Teatro della crudeltà

Tutti possiamo essere come Paolo

Paul
Forfatter: Pier Paolo Pasolini
Forlag: Existenz Forlag (Norge)
PASOLINI / L'apostolo Paolo mostra il potere rivoluzionario di lottare per una causa che sfida il solito modo di vivere. Paolo diventa il simbolo della creazione di una nuova realtà e della sconfitta del potere egemonico. Ma possiamo immaginare che ci sia un Paolo nell'Israele di oggi?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Gli anni sono 1938-1944, è la seconda guerra mondiale. Con il regista italiano Pier Paolo Pasolini trasforma Paulus dall'essere un fascista conservatore reazionario nella Parigi di Philippe Pétain all'adesione al movimento di resistenza antifascista. Per Paul diventato antifascista, fu un ardente collaboratore delle SS, uno che, nella rappresentazione di Pasolini, uccise comunisti e combattenti della resistenza con un sorriso feroce su un volto fanatico.

Žižek e Badieu

Collocando Paolo in tale contesto, Pasolini mostra come la figura dell'apostolo può avere una forza rivoluzionaria nella realtà del presente. È una cosa che hanno fatto davanti al regista anche diversi filosofi e teologi. In un punto Slavoj Žižek scrive che se Marx era Gesù, Paolo è Lenin: Paolo rappresenta la figura pratica che vive e rivoluziona la storia del mondo attraverso il messaggio del cristianesimo e la formazione di comunità ecclesiali. Žižek ritiene che Lenin avesse fatto lo stesso con Marx qualche decennio dopo, durante la Rivoluzione d'Ottobre. Si può discutere se i messaggi siano stati realizzati, ma non ci sono ancora dubbi sull’utilizzo della figura di Paolo come esempio stesso di impostazione rivoluzionarioLe idee in pratica.

L'utilizzo della figura di Paolo è l'esempio di messa in pratica delle idee rivoluzionarie.

Nel suo libro San Paolo (2003) su Paul descrive Alain Badiou l'apostolo come rinascita del proprio insegnamento. Badiou ci chiede di immaginare Paolo ai suoi tempi, un tempo in cui era ancora ridicolo affermare che un uomo chiamato Gesù fosse risorto dai morti dopo essere stato crocifisso. Questo è qualcosa in cui molti oggi credono, ma all’epoca questo non era stabilito. Eppure Paolo andava di città in città, scrivendo lettere e insistendo fermamente su qualcosa che per la stragrande maggioranza non aveva senso: che un uomo che era stato crocifisso e ucciso pochi anni prima era Dio, e che quest’uomo, che è Dio, aveva fatto, liberaci dalla morte. Badiou sottolinea il messaggio irrazionale di Paul e ammira il potere rivoluzionario di lottare per una causa che sfida la routine contemporanea.

Paolo diventa quindi il simbolo della creazione di una nuova realtà, della sconfitta del potere egemonico e della sua sostituzione con un potere nuovo e più giusto. Se Marx formulasse il quadro Lenin voleva mettere in pratica, Pasolini lo voleva insieme Paul-film (che, tra l'altro, non è mai stato prodotto) per completare e integrare il suo precedente film sulla vita di Gesù, Il Vangelo di Matteo (1964). Paulus è, come Lenin, colui che vuole finalmente capovolgere il mondo rimanendo fedele al messaggio nelle sue attività. La fedeltà di Paolo esemplifica quindi la lotta di tutti.

Pasolini

Soffrire, provare e vincere

Ciò che ci resta di Paolo sono principalmente le sue lettere alle varie chiese che contribuì a fondare: a Corinto, Roma, Filippi, Salonicco e Galazia. Paolo è l'autore della maggior parte dei testi del Nuovo Testamento. E questo nonostante non lo sapesse neanche lui Gesù personalmente o era uno dei dodici discepoli prescelti. Ha scelto di farlo apostolo, che Badiou e ižek significa renderlo qualcuno tutti può diventare (tutti possono vedere Gesù sulla via di Damasco!), il che soddisfa ulteriormente le ambizioni universaliste del cristianesimo. Tutti possiamo essere come Paolo.

Paolo è l'autore della maggior parte dei testi del Nuovo Testamento.

L'attualizzazione di Paolo da parte di Pasolini cerca di mostrare che il paolino consiste nel lottare contro il brutale potere occupanteuno e sostituirlo con una realtà che è oltre quella esistente. L'evento di Paolo diventa quindi qualcosa che possiamo riempire con le lotte del nostro tempo.

Tutti possiamo riconoscerci quando Paolo scrive che «[s]inché ho dovuto viaggiare, in pericolo sui fiumi e in pericolo tra i ladri, in pericolo tra i connazionali e in pericolo tra le emissioni, in pericolo nelle città, in pericolo nelle deserto, in pericolo in mare e in pericolo tra falsi fratelli, nella fatica e negli stenti, spesso nelle veglie notturne, nella fame e nella sete, spesso digiunando e senza vestiti, al freddo» (2 Cor 11-26). Paolo rappresenta tutti gli uomini quando sono in lotta, quando si spera di trasformare le proprie sofferenze e prove in una futura vittoria. Posizionando Paul in francese lotta di resistenzauno contro il governo fascista di Pétain, Pasolini lo colloca allo stesso tempo anche nelle lotte di resistenza odierne contro gli altri occupanti.

Possiamo immaginare che possa esserci un Paolo in Israele o un Paolo americano – un Paolo in qualsiasi contesto in cui l'aggressore realizza il suo ruolo di abusatore e fa dietrofront. Possiamo vedere lo stesso nelle nostre vite, nei processi in cui per troppo tempo ci siamo nascosti dietro bugie e ipocrisia. Allora dovremo accettare la verità sullo stato delle cose. Non solo sulla strada per Damasco o Barcellona, ​​ma su qualsiasi strada verso il nostro prossimo assalto.

Sostituendo Roma con New York, Damasco con Barcellona e Gerusalemme con Parigi nella sceneggiatura, Pasolini apre la porta a tradurre ulteriormente la vita di Paolo e applicarla alla nostra. In questo senso, ognuno ha una lotta che affronta attraverso Paolo, sia essa personale o politica.

 

Vedi anche prefazione del traduttore stampato in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche