesto di essere ammessi come membri legittimi della Corte penale internazionale (CPI). Seguendo il consiglio degli Stati Uniti, della propria organizzazione di intelligence Shin Bet e di altri che ciò destabilizzerà completamente la Cisgiordania, Netanyahu ha ora accettato che pagheranno. Ma il denaro non è stato ancora utilizzato dal presidente Abbas. Comunque: i palestinesi ricevono oggi, mercoledì 1 Aprile, ha formalizzato l'adesione alla CPI. Ciò significa che i palestinesi ora possono denunciare Israele per insediamenti illegali e per quelli che alcuni chiamano crimini di guerra. Oltre alle suddette carceri – quella penale, quella politica, il muro di Gaza – la Corte penale internazionale manda anche le persone dietro i muri. Questa volta sono i criminali di guerra che possono essere ritenuti responsabili dinanzi agli organi legali della comunità internazionale. Gli individui ai vertici del governo israeliano possono così essere assicurati alla giustizia per le loro azioni: non hanno più impunità.  Tipo il trattamento dei prigionieri li allontana da una pista criminale. Ma le guardie sono addestrate a trattare umanamente i prigionieri, nel modo in cui parlano e si associano a loro. Perché? Non per il bene dei prigionieri, ma per se stessi. La teoria è che se viene insegnato loro a essere dominanti o brutali, questo comportamento si riversa nelle loro vite, influenza le loro stesse famiglie – sì, in definitiva tutti noi. È tempo che la comunità internazionale si alzi per salvare il brutale Israele, lontano dalla sua stessa prigione mentale.

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Potrebbe piacerti anche