Teatro della crudeltà

Il comunismo come imprenditorialità

montaggio
Una rivoluzione oggi deve riguardare gli oppressi che prendono il potere in un modo nuovo, non i diritti di proprietà privata e l'identità nazionale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Poi Michael Hardt e Antonio Negris Impero uscito nel 2000, provocò un vero e proprio terremoto. Naturalmente, c'erano state innumerevoli analisi critiche dello sviluppo storico dopo la caduta del muro di Berlino, ma nessuna di esse era riuscita efficacemente a sfidare il neoliberismo, che Perry Anderson, sulla rivista New Left Review, definì "l'ideologia di maggior successo in storia del mondo" quello stesso anno. Il 1989 non era mai stata la liberazione che molti marxisti avevano sperato. La caduta del Muro e il successivo crollo dell'Unione Sovietica non furono un'apertura ma una fine. Invece di un ripensamento e un aggiornamento della critica di Marx all'economia capitalista e al progetto rivoluzionario del comunismo, gli anni '1990 sono stati caratterizzati dalla globalizzazione capitalista.

La descrizione di Fukuyama della democrazia di mercato liberale occidentale come "la fine della storia" era solo un'espressione dell'esagerata fiducia del periodo nella capacità del capitale di autoriformarsi. Lo storico stalinista Eric Hobsbawm si è dimesso L'età degli estremi era un altro. Quindi Impero è uscito e non solo ha presentato un'analisi di questo nuovo mondo globalizzato come un impero capitalista, ma ha anche sostenuto l'emergere di un nuovo soggetto rivoluzionario, collettivo ed eterogeneo che minacciava questo mondo dall'interno, qualcosa è successo. Tutte le storie deprimenti del declino furono immediatamente ribaltate e sostituite da un racconto di nuove possibilità, di un potenziale rivoluzionario e trascendente. moltitudine che stava già distruggendo il capitale dall’interno.

La transizione dall'economia alla politica richiede tempo, a causa dell'incapacità dei movimenti di protesta di organizzarsi politicamente.

Nuova sintesi. La collaborazione tra il giovane professore di letteratura americano Hardt e il vecchio professore e attivista italiano Negri fu un tentativo convincente di lanciare una critica materialista contemporanea dell’economia. La loro analisi critica dei cambiamenti nel rapporto tra capitale e lavoro presentava un nuovo soggetto che avrebbe dovuto ribaltare l’impero e riscattare le potenzialità del capitalismo cognitivo. Impero è stato poi seguito dai libri moltitudine dal 2004, Repubblica del 2009 e il piccolo libro-opuscolo Dichiarazione dal 2012. L’ultima è stata una rapida analisi dei nuovi movimenti squatter, che Hardt e Negri analizzarono come rifiuto di quelle che chiamavano «le quattro forme neoliberiste di soggettivazione»: la in debito soggetto, esso rappresentato soggetto, esso mediato soggetto e quello assicurato soggetto. montaggio costituisce la continuazione del piccolo libro, ma ora sotto forma di una nuova, grande sintesi, dove si fa il punto sulla nuova ondata di protesta che ha visto la luce dopo il 2008, sulla scia della crisi finanziaria, e si è diffusa dal Sud Dall’Europa al Nord Africa, passando per la Grecia (2008-12), la Rivoluzione Verde in Iran (2009), la Primavera Araba, gli indignati in Spagna, le rivolte a Londra (2011), le proteste studentesche in Cile (2011-12), l’opposizione all’aumento delle tariffe dei trasporti in Brasile (2013), le proteste per la democrazia a Hong Kong (2014), il movimento BLM negli Stati Uniti, parzialmente sovrapposto a Occupy ma seriamente attivo da gennaio 2015, e Nuit débout a Parigi (2016). . Il nuovo movimento di protesta deve essere il punto di partenza per qualsiasi analisi critica contemporanea.

Dove siamo? Abbiamo già diverse valutazioni importanti che cercano di fare un bilancio della situazione, della crisi dei capitali e delle nuove proteste, compreso il Comité invisibili ora e il piccolo libro di interviste di Rancière In che tempo viviamo? Tutti cercano di analizzare il motivo per cui le rivolte non sono progredite e non si sono sviluppate in vere e proprie rivoluzioni. Per il Comité invisibile è la rivolta la cosa importante – ciò che accade nel confronto con la normalità capitalista, la sua polizia e i suoi schermi. Formulano il progetto negativamente; riguarda miseria come deposizione del potere, dove avviene una liberazione e qualcosa di vivo emerge per strada nella lotta contro lo Stato. Certo, Rancière non formula un programma – non per niente è "il maestro ignorante" – ma constata le difficoltà che i movimenti di protesta hanno nel collegare forme collettive alternative con la lotta contro un nemico – connettere l'autonomia con la lotta di classe.

Un gran numero di autonomi Hardt e Negri sono, come al solito, un po’ più ottimisti nella loro analisi rispetto agli altri, anche se concordano sul fatto che non è possibile ritornare ad una soluzione keynesiana à quella del periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale. Quel progetto è finito, scrivono. Ma Hardt e Negri vedono opportunità laddove gli altri vedono problemi e ostacoli, cosa che è allo stesso tempo la forza e la debolezza della loro analisi. La combinazione della svolta copernicana nel laburismo italiano, dove la classe operaia (lavoro vivo) è l’effettiva creatrice di valore, e l’analisi di potere dinamico di Foucault sul “primato” della resistenza, non solo consente un’analisi delle nuove condizioni – “finanziarie” Dominazione e governance neoliberista", lo chiamano nel nuovo libro, ma sottolineano anche la trasgressione già in atto di questi principi. Come scrivono: «Oggi la produzione è sempre più sociale in un duplice senso. Da un lato le persone producono sempre più socialmente, nelle collaborazioni in rete e attraverso l’interazione, e dall’altro il risultato della produzione non sono solo beni, ma relazioni sociali e, in definitiva, la società.» L'analisi di questo sviluppo è allo stesso tempo la descrizione di un capitale sempre più invasivo e una designazione della sua natura parassitaria – e quindi una designazione dell'autonomia della moltitudine, della sua capacità di produrre una società; un'altra società, ovviamente. La governance neoliberista e il capitale finanziario certamente dominano tutte le condizioni produttive, ma ovunque c’è anche resistenza. In effetti, la schiacciante repressione mostra quanto la classe dominante abbia paura della moltitudine e delle sue creazioni composite.
attività.

Il neoliberismo ha cercato di appropriarsi del concetto di imprenditore, ma sono la quantità e il lavoro vivo i veri imprenditori.

Dall'economia alla politica. Hardt e Negri riconoscono ovviamente che i nuovi movimenti di protesta non sono ancora riusciti nel loro progetto. Ci sono le possibili condizioni per una violazione, ma la violazione evidentemente non si è verificata. In altre parole, il passaggio dall’economia alla politica è atteso da tempo, anche a causa dell’incapacità dei movimenti di pensare all’organizzazione politica. I due autori affrontano l’idea di orizzontalità – che è in parte un’autocritica, dal momento che Hardt e Negri più di chiunque altro sono stati sostenitori dell’organizzazione della resistenza all’impero e al capitalismo come una rete piatta ed estesa senza centro. IN Dichiarazione hanno elogiato i movimenti di occupazione spaziale perché non hanno leader e portavoce, ma ora scrivono che i movimenti orizzontali da soli non bastano; devono anche avere dei leader. È stato giusto criticare i partiti politici del movimento operaio e l'avanguardia leninista, ma è un errore pensare che la rivoluzione non debba essere organizzata, scrivono ora. Questa è nuova.

Il problema, ovviamente, è che le vecchie forme di organizzazione politica sono state distrutte e che quelle nuove non sono ancora state sviluppate. Hardt e Negri propongono quindi una soluzione alla classica opposizione tra spontaneità e leadership, dove il movimento ora agisce strategicamente e la leadership tatticamente. Di solito è il contrario. Successivamente, il movimento deve definire una direzione a lungo termine, mentre alla leadership può essere consentito di agire tatticamente in situazioni specifiche, come nelle manifestazioni. Il punto di partenza di questa inversione è che il movimento possiede già le conoscenze necessarie e la capacità organizzativa per lottare e, non ultimo, per produrre qualcos’altro. Come scrivono gli autori in una delle formulazioni più stimolanti del libro, la moltitudine è caratterizzata dall'imprenditorialità. Il neoliberismo ha cercato di catturare la nozione di imprenditore, ma sono la moltitudine e il lavoro vivo che producono il mondo e quindi sono loro i veri imprenditori. Pertanto il termine va recuperato. Il comunismo come imprenditorialità!

Un nuovo tipo di rivoluzione. Questa riconquista avviene in conformità con l'uso da parte di Hardt e Negri del concetto di potere di Foucault, che secondo loro era un'estensione necessaria della nozione di potere del marxismo. Quando il sociale diventa produttivo, lo sfruttamento o il potere si espandono. Pertanto, l’analisi del dispositivo di produzione capitalistico deve essere estesa oltre lo sfruttamento della fabbrica. Questo è ciò che Foucault faceva con la sua analisi del potere, e che gli autori vedono quindi come un ulteriore sviluppo decisivo del marxismo occidentale. Il potere è ovunque ed è inerente al sociale. Ma ancora più importante: è una relazione dinamica in cui i dominati possono resistere e rifiutare il potere. In questo modo, il potere è sempre incerto: non esiste un sovrano onnipotente, né il Leviatano né l’Impero. Quindi, per Hardt e Negri, il progetto non è prendere il potere, ma «prendere il potere in modo diverso»; al di là del diritto di proprietà privata e dell’identità nazionale, dove la moltitudine si sbarazza della mediazione del capitale e crea una società diversa.

Michele Bolt
Mikkel Bolt
Professore di estetica politica all'Università di Copenaghen.

Potrebbe piacerti anche