Teatro della crudeltà

La speculazione e gli slum devono essere all'ordine del giorno

Gli slum del mondo stanno crescendo. Ci sono persone che ci guadagnano bene.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Poche cose possono dare un maggiore ritorno in proprietà rispetto ai grattacieli su lotti centrali e attraenti, preferibilmente con vista sul mare. Questo è uno sviluppo ovunque nel mondo, da Punta del Este a Maputo, Vancouver, Hong Kong, Reykjavik, Tromsø e Oslo.

Una conseguenza di questo tipo di sviluppo urbano è che chi ci abita dietro perde il contatto con il mare, ma spesso chi ci abita già perde anche la casa.

Adesso tocca alle Olimpiadi di Rio. Quello che era il villaggio di Vila Autódromes, popolato da pescatori e operai edili, sarà poi storia. I residenti sono stati sfollati.

Tale rimozione dei residenti originari è una caratteristica comune dello sviluppo metropolitano in tutto il mondo, soprattutto quando si devono costruire "città di livello mondiale" o si tengono le Olimpiadi e si costruiscono autostrade. Dal 1998 al 2008, più di 18 milioni di persone sono state sfollate con la forza per questi motivi. In diversi casi, i residenti sono stati uccisi negli scontri con la polizia quando protestavano contro lo sfratto dalle loro case. Raramente o mai ricevono un risarcimento.

Screen Shot in 2016 08-17-14.43.16Milioni di nuove case vuote. Ciò che determina se le persone possono permettersi una casa è il loro reddito, non la disponibilità di un alloggio. Paradossalmente, la percentuale di case vuote (e spesso nuove) in cui le persone non possono permettersi di vivere sta aumentando ovunque nel mondo. Prendiamo ad esempio la Cina. Attualmente nel paese ci sono sette milioni di nuove case vuote, parallelamente a un’enorme carenza di alloggi tra la parte più povera della popolazione.

In totale, si stima che due milioni di persone ogni anno siano costrette a lasciare le proprie case a causa di sgomberi forzati perché non possono permettersi di pagare l’affitto, gli interessi e spese simili. Nel 14, 2008 milioni di persone hanno perso la casa negli Stati Uniti a causa della crisi finanziaria e della speculazione edilizia. Nel 2015, la Spagna contava al massimo 3,6 milioni di case vuote. A Barcellona i senzatetto erano 130.

Parallelamente in tutto il mondo sono sempre di più le persone – privati ​​e aziende – che investono sistematicamente ingenti somme in immobili a livello nazionale e internazionale. Uno di loro è il multimiliardario di origine russa Roman Abramovich, noto anche come proprietario della squadra di calcio Chelsea. Adesso vuole una casa anche a New York, e ha messo gli occhi sui tre immobili meritevoli di conservazione al 11, 13 e 15 East 75 st. Sta cercando di ottenere il permesso per unirli in una casa unifamiliare di circa 3000mila metri quadrati su cinque piani. I costi sono stimati a quasi 700 milioni di corone norvegesi.

Le previsioni ora indicano che nel 1,6 fino a 2020 miliardi vivranno nelle baraccopoli. Ciò corrisponderà a un terzo della popolazione urbana mondiale!

La Norvegia partecipa attivamente. Sappiamo poco su quanti Abramovich ci siano e quanto spazio vitale nelle città possiedano. Ma sembra abbastanza chiaro che ce ne siano di più e che stiano occupando zone sempre più grandi delle zone più attraenti delle città. Un indizio di ciò è il fatturato degli immobili di lusso a Londra, con prezzi che vanno dai 20 ai 40 milioni di corone norvegesi. Nel 2009 sono state 2147 le vendite di questo tipo, mentre nel 2014 sono salite a 6250, ossia quasi tre volte in cinque anni.

È il neoliberismo che governa lo sviluppo urbano mondiale, e la tendenza ad enormi aumenti dei prezzi su terreni e proprietà è globale. Karachi è la città più grande del Pakistan con quasi 23 milioni di abitanti. Mentre nel 1991 un metro quadrato di terreno costava in media 1,7 volte il salario orario di un lavoratore giornaliero, nel 10 il prezzo per un metro quadrato equivalente era aumentato fino a 2007 volte il salario orario.

Anche lo Stato norvegese, attraverso il Fondo petrolifero, partecipa attivamente e in misura crescente alla galera immobiliare. All'inizio di quest'anno il fondo ha deciso di aumentare gli investimenti immobiliari dal 150 al XNUMX%, il che potrebbe corrispondere a circa XNUMX miliardi di corone norvegesi. In media, il Fondo petrolifero ora acquista proprietà per poco più di un miliardo di corone a settimana! Nel lungo termine, possiamo triplicare il valore degli immobili di lusso di proprietà statale e norvegese, in particolare a Parigi, Londra e New York.

Bassifondi redditizi. Le persone con poche risorse finanziarie non possono scegliere dove vivere. Sono costretti a recarsi in aree dove la situazione ambientale è peggiore e spesso devono vivere in condizioni estremamente anguste. Ma per alcuni, gli slum sono molto redditizi. Kiberia è la famosa baraccopoli di 2,5 chilometri quadrati nel centro di Nairobi. È una delle aree più densamente popolate del mondo. Qui vivono tra 600 e 000 milioni di persone, a seconda del lavoro, della stagione e di fattori simili. Un tipico edificio è un capannone di circa 1,2 mq realizzato in lamiera ondulata. Sono vicini tra loro e non ci sono quasi spazi aperti.

Quasi tutti i capannoni sono in affitto e l'affitto è così alto che ci vogliono solo 18-20 mesi prima che il capannone venga ripagato. Successivamente sono quasi considerate macchine da soldi per i proprietari, molti dei quali sono politici. Non a caso, sono stati i proprietari ad aver protestato di più quando sono arrivate proposte di bonifica a Kiberia.

Tutte le città hanno o hanno avuto baraccopoli. La tipologia e la portata sono per lo più regolate attraverso le politiche pubbliche – a livello locale, nazionale e internazionale. Esistono definizioni leggermente diverse di ciò che viene chiamato uno slum. Si può anche osservare che ora nei forum delle Nazioni Unite si parla di insediamenti informali piuttosto che di baraccopoli.

In ogni caso, non sembra esserci alcun dubbio sul fatto che le baraccopoli del mondo stiano crescendo, sia in termini relativi che in totale. Nel 1990, UN Habitat ha riferito che 650 milioni di persone vivevano nelle baraccopoli, mentre le previsioni attuali indicano che fino a 1,6 miliardi vivranno nelle baraccopoli nel 2020, cioè tra quattro anni. Ciò corrisponderebbe a un terzo della popolazione urbana mondiale! Sfortunatamente, non sembra che né questo tema né la speculazione globale riceveranno attenzione quando i politici internazionali a ottobre discuteranno delle sfide urbane per il mondo fino al 2036.


Odd Iglebæk è giornalista e architetto. È anche vicepresidente di Habitat-Norge. Le opinioni espresse in questo articolo sono le sue.
disparigle@online.no

Potrebbe piacerti anche