Teatro della crudeltà

A proposito di Donald, Vladimir e...

La strada per la non libertà
Timothy Snyder è convincente nella sua spiegazione di come la nostra comprensione del mondo sia stata sostituita da una "comprensione nazionale".




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nel 1989 sto attraversando l'Europa con il mio primo Interrail. Il mondo sembra aperto e pieno di possibilità. Ma sulla scena internazionale il mondo non appare affatto brillante: siamo proprio alla fine della Guerra Fredda. E il 4 giugno dello stesso anno, mentre ero seduto in un bar del “sud”, le autorità cinesi massacrano i manifestanti in piazza Tiananmen. All’inizio di maggio però alcuni ungheresi tagliano la barriera di confine con l’Austria e si crea il primo varco nella cortina di ferro. Poco più di due anni dopo, il muro è caduto e il 1989 diventerà l’anno fondamentale per lo sviluppo della democrazia nel mondo.

Poi scriviamo 2018: siamo tornati nel clima della Guerra Fredda, e l’Europa è ancora una volta caratterizzata da correnti fasciste e totalitarismi. Sono seduto nel mio appartamento con il nuovo libro di Timothy Snyder, che porta il titolo significativo La strada per la non libertà. Come siamo finiti qui, con Donald Trump presidente degli Stati Uniti? "A causa della Russia di Putin e del Paese diritto naturale influenzare il mondo con ogni mezzo", è la risposta di Timothy Snyder. Ma come è iniziato, davvero?

Capitale russa

All’inizio degli anni ’1990, Donald Trump si trova in gravi difficoltà finanziarie. I gangster russi ottengono l’accesso alla Trump Tower e utilizzano la compravendita di appartamenti come mezzo per riciclare denaro. Anche il più famoso assassino russo vive in un appartamento dell'edificio. Ben presto un terzo dell’edificio viene occupato da oligarchi e gangster russi.

Alla fine degli anni Novanta Trump è quasi in bancarotta: deve oltre quattro miliardi di corone a più di settanta banche diverse. Dopo la crisi bancaria, nessuna banca gli presterà soldi e lui non sarà più in grado di ripagare il suo debito. L'oligarca russo Dmitry Rybolovlev acquista una casa per 1990 milioni in più di quanto l'ha pagata Trump. Apparentemente il russo non ha alcun interesse per la casa oltre a possederla; non ci vive lui stesso. Ma Rybolovlev appare spesso durante la campagna elettorale di Trump.

Trump sta guadagnando velocemente lasciando che i complessi residenziali vengano utilizzati per il riciclaggio di denaro.

Rendendosi conto che può guadagnare velocemente – e in grande – denaro consentendo che i complessi di appartamenti vengano utilizzati per il riciclaggio di denaro, Trump permette ai russi di costruire ancora più edifici “in nome del presidente entrante”. Milioni di dollari di sostegno affluiscono nelle casse della campagna elettorale di Trump; avere il nome di Trump sugli edifici paga enormi dividendi. Nel 2016, l’ex Unione Sovietica finanzia il gigantesco complesso residenziale Trump Soho, donando a Trump il 18% dei profitti, come ringraziamento per aver utilizzato il suo nome. L’élite russa dichiara Donald Trump “loro” presidente. Il personaggio "Donald Trump – uomo d'affari di successo" è stato creato e sta per diventare l'uomo più potente del mondo, dopo Vladimir Putin. Felix Sater, che lavora come consigliere senior della Trump Organization, vive due piani sotto l'appartamento di Trump. Sater costituisce il gruppo Bayrock, che vende appartamenti a persone dell'era post-sovietica. Trump è ormai completamente dipendente dal capitale russo per condurre la sua campagna presidenziale.

Il 7 ottobre 2016 Trump è di nuovo in grossi guai: un nastro in cui il presidente si vanta di come lui, che è un uomo potente, può "trattare" le donne sessualmente, colpisce il pubblico come una bomba. Trenta minuti dopo che il nastro è stato reso pubblico, le e-mail di John Podesta, il principale sostenitore della campagna presidenziale di Hillary Clinton, sono state hackerate. Le e-mail sono distorte al di là del riconoscimento per mezzo di notizie false; si sostiene che le e-mail contengano notizie sensibili, come ad esempio che Clinton è un pedofilo. Il caso si chiama “Pizza-gate”. L'attenzione che circonda queste e-mail sta diventando così massiccia da togliere completamente peso alle schiette dichiarazioni di Donald Trump.

Diagnosi contemporanea

"Mai nella storia americana una campagna presidenziale è stata così strettamente legata all'influenza di un paese straniero", scrive Snyder. E ha solide fonti per le sue affermazioni. Solo il libro contiene quasi un centinaio di pagine di riferimenti alle fonti. Tra le affermazioni più forti contenute nel libro c’è che Vladimir Putin è la mente dietro l’hacking russo. Ma scrive anche che gli attacchi informatici sono stati preparati per anni e che le autorità americane hanno dormito per ore.

Ma perché gli hacker russi hanno fatto questo? E perché l’hacking è stato sostenuto da Vladimir Putin? Perché a Putin piace Trump? Difficilmente. "Lo ha fatto per distruggere gli Stati Uniti", scrive Timothy Snyder. Un presidente americano che è così totalmente nelle mani di un presidente russo da aver contribuito ad attacchi informatici contro il suo stesso paese per vincere la presidenza è un burattino o un vero e proprio criminale.

Ma come sono riusciti i russi a vincere le elezioni americane? Timothy Snyder scrive: "Lo sforzo russo ha avuto successo perché Donald Trump è molto più simile al leader russo di quanto piace pensare agli americani". (...) "A differenza dei russi, gli americani tendono a ottenere le notizie da Internet." L'autore descrive Internet come una piattaforma per economia dell’attenzione: Qui viene inviato e è creato notizie adattate al mercato – adattate al singolo account dell'utente Facebook. Due diversi utenti di Facebook possono ricevere due angolazioni completamente diverse sulla stessa notizia, a seconda di ciò che vogliono leggere. Le notizie di Facebook non forniscono un quadro generale completo, ma offrono una piattaforma di notizie estremamente ristretta e adattata al mercato. Newsfeed e Trending Topics, due servizi di notizie online, ad esempio, offrono ai propri utenti una quantità infinita di notizie basate sulla narrativa, pagate dalle agenzie pubblicitarie. Finché si legge Internet come un giornale, gli internauti americani possono diventare bersagli della polizia segreta russa, sostiene Timothy Snyder. In questo modo, le agenzie di stampa che producono notizie false (cosa che i russi hanno una lunga storia di fare) possono cooperare con le forze cospiratorie americane senza essere fermate.

Unisciti a noi nel percorrere la strada difficile. Unisciti a noi nel cammino verso la non-libertà. Scopri la cupa e precisa diagnosi contemporanea di Timothy Snyder.

Henning Næs
Henning Næss
Critico letterario in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche