Teatro della crudeltà

Otto anni al potere

Eravamo otto anni al potere. Una tragedia americana.
Forfatter: Ta-Nehisi Coates
Forlag: One World, Random House (USA)
Gli otto anni di Barack Obama come primo presidente nero d'America hanno indirettamente aperto la strada al "primo presidente bianco" del paese, secondo uno degli scrittori afroamericani più influenti d'America.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Raccolta di saggi di Ta-Nehisi Coates Eravamo al potere otto anni ci accompagna in un viaggio attraverso una presidenza unica, legata alla straordinaria carriera dell'autore. Coates è inizialmente un blogger giovane e squattrinato finanziato dalla moglie e appassionato di rap. Verso la fine dei due mandati, diventa lui stesso un autore celebre (tra l'altro grazie al libro Tra il mondo e me), con il presidente Barack Obama come suo ultimo intervistato. Obama è diventato un simbolo per gli americani, il suo insediamento è stato una sorta di vittoria miracolosa per il progetto di uguaglianza democratica. Otto anni dopo, si scontrano con l'inversione totale: Donald Trump diventa presidente. Coates lo spiega da una prospettiva razziale.

Trump, d'altra parte, poteva essere quello che voleva, perché era bianco.

Il titolo del libro è una citazione: Dopo la guerra civile americana (1861–1865) e l'abolizione della schiavitù, il periodo delle riforme seguì l'"era della ricostruzione". Lo stato della Carolina del Sud aveva una maggioranza di residenti neri, molti dei quali erano ora assegnati a posizioni amministrative. Fino a quando gli abitanti bianchi non hanno puntato i piedi. Thomas E. Miller rappresentava il "buon governo negro" – odiato dai bianchi, secondo lo storico W.-EB Du Bois – ma nell'autunno del 1895 dovette dichiarare: "Abbiamo avuto il potere per otto anni". Coates afferma che dopo questo non ci sono stati cambiamenti significativi nelle condizioni degli afroamericani. La "supremazia bianca" pervade tutte le condizioni sociali, cosa che l'autore conferma con fatti tratti dai suoi studi e da quelli di altri. Per molti, la prima famiglia presidenziale nera d'America, per quanto immacolata ed esemplare, fu un'anomalia, un disastro. Per alcuni, il presidente Obama è stato insediato per errore: non è mai stato presidente di diritto poiché "non è nato negli Stati Uniti". Trump, d’altro canto, poteva essere quello che voleva, perché era bianco. Il primo bianco il presidente degli Stati Uniti. I "bianchi" avevano finalmente ripreso la loro terra.

Coates suggerisce somiglianze tra Obama e King e tra X e se stesso.

Supremazia bianca. Coates non si toglie mai gli “occhiali razziali”: per lui il razzismo sistematico e senza fondo è la radice del male. La storia è la struttura narrativa e fornisce una base per l'atteggiamento dell'autore. Grazie alla schiavitù, con il brutale sfruttamento dei neri, i bianchi riuscirono ad accumulare la loro ricchezza. I neri erano considerati “proprietà” e avevano valore solo in quanto “generatori di capitale”. Ma la schiavitù fu abolita, quindi fu necessaria una nuova sistemazione che potesse preservare il sistema. Le leggi sulla segregazione razziale – che avrebbero dovuto mantenere lo spazio pubblico bianco libero dalla presenza dei neri e preservare il concetto di “razza inferiore” – cementarono l’ingiustizia. Alla popolazione nera è stato negato l’accesso a buone scuole, buoni alloggi, buoni quartieri, buoni posti di lavoro. La conseguenza naturale fu la disoccupazione e la criminalità, che allora (dis)spiegarono come "la natura del negro". Ciò ha creato terreno fertile per un pericoloso odio razziale, descritto tra l’altro dall’autore James Baldwin Il fuoco la prossima volta - tra l'altro una delle bibbie letterarie di Coates. Il movimento per i diritti civili degli anni '1960 portò due uomini iconici in prima linea: Martin Luther King e Malcolm X. King era il pacifista, Malcolm X era il guerriero. Le loro uccisioni polarizzarono ulteriormente i fronti. Coates suggerisce somiglianze tra Obama e King e tra X e se stesso. I primi due sono costruttori di ponti, i secondi sono sulle barricate: questo è un punto centrale del libro. Attraverso gli otto testi, tutti preceduti da annotazioni di diario personale, leggiamo ciò che non è scritto tra le righe: una leadership afroamericana di successo – personale e politica – spesso sostiene la supremazia bianca che si sta effettivamente cercando di combattere. La conciliazione e il buon comportamento sono qualcosa che avvantaggia solo i bianchi, in linea con Le vite dei neri contano-l'atteggiamento del movimento. Coates sostiene fortemente la compensazione nel capitolo Il caso dei risarcimenti.

Barack Obama ha aiutato Donald Trump a entrare nello Studio Ovale?

Speranza e tragedia. Quando Obama sale sul palco e alla Casa Bianca nel 2008, il giovane Coates è profondamente commosso. Non ha mai visto niente del genere. Qui emerge un leader superbo, uno che si fa sempre chiamare sé stesso nero, anche se ha una madre bianca ed è sposato con Michelle, una donna di colore. A differenza di Coates, non ha mai dovuto sopportare il bullismo, si è sempre sentito amato dalla sua famiglia e incoraggiato a puntare in alto. In quanto presidente afroamericano, si rende conto che non deve mai sbagliare passo, deve abbracciare “l’innocenza bianca” e aldri pescare la "carta corsa". Ma in due occasioni inciampa: il mite commento del presidente ("È stata una cosa stupida da fare") quando un professore universitario nero viene arrestato nel 2009 mentre cercava di entrare in casa sua, viene accolto negativamente dalla parte bianca della popolazione. Più tardi, quando il giovane ragazzo nero Trayvon Martin viene ucciso da un uomo bianco, perché il ragazzo "sembrava minaccioso", Obama rinuncia alla sua neutralità: "Se avessi un figlio, somiglierebbe a Trayvon". Raccoglie parolacce e viene ridicolizzato dai bianchi.

Un leader del mondo libero con una qualifica primaria: il colore della pelle bianca.

Otto anni di famiglia presidenziale nera dal comportamento impeccabile – nonostante le guerre con i droni e le numerose sconfitte politiche – sono accompagnati da altri otto anni di razzismo costante e aperto. Così si aprì la strada a ciò che sarebbe venuto: un leader del mondo libero con una qualifica primaria: la carnagione bianca.

La storia costituisce la cornice narrativa e fornisce un fondamento all'atteggiamento dell'autore.

Obama era riuscito a dare speranza di progresso anche a Malcolm X-Coates, nonostante la convinzione che "essere nero in America significa essere derubato". Nelle settimane successive alla vittoria elettorale di Trump, Coates è devastato. È seduto all'interno dell'Airforce One con Obama. Com'è l'ottimismo del presidente? Obama risponde con la familiare intelligenza retorica: “Essere ottimisti riguardo alle prospettive a lungo termine per l’America non significa credere che tutto andrà in linea retta. Va avanti, a volte indietro, a volte lateralmente, a volte a zig-zag.

Otto anni di famiglia presidenziale nera dal comportamento impeccabile sono accompagnati da altri otto anni di razzismo costante e aperto.

Barack Obama ha aiutato Donald Trump a entrare nello Studio Ovale? O in altre parole: sarebbe stato meglio se gli Stati Uniti non avessero mai avuto il loro primo presidente afroamericano? Coates lascia la domanda senza risposta, ma il sottotitolo del libro dice tutto: An American Tragedy.

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche