Ordina qui l'edizione estiva

Gesù a Disney World

Cosa succede quando sostituisci Topolino con Gesù e i suoi amici?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[saggio] Benvenuti all'Holy Land Experience, un parco a tema fondamentalista cristiano progettato per avvertirci che la fine è vicina. A pochi minuti di auto da Disney World in Florida, Topolino non è più protagonista. Tra la folla di turisti americani in calzoncini e qualche giapponese, arriva Gesù portando una croce enorme. Apparentemente insanguinato, contuso e malconcio, non può più sopportare il peso e crolla. I soldati romani che guardano ordinano a un altro uomo di portare la croce. Insieme continuano attraverso la massa di turisti che scattano foto e su una bella montagna artificiale di cemento. Poi Gesù viene crocifisso.

La scena della crocifissione di Gesù non è affatto unica. Questo si ripete ogni giorno alle quattro e mezza nel parco a tema Holy Land Experience. A questo punto, gli ospiti paganti hanno già avuto l'opportunità di vedere una serie di rievocazioni di eventi biblici. Hanno assistito a come Mosè da bambino è deposto in una cesta di canne sul Nilo, hanno attraversato il deserto sulla via della Terra Promessa, sono stati alle nozze di Cana, hanno visto Gesù guarire vari malati popolo e hanno visto Gesù accusato dai farisei e dagli scribi e condannato da Ponzio Pilato.

Meglio della Bibbia!

Coloro che conoscono la loro Bibbia non solo potranno annuire in segno di riconoscimento, ma a volte saranno piacevolmente sorpresi. Mentre mi trovo sotto il Calvario e aspetto Gesù, una signora parla al cellulare proprio dietro di me: "Ti benedica. Ora sono davanti alla tomba di Gesù", cinguetta. "È meraviglioso! Probabilmente è anche più bello di quanto non fosse in realtà". E probabilmente ha ragione, perché i luoghi che i romani usavano per le crocifissioni erano raramente oggetto di un'estesa architettura paesaggistica e di un meticoloso giardinaggio.

Forse per assicurarsi che il pubblico non trovi noioso nessuno degli eventi biblici, sono conditi con canti e balli. Abili attori in abiti pseudo-biblici irrompono costantemente in canzoni musicali e presentano vari numeri di danza che probabilmente sembrerebbero del tutto estranei all'ebreo medio o ai rom nella Palestina del X secolo.

Se sei già stato alla Holy Land Experience, non c'è motivo per non tornare. Le attrazioni cambiano a seconda del calendario e, come in altri parchi divertimento, vengono costantemente migliorate. Per la stagione 2007, ad esempio, la crocifissione è stata migliorata con una nuova canzone originale, "Behold the Lamb of God".

Un concetto completato.

I parchi a tema americani non si limitano mai solo a diverse attrazioni. I parchi a tema, o parchi a tema come vengono chiamati in inglese, di solito presentano un concetto completo. Per un breve periodo, all'interno di un'area limitata, si vive in una realtà parallela. A Disney World, ad esempio, puoi andare in giro indossando le orecchie di Topolino, comprare cimeli Disney di ogni tipo, ricevere un abbraccio da Paperino e mangiare i pancake di Minnie Mouse.

The Holy Land Experience offre un'esperienza altrettanto completa. Se lo desideri, puoi passeggiare per elmi romani di plastica e copricapi di "Terra Santa". Questi ultimi sono di un tale design che non dovresti spostarti molto fuori dal parco dei divertimenti, se non vuoi esporti a reazioni anti-arabe.

L'interazione di Jesu con il pubblico si limita a saluti amichevoli (a me tra gli altri) quando va avanti e indietro tra i vari spettacoli, così come ad alcuni contatti diretti con i turisti come parte dello spettacolo. Ma se lo desideri, puoi farti fotografare con Marta, le tre Marie o altre figure bibliche più periferiche. Anche i soldati romani posano per le foto con i turisti.

