Teatro della crudeltà

Nell'antirazzismo

La guerra alla teoria critica della razza
Forfatter: David Theo Goldberg
Forlag: Polity Books (Storbritannia)
RAZZISMO / Un movimento neoconservatore ha fatto della sua virtù "smascherare" soprattutto la missione politica della teoria critica della razza, guidata da Christopher Rufo che ritiene che ciò costituisca niente di meno che una minaccia esistenziale per gli Stati Uniti. Una rete di 'Trufers'?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Studi umanistici critici e ricerca sulle scienze sociali sesso, razza e migrazione sono sotto attacco politico in Danimarca in questi anni. I cosiddetti politici liberali bloccano i ricercatori sul pavimento del parlamento danese e sui media nazionali solo a causa della loro ricerca. Allo stesso modo, gli articoli accademici sottoposti a revisione paritaria sono criticati per essere non scientifici. I ricercatori devono affrontare gravi molestie personali e professionali. Su ordine del parlamento danese, le università hanno stilato un elenco di corsi in cui viene insegnata la cosiddetta teoria sociale "attivista". E all'improvviso un piccolo numero di giornalisti danesi – in particolare associati ai giornali borghesi – pensa che sia incredibilmente strabiliante partecipare come reporter sotto copertura a conferenze accademiche che trattano questioni di genere, razza e migrazione da una prospettiva critica.

Svalutare le esperienze di razzismo e respingerle come atti puramente individuali piuttosto che strutturali.

 

La cosa divertente del dibattito danese è che non si tratta di niente di speciale, ma di una tendenza che negli ultimi anni ha preso vita propria nel nord del mondo. Piuttosto, fa parte di un movimento neo-conservatore che – non a caso – ha le sue origini in un contesto americano guidato dall’attivista conservatore Christopher Rufo, dal think tank conservatore Manhattan Institute e dal controverso mezzo di comunicazione Fox News. Rappresentante di questo "movimento", Rufo ha fatto sua la virtù di "esporlo" in particolare critico la missione politica di raceteori#, che secondo lui costituisce nientemeno che una minaccia esistenziale per gli Stati Uniti.

Logiche razziali

Nel suo nuovo libro, La guerra alla teoria critica della razza (2023), il famoso ricercatore sul razzismo David Theo Goldberg si chiede cosa c'è veramente su e giù nella frenesia contro il pensiero teorico che viene spesso descritto come teoria critica della razza (teoria critica della razza, ndr). Nel libro Goldberg si chiede quindi perché e come le forze conservatrici negli Stati Uniti attaccano una tradizione di ricerca altrimenti eterogenea. Per cosa è esattamente la teoria critica della razza e, cosa più importante, come Rufo e i suoi seguaci producono una teoria critica della razza.

Come termine collettivo, si può dire che la teoria critica della razza spesso denota un piccolo ramo della ricerca umanistica e delle scienze sociali che esamina il ruolo della costruzione sociale dei popoli. saluto di gara gioca sia sull’identità dell’individuo che sull’organizzazione strutturale della società. Le domande centrali per questo settore di ricerca, che altrimenti è incredibilmente difficile da ridurre a un termine collettivo, sono quindi come avere racismen preso una nuova forma? Come viene vissuto questo razzismo? E come si esprime nel tempo e nello spazio? Un campo di ricerca in cui Goldberg è stato uno dei ricercatori che definiscono l'agenda degli ultimi 30 anni con le sue analisi su come la continuazione della logica razziale sia ancora fondamentale in tutti i tipi di società nonostante la resa dei conti con il concetto di "razza".

La discussione sull'attivismo politico della teoria critica della razza è nata in seguito alla pubblicazione di Progetto 1619 nel 2019, il cui scopo era riscrivere la storia degli Stati Uniti dal punto di vista della tratta degli schiavi. Dall'apparizione nel talk show alquanto controverso Tucker Carlsen stasera, non c'è voluto molto perché Rufo fosse alla Casa Bianca, fornendo nuove armi ideologiche all'allora presidente Donald Trump per assicurarsi la sua rielezione solo due mesi dopo, nel 2020.

Perché mentre Rufo è solo il volto esterno, Goldberg mostra nel suo libro come una rete di una serie di organizzazioni conservatrici, think tank e media insieme formino quello che lui chiama "trufismo". Ciò che Goldberg chiama trufismo si riferisce al movimento politico nato dalla fusione delle rispettive visioni del mondo di Trump e Rufo. È un movimento che avanza affermazioni e si basa su incomprensioni su ciò che è la teoria critica della razza per poi svalutare le esperienze di razzismo e liquidarle come atti puramente individuali piuttosto che strutturali. Azioni che hanno l'unico scopo di cercare di mantenere e riprodurre un particolare ordine razziale che favorisce i corpi bianchi. E i cosiddetti "Trufers" sono quelli che diffondono queste affermazioni.

Il corpo maschile bianco

In tutto il libro, Goldberg fornisce un mare di esempi empirici concreti. Chiaramente indignato per la politicizzazione involontaria di un intero campo di ricerca, Goldberg porta il lettore tour de force degli equivoci che hanno permeato il dibattito sulla teoria critica della razza per poi contrastarli. Questo è ciò che Goldberg chiama un'errata lettura metodologica delle teorie, inclusi malintesi su cosa sia il "razzismo strutturale" o il discredito da parte di Trufer delle analisi intersezionali del daltonismo.

In linea con la precedente pubblicazione di Goldberg, Siamo già tutti postrazziali? (2015), la sua argomentazione generale in questo libro è che questa agenda anti-antirazzismo è un tentativo di riprodurre il razzismo il cui prodotto è una gerarchia razziale con il corpo maschile bianco posizionato al vertice.

Come mi ha chiesto uno studente durante una lezione in cui abbiamo discusso alcune di queste teorie critiche sulla razza nel contesto danese: di cosa si tratta? davvero, di cui loro [i Trufer danesi] hanno paura? Sebbene il libro si concentri sul contesto e sul dibattito americano, Goldberg mantiene il suo punto di vista La guerra alla teoria critica della razza una risposta altamente avvincente e ricca di sfumature al modo in cui un gruppo di persone cerca disperatamente di mantenere o riprodurre il proprio vecchio mondo mentre uno nuovo è agli inizi. Proprio questo rende il libro piuttosto rilevante in un contesto nordico.

Potrebbe piacerti anche