Teatro della crudeltà

Pertanto, il Medio Oriente è diventato una polveriera

50 ANNI FA / Perché il Medio Oriente è da 25 anni una polveriera? Qual è il motivo dell’atteggiamento inconciliabile tra Israele e gli Stati arabi? E cosa è successo agli arabi palestinesi quando è stato fondato lo Stato di Israele?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

ORIENTERING (1973)

Qui riportiamo i retroscena del conflitto. Sia quella attuale che le guerre del 1948, 1956 e 1967. Non ci sarà pace duratura nella zona finché Israele non riconoscerà di aver inflitto danni a un altro popolo e di averlo privato di diritti equivalenti a quelli che lui stesso potrebbe rivendicare.

Staten Israele fu proclamato il 14 maggio 1948. L'anno prima la Gran Bretagna aveva rinunciato al suo mandato Palestina, e l'ONU aveva adottato un piano per la divisione del territorio. Ma in realtà lo Stato ebraico esisteva da molto tempo. Aveva una propria amministrazione e un esercito ben organizzato.

Tutto nel tempo prima della fine del secolo era l'idea di un indipendente Stato ebraico forte. Principalmente in Europa, dove molti ebrei si consideravano un popolo che non era assimilato e non poteva essere assimilato. Il Congresso sionista di Basilea nel 1897 alzò il livello. Cercavano un pezzo di terra, e la scelta non fu difficile: la Palestina, che la maggioranza degli ebrei aveva abbandonato negli ultimi duemila anni.

A quel tempo, la Palestina era una provincia araba dell’Impero turco ottomano. Ma questo non è stato visto come un ostacolo. All’epoca le politiche coloniali erano ampiamente accettate. Non era considerato riprovevole il fatto di andare avanti o di opprimere gruppi di persone che esistevano tutti su un territorio o di opprimerli in nome della civiltà.

Stati di Israele

Nei decenni che seguirono, la Palestina divenne colonizzato degli ebrei. Già nel 1914 gli ebrei erano 85 su 000 abitanti. I semi del conflitto con gli arabi palestinesi e gli altri arabi erano già stati gettati. Non solo perché i primi temevano di essere sfollati. Di ancora maggiore importanza era il fatto che proprio in quel periodo un nascente nazionalismo arabo era in piena fioritura. E dal nazionalismo sono nate le nazioni. Fin dall’inizio, gli ebrei dovettero confrontarsi con due conflitti: la lotta contro gli arabi palestinesi, che stavano per cacciare dal loro legittimo territorio, e contro le nazioni arabe che stavano emergendo. I conflitti e i conflitti di interessi sono persistiti fino ai nostri giorni.

I Balfour-la dichiarazione del 2 novembre 1917 prometteva agli inglesi di fondare un centro ebraico nazionale in Palestina. Nel 1922 la Lega delle Nazioni affida alla Gran Bretagna il mandato sulla Palestina. Nel 1947 il Paese rinunciò a questo mandato e il 29 novembre dello stesso anno l’ONU adottò un piano di spartizione della Palestina. Uno stato arabo e uno ebraico all’interno di un’unione economica. Gerusalemme doveva essere territorio internazionale.

Il 1° maggio 1948 l’Alto Commissario britannico lasciò la Palestina e fu proclamato lo Stato di Israele. Poi seguì una guerra implacabile tra un esercito ebraico ben equipaggiato (e fino ad allora non ufficiale) da un lato e le forze guerrigliere palestinesi dall'altro, sostenute da truppe degli stati arabi. Israele ha vinto la guerra. E il nuovo Stato si stabilì su un territorio più vasto del 20% rispetto a quanto previsto dal piano di spartizione delle Nazioni Unite.

Lo scenario della prima guerra fu lo stesso di quelli che sarebbero seguiti. Con la creazione degli Stati-nazione arabi, la resistenza al colonialismo aumentò.

Dal punto di vista economico, è stata una fortuna incorporare la sponda occidentale del Giordano perché è un’area molto fertile.

Gli arabi giustamente vedevano lo Stato di Israele come un insediamento straniero in un paese arabo con l’intenzione di amputare il territorio arabo. Una nuova popolazione è stata installata in un'area già popolata. Ciò si è verificato nell’era del nazionalismo ed è continuato in un periodo di decolonizzazione in altre parti del mondo. Gli arabi erano determinati a non lasciarsi conquistare. Hanno combattuto sia per la propria identità sia per mantenere o riconquistare la propria indipendenza.

Gli arabi vedono i rifugiati come un simbolo di ingiustizia

Rimasero 580 palestinesi spostato dal nuovo Stato. Ma a causa dell’alto tasso di natalità, questo numero salì a oltre 900: alcuni andarono in Siria, altri in Libano o nella Striscia di Gaza. Ma la maggioranza, più di mezzo milione nel 000, cercò rifugio nei miserabili campi profughi della Giordania. Diverse centinaia di migliaia tentano ancora una simile esistenza. I lavoratori non qualificati e gli agricoltori espropriati delle terre non furono in grado di integrarsi economicamente nei paesi arabi. Gli arabi vedono questi rifugiati come un simbolo dell’ingiustizia di cui è stato colpito l’intero mondo arabo.

Gli stati arabi considerano Israele come la testa di ponte degli Stati Uniti e del capitalismo nel mezzo di un mondo sottosviluppato. Ed è vero che Israele, a causa delle sue origini colonialiste e della sua inimicizia con i paesi arabi, si appoggia all’Europa e agli Stati Uniti. Dal punto di vista economico, il paese è assolutamente dipendente dalla comunità ebraica americana, che ha una posizione forte negli Stati Uniti.