Se ti viene fame, puoi acquistare il piatto dell'apostolo Paolo e la porzione di Marta "in un'autentica atmosfera mediterranea" presso la caffetteria Oase Palme in loco. Anche i negozi di articoli da regalo sono pieni di offerte allettanti. Mosè, Gesù e la Vergine Maria sono disponibili sia come figure in plastica che come bambole in tessuto. Viene offerta una varietà di giochi ispirati alla Bibbia per tutta la famiglia. Puoi anche acquistare i "chiodi del perdono", in una bella confezione illustrata con Gesù sulla croce, per ricordare perché Gesù fu crocifisso.

Il significato che c'è dietro.

Che ci sia un significato più profondo dietro il luna park cristiano è chiaro ai più. Fino a che punto si intenda non solo rendere più cristiani i visitatori a livello generale, ma in modo particolare, non è così scontato.

L'esperienza in Terra Santa è gestita dall'organizzazione Zion's Hope, che ha l'obiettivo esplicito di preparare tutti i cristiani per il Giorno del Giudizio e convertire gli ebrei al cristianesimo. Marvin Rosenthal, il fondatore e gestore del parco dei divertimenti, è lui stesso un cosiddetto ebreo messianico o convertito. I soldi per acquistare l'area di Orlando sono stati dati a Rosenthal dal miliardario recentemente scomparso Robert Van Kampen che, avendo fatto fortuna con le assicurazioni, ha trascorso la maggior parte del suo tempo a scrivere su come dobbiamo prepararci per la fine dei tempi.

Per garantire che i visitatori abbiano un'idea di come dovremmo pensare, ognuno può scegliere liberamente tra tre diversi libri di Rosenthal e Van Kampen che spiegano tutti come dobbiamo prepararci per gli ultimi giorni quando dobbiamo scegliere tra l'Anticristo e Gesù. La libreria locale offre anche una serie di altri libri dello stesso genere. Se non riesci a sopportare di sfogliare esortazioni teologiche, puoi goderti il ​​romanzo di Van Kampen sulla fine dei tempi, dove si racconta come tutti i non cristiani saranno puniti per l'eternità. Lo stesso libro esorta anche i buoni cristiani nella loro preparazione per la fine dei tempi a procurarsi abbondanti razioni di emergenza e, cosa più importante, camioncini con motori diesel.

Anche tutte le presentazioni del parco a tema degli scenari dell'Antico Testamento puntano in una chiara direzione cristiana e messianica. Quando abbiamo dimostrato cosa dicono i libri di Mosè sull'Arca dell'Alleanza (quella del primo film di Indiana Jones) e sul culto sacrificale, sentiamo la voce di Mosè affermare che tutto questo sacrificio è da intendersi solo come una prova del sacrificio finale, quando Dio sacrificherà suo figlio per l'eternità nella crocifissione. Questo di per sé rappresenta un'interpretazione forte, perché il Mosè della Bibbia non sa nulla né di Gesù né del Messia.

Lieto fine.

È quasi ora di chiusura. Gesù è morto sulla croce, è stato deposto e deposto nel sepolcro. Gli attori assunti stanno intorno alla camera funeraria e cantano canzoni tristi. Per coloro che non ricordano molto bene la Bibbia, questa non sembra un'esperienza particolarmente edificante.

Quello che poi accade in pochi minuti è una contrazione dei tre giorni dei Vangeli. Una delle donne in abiti biblici di Hollywood va alla tomba, solo per trovarla vuota. Gesù non è più lì dentro. È risorto. E infatti non riappare proprio dove fu crocifisso, con nuove vesti bianche come il gesso e un sorriso altrettanto smagliante. Più canto e gioia. Lieto fine.

Ora che Gesù è risorto dai morti, i visitatori possono lasciare il parco a tema di buon umore. Il parco chiude tra pochi minuti. Alcuni turisti all'uscita comprano un ultimo gelato al latte e miele. Altri chiacchierano con vari personaggi biblici, altri si lasciano fotografare con i soldati romani che poco prima crocifissero Gesù. E domani Gesù è crocifisso, muore e risorge. Verso le cinque e mezza. Vicino a Disney World.

Potrebbe piacerti anche