Teatro della crudeltà

Principi della Carta delle Nazioni Unite per un multilateralismo efficace e una cooperazione paritaria

NAZIONI UNITE: NUOVI DIECI / stampa qui il discorso del ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov al Consiglio di sicurezza dell'ONU a New York il 20 settembre 2023. Egli sottolinea che la Carta dell'ONU è la pietra angolare dell'attuale legislazione internazionale – che non è stata seguita in termini di pace e sicurezza in Ucraina. Lavrov sottolinea inoltre che la Costituzione ucraina prevede che lo Stato sia obbligato a rispettare i russi e le altre minoranze etniche. Secondo Lavrov sono i paesi occidentali che non vogliono superare la profonda crisi che si è creata nelle relazioni internazionali. Qui hai l'opportunità di (e con ORIENTERINGs diversi articoli) da leggere e valutare da soli.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Signore. presidente, segretario generale, colleghi.

L’ordine internazionale così come esiste oggi è sorto sulle rovine della Seconda Guerra Mondiale e affonda le sue radici in questa immane tragedia. La Carta delle Nazioni Unite costituisce la pietra angolare come la fonte più importante del diritto internazionale odierno. È in gran parte grazie alle Nazioni Unite che una nuova guerra mondiale, che avrebbe potuto provocare un disastro nucleare, è stato scongiurato.

da den chiamare la guerra Era finita, purtroppo l’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti ha usurpato il diritto di dirigere l’intero destino dell’umanità. E spinto da un eccezionalismo, ha cominciato a ignorare sempre più spesso e in misura sempre maggiore i fondatori dell'ONU. Oggi, l’Occidente utilizza le norme e i principi del patto come meglio crede, caso per caso, a seconda di come serve i propri interessi geopolitici. Ciò fa sì che il mondo diventi sbilanciato, che i vecchi conflitti globali crescano e che ne sorgano di nuovi. Per ridurre i conflitti e trovare soluzioni pacifiche Russia ha insistito, e continua a insistere, affinché tutti condividano La Carta delle Nazioni Unite vengono rispettati e presi in considerazione. Questi formano un insieme coerente e non sono individui separati. Ciò vale, ad esempio, per il principio di uguaglianza tra i paesi, di non ingerenza negli affari interni degli stati, di rispetto dell’integrità territoriale e del diritto dei popoli alla autodeterminazione. Tutti sono inclusi come singole parti importanti, ma devono essere considerati nel loro insieme. Tuttavia, vediamo che l’equilibrio tra le richieste stabilite nel patto viene calpestato dagli Stati Uniti e dai loro alleati.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno interferito sistematicamente Ukrainas affari interni dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica [nel 1991] in modo evidente, quando l’Unione Sovietica fu sostituita da singoli stati indipendenti. Alla fine del 2013, la vicesegretaria di Stato americana Victoria Nuland ha ammesso pubblicamente, e anche con un certo orgoglio, che USA aveva speso 5 miliardi di dollari per pagare i politici di Kiev disposti a eseguire gli ordini dell’Occidente.

I fatti su come è nata la crisi in Ucraina sono noti da tempo. Si sta facendo di tutto per nascondere tutto questo sotto il tappeto perché si è voluto ignorare tutto ciò che è accaduto prima del 2014. Ecco perché il tema dell'incontro di oggi, proposto dal governo albanese, è così importante. Ci dà l’opportunità di ricreare il corso degli eventi basandosi sul modo in cui i principali attori hanno rotto con lo scopo e i principi della Carta delle Nazioni Unite.

Nel 2004 e nel 2005, l’Occidente cercò di insediare un candidato filoamericano alla guida dell’Ucraina. Pertanto hanno dato il via libera al primo attentato contro il governo di Kiev. Hanno costretto il parlamento ucraino ad adottare e tenere un terzo turno delle elezioni presidenziali, anche se la costituzione del paese non lo autorizzava.

L’Occidente ha agito ancora più brutalmente quando nel 2013 e nel 2014 si è infiltrato in Ucraina durante la seconda rivolta di Maidan. A quel tempo, persone provenienti dall'Occidente visitarono il paese, una dopo l'altra, per incoraggiare i partecipanti alle manifestazioni contro il governo a usare mezzi violenti. È stata la stessa Victoria Nuland a discutere del futuro gabinetto da insediare in consultazione con l'ambasciatore americano. Allo stesso tempo, ha mostrato quale sia il posto dell’Unione Europea sulla scena politica internazionale, per come la vede Washington. Ricordiamo le due parole che ha detto ["Fuck EU"] e questo è abbastanza significativo EU accettato questo.

Si è deciso di rimuovere tutto ciò che era russo, compresa l’istruzione, i media e la cultura, nonché la distruzione di libri e monumenti e la messa al bando della Chiesa ortodossa ucraina.

I principali attori del sanguinoso colpo di stato del febbraio 2014 sono stati scelti con cura dagli americani e hanno partecipato al sanguinoso colpo di stato del febbraio 2014. Permettetemi di ricordarvi che questo colpo di statoè stato organizzato il giorno dopo la nomina del presidente legalmente eletto dell'Ucraina, Viktor Yanukovich, aveva stretto un accordo con i leader dell'opposizione, e poi con Germania, Polonia e Francia come garanti. Il principio di non ingerenza negli affari interni è stato calpestato – ancora e ancora.

Subito dopo il colpo di stato, i golpisti dichiararono che la loro priorità principale era limitare i diritti della popolazione di lingua russa. Hanno chiamato i residenti Krim e nelle regioni del sud-est che hanno rifiutato di accettare il colpo di stato illegale, a favore dei "terroristi" e hanno adottato misure punitive contro di loro. La Crimea e il Donbass hanno risposto organizzando elezioni nel pieno rispetto del principio dell’uguaglianza dei diritti dei popoli e del diritto all’autodeterminazione, diritto sancito dall’articolo 1, paragrafo 2 della La Carta delle Nazioni Unite.

I neonazisti ucraini che presero il potere Kiev, non rappresentava la popolazione della Crimea o del Donbass. Nel caso dell’Ucraina, diplomatici e politici occidentali hanno chiuso un occhio su questo principio fondamentale del diritto internazionale. Sostenevano che queste elezioni costituissero da sole una violazione inaccettabile dell’integrità territoriale. A questo proposito vorrei ricordare la dichiarazione delle Nazioni Unite del 1970 sul diritto internazionale riguardante le relazioni pacifiche e la cooperazione tra le nazioni. Si afferma che il principio di integrità territoriale si applica agli "Stati che aderiscono ai principi di uguaglianza dei diritti e di autodeterminazione e quindi hanno un governo che rappresenta tutti coloro che vivono nell'area". È chiaro che i neonazisti ucraini che presero il potere a Kiev non rappresentavano né la popolazione della Crimea né quella della Crimea Donbass. Per quanto riguarda il chiaro sostegno dato dalle capitali occidentali al regime criminale di Kiev, si è trattato semplicemente di una violazione del principio di autodeterminazione, oltre che di un’interferenza illegale negli affari nazionali.
Genere.

Dopo questo colpo di stato, la presidenza passò a Peter Poroshenko e poi a Vladimir Zelensky in Ucraina leggi razziste per rimuovere tutto ciò che esiste russisco, tra cui l'istruzione, i media, la cultura, nonché la distruzione di libri e monumenti, la messa al bando della Chiesa ortodossa ucraina e la confisca dei suoi beni.

Ora stanno discutendo se rendere un reato penale l'uso della propria lingua madre, il russo.

Tutto questo era chiaro abuso contro l'articolo 1, paragrafo 3 della Carta delle Nazioni Unite, il quale afferma che i diritti umani e le libertà fondamentali devono essere rispettati per tutti senza distinzione di razza, sesso, lingua o religione. Inoltre, le leggi violano la costituzione ucraina, secondo la quale lo Stato è obbligato a rispettare i russi e le altre minoranze etniche.

Quando si sente la richiesta di seguire la cosiddetta formula di pace e di riportare l’Ucraina entro i confini del 1991, sorge la seguente domanda: coloro che lo richiedono sono consapevoli della dichiarazione della leadership ucraina su ciò che intendono fare con le persone che vivono in queste zone? Queste persone hanno subito minacce pubbliche di essere spazzate via, legalmente o fisicamente. Non solo l’Occidente non è stato disposto a negare il proprio sostegno a Kiev, ma ha incoraggiato con entusiasmo le sue politiche razziste.

Allo stesso modo, l'UE e NATO per decenni ha incoraggiato la Lettonia e l’Estonia nei loro sforzi volti a negare i diritti a centinaia di migliaia di cittadini di lingua russa definendoli non cittadini del paese. Ora si discute se rendere reato l'uso della propria lingua materna. Gli alti funzionari hanno dichiarato pubblicamente che fornire informazioni agli studenti su come frequentare le lezioni a distanza nelle scuole russe deve essere considerato un rischio per la sicurezza nazionale e porterà ad azioni giudiziarie.

Angela Merkel, François Hollande e Peter Poroshenko hanno dichiarato pubblicamente che non avevano intenzione di dare seguito alle decisioni prese al momento della firma dell'accordo di Minsk.

Ma torniamo all’Ucraina. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato il sostegno L'accordo di Minsk del febbraio 2015 con riferimento all'articolo 36 della Carta delle Nazioni Unite che sostiene “qualsiasi misura volta a risolvere le divergenze tra le parti”. In questo caso sono state incluse Kiev, DPR e LPR [Repubblica popolare di Donetsk e Repubblica popolare di Lugansk]. Tuttavia, non senza una certa soddisfazione, tutti i firmatari dell'Accordo di Minsk (a parte Vladimir Putin), cioè Angela Merkel, François Hollande e Peter Poroshenko, hanno dichiarato pubblicamente di non avere intenzione di dare seguito alle decisioni prese al momento della firma. Ciò che volevano era guadagnare tempo per rafforzare l’esercito ucraino fornendo al paese più armi per combattere la Russia. Per tutti questi anni, l’UE e la NATO hanno sostenuto Kiev nel sabotaggio dell’accordo di Minsk, incoraggiandola allo stesso tempo a usare la forza per risolvere il disaccordo nel Donbass. Tutto ciò in violazione dell'articolo 25 della Carta delle Nazioni Unite, il quale afferma che tutti i membri delle Nazioni Unite devono “accettare e attuare le decisioni del Consiglio di Sicurezza”.

DALLA FIRMA DELLA CARTA DELL’ONU

Permettetemi di ricordarvi che l'accordo di Minsk è stato sostenuto dai leader di Russia, Germania, Francia e Ucraina. Lì, Berlino e Parigi intraprendono diversi compiti, tra cui aiutare il Donbass a ripristinare il proprio sistema bancario. Ma per farlo non hanno mosso un dito. Ciò che hanno fatto è stato assistere silenziosamente all’imposizione da parte di Peter Poroshenko di un blocco commerciale, economico e dei trasporti contro il Donbass, nonostante tutti gli impegni presi. Nella stessa dichiarazione, Berlino e Parigi si sono impegnate a facilitare la cooperazione trilaterale tra Ue, Russia e Ucraina per evidenziare il coinvolgimento della Russia nel commercio, e anche per promuovere “la creazione di uno spazio umanitario ed economico dall'Atlantico al Pacifico”. Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha aderito a questa dichiarazione [scritta], rendendola vincolante ai sensi dell'articolo 25 della La Carta delle Nazioni Unite, come ho già accennato. Ma questo impegno, assunto dai leader di Germania e Francia, si è rivelato di nessun valore ed è diventato un altro esempio di violazione della Carta delle Nazioni Unite.

Il leggendario ministro degli Esteri dell'URSS, Andrej Gromyko, si dice spesso, e giustamente, che "dieci anni di conversazione sono meglio di un giorno di guerra". In linea con questo assioma, abbiamo trascorso molti anni nei colloqui in cui abbiamo cercato un accordo sulla sicurezza europea. Abbiamo approvato l’Accordo di base Russia-NATO e la Dichiarazione OSCE sulla sicurezza indivisibile al massimo livello nel 1999 e nel 2010. Dal 2015, abbiamo insistito affinché L'accordo di Minsk è stato realizzato senza eccezioni, come concordato durante i colloqui. Ci riferiamo qui alla Carta delle Nazioni Unite, che sottolinea l'instaurazione di "relazioni basate sulla giustizia e sul rispetto degli obblighi derivanti dagli accordi e da altre fonti del diritto internazionale". Anche i nostri colleghi occidentali hanno calpestato questi principi firmando i documenti, sapendo di non volerli rispettare.

Né rifiuteremo ora i colloqui. Il presidente della Russia lo ha detto più volte, ultimamente molto recentemente. Vorrei ricordare al ministro degli Affari esteri che il presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelenskyj, ha firmato un decreto che vieta i colloqui con il governo di Vladimir Putin. Se gli Stati Uniti sono interessati a tali colloqui, spetta solo a loro dare l’ordine di Zelenskyj di annullare questa decisione.

