Teatro della crudeltà

Campionato europeo di rigida politica di asilo





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il numero aggiuntivo del governo per finanziare l'aumento nobilei richiedenti portano con sé anche una serie di misure di austerità: tutto, dai requisiti più severi per il ricongiungimento familiare ai tagli al sostegno agli immigrati in accoglienza. L'obiettivo è far sì che meno persone si rechino in Norvegia, rendendo la vita più difficile ai rifugiati.
È un pessimo punto di partenza per progettare una buona politica di asilo. Un ampio compromesso politico è una buona idea, ma la premessa deve essere che la Norvegia affronta il flusso di rifugiati con uno spazio nel cuore e con la volontà di fare scelte difficili. Accetteremo i richiedenti asilo che vengono in Norvegia e la quota di rifugiati che lo Storting ha già deciso di accogliere. Dobbiamo farlo mentre aumentiamo gli stanziamenti per gli aiuti di emergenza nelle aree vicine e manteniamo la quota abituale per i rifugiati provenienti da altre parti del mondo colpite dalla crisi.

Impopolare. Dobbiamo anche affrontare i costi legati all’accoglienza dei rifugiati. Il fattore più importante per determinare l’entità dei costi è l’integrazione. Una buona integrazione è importante. Questo è il motivo per cui metto in dubbio i tagli del governo norvegese all’istruzione e la sua riluttanza a ripensare il lavoro e l’occupazione. Dobbiamo cambiare un sistema che rende passivi i rifugiati. Dobbiamo creare un sistema che incoraggi e lodi l’iniziativa.
Allo stesso tempo, dobbiamo esaminare più da vicino come funziona lo stato sociale, quali schemi inibiscono l’integrazione e cosa possiamo fare per migliorarlo. Si tratta di una misura che migliorerà l’integrazione. Sfortunatamente, questo è difficile e impopolare. Pertanto, rischiamo che i politici che dovrebbero agire quando si occupano di rifugiati finiscano per attuare misure simboliche che rendono la vita dei rifugiati più difficile e non affrontano le reali sfide che dobbiamo affrontare.

Cose simboliche. Numerosi paesi europei hanno attuato misure di austerità e misure per rendere la vita dei rifugiati più difficile. Ci sono poche indicazioni che ciò significhi che meno persone viaggiano verso l’Europa, ma ciò influisce su dove i rifugiati scelgono di andare. La crisi dei rifugiati ci ricorda quanto siamo intrecciati oltre i confini nazionali e come ciò che facciamo in Norvegia influisce su altri paesi.

La crisi dei rifugiati ci ricorda quanto siamo intrecciati oltre i confini nazionali.

La politica europea sull’immigrazione sta per trasformarsi in una tragedia pubblica. Piuttosto che sviluppare soluzioni efficaci per l’accoglienza e l’insediamento di coloro che hanno il diritto di restare, e per la deportazione di coloro che non lo hanno, molti paesi si preoccupano soprattutto di garantire di ricevere il minor numero possibile di rifugiati. Ciò esercita molta pressione sui paesi disposti ad accordarsi.
La proposta del governo contiene molti casi simbolici che non portano ad una migliore politica di asilo. Allo stesso tempo, gli aiuti vengono tagliati drasticamente per garantire che, col tempo, non ci ritroviamo in una nuova situazione con grandi flussi di rifugiati. Se si vuole raggiungere un compromesso in questa direzione, l’idea è poco lungimirante. D’altro canto, dovremmo unirci per trovare la copertura e le riforme necessarie per promuovere l’integrazione. Non ultimo, la Norvegia deve legarsi più strettamente al lavoro dell’UE nella distribuzione dei rifugiati.

Soluzioni. La crisi dei rifugiati ha dimostrato che siamo parte del mondo. È attraverso la cooperazione internazionale che troveremo la soluzione. La politica norvegese in materia di asilo non deve competere per essere la più severa, ma piuttosto contribuire a trovare soluzioni comuni.

Potrebbe piacerti anche