Teatro della crudeltà

I ceceni si radunano per protesta

Per la prima volta in diversi anni, i ceceni si sono riuniti per manifestare davanti allo Storting e fuori dall'ambasciata russa: "Il fatto che il regime stia peggiorando e che Ny Tid e i media norvegesi ne scrivano ora ci fa raccogliere". dice uno dei manifestanti. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Alla vigilia di Natale del 2015, il dittatore ceceno Ramzan Kadyrov è andato alla televisione di stato con il seguente messaggio ai ceceni che stanno valutando la possibilità di manifestare contro il regime: "Nessuno se la cava. Anche se fossi in Europa, in Germania o negli Stati Uniti, non te ne andrai e nessuno è riuscito a scappare finora". In un altro discorso poco dopo, ha detto senza mezzi termini di aver dato l'ordine di scoprire se i manifestanti all'estero hanno una famiglia in Cecenia. Il motivo è, come disse il dittatore: "Il fratello deve essere responsabile del fratello".

Ha sfidato le minacce. Sabato 2 gennaio è successo qualcosa che in Norvegia non accadeva da molto tempo. Un gruppo di manifestanti principalmente ceceni si è radunato davanti allo Storting, poi anche ambasciata russa, e ha sfidato le minacce dirette del dittatore Kadyrov. Uno dei manifestanti, Mikael, che non vuole dare il suo cognome per paura di rappresaglie contro la sua famiglia, dice questo:
“La dittatura sostenuta da Putin in Cecenia uccide, maltratta e tortura persone ogni giorno, e recentemente la situazione è peggiorata. Anche le donne e le ragazze sono esposte. Fanno pressione affinché la gente non parli o protesti contro la dittatura che vige attualmente in Cecenia. Ma ora siamo qui per dire e fare qualcosa e sostenere il popolo ceceno. Siamo qui per dire che reagiremo con le parole e parleremo di ciò che sta accadendo, e che non potranno fermarci", dice Mikael, originario della Cecenia. Tra i manifestanti c'erano anche rappresentanti dell'Azerbaigian, dell'Ucraina e dei tartari di Crimea.

"La dittatura sostenuta da Putin in Cecenia uccide, abusa e tortura le persone ogni giorno, e ultimamente la situazione è peggiorata."

Apprezza la copertura mediatica. Il manifestante Mikael afferma che l'ambiente di esilio in Norvegia è motivato dai media norvegesi che scrivono sulla Cecenia. "Apprezziamo molto che Ny Tid abbia scritto e scoperto ciò che è accaduto – e sta accadendo – in Cecenia. L'articolo è stato ripreso da molti altri giornali e ha ricevuto molta attenzione da parte dei media norvegesi. Questo ci fa sentire che siamo visti e ascoltati. È un grande sostegno e ci dà motivazione, perché sentiamo che le persone in Norvegia e in altre parti del mondo ci vedono," dice Mikael.
L'avvocato ceceno Akhmed Gisaev è membro del consiglio dell'organizzazione della diaspora cecena in Norvegia e lavora anche per il Centro di analisi dei diritti umani. Anche lui ha partecipato alla manifestazione. Riguardo alle reazioni dei ceceni in Norvegia dopo il caso Ny Tid sui due richiedenti asilo respinti, dice: "La comunità cecena non si aspettava questo né dall'UDI né dall'UNE. Dopo questi due casi, la società cecena purtroppo ha meno fiducia nel governo norvegese. Temono che le autorità norvegesi collaborino con lo Stato russo e i suoi servizi segreti", afferma l'avvocato Gisaev.
In Norvegia vivono circa 10 cittadini ceceni. Una delle ragioni principali per cui pochissimi di loro hanno protestato pubblicamente è che sono esposti allo spionaggio dei rifugiati da parte di persone del regime e che la dittatura si sta scatenando sulle famiglie nel loro paese d’origine. Ci sono diversi esponenti dell'opposizione cecena che vivono sotto la protezione della polizia in Norvegia.

Far uscire le persone in pubblico. Ramzan Kadyrov presenta da tempo in televisione le persone che vuole punire e le costringe a rendere pubbliche e spesso inventate ammissioni e scuse. Recentemente, l'assistente sociale Ayshat Inayeva è stata impiccata pubblicamente in televisione dopo aver lamentato che Kadyrov non stava reprimendo la corruzione. Il capo di Inayeva le aveva tagliato ogni mese 42 dollari dallo stipendio, cosa a cui lei si era opposta. È stata costretta a rimangiare tutto ciò che aveva detto e a scusarsi faccia a faccia con Kadyrov sulla televisione nazionale. L'avvocato e attivista per i diritti umani Gisaev commenta i recenti sviluppi in Cecenia: "Le persone vengono mostrate in televisione come esempi di ciò che si ottiene se si ha il coraggio di criticare, anche se si tratta solo di una piccola critica. Ciò significa che stanno cercando di terrorizzare l'intero popolo ceceno. In questo contesto hanno manifestato i ceceni in Austria, Norvegia e in altri paesi. La comunità cecena in esilio in Norvegia ha in programma diverse manifestazioni per la fine di gennaio.

Øystein Windstad
Øystein Windstad
Ex giornalista di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche