Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Joy killer su prescrizione medica

Narcocapitalism. La vita nell'età dell'anestesia
Forfatter: Laurent de Sutter
Forlag: Polity Press, USA

Il narcocapitalismo è una breve storia dei moderni psicofarmaci, ma anche una teoria su come ottenere il controllo del corpo sociale.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Laurent de Sutter è un filosofo e professore di teoria giuridica presso la Libera Università di Bruxelles. "Come hai generalmente cercato di tenere sotto controllo le persone maniaco-depressive?" È la domanda principale nel suo piccolo libro Narcocapitalism. La vita nell'età dell'anestesia. La risposta dell'autore è breve: "Portando via da loro la gioia esagerata". "L'unico buon maniaco-depressivo è il depressivo", scrive l'autore. Ma certo che non lo è autore chi intende questo – riproduce semplicemente ciò che percepisce come la norma in psichiatria. La sua soluzione al problema non è chiara.

Intorpidito piacevole. Il libro fornisce informazioni utili sul rapporto tra medicina e società capitalista moderna. È possibile sentirsi felici senza usare farmaci? O la relazione è l'opposto – che il meglio che possiamo sperare è farlo non senti niente; quella felicità è, come nella canzone dei Pink Floyd, essere piacevolmente insensibile; che farmaci in questo modo possono renderci felici calmando le forti emozioni?

Narcocapitalismo è una breve panoramica del rapporto tra psicologia e farmacologia. È anche uno studio sull '"hacking" della medicina moderna del corpo femminile e sulla dimensione ontologica della depressione. Incontriamo Sigmund Freud e il suo positivo og attivo uso di cocaina (Freud ne prendeva in quantità controllate) e ottiene una panoramica di ciò che l'uso della pillola anticoncezionale fa per la fisiologia della donna.

Via le emozioni. Una sequenza più lunga nel libro evidenzia i gravi effetti collaterali della pillola anticoncezionale. Perché anche se la maggior parte delle donne moderne vede la pillola anticoncezionale come se stesse la pillola di rilascio, gli effetti collaterali sono tanti e innegabili. A differenza degli antidepressivi, che vengono utilizzati dai pazienti con depressione, la pillola contraccettiva aiuta a trasformare la composizione ormonale delle donne che sono fresco. 

Il libro è uno studio sull '"hacking" del corpo femminile della medicina moderna.

- annuncio pubblicitario -

L'autore probabilmente non intende moralizzare. Indica la stretta connessione tra l'uso di stupefacenti su base legale (il libro parla molto poco di droghe illegali) e sottolinea la stretta connessione tra capitalismo e uso legale di droghe, dalla cocaina all'imitazione di ormoni, e l'uso diffuso di derivati ​​del sonno nella società moderna. Anche il sonno naturale dovrebbe essere rubato a noi? Da una prospettiva capitalista, il sonno è uno stato molto improduttivo. Ci viene presentato uno studio su come la nostra notte e il nostro sonno siano invasi da agenti chimici, e un'interessante rassegna del rapporto tra Coca-Cola e cocaina.

L'autore lancia alcune affermazioni piuttosto violente, tra cui che le persone moderne hanno dimenticato cosa sia la gioia naturale, perché le nostre espressioni spontanee di gioia sono sottomesse. Non siamo guariti dalla nostra depressione e dall'apatia, nonostante l'uso frequente e massiccio di farmaci, e non capiamo perché peggioriamo a causa del farmaco.

L'autore lo rende un po 'facile per se stesso. Non discute sufficientemente la sua affermazione principale, vale a dire che l'uso massiccio della medicina nella società felice è dovuto al sistema sociale capitalista. Il libro diventa una specie di coccodrillo anticapitalista che sbadiglia troppo e alla fine riesce a liberarsi delle fauci.

Gioia distruttiva. La parte della storia del libro è la più interessante. Si basa sull'anno 1846, quando Charles Thompson Jackson e William Green Morton, entrambi di Boston, depositarono una domanda di brevetto presso l'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti per "miglioramento delle operazioni interne del corpo". Ciò implicava una nuova tecnica, basata sull'inalazione di etere dietilico mentre il paziente veniva operato. È così iniziata una nuova era nella medicina: l'era dell'anestesia.

"L'unico buon maniaco-depressivo è il depressivo." 

Successivamente, l'autore affronta il trattamento della psicosi maniaco-depressiva. Si racconta di Emil Kraepelin, professore di psichiatria all'età di 30 anni e con il disturbo di cui sopra come uno dei suoi campi speciali. Nel 1899 pubblica la sesta edizione di Libro di testo in psichiatria, e come suo insegnante Wilhelm Wundt, voleva fare una panoramica completa di tutti i disturbi psichiatrici, sulla base delle conoscenze precedenti. Kraepelin voleva dare loro dei nomi e, se possibile, scoprire quali agenti chimici potevano essere usati contro le varie condizioni. Ha studiato diverse generazioni di malati di mente ed era convinto che una tale malattia fosse ereditata, il che non era una teoria adottata ai suoi tempi. Il maniaco-depressivo, pensava, era molto più incline di altri a scalare le "montagne russe ontologiche", di cui è impossibile prevedere i movimenti. Per lui, la persistenza esagerata e l'estrema gioia del maniaco-depressivo rappresentavano un disturbo fondamentale nel sistema di equilibrio dell'ordine mondiale.

Apatico e «fresco». "L'unico buon maniaco-depressivo è il depressivo", pensò Kraepelin. Qui l'autore traccia un parallelo con l'uso medico del nostro tempo: vale ancora questo punto di vista – che un "buon paziente" non prova gioia, che essere giù e calmo è la cosa più vicina alla guarigione? De Sutter critica fondamentalmente la società capitalista: "Non abbiamo più un rapporto naturale con la gioia", afferma: "Essere iper-felici è chiedere di finire in tribunale, condannati alla castrazione chimica in una forma molto diversa".

Nel complesso lo è Narcocapitalismo interessante e ben scritto, ma anche un po 'incoerente e un po' troppo unilaterale nelle sue discussioni. Per chi è interessato alla medicina (storia), può ancora essere raccomandato. Benvenuto nella comunità perfetta dove nessuno è veramente felice: benvenuto in Prozacland!

Henning Næss
Critico letterario in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.