Teatro della crudeltà

Benjamin T. Lynerd: Teologia repubblicana

L'idea che la Bibbia debba governare la vita quotidiana delle persone e la vita sociale e pubblica è ancora una mano dominante sul Partito Repubblicano negli Stati Uniti. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Benjamin T. Lynerd:
Teologia repubblicana. La religione civile degli evangelici americani
Stampa dell'Università di Oxford, 2014

 

Ti sei mai chiesto come si possa conciliare il classico libertarismo americano con la moralità restrittiva? Perché il cristianesimo evangelico è una parte così importante della politica americana? Qual è il motivo per cui George W. Bush ha potuto recitare in modo così convincente la sua "crociata contro il terrorismo"? Com'è che Dio interferisce sempre negli affari interni ed esteri del paese? Perché l'insegnamento evangelico, con enfasi sul creazionismo e l'antidarwimismo, ha preso piede in così tante scuole negli Stati Uniti? Ti sei chiesto cosa ha preceduto il maccartismo americano negli anni '1950? Sul perché Ronald Reagan, appena diventato presidente, ha iniziato una collaborazione a lungo termine con la NAE (The National Association of Evangelicals)? Se è così, il filosofo politico Benjamin T. Lynerds dà Teologia repubblicana. La religione civile degli evangelici americani buone risposte a queste domande.

Duro lavoro e virtù. La "teologia repubblicana" si basa sulla filosofia agostiniana, ed è una fusione di pensiero politico e religioso che presuppone che nessun essere umano è senza peccato, e che quindi spera in un cambiamento spirituale dell'umanità attraverso DYD og lavoro duro. Sono idee che hanno reso gli Stati Uniti un paese caratterizzato da valori libertari, omofobia e una visione reazionaria delle donne, mescolati a rigide esigenze di comportamento "corretto".
Il libro fornisce anche una spiegazione del motivo per cui il pensiero di John Locke e Jean-Jacques Rousseau, che erano, dopo tutto, i creatori delle teorie del contratto sociale, non hanno preso piede nella parte conservatrice degli Stati Uniti. L’idea che la libertà debba basarsi sulla fiducia reciproca tra tutti i cittadini e sulla parità di diritti per tutti i cittadini liberi fa parte della Dichiarazione di Indipendenza americana, ma è in chiara opposizione alla teologia repubblicana. Il libro di Lynerd mostra perché l'idea dei diritti civili basati su libertà, uguaglianza e fraternità ha avuto sorprendentemente poca influenza sul Partito Repubblicano, o sugli Stati Uniti in generale.

Il fabbro del proprio successo. Anche la teoria dell'evoluzione di Darwin in contrapposizione alla teologia cristiana, così come il motivo del trionfo del libero mercato sulle menti, è un tema in Teologia repubblicana. Lo stesso è «patto-teologia', o 'teologia del patto' - una forma di pensiero politico più antica sia di John Locke che di Thomas Hobbes e che è sopravvissuta a tutte le teorie del contratto sociale. La teologia del patto o patto è una forma di teologia cristiana che presuppone che la Bibbia debba governare la vita quotidiana delle persone e la vita sociale e pubblica. La teologia cristiana e la politica americana sono difficili da distinguere e la teologia governa in gran parte il Partito Repubblicano negli Stati Uniti.
È quindi l’unione di una politica estremamente conservatrice e dell’evangelizzazione cristiana ciò di cui parla questo libro. Il principio più importante di questo peculiare patto tra religione e politica è la coltivazione fondamentale dell’idea della minima ingerenza statale. Dovrebbero verificarsi il minor numero possibile di benefici sociali, perché tutto dipende dalla singola persona e dal suo rapporto con Dio. In cambio, hai ricevuto carità, come viene chiamato quando i ricchi danno soldi ai poveri.
Quando questa forma di evangelizzazione cristiana si unisce alla politica reazionaria, invadere un paese e impossessarsi del suo petrolio può essere difeso come una forma di attivismo cristiano e morale. Il libro afferma, in modo spaventoso, che l’evangelizzazione politica oggi è un fenomeno globale.