Oggi la retorica dei nostri oppositori è piena di slogan come “invasione”, “aggressione”, “annessione”. Non dicono in una parola qual è il nocciolo del problema, cioè che da molti anni sostengono lo Stato di diritto regime nazista che hanno riscritto la narrativa della Seconda Guerra Mondiale e la storia del loro stesso popolo. L’Occidente non vuole avere una discussione sostanziale basata sui fatti e sul rispetto di tutti i presupposti della Carta delle Nazioni Unite, probabilmente perché non vuole un dialogo onesto e aperto.

Il Donbass doveva essere reintegrato nell'Ucraina a condizione che fosse garantito il pieno rispetto dei diritti umani fondamentali, in primo luogo il diritto alla propria lingua.

Si ha la forte impressione che i rappresentanti occidentali abbiano paura dei dialoghi professionali in cui viene messa a nudo la loro vuota retorica. Mentre cantano le loro canzoni di integrità territoriale in Ucraina, le ex potenze coloniali tacciono sulla risoluzione dell’ONU che invita la Francia a restituire l’isola di Mayotte a Comros, e la Gran Bretagna a rinunciare alle Isole Chagos e a riprendere i negoziati con l’Argentina sulle Isole Falkland. I difensori dell'integrità territoriale dell'Ucraina sembrano aver dimenticato il nocciolo dell'accordo di Minsk, secondo il quale il Donbass dovrebbe essere reintegrato nell'Ucraina a condizione che sia garantito il pieno rispetto dei diritti umani fondamentali, in primo luogo il diritto alla propria lingua. L'Occidente, che ha ostacolato tutto ciò, è direttamente responsabile della disintegrazione dell'Ucraina e dell'incitamento alla guerra civile.

Per quanto riguarda i principi della Carta delle Nazioni Unite che avrebbero potuto prevenire le crisi di sicurezza in Europa e contribuire a creare misure di fiducia basate sull’equilibrio tra interessi, citerei l’articolo 2 del capitolo VIII. Incoraggia lo sviluppo del consenso nelle controversie locali attraverso le organizzazioni regionali.

In conformità con questo principio, la Russia e i suoi alleati hanno sistematicamente incoraggiato i contatti tra CSTO (Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva) e la NATO per promuovere il seguito delle risoluzioni sulla sicurezza globale adottate dall'OSCE [Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa] nel 1999 e nel 2010. Si afferma che "nessuno Stato, gruppo di Stati o organizzazione potrà avere autorità superiore per mantenere la pace e la stabilità nell'area CSTO o per considerare l'area CSTO come la propria sfera di influenza".

È chiaro a tutti che questo è esattamente ciò che ha fatto la NATO. Hanno cercato di stabilire un dominio totale, prima in Europa e ora anche nella regione dell’Asia e del Pacifico. I ripetuti appelli della CSTO alla NATO sono stati ignorati. La ragione dell’arroganza degli Stati Uniti e dei suoi alleati è la loro riluttanza a discutere con chiunque. Se la NATO non avesse rifiutato l'offerta di cooperazione della CSTO, ciò avrebbe potuto impedire molti dei processi negativi che hanno portato alle attuali crisi in Europa. Ciò è dovuto al loro rifiuto di ascoltare la Russia per decenni.

Quando oggi discutiamo di “multilateralismo efficace” su iniziativa della presidenza, dovremmo ricordare tutte le volte in cui l'Occidente ha rifiutato qualsiasi forma di cooperazione paritaria. Un esempio scioccante è la frase to Josep Borrel, il quale affermava che "l'Europa è un giardino, il resto del mondo è soprattutto una giungla". Questa è una chiara sindrome neocoloniale e una prova di mancanza di rispetto sovranità e l’uguaglianza tra gli Stati. L’obiettivo deve essere quello di un utilizzo efficiente multilateralismo difendere i principi della Carta delle Nazioni Unite di cui discutiamo oggi.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno assunto sempre più apertamente il segretariato delle organizzazioni internazionali per impedire che la cooperazione internazionale diventi più democratica. Violano le procedure stabilite per creare sistemi di non consenso che possono controllare e utilizzare per condannare chiunque non gli piaccia Washington.

A questo proposito vorrei ricordarvi che non sono solo gli Stati membri, ma anche il Segretariato delle Nazioni Unite a dover rispettare rigorosamente la Carta delle Nazioni Unite. L'articolo 100 della Carta delle Nazioni Unite afferma che il Segretariato delle Nazioni Unite deve prendere decisioni senza pregiudizi e "non deve chiedere né ricevere istruzioni da alcun governo".

Ho già citato l'articolo 2 della Carta delle Nazioni Unite e vorrei sottolinearne il principio fondamentale: "L'organizzazione si fonda sul principio di uguaglianza per tutti i membri." In conformità a ciò, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha deciso, il 24 ottobre 1970, come ho già accennato, di confermare che "ogni Paese ha il diritto completamente indipendente di scegliere la propria politica ed economia, nonché il proprio sistema sociale e culturale, senza ingerenza in alcun lontano da altri Stati”.

A questo proposito, abbiamo alcune domande serie da rivolgere al Segretario generale António Guterres, che il 29 marzo 2023 ha affermato che "la leadership autoritaria non è garanzia di stabilità, ma un catalizzatore di caos e conflitti", mentre "esistono regimi democratici forti dove l'autocorrezione e l'auto-miglioramento sono possibili. Possono consentire un cambiamento – anche radicale – senza spargimento di sangue e uso della forza”. Ciò fa venire in mente i "cambiamenti" che seguirono le misure dei "regimi democratici forti" in Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria e molti altri paesi. Guterres ha proseguito affermando che "i {regimi democratici forti} sono centri di cooperazione fondamentale, basati sul principio di uguaglianza, cooperazione e solidarietà". Vale la pena notare che queste dichiarazioni sono state fatte durante l'incontro nella "roccaforte della democrazia", ​​ospitato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden fuori dagli auspici delle Nazioni Unite, e dove i partecipanti venivano selezionati dall’amministrazione statunitense in base alla loro lealtà, non tanto a Washington, quanto al Partito Democratico al potere. Il tentativo di utilizzare tali incontri di amici per discutere questioni globali è in netto contrasto con il paragrafo 4 dell’articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite, che afferma che lo scopo delle Nazioni Unite è “essere un centro per l’armonizzazione del lavoro delle nazioni per raggiungere questi obiettivi comuni”.

Contrariamente a questo principio, Francia e Germania hanno annunciato che avrebbero stabilito un'alleanza per il multilateralismo e hanno invitato i paesi obbedienti a parteciparvi». Ciò conferma l'atteggiamento coloniale degli iniziatori e il loro rapporto con il multilateralismo effettivo di cui discutiamo oggi. Allo stesso tempo, promuovono la narrazione dell’UE come esempio ideale di “multilateralismo”.

Oggi Bruxelles lavora per l’allargamento dell’UE il più rapidamente possibile, soprattutto nei Balcani. Ma non si concentrano né sulla Serbia né sulla Turchia, che da anni organizzano trattative senza senso, bensì sull’Ucraina. Josep Borrel, che ha assunto il ruolo di ideologo dell'integrazione europea, è recentemente arrivato al punto di chiedere progressi nel processo di incorporazione del regime di Kiev nell'UE. Secondo lui, l'annessione dell'Ucraina senza la guerra avrebbe richiesto diversi anni, ma ora il paese può e deve essere ammesso senza condizioni. Serbia e Tacchino Bisogna quindi attendere, ma un regime nazista può aderirvi senza ulteriori indugi.

"La democrazia scaturisce dalla Carta delle Nazioni Unite."

Il Segretario generale dell'ONU ha affermato in questo "vertice per la democrazia" che "la democrazia scaturisce dalla Carta dell'ONU. La sua frase di apertura "noi, umanità" riflette la fonte fondamentale dell'autorità legittima: l'adesione dei governati". Vorrei paragonare questa tesi con ciò che ha fatto il regime di Kiev, entrando in guerra contro gran parte della sua stessa popolazione: i milioni di persone che non hanno dato il loro consenso a essere governati dai neonazisti e dai russofobi – questi ultimi che hanno usurpato potere nel paese e seppellirono l’accordo di Minsk, approvato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, distruggendo così l’integrità territoriale dell’Ucraina.

Coloro che dividono il mondo in società “democratiche” e “autocratiche”, in diretta violazione della Carta delle Nazioni Unite, dovrebbero chiedersi a quale di questi due tipi di società appartiene Kiev. Tuttavia non mi aspetto una risposta.

Quando si tratta dei principi della Carta delle Nazioni Unite, dovremmo esaminare il rapporto tra il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e l’Assemblea Generale. Il 'gruppo' occidentale sostiene da tempo con forza l'idea dell''abuso del veto', e ha assicurato – facendo pressione sugli altri Stati membri dell'ONU – di adottare un provvedimento per convocare un'Assemblea generale ogni volta che il veto sarà imposto utilizzato [nel Consiglio di Sicurezza], anche se è l’Occidente a provocarlo sempre più spesso.