Quando Nasser nazionalizzò il Canale di Suez

Dopo gli anni Cinquanta, molti regimi arabi si radicalizzarono fortemente. Egitto og Nasser è stato scelto come il capro espiatorio che ha tessuto la sua tela di ragno. Le potenze occidentali hanno reagito rinnegando gli accordi commerciali e le promesse di aiuti economici. L’Egitto rispose nazionalizzando Il Canale di Suez. Ciò ha portato ad una spedizione congiunta da Inghilterra, Francia e Israele.

La campagna mirava principalmente a rafforzare Nasser, che si poneva come esponente di una politica neutralista e unificante nel mondo arabo. E 'fallito. Dopo la guerra, nel 1956, Nasser ritornò come eroe nazionale. Le potenze occidentali e Israele pensavano che non avesse un reale sostegno tra la popolazione. In realtà, era all'apice della sua popolarità.

Il Medio Oriente nei tempi che seguono

È un quadro eterogeneo quello che ci appare quando guardiamo agli sviluppi in Medio Oriente nel periodo che segue. Unità e divisione vanno di pari passo nel mondo arabo. Ma stato arabo i rapporti con Israele e con le potenze occidentali sulla questione della guerra o della pace sono gli stessi. Solo se si vede il conflitto come una lotta contro un’occupazione straniera, che non è accettata, è possibile comprenderne i meccanismi. In ogni fase dello sviluppo, gli arabi hanno rifiutato di accettare ciò che è accaduto a loro spese con l’aiuto della potenza militare israeliana e il sostegno dei paesi capitalisti. Ogni volta che Israele otteneva una nuova vittoria, gli arabi più concilianti potevano accettare la precedente vittoria ottenuta da Israele, ma negare le conseguenze che l’ultima vittoria aveva o avrebbe avuto. O per dirla in un altro modo: hanno sempre lasciato una guerra alle spalle perché protestavano costantemente contro l’abuso dei loro diritti.

La causa immediata dell'attacco israeliano nel 1967 fu che Nasser chiuse lo Stretto di Tiran alle navi israeliane. Israele considerava questo traffico vitale a causa delle forniture di petrolio. Ma tutti sanno che lungo la costa ci sono più porti di Eliath. La guerra aveva come obiettivo obiettivi militari. Il territorio israeliano doveva essere ampliato. Le ragioni erano sia di natura economica che militare. Militarmente, un confine con l’Egitto attraverso il deserto del Sinai sarebbe vantaggioso. Dal punto di vista economico, è stata una fortuna incorporare la sponda occidentale del Giordano perché è un’area molto fertile. E il controllo politico sulle aree occupate rafforzerebbe a sua volta il paese militarmente. Dopo la guerra, le autorità incoraggiarono l'insediamento nelle nuove terre. Israele era diventato più grande.

Il motivo dell'aggressione da parte di Israele è in gran parte legato alla sconfitta dei leader moderati subita in patria da Sharett. Anche i tentativi di politiche di riconciliazione da parte di Eshkel ed Eban hanno incontrato una forte opposizione. Gli Hawks hanno ripreso il sopravvento. Moshe Dayan, Peres e Golda Meir sono veri discendenti di Ben-Gurion che aveva sostenuto una linea intransigente ed espansiva in politica estera. Passò appena una settimana da quando Dayan divenne ministro della Difesa fino all'attacco avvenuto nel 1967.

Dopo le conquiste durante la Guerra dei Sei Giorni, Israele estese le sue pretese agli stati arabi.

Dopo le conquiste durante la Guerra dei Sei Giorni, Israele estese le sue pretese agli stati arabi. Dovevano riconoscere i confini così come erano diventati dopo la guerra del 1948 e, inoltre, negoziare sulla base delle conquiste fatte nel 1967. Ciò ovviamente era inaccettabile. Oggi, l’Egitto e la Siria hanno come principale obiettivo di guerra la riconquista dei territori occupati dalla Guerra dei Sei Giorni del 1967. E l'ONU ha stabilito in una risoluzione che Israele deve ritirarsi ai confini prima della guerra dei sei giorni.

Due popoli in uno Stato binazionale

Gli arabi palestinesi chiedono di poter tornare a casa, nella zona da cui furono espulsi nel 1948. Credono che sia realistico realizzare uno stato binazionale in cui ai due gruppi etnici siano date chiare garanzie. Così i privilegi degli ebrei sarebbero gradualmente scomparsi. Le leggi a carattere razzista o clericale diventerebbero obsolete o scomparirebbero. Gli arabi non vogliono essere quinte colonne.

Ma queste sono opinioni sostenute dalle organizzazioni palestinesi più grandi e responsabili. C'è anche chi vuole gettare gli ebrei in mare e pretende la Palestina per i palestinesi.

Anche gli obiettivi dei paesi arabi sono diversi e gli interessi degli stati arabi non coincidono con quelli dei palestinesi.

Solo una nuova politica in Israele può risolvere il conflitto

L'atteggiamento intransigente degli israeliani condiziona la situazione. Credono che la marcia degli arabi palestinesi sia un fattore fondamentale per garantire la natura ebraica dello Stato nell’obiettivo sottostante al sionismo. Loro, anche i più moderati tra loro, possono solo accettare un’immigrazione molto limitata di rifugiati.

Finché gli israeliani non sanno di aver inflitto un danno ad un altro popolo e di averlo privato di diritti equivalenti a quelli che loro stessi dovevano esigere, la situazione è bloccata. Solo la vittoria di una visione diversa nello stesso Israele potrà costituire un punto di partenza per la pace.

Orientering (1953-75)
Orientering (1953-75)
Orientering è il precursore di TEMPI MODERNI (1953-75), qui assorbito in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche