Teatro della crudeltà

Chiamami con il mio (altro) nome

Il nostro nuovo editorialista regolare, filosofo e curatore Paul B. Preciado, descrive la costruzione politica e sociale relativa all'identità di genere e il diritto di definire chi sei.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Capita ancora, anche se meno spesso di prima, di incontrare una persona che insiste a chiamarmi con un nome femminile o si rifiuta di chiamarmi con il mio nome – cioè con il mio secondo nome, che ora è mio. Posso confutare retoricamente la persona in questione, posso produrre prove istituzionali e mostrare la mia nuova carta d’identità – proprio come fece l’ebreo convertito al cristianesimo nel XV secolo – quando il convertito presentò il suo certificato di sangue immacolato. Posso anche accentuare il mio comportamento mascolino, smettere di radermi per qualche giorno, indossare stivali più robusti, pantaloni più larghi e lasciare la borsetta a casa. Posso anche sputare per strada mentre cammino, o non sorridere (il comportamento maschile a volte richiede una coreografia sciocca). Tuttavia, nessuno di questi approcci è sufficiente a fornire prove di una verità di genere per la buona ragione che la verità di genere (come il Sangue Immacolato nel XV secolo) non esiste al di fuori di un insieme di convenzioni sociali e interpersonali. Un carattere di genere non costituisce né una peculiarità psicologica né fisica di un soggetto, né è un'identità naturale. È una relazione di potere che dipende da un processo di padronanza costante e condivisa, in cui connessione, controllo, soggettivazione e sottomissione avvengono simultaneamente.

Connessioni sociali

Durante i primi due o tre anni di transizione di genere, la mascolinità del trans è appesa a un filo sottile. Ed è un filo che passa di mano in mano e che chiunque può trattenere o strappare. Qualsiasi persona e qualsiasi istituzione può così rinsaldare il filo o tagliarlo in qualsiasi momento: con una stretta di mano, uno sguardo, un nome o un pronome, un documento, una firma, l'approvazione della creazione di un conto bancario, la conversione della carta di credito una licenza, una confessione, una pacca sulla spalla, una domanda posta, il modo in cui viene offerta una sigaretta o una bevanda, poi il filo si intreccia e diventa più forte, oppure si spezza. Ci vuole meno di un secondo. È la connessione sociale che ci governa e che ci costituisce o ci depone come soggetti politici.

La caratteristica della nostra ontologia consiste in un principio di indeterminazione radicale.

Sebbene la decisione di avviare un processo di riassegnazione di genere sia individuale e apparentemente volontaria, il processo di transizione è interamente collettivo e aperto a continue approvazioni o censure. L’intensità del dolore che si prova di fronte a qualcuno che ha deciso di usare l’altro pronome o che rifiuta di chiamarlo con l’unico nome che ora è il mio è direttamente proporzionale alla forza con cui un gesto così piccolo ripete esattamente una catena storica di atti di violenza ed esclusione. Un'affermazione così insignificante viene a ristabilire una gerarchia normativa tra coloro che hanno diritto a un pronome, a un luogo-parola, e gli altri. Chi pensa di poter conoscere il proprio genere meglio di noi stessi, e quindi rifiuta di chiamarci con il nuovo nome o di inserire il pronome corretto che ci riguarda nel genere maschile o femminile, non si oppone al biologico e al sociale, come talvolta si sostiene, poiché chi intraprende una cosa del genere generalmente non sa assolutamente nulla della nostra anatomia. La persona in questione attribuisce priorità a una finzione sociale normativa che si confronta con una finzione sociale che sta guadagnando voce istituzionale. Per parafrasare l'antropologo Philippe Descola, non c'è battaglia tra natura e cultura nel processo di riconoscimento del genere e dei segni di genere; piuttosto, c’è una lotta tra due (o più) registrazioni culturali della differenza di genere: una è normativa e l’altra è dissidente.

Costruzione politica

Ad ogni processo di transizione avviene una riscrittura del contratto sociale attraverso la quale l'esistenza politica di un corpo può essere affermata o rifiutata. Per un migrante o per una trans, la riuscita del viaggio dipende dalla generosità con cui gli altri ci accolgono e ci sostengono senza pensare costantemente "ecco uno sconosciuto" o "so che in realtà sei una donna", ma vedendo la nostra singolarità come corpo vulnerabile alla ricerca di un altro luogo dove la vita possa mettere radici. E mentre lo facciamo insieme scopriamo il nuovo spazio della realtà sociale che si apre alla nostra esistenza. E come il migrante, la persona in transizione di genere prepara progressivamente una cartografia per la sopravvivenza, distinguendo tra aree abitabili e aree impraticabili, tra i luoghi in cui si può esistere e i luoghi in cui la nostra esistenza è costantemente negata finché non riesce (ma non sempre avviene) per costruire una rete di dipendenze che ci permettano di dare esistenza materiale alla finzione politica del nostro genere.

Un carattere di genere non costituisce né una peculiarità psicologica né fisica di un soggetto.

Ogni giorno, mentre mi muovo in questa folle rete di folli fili, mi dico che una tale transizione di genere può costituire l’esperimento politico più bello che un essere umano possa sperimentare all’inizio del terzo millennio. Ma è anche uno dei più rischiosi, che quindi paragono alla migrazione, al “ritorno nella società” dopo una pena detentiva, o alla ripresa del lavoro dopo la diagnosi di AIDS o di cancro, essere madre, padre, figlia o figlio in una relazione adottiva, diventare insegnante di ginnastica dopo essere stato una porno star, farsi diagnosticare la schizofrenia o il borderline e poi cercare di stabilire quella che alcuni chiamano una "vita normale", senza sapere di cosa si sta parlando.

Decostruzione

Durante il suo ultimo seminario La Bestia e il Sovrano (L'animale e il sovrano), Jacques Derrida avanza l'ipotesi che tra i primati umani non esiste alcuna sovranità naturale. Ciò che il citato processo di transizione (migrazione, ritorno alla società, ecc.) può insegnarci è che la sovranità di un soggetto politico (trans o cis, migrante o no, bianco o non bianco) non è data in anticipo, ma che si forma e si dissolve continuamente attraverso un vasto apparato di mantenimento istituzionale: se qualcuno ci priva delle nostre carte d'identità, dei nostri passaporti, del nostro diritto di andare a prendere i bambini dopo la scuola, della possibilità di vedere un medico o di andare a nuotare, se il altri continuano a chiamare qualcuno con un nome o con un pronome che non corrisponde, se alcuni smettono di salutare qualcuno, di mostrare amicizia o di abbracciare, allora la nostra esistenza sociale, sessuale e politica viene erosa, e forse viene completamente distrutta. Allora non rimarrebbe molto dell'esistenza che si immagina come propria.

La caratteristica della nostra ontologia consiste in un principio radicale di indeterminazione: la necessità di entrare in un processo costante di costruzione e decostruzione sociale. La nostra sovranità non ci viene data alla nascita (non è un’identità), consiste in un’impalcatura immaginaria – una sorta di esoscheletro sociale che ci mantiene in vita: non c’è nulla di “reale” in un nome o in un aggettivo. , un documento di identità chiamato tedesco o francese, spagnolo o siriaco. "Il nome è solo fumo", scriveva Goethe, ma tuttavia respiriamo grazie al fumo a cui partecipiamo. E quindi: per favore chiamatemi con il mio (altro) nome.

Tradotto dal francese
di Carsten Juhl.

OM PAUL B. PRECIADO:

Paul B. Preciado (nato in Spagna nel 1970) è uno scrittore, filosofo, femminista e curatore, con un focus su identità, genere, pornografia, architettura e sessualità.
Ha studiato e conseguito il master in filosofia presso la New School di New York, con mentori come Jacques Derrida e Agnes Heller.
Nel 2010 ha completato il dottorato in Filosofia e Architettura Teorica presso l'Università di Princeton.
Era lesbica fino a quando nel 2014 annunciò che stava subendo una "trasformazione" per diventare fisicamente un uomo. Nel gennaio 2015 ha preso il nome Paul.
Nel 2008 ha pubblicato il libro Testo Junkie: Sesso, droga e biopolitica nell'era farmacopornografica (Spagna), dove esamina la politicizzazione del corpo, e usa il termine “capitalismo farmacopornografico”. Il libro è stato tradotto in francese e inglese.
È stato curatore di numerose istituzioni artistiche, come il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia (Madrid) e il Museu d'Art Contemporani de Barcelona, ​​nonché documenta 14 a Kassel e Atene.
Preciado scrive regolarmente per il quotidiano francese Liberation.
Residente in Francia.

paulb@nytid.no
paulb@nytid.no
Precadio è uno scrittore, filosofo, curatore con un focus su identità, genere, pornografia, architettura e sessualità. Vivere a Barcellona.

Potrebbe piacerti anche