Tuttavia, non lo consideriamo un problema. La posizione della Russia su tutte le questioni all'ordine del giorno è a disposizione di chiunque voglia vederla. Non abbiamo nulla da nascondere e non ci è difficile riproporre le nostre posizioni. Inoltre, il veto è uno strumento legittimo sancito dalla Carta delle Nazioni Unite per prevenire decisioni che potrebbero dividere l’organizzazione. Ma poiché ora è stata adottata la procedura di discutere ogni veto in una riunione dell’Assemblea Generale, forse possiamo anche discutere quelle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che sono già state adottate (comprese quelle adottate molti anni fa) ma non sono mai state attuate – contrariamente a quanto previsto disposizioni dell’articolo 25 della Carta delle Nazioni Unite? Perché l’Assemblea Generale non può discuterne il motivo, ad esempio con riferimento alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sulla Palestina e su tutta la gamma di questioni relative al Medio Oriente e al Nord Africa, JCPOA (Piano d’azione congiunto globale) o la Risoluzione 2202 del Consiglio di Sicurezza, che ha adottato l’Accordo di Minsk sull’Ucraina?

Occorre prestare attenzione anche alla questione delle sanzioni. È diventata pratica quella dopo Consiglio di Sicurezza hanno approvato sanzioni contro un determinato paese dopo lunghe discussioni e in conformità con la Carta delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno imposto le proprie sanzioni aggiuntive contro lo stesso paese, ma ora senza l’approvazione del Consiglio di Sicurezza. Oppure hanno incluso queste sanzioni in una risoluzione del Consiglio nel quadro di un pacchetto coordinato. Un esempio deplorevole è la recente decisione di Germania, Francia e Regno Unito di utilizzare le loro leggi nazionali per estendere le restrizioni nei confronti dell’Iran, che altrimenti sarebbero terminate in ottobre con la risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza. In altre parole, i paesi europei hanno annunciato che non lo faranno preoccupatevi che la decisione del Consiglio di Sicurezza sia scaduta, dato che hanno le loro "regole".

Questo è il motivo per cui è così importante prendere in considerazione una decisione che significhi che nessuno ha il diritto di svalutare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sulle sanzioni includendo le proprie restrizioni illegittime contro lo stesso paese.

Inoltre, tutte le sanzioni adottate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbero avere a data di scadenza. Questo perché la mancanza di una scadenza mina la flessibilità del Consiglio in termini di capacità di influenzare le politiche dei governi sanzionati.

Occorre considerare anche “i limiti umanitari derivanti dalle sanzioni”. Avrebbe senso se la bozza delle proposte di sanzioni al Consiglio di Sicurezza includesse la valutazione delle loro possibili conseguenze umanitarie. Questo dovrebbe essere preparato dal Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, piuttosto che con una vuota retorica affermando che “la gente comune non soffrirà”.

Onorevoli colleghi, i fatti ci dimostrano che esiste una profonda crisi nelle relazioni internazionali e che i paesi occidentali non hanno né il desiderio né la volontà di superare questa crisi. Spero che ci sia una via d'uscita e che possiamo trovarla. Ma prima dovremmo tutti riconoscere che abbiamo una responsabilità per l’organizzazione e il futuro del mondo in un contesto storico e non sulla base di considerazioni elettorali populiste a breve termine nel singolo paese membro.

Un ordine mondiale equo e multicentrico è garanzia di uno sviluppo stabile e sicuro.

Vorrei ripetere che quando i leader mondiali firmarono la Carta delle Nazioni Unite 80 anni fa, accettarono di rispettare l’uguaglianza sovrana di tutti i paesi, siano essi grandi o piccoli, ricchi o poveri, regni o repubbliche. In altre parole, riconoscevano l’importanza di un ordine mondiale egualitario e policentrico come garanzia di uno sviluppo stabile e sicuro.

Pertanto, oggi non si tratta di dare il consenso a un “mondo basato su regole”.
ordine", ma sull'adempimento degli obblighi che tutti abbiamo assunto quando abbiamo firmato e ratificato la Carta delle Nazioni Unite, nella sua piena estensione.

 

Tradotto dall'inglese da John Y. Jones.

Articoli Correlati