Teatro della crudeltà

Dopotutto, la speranza a Gaza

La riconciliazione nelle comunità locali è la via per una riconciliazione palestinese finale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Dopo dieci anni di tragedia interna palestinese – tra cui i combattimenti tra Fatah e Hamas che hanno provocato 700 morti – il popolo di Gaza non vede l'ora di guarire le proprie ferite. Cercano di trovare il modo di ricostruire le loro vite, attraverso un processo di riconciliazione nelle comunità locali nell'atmosfera positiva creata dall'unione delle due fazioni.

Accetta la riconciliazione. Imad Zanoun (58) ha perso suo figlio Alaa durante il tragico periodo. Ha lavorato nelle forze di sicurezza di Fatah. Imad guarda con tristezza la foto di suo figlio. "Ho accettato la riconciliazione della comunità locale e ho perdonato colui che ha ucciso mio figlio per il bene della nostra patria. Il sacrificio è un dovere per ogni palestinese, affinché possiamo vivere in pace e armonia in un clima civile segnato dalla rinascita", spiega. Imad Zanoun lavora per questa riconciliazione locale dal 2011, quando ha avviato una campagna di perdono rivolta alle famiglie delle vittime.

Zanoun chiarisce che il sangue di suo figlio non è a buon mercato: "La mia accettazione dell'espiazione non significa che sono una persona debole. Il sacrificio è la fonte della mia forza”. Zanoub ha invitato tutte le parti ad accelerare il processo di riconciliazione a beneficio di tutti i palestinesi. Chiedendo di superare tutti gli ostacoli, ha detto qualcosa alle famiglie delle vittime della scissione: “Dovete pensare con la vostra testa. Il nostro Paese vuole che dimentichiamo quello che è successo e che apriamo un nuovo capitolo senza odio e rabbia”.

Talal Basal ha perso anche suo figlio Ahmad durante gli eventi sanguinosi. Suo figlio si era unito alle forze di polizia paramilitari della Hamas Executive Force. “Sono felice della riconciliazione e non ho esitato ad accettarla. Siamo un solo popolo e dobbiamo restare uniti e dimenticare ciò che ci separa", afferma Talal. Quando parla di suo figlio, scoppia in lacrime. "Mio figlio è caduto a causa di litigi e lotte, e dal momento in cui ho ricevuto il messaggio non ho mai pensato alla vendetta."

Imad Zanoun e Talal Basal hanno annunciato pubblicamente la loro decisione di accettare la riconciliazione – con il relativo compenso finanziario – durante un festival tenutosi a Gaza alla presenza di leader politici nazionali e tribali.

Non tutti perdonano. Tuttavia, il trentenne "Abu Iyad" – che non vuole che il suo nome venga pubblicato – ha rifiutato l'offerta di riconciliazione municipale dopo che suo fratello è stato ucciso da Fatah: "Ci sono molte persone che non sopportano il pensiero di dover perdonare l'omicidio del fratello, soprattutto perché si trattava di un omicidio premeditato. Mio fratello non aveva niente a che fare con Hamas e lo hanno ucciso solo perché aveva la barba chiara. Non intendo accettare questa riconciliazione e non accetto denaro. Tutto quello che voglio è che venga fatta piena giustizia e che chiunque abbia ucciso mio fratello venga punito." Dice che vengono fatti costantemente dei tentativi per fargli cambiare idea, ma lui li respinge. "Ricordo ancora le ultime parole di mio fratello agli assassini: 'Per favore, non uccidetemi, mi sposerò tra due settimane.' Mantengo la mia decisione secondo cui l'assassino deve essere punito e mando un messaggio a coloro che detengono il potere affinché il sangue del mio fratello martire debba ricordare che devono garantire la legge e l'ordine e punire l'assassino".

Secondo il rappresentante di Fatah, quasi il 70% delle famiglie delle vittime ha accettato il processo. 

Risarcimenti alle famiglie. Ahmad Yosef, consigliere politico del governo di Hamas, afferma che la riconciliazione dell'ambiente locale è una questione importante concordata al Cairo. "È relativamente facile da attuare se sono disponibili soldi per risarcire le famiglie", dice. Yosef ritiene che la riconciliazione locale rafforzerà emotivamente le famiglie delle vittime e allevierà la sofferenza che è così profonda nella società palestinese. Egli ritiene inoltre che il processo di riconciliazione proteggerà anche da azioni di vendetta. Sono stati istituiti comitati speciali che sono riusciti a convincere molti a impegnarsi a non vendicarsi.

Yosef afferma anche che la violenza e gli omicidi sono stati un grosso errore che ha causato la morte e il ferimento di centinaia di persone. "Ha anche causato una grave cicatrice nella società palestinese che ha indebolito la lotta per la Palestina". Yosef ha invitato Hamas e Fatah a porre fine alla divisione, ad ammettere l'errore e ad adoperarsi per creare fiducia nella popolazione, soprattutto tra le famiglie delle vittime.

Nimeh Sheikh Khalil è membro del Consiglio legislativo palestinese dove rappresenta Fatah. Sostiene il lavoro sulla riconciliazione locale: "Noi di Fatah sosteniamo la riconciliazione locale e la consideriamo un pilastro nella più generale riconciliazione palestinese. Dobbiamo lavorare per riunire tutti i palestinesi”. Nimeh ritiene che sia importante che questi sforzi abbiano successo, in modo che i palestinesi possano uscire dal problema delle lotte interne e dei tentativi di vendetta. Ha chiesto che venga redatto un disegno di legge che possano firmare tutte le famiglie delle vittime. Ha anche detto che qualunque cosa diventi legge, non dovrebbe contenere nulla che obblighi qualcuno ad accettare questo processo. Il rappresentante di Fatah afferma che quasi il 70% di tutte le famiglie delle vittime hanno accettato il processo e sperano che il maggior numero possibile del restante 30% si convinca ad accettarlo. Elogia i leader politici e tribali, nonché i partiti e le fazioni palestinesi per il loro sostegno nel far funzionare questi sforzi.

Mohammad Abu Shamaleh, un altro membro del Consiglio legislativo di Fatah della fazione Dahlan, dice che Fatah sta lavorando duramente per garantire che tutte le famiglie ricevano un risarcimento. Dice che: "Cinquanta milioni di dollari sono stati assicurati per il pagamento di un risarcimento a oltre 700 famiglie che hanno perso una persona cara durante questi sanguinosi eventi tra Fatah e Hamas".

Perdono e diritto di transizione. Abdel Aziz Kahek, capo dell'"Higher Council for Reconciliation" (Consiglio superiore per la riconciliazione), afferma che la riconciliazione tra vicini è uno dei pilastri della società islamica e che è un dovere religioso e morale aiutare a unire e rafforzare la nazione . "La riconciliazione ambientale locale sta procedendo costantemente insieme alla riconciliazione politica al Cairo. In molti casi, le famiglie prendono l’iniziativa per porre fine ai combattimenti e alle divisioni tra loro”. Kahek chiede a tutte le fazioni di accelerare la riconciliazione locale “perché quasi tutte le persone uccise appartengono all'una o all'altra fazione”. Esorta a mantenere unito il popolo attraverso il perdono. "Come palestinesi abbiamo sofferto molto durante l'occupazione e ora dobbiamo essere forti", conclude.

Jamil Sirhan è a capo della Commissione indipendente per i diritti umani a Gaza. Secondo lui la riconciliazione con l'ambiente locale fa parte della soluzione transitoria. “Ciò è legato alla necessità di un risarcimento alle famiglie delle vittime per le perdite subite a causa della scissione. Questa compensazione è un elemento fondamentale per costruire una società civile stabile e sicura. La riconciliazione del vicinato dovrebbe essere attuata non appena una delle famiglie delle vittime presenta una denuncia e dovrebbe includere le loro richieste. La riconciliazione tra quartieri deve avvenire in modo istituzionalizzato e basato su diritti transitori, in modo che i diritti delle famiglie siano garantiti. Ciò contribuirebbe anche a mantenere la legge e l’ordine, in modo che le persone non pensino alla vendetta”.

Hamada Hamada Fajer
Hamada Hamada Fajer
Hamada è un libero professionista per Ny Tid da Gaza.

Potrebbe piacerti anche