Eva Joly

Eva Joly: "La Norvegia è sola in Europa"


È stata definita pazza, gelida e rivoluzionaria dall'establishment francese ed è una partecipante esperta nell'arena politica più importante d'Europa. MODERN TIMES ha incontrato Eva Joly.

Scrittore di TEMPI MODERNI su questioni europee.
E-mail: Pfrisvold@gmail.com
Pubblicato: 12 gennaio 2017
aumentare

L'intervista è filmata Jonas Bangsund, e sarà presto incluso qui in una breve edizione a cura degli editori.

I francesi amano le rivoluzioni. Certamente quelli che succedono nelle strade. Ma non tutte le rivoluzioni francesi hanno avuto luogo negli ampi viali di Parigi. La posizione di Eva Joly non è stata molto cruenta, ma drammatica e non così importante quando, come giudice nell'ufficio del procuratore generale, ha messo un vertice di affari e comunità francesi dopo l'altro, e non ultimo in prigione, per corruzione ed evasione fiscale. Fu rivelata e condannata ex ministro degli Esteri e capo del Consiglio costituzionale francese - uno dei massimi funzionari del paese - Roland Dumas, che dovette lasciare l'incarico a causa della corruzione nell'elaborato caso Elf. Lo stesso valeva per un certo numero di persone bancarie e imprenditoriali, che erano stati condannati per corruzione grave e lasciati indietro. Pazzo, narcisista, freddo come il ghiaccio, rivoluzionario - poche accuse contro la coraggiosa donna norvegese mancavano dall'establishment francese. "Non capivano che non stavo cercando persone, ma il sistema che facilitava la corruzione", ha risposto alla critica. Eva Joly ha ora lanciato un altro sistema con lo stesso obiettivo: il sistema dell'UE e come può facilitare la lotta contro la corruzione e l'evasione fiscale. TEMPI MODERNI colpisce una donna energica e determinata di 73 anni che non intende rinunciare alla lotta contro alcune delle peggiori forze della società.

Entrare nell'iconico edificio del Parlamento europeo a Strasburgo non è facile. Controlli di sicurezza completi sono una cosa. Anche trovare l'ingresso giusto tra le colonne impennate è impegnativo. I corridoi sono stretti, gli ascensori lenti e gli uffici piccoli. Le persone si riversano dentro e fuori, circondate da assistenti, consulenti, giornalisti e lobbisti. Il ritmo è alto. Tutti vogliono peccato parlamentare nei discorsi, nelle lingue che non possiamo collocare, prima della votazione plenaria del mese - che si tratti di clima, corruzione o roaming. Sembra di trovarsi in un muro politico di formiche, lontano dagli oscuri corridoi pieni di pietre e spesso vuoti del parlamento norvegese.

cacciatore di corruzione. Incontriamo Eva Joly nel suo ufficio a Il Parlamento europeo, dove siede come rappresentante eletto per l'ottavo anno. Molti direbbero che ha fallito come candidata alla presidenza nel 2012, con il suo appena 2,5 per cento dei voti. Ma non ci sono dubbi sul fatto che lei goda di un enorme rispetto tra i francesi per il suo lavoro di cacciatrice di corruzione. Pertanto, è stata rieletta al Parlamento europeo dal Partito verde per il secondo mandato quinquennale nel 2014.

C'è poco che vogliamo discutere con l'unico parlamentare europeo della Norvegia. Il progetto dell'UE appare più traballante che mai: Brexit, Grecia, terrore, accordo con la Turchia, frontiere Schengen e disoccupazione giovanile sempre elevata. Inoltre, per molti, la cooperazione dell'UE sembra essere un mastodont burocratico in cui gli interessi dell'individuo scompaiono nella continua ricerca dell'élite di un potere sempre crescente. La gente ha paura che vengano prese decisioni sovranazionali a spese degli interessi dello stato nazionale nel promuovere la globalizzazione che porta alla povertà per la maggior parte delle persone e alla ricchezza per i pochi. Trump e Brexit dicono tutto. Come è possibile sedersi in un piccolo ufficio a Strasburgo e pensare di poter migliorare il mondo? chiediamo a Eva Joly.

Non riceviamo la risposta che molti a sinistra vogliono sentire: che il sistema capitalista ha fallito o che il modello liberale che ha dominato l'era postbellica sta cadendo. O che le quattro libertà della cooperazione UE sono una minaccia per l'identità e l'esistenza dello stato-nazione, come affermano le forze politiche sull'estrema destra. Sarebbe sbagliato affermare che Eva Joly non condivide questi argomenti, ma come partecipante all'arena politica più importante d'Europa, è appassionata di usare le istituzioni e i meccanismi che la cooperazione UE ha costruito negli ultimi 70 anni.

"Dobbiamo prendere sul serio i problemi che le persone stanno vivendo", afferma. Il populismo non risolve i problemi, ma non risolviamo i problemi, aumentiamo il populismo, ci provo - ma capisco rapidamente che ho aperto una porta aperta. Per Eva Joly, questo non è il tipo di politico che fa dichiarazioni generali ampie e imprecise. O per non parlare delle banalità. Joly è una donna d'azione. È abituata a usare i suoi diritti democratici e si morde in un sistema giudiziario infinito e intrecciato per affrontare le questioni più difficili. Quindi trasforma rapidamente la conversazione nei dettagli di come sta usando la sua ultima possibilità, il Parlamento europeo, per continuare la lotta contro la frode fiscale e la corruzione. Dopo otto anni, inizia a dominare l'arena più importante, ma forse meno compresa, dell'UE. Ora usa il parlamento per prendere iniziative politiche e creare alleanze tra colleghi di altri partiti e con le autorità degli Stati membri. Questo al fine di adottare una legislazione efficace che i suoi successori in Francia e in altri paesi dell'UE possano applicare. Eva Joly è senza dubbio il principale sostenitore dell'Europa per aver dato vita alla corruzione e alla frode fiscale.

Procuratore europeo. La sua risposta a ciò che l'UE può fare per evitare il crescente populismo è chiaramente nella categoria "più UE piuttosto che meno". Troppo spesso l'incapacità della nazione di sollevare i capelli e gli strumenti per affrontare problemi specifici che vuole affrontare. Pertanto, incontra il populismo stabilendo meccanismi che possono affrontare aree in cui la società ha fallito. Silenziosamente, ma energicamente, parla della preziosa collaborazione con il collega tedesco Sven Giegold per la creazione di una procura europea: "Sai, non possiamo combattere la corruzione con armi di 200 anni", dice, riferendosi alla pratica inutile di oggi di " rivendicazioni legali internazionali ».

"Espulsione forzata di giovani siriani di notte a 28 gradi di freddo da Kirkenes alla Russia, considerata un paese sicuro? All'inizio non lo dimenticherò. "

"Abbiamo bisogno di un pubblico ministero europeo, un pubblico ministero di livello europeo in grado di indagare sulla corruzione e sull'evasione dell'IVA attraverso le frontiere. Decine di miliardi di euro si chiedono ogni anno ”, sottolinea Joly. Insieme a Giegold, ha raggiunto un compromesso che rispetta la sovranità dei tribunali nazionali degli Stati membri, mentre allo stesso tempo possono svolgersi indagini a livello europeo. L'idea è quella di creare un college in cui ogni paese mandi un procuratore statale. Dovrebbero essere in grado di investigare reciprocamente i paesi in gruppi di tre e tre. In questo modo, possono indagare sullo stesso caso in più paesi contemporaneamente, coordinati da Bruxelles. Ciò creerà la distanza necessaria tra l'avvocato del governo e le autorità. Perché come avvocato statale in casi di corruzione globali e internazionali, Joly sa per esperienza personale come funziona il sistema legale: "I ministri della giustizia attiva non saranno più in grado di dire 'state attenti qui' - e quindi rintracciano le indagini che possono causare crisi politiche, come la mancanza di risultati di indagini. negli spettacoli in Italia e Francia ", afferma.

In qualità di relatrice per il disegno di legge su un procuratore europeo, Eva Joly ha portato la proposta da un progetto di nicchia per i Verdi a un'iniziativa ampiamente accettata da un unico Parlamento europeo. Insieme a colleghi di altri paesi dell'UE, anche in altri importanti gruppi di partiti, ha coordinato un'intensa attività di lobby con governi e ambienti politici nei principali paesi membri. La vittoria è stata quella di convincere la Germania a concordare che l'evasione IVA dovrebbe essere inclusa nel mandato. La delusione è stata grande quando la Svezia, di tutti i paesi, ha girato il pollice durante il voto in seno al Consiglio dei ministri dell'UE, l'altro organo legislativo dell'UE, portando così i soliti "colpevoli" - paesi dell'Europa centrale e orientale che non vogliono cambiare.

"Ma non ci arrendiamo", sottolinea Joly. C'è una piccola possibilità che i capi di stato dell'UE esercitino la pressione necessaria sulla Svezia, i Paesi Bassi e gli altri scettici al vertice di marzo 2017. "Il consiglio spesso annega nella mediocrità e nei suoi interessi", aggiunge. "Il piano B è quello di promuovere la proposta ai sensi dell'articolo del trattato di Lisbona sulla cooperazione rafforzata - che almeno nove Stati membri possano unirsi sul proprio progetto." Con Francia e Germania all'avanguardia, Joly spera di includere 15, forse 20 Stati membri, e quindi stabilire un diritto sovranazionale cooperazione vincolante per la lotta alla corruzione. Qualcosa per la Norvegia? Io penso Ma mi spegne rapidamente. Non abbiamo stati di mafia qui a casa. Fino a quando Joly alza gli occhi sugli occhiali distintivi e mi guarda severamente: "Sia il procuratore generale che il leader dell'eco-criminalità avrebbero dovuto dimettersi dopo aver deferito il caso Transocean, dove Økokrim ha ritirato il caso di appello prima che si presentasse alla Corte d'appello di Borgarting. Puoi citarmi su questo. "

Ma i cittadini allora, Joly? Siamo in grado di adottare tutti i tipi di regole senza avvantaggiare i cittadini?

"Gli europei sono gli unici cittadini al mondo che hanno le proprie normative sulla qualità dell'acqua potabile, sull'uso di sostanze chimiche pericolose e sull'inquinamento atmosferico", risponde. "Sì, la Francia ha sacrificato la salute delle persone per salvare la famiglia Peugot (con riferimento al prelievo fiscale sui motori diesel), ma oggi la Francia è soggetta a gravi multe da parte della Corte di giustizia europea. La Francia potrebbe anche perdere il diritto di voto nel Consiglio dei ministri dell'UE se non liberano l'inquinamento atmosferico pericoloso per la salute. "Joly non incolpa il fabbro - non incolperà l'UE per i paesi dell'UE nemmeno applicando la legislazione che essi stessi hanno negoziato, adottato e attuato .

Non fidarti degli Stati Uniti. Non è stata solo l'ingenuità norvegese e la convinzione nel bene a far sì che Eva Joly abbia successo in Francia. Era prima di tutto la sua resistenza e la capacità di infrangere il codice dei pianificatori fiscali. Dopo quasi otto anni al Parlamento europeo, sta infrangendo un nuovo codice: vuole creare e applicare regolamenti a livello UE nella lotta contro i paradisi fiscali - una lotta che nessuno stato-nazione può vincere da solo. Con colleghi tedeschi e britannici, ha pubblicato tre studi su Ikea, BASF e le società madri del colosso dell'abbigliamento Zara. I rapporti mostrano quanto e in che modo le società hanno eluso le tasse usando scappatoie. "Questi sono imperi che forniscono una base per cambiare la legislazione", afferma. Una nuova direttiva sulla contabilità impedirà la vecchia pratica. Ancora una volta l'iniziativa è nata nel suo gruppo di partito in parlamento, i Verdi, ma la proposta è stata ora accettata da tutti i principali gruppi di partito. Per il momento, il segretariato del Consiglio dei ministri dell'UE si oppone, poiché ritengono che si occupi di politica fiscale che richiederà l'unanimità di tutti gli Stati membri dell'UE - che in pratica è quasi impossibile. Il Parlamento insiste sul fatto che ciò si applica al diritto commerciale ed è disciplinato dal trattato. L'ondata di definizione è in corso, ma sembra che Joly abbia un piano che può avere successo.

“Nonostante tutti i punti deboli del sistema dell'UE, sono convinto che sia possibile apportare un cambiamento. Sono molto ottimista, perché so che è utile ", afferma Joly. L'incertezza politica che Brexit e Trump hanno provocato, si apre in larga misura a un migliore ascolto e sostegno alle idee e ai suggerimenti del partito I Verdi hanno discusso a lungo. "Imporremo tariffe su tutti i beni scaricati sul mercato europeo", afferma riferendosi agli sforzi della commissaria svedese Cecilia Malmström per introdurre nuove misure di politica commerciale nei confronti della Cina e di altri paesi che vendono prodotti nell'UE a un prezzo inferiore. i costi per produrli. Lo stesso vale per i paesi che non rispettano i diritti umani o i cambiamenti climatici. Una tassa sul carbonio per le merci provenienti da paesi senza misure climatiche è ora sulle scale - qualcosa che i colleghi francesi di Jolie Yannick Jadot ed Emmanuel Martin hanno sostenuto a lungo. L'UE deve inoltre essere in grado di controllare meglio le frontiere esterne comuni dei paesi Schengen. E, ultimo ma non meno importante, Joly è desideroso che i paesi dell'UE costruiscano una difesa comune mettendo le nostre capacità militari sotto il comando congiunto. "Non possiamo più fare affidamento sugli Stati Uniti", osserva Joly.

L'opinione lo ha capito. Eva Joly vuole mostrare che il lavoro è utile. “Dobbiamo fare cose straordinarie. C'era solo una cosa che ho trascurato quando sono stato deriso da leader e politici in Francia e Norvegia: ci vuole una generazione per passare dall'idea alla realtà. Ci vogliono 20-25 anni per ottenere il cambiamento. ”Sottolinea un'altra persona forte: Margrethe Vestager (commissario europeo per la concorrenza). "La decisione di Vestager di imporre un'ammenda di $ 13 miliardi ad Apple cambierà il modo in cui operano le multinazionali", afferma Joly. Spiega che solo l'UE, attraverso il suo totale potere economico e politico, può attuare tali misure. "Nessun singolo stato sarebbe stato in grado di combattere da solo. Ora ci sono molte altre questioni in sospeso. "La Commissione ha basato la politica di concorrenza dell'UE nella sua accusa di Apple - pretendere che l'ottimizzazione fiscale rappresenti un aiuto di Stato illegale in quanto vi è un vantaggio che altre aziende non possono godere. E le violazioni della politica di concorrenza dell'UE significano che i CFO e gli avvocati che hanno progettato il sistema sono personalmente responsabili del loro lavoro e possono essere puniti. "Non l'hanno ancora capito", dice Joly con un piccolo sorriso. "I tempi stanno cambiando - l'opinione pubblica l'ha capito: le multinazionali che stanno ottimizzando in modo aggressivo le tasse, in realtà operano con imbrogli fiscali - e saranno assicurate alla giustizia. Ciò è stato raggiunto dall'UE ", afferma.

E la Norvegia? In una delle più grandi assemblee elette democraticamente al mondo da 28 paesi europei, ci sono oltre 750 rappresentanti. Nessuno di loro viene dalla Norvegia. Un'ultima domanda naturale da porre all'unico rappresentante della Norvegia al Parlamento europeo è come viene percepito il ruolo della Norvegia in Europa.

"La Norvegia è sola", risponde Joly. “La Norvegia è stata per molti versi un modello nello sviluppo globale e nel lavoro di pace internazionale, ma penso che il ruolo stia diventando sempre più poco chiaro. La Norvegia non ha fatto sentire la sua voce nella più grande crisi in Europa, che siamo nel mezzo di oggi, vale a dire la crisi migratoria. Al contrario, l'atteggiamento della Norvegia è stato quasi osceno. Espulsione forzata di giovani siriani di notte a 28 gradi di freddo da Kirkenes a Murmansk - considerato un paese sicuro? All'inizio non lo dimenticherò. "

Spingo che potremmo aver bisogno della sua voce nel dibattito norvegese. "Certo, ma ha bisogno di più in Francia!" Viene immediatamente dal suo consigliere in Parlamento mentre Joly ci lascia. Deve votare nella sessione plenaria del Parlamento europeo. Dopotutto, è qui che viene creata la politica.

 

Abbonamento NOK 195 quarti