Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Sulla glorificazione del nazismo

UCRAINA / Monumenti e strade in onore di collaborazionisti nazisti e neofascisti in Ucraina con soldi di USA e UE? Ad esempio, nelle città di tutta l'Ucraina, molti monumenti sono stati ora eretti a Bandera, un collaboratore nazista ucraino. O che ne dici della "Via degli eroi del battaglione Azov", una formazione paramilitare neofascista? I simboli socialisti e comunisti – dalla bandiera rossa alla rappresentazione dell'"Internazionale" – sono vietati. Così sono tutti i partiti di sinistra.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Generale Vatutina morì poco dopo la liberazione di kyiv, a seguito di un infortunio riportato in un'imboscata portata avanti da collaborazionisti nazisti ucraini dell'OUN – Organizzazione dei nazionalisti ucraini. Nel 1944 fu sepolto in uno dei parchi centrali di Kiev, che aveva liberato, e sulla sua tomba fu eretto un monumento con l'iscrizione: "Al generale Vatutin del popolo ucraino".

Il generale era meritatamente considerato un eroe; i fiori della gente di Kiev giacevano sempre al monumento.

E ora, ai nostri giorni, nell'anno dell'80° anniversario della liberazione di Kiev, il monumento a Vatutin è stato demolito. Con questa demolizione, le autorità di Kiev hanno anche profanato la sua tomba.

I monumenti vengono demoliti

La distruzione dei monumenti ai soldati dell'Armata Rossa, che hanno liberato l'Ucraina e l'Europa dal fascismo, è in corso ovunque Ukraina. In alcune città, come Chernivtsi, Rivne e molte altre, vengono demolite e in alcuni punti vengono fatte saltare in aria, come è stato fatto, ad esempio, a Mykolaiv.

Inoltre, molti altri monumenti vengono demoliti: monumenti al poeta russo Alexander Pushkin, sugli autori Aleksandr Ostrovsky e Maxim Gorky, il collaudatore Valery Chkalov e molti altri.

Per dare a tutto ea tutte le cose nuovi nomi

Inoltre, negli ultimi anni c'è stata una massiccia campagna per rinominare città, villaggi, strade e piazze in Ucraina.

Da Euromaidan-il colpo di stato in Ucraina nel febbraio 2014 ha rinominato più di 1000 insediamenti e più di 50 strade.

L'anno scorso sono state rinominate 237 strade, piazze, viali e viali.

Nella sola Kiev, l'anno scorso sono state ribattezzate 237 strade, piazze, viali e viali, come riportano con orgoglio le autorità cittadine, guidate dal sindaco/consigliere comunale Vitaly Klitschko. Lo stesso governo cittadino, che dal 2014 quando Klitschko divenne per la prima volta capogruppo nella capitale Kyiv con tre milioni di abitanti e ingorghi persistenti sulle strade principali, non è riuscito a costruire una sola nuova stazione della metropolitana, nemmeno una nuova multi- hub di trasporto di livello, non un solo nuovo centro medico, non un solo nuovo campus, non un solo impianto di riciclaggio e così via.

 

Da dove viene questo desiderio insistente di rinominare qualsiasi cosa? È perché un gran numero di residenti locali lo ha voluto? Perché all'improvviso non si accontentavano più dei nomi dei paesi e delle strade dove loro stessi, i loro genitori e talvolta anche i nonni sono nati e cresciuti? Niente del genere. Non è stato condotto un solo sondaggio tra i residenti locali su questi argomenti, nessuno ha chiesto loro la loro opinione.

In onore dei collaboratori nazisti e dei neonazisti.

Al contrario, nei pochi casi in cui sono stati condotti sondaggi d'opinione, questi hanno quasi sempre mostrato un enorme disaccordo delle persone con il cambio di nome. Ad esempio, nel caso della ridenominazione del centro regionale Kirovograd, così chiamato quasi 90 anni prima in onore del famoso statista sovietico Sergei Kirov. Lì, la maggioranza assoluta della popolazione – l'82% – ha riferito di non sostenere la decisione di chiamare la città Kropyvnytskyj. Solo il 14% pensa che sia una buona idea.

Ma né in questo caso né in nessuno dei tanti altri casi presenti monumentofurono demolite e le strade ribattezzate, alle autorità non importava affatto l'opinione dei cittadini.

Un fascista ucraino

Perché allora sta accadendo tutto questo? La risposta a questa domanda diventa più chiara se si osserva più da vicino quali nuovi nomi e monumenti vengono ora eretti.

Viale del generale Vatutin, dal nome di colui che contribuì alla liberazione di Kiev da Nazismon, di cui si parla all'inizio dell'articolo, è stata ribattezzata Roman Shukhevich Avenue, in onore di un ucraino fascista. Al momento dell'attacco della Germania nazista all'Unione Sovietica, nel giugno 1941, Shukhevich prestò servizio come membro del battaglione tedesco Nachtigall, una suddivisione dell'Abwehr (l'intelligence militare dell'esercito tedesco Wehrmacht), che consisteva di collaboratori nazisti ucraini.

Ciò che dentro kyiv in precedenza era Moskva avenue, è stato rinominato Stepan Bandera#s avenue – dal nome di un altro collaboratore nazista ucraino, capo dell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini, OUN, che durante la seconda guerra mondiale collaborò con i nazisti tedeschi e con i loro massacri genocidi della popolazione polacca ed ebraica.

Nelle città di tutta l'Ucraina, molti monumenti sono stati eretti a Bandera e le strade sono intitolate in suo onore.

Il viale Druzhby Narodov a Kiev è stato ribattezzato viale Mykola Mikhnovskyj. Mikhnovskyj è stato uno dei principali ideologi del nazionalismo ucraino e l'ideatore dello slogan sciovinista "L'Ucraina per gli ucraini!".

Famoso emblema nazista

E la strada da cui prendeva il nome Malinovsky, il maresciallo ucraino e capo militare sovietico che fu uno dei capi dell'Armata Rossa durante la guerra contro il nazismo, è stata ribattezzata la "Via degli eroi del battaglione Azov". Azov-battaglione è una formazione paramilitare neofascista che ora fa parte ufficialmente dell'esercito ucraino. L'emblema del battaglione è il "wolfsangel", un famigerato emblema nazista utilizzato particolarmente dalle unità delle truppe naziste delle SS. Per coloro che non lo sapevano, o forse lo hanno dimenticato, vorrei ricordare che anche il Congresso degli Stati Uniti ha designato l'Azov come un gruppo terroristico neonazista.

Più o meno nello stesso periodo del monumento al Generale Vatutina è stata demolita a Kiev, la 10a Brigata d'assalto di montagna separata delle Forze armate ucraine è stata ufficialmente ribattezzata Stella alpina. Durante la seconda guerra mondiale, "Edelweiss" era il nome della prima divisione di fanteria da montagna dell'esercito nazista Wehrmacht. La divisione nazista Edelweiss giocò un ruolo importante nella deportazione degli ebrei, nell'esecuzione dei prigionieri di guerra e nelle azioni punitive contro i partigiani in Jugoslavia, Italia, Cecoslovacchia e Grecia. Oggi, molti militari delle Forze Armate dell'Ucraina indossano simboli – ad esempio la testa della morte – che sono praticamente indistinguibili dagli emblemi della divisione SS Totenkopf e di altre unità naziste – e non solo i soldati, ma anche il supremo comandante militare.

Marx ed Engels

L'attuale governo dell'Ucraina sta distruggendo tutto ciò che può essere in qualche modo associato alla Russia, di cui la maggior parte dell'Ucraina ha fatto parte per centinaia di anni, persino i monumenti e le strade intitolati in onore di scrittori di fama mondiale, come Lev Tolstoj. Distrugge anche tutto ciò che riguarda i 70 anni di storia sovietica dell'Ucraina, il socialismo e l'ideologia di sinistra in generale. Ad esempio, chiedi alle strade di intitolare a Karl Marx e Federico Engels dati nuovi nomi; i loro monumenti sono stati demoliti. I simboli socialisti e comunisti – dalla bandiera rossa allo spettacolo dell'“Internazionale” – sono vietati. Allo stesso modo, in Ucraina sono vietati tutti i partiti di sinistra, compreso il partito Unità di sinistra – Per il Nuovo Socialismo (come leader sottoscritto).

Socialismo e comunismo viene bandito, gli attivisti di sinistra vengono perseguitati e imprigionati e il neonazismo sta diventando un elemento della politica politica dello Stato orientering ed è sempre più l’ideologia dominante.

12 miliardi di corone

Questa guerra totale da parte delle autorità ucraine contro tutti i simboli, monumenti e nomi pubblici ad essi associati Russia, la Rivoluzione d'Ottobre e sovieticola storia, o l’ideologia di sinistra, richiede molti soldi.

Il costo di una sola targa con una nuova nome della strada e il numero civico è, secondo le autorità di Kiev, almeno 1000 grivnie ucraine (circa 280 NOK). Questo può essere moltiplicato per dozzine (e talvolta centinaia) di edifici sulla stessa strada. E questo ancora deve essere moltiplicato per le migliaia di strade che assumono nuovi nomi. Permettetemi anche di ricordarvi più di mille ribattezzati bysono e villaggi.

Molti tra il personale militare delle forze armate ucraine lo portano oggi simboloè – per esempio testa di mortet – che praticamente non differisce dagli emblemi della divisione SS cranio e altre entità naziste.

Ma il costo del nuovo indirizzo e delle targhe è solo una piccola parte dell’enorme costo di questa campagna di destra. Ci sono molti altri componenti nella foto. Tutte le istituzioni e le imprese devono modificare i propri documenti, ordinare nuovi sigilli e timbri, aggiornare la segnaletica all'ingresso e così via. In tutta l'Ucraina abbiamo bisogno di una nuova segnaletica sulle strade, agli ingressi delle città e delle varie zone residenziali, nonché per strade e strade. Molte istituzioni – non solo nelle città rinominate, ma in tutto il paese – devono essere dotate di nuove mappe e atlanti.

Solo il cambio di nome della città di Zjdanov in Mariupol, ad esempio, è costato circa 24 milioni di euro.

Solo il cambio di nome della città di Zjdanov in Mariupol, ad esempio, è costato circa 24 milioni di euro. Secondo le stime più prudenti, la massiccia ondata di ridenominazione delle strade e di demolizione di monumenti in tutto il paese è già costata circa 12 miliardi di corone norvegesi!

E questo nel paese più povero d’Europa, e anche durante una guerra in corso! Questo in un paese che ora ha un urgente bisogno di assistenza finanziaria e dove il 60% delle entrate del bilancio statale di quest'anno proviene da fondi esteri, principalmente dall'UE e dagli Stati Uniti.

Ciò significa che il denaro dei contribuenti europei e americani viene ora utilizzato, tra le altre cose, per una campagna di massa per cambiare i nomi delle strade e delle piazze ucraine in onore dei collaboratori nazisti e dei neonazisti.

Dubito che molti cittadini dei “paesi donatori” sarebbero d'accordo con questo. Ma nessuno sembra chiedersi cosa ne pensano, proprio come non viene chiesto nemmeno ai cittadini ucraini.

Goldarb è un politico ucraino dell'opposizione e leader del partito Unità delle forze di sinistra ucraine – Per un nuovo socialismo. Le foto ci sono state inviate da lui. Molti dei suoi articoli sulla situazione nel Paese sono stati recentemente pubblicati su diversi media europei.
Per esempio https://www.friedman.it/ucraina-oltre-alla-guerra-ce-anche-il-rischio-di-una-deriva-autoritaria/ og https://rebelion.org/como-se-esta-destruyendo-la-libertad-de-expresion-en-ucrania/

Articoli Correlati