La società è emarginata. Anche l’evangelicalismo e la politica reazionaria hanno una base filosofica. Come accennato, rompe con la filosofia contrattuale ed è un modo di pensare difeso, tra gli altri, dalla filosofa Ayn Rand e dall’economista Milton Friedmann. È in corso una discussione, anche a un livello meno reazionario, sul fatto se lo Stato sia davvero obbligato a prendersi cura di coloro che restano fuori. Ciò è contestato dai cristiani evangelici, che si oppongono, ad esempio, ai cattolici romani e ai protestanti neri, i quali credono che lo Stato è una tale responsabilità. Un’altra questione è come conciliare i valori libertari classici con la teologia repubblicana.

Graham trovò nel presidente Eisenhower un importante collaboratore, e il loro obiettivo era quello di epurare la popolazione americana dai cosiddetti elementi indesiderabili, dagli omosessuali ai comunisti; dai difensori dell’aborto ai difensori delle donne.

Dio e la politica. Un risultato della politica evangelica è la chiara condanna di ogni immoralità privata, dalla volgarità all'ubriachezza e al sesso al di fuori del matrimonio. Come estensione di questo attivismo morale, ci sono organizzazioni che coltivano la resistenza attivista all’aborto.
La teologia repubblicana e la religione civile sono importanti tra i cristiani americani evangelici, perché il creatore della teologia politica non è altro che Dio stesso. Ha creato il mondo, e quindi anche la realtà politica. La si può chiamare “teologia politica”. In esso è racchiuso un concetto distintivo di libertà, dove "la mano invisibile" copre sia il concetto di "mano di Dio" che quello di "libero mercato".
La teologia dell’Alleanza e la Bibbia uniscono la politica ebraico-israeliana e quella americana. Molti americani credono anche di essere un popolo eletto. La teologia dell’Alleanza, unita in particolare al neoliberismo, evidenzia quindi il 6% più ricco degli Stati Uniti come prescelto, ed è per questo che anche l’ingiustizia economica e sociale negli Stati Uniti è così difficile da cambiare.

I pochi eletti. Il primo a viaggiare dall'Inghilterra a quello che doveva essere chiamato "New England", erano calvinisti, puritani rigorosi che enfatizzavano la temperanza e il valore del duro lavoro. Come riuscirono i calvinisti a influenzare la politica americana in modo che le loro convinzioni religiose cominciassero a confluire nella vita pubblica? Il libro lo spiega con una forma speciale di spiritualismo cristiano che si unisce all'ostilità verso chi la pensa diversamente. La teologia dell’Alleanza crea naturalmente una società instabile con grandi differenze economiche, costruita sull’idea che i privilegi sociali ed economici dovrebbero spettare a un piccolo gruppo e che ciò si basa solo sulla volontà di Dio.

Anticomunismo. È noto che la teoria dello sviluppo di Darwin è passata in secondo piano a favore della concezione cristiana della creazione, e anche che il darwinismo sociale è diventato una componente importante della società americana. Il darwinismo sociale, dove la lotta per l'esistenza è la realtà dominante, pervade la teologia cristiana, e alla base di questa visione c'è la convinzione che Dio è il vero organizzatore della società, e che è Lui a garantire la salvaguardia dei diritti dell'individuo. Il libro descrive come l'evangelizzazione si sia fatta strada nella società americana attraverso il Partito Repubblicano, rappresentato da un anticomunismo chiaramente dichiarato e violento. Incontriamo anche l'estremo azionismo evangelico di Billy Graham. Graham trovò nel presidente Eisenhower un importante collaboratore, e il loro obiettivo era quello di epurare la popolazione americana dai cosiddetti elementi indesiderabili, dagli omosessuali ai comunisti; dai difensori dell’aborto ai difensori delle donne.

Diritti civili. Il libro fornisce un quadro storico coerente, ma alla fine fa un'incursione piuttosto debole nello sviluppo della teologia repubblicana. Come scrittore, non basta essere coscienzioso e obiettivo: dovresti anche prendere posizione e scrivere in modo acuto e chiaro.
Una delle cose più importanti Teologia repubblicana occupa, è ciò che dovrebbe realmente essere la base del termine diritti civili. Dovrebbero essere contrattuali, come con Locke e altri filosofi del XVIII secolo, o dovrebbero fondarsi su una miscela di valori repubblicani, evangelicalismo e libertarismo, dove ognuno è responsabile della propria felicità? Si tratta ovviamente di discussioni interessanti, ma una maggiore passione nell'argomentazione avrebbe dato una spinta al libro.


henning.ness@getmail.no

Henning Næs
Henning Næss
Critico letterario in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche