Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Lanciare: un sistema universale di disuguaglianza, abuso di potere e umiliazione

Casta: le origini del nostro malcontento
Forfatter: Isabel Wilkerson
Forlag: Random House (USA)
RANK / In India è il cognome, negli USA è il colore della pelle, che determina se si è in cima o in fondo alla scala del sistema delle caste

"Negli Stati Uniti, la razza è la manifestazione visibile del potere invisibile esercitato attraverso la casta. Il casting è lo scheletro, la razza è la pelle ".

Con questo, Isabel Wilkerson definisce il tema che tratta nel libro Casta. Le origini del nostro malcontento. Fa uno studio completo di un fenomeno in cui la presunta superiorità di un gruppo si contrappone alla presunta superiorità di un altro. Questa è una potente infrastruttura che mantiene entrambi i gruppi sul posto e che in effetti ha un impatto sulla vita e sulla morte.

Wilkerson confronta tre sistemi di caste che si sono distinti nel corso della storia: il sistema delle caste millenario in India; la piramide razziale negli Stati Uniti e ciò che si sviluppò in breve tempo nella Germania nazista. Tutti sono stati giustificati come "dati da Dio" o "legge di natura" e ruotano attorno potenza -chi ce l'ha e chi no. Si tratta di risorse: quale casta "le merita" e quale no. Si tratta di rispetto, autorità e presunta competenza: chi viene accreditato e chi resta a mani vuote.

Una connessione più ampia

La coerente riscrittura della terminologia da parte dell'autore ci aiuta a vedere i fenomeni con nuovi occhi e a collocarli in un contesto più ampio e universale. Nel sistema delle caste americano, il segno del rango è quindi ciò che chiamiamo razza, la discriminazione delle persone a causa dell'apparenza. A chiunque rientrasse nella definizione di "bianco", indipendentemente dal tempo storico, venivano concessi i diritti e i privilegi della casta dominante. In fondo alla scala c'era la casta inferiore, poiché "il pavimento psicologico attraverso il quale nessun'altra casta poteva cadere".

La casta è lo scheletro, la razza è la pelle.

Wilkerson afferma: "L'uso di caratteristiche fisiche ereditate per definire le caratteristiche interne è probabilmente il modo più intelligente che una cultura abbia mai escogitato per sistematizzare e mantenere un sistema di caste".

Abbiamo la storia della visita di Martin Luther King Jr. in India, dove fu presentato a un gruppo di studenti come un "intoccabile americano". È stato quindi paragonato ai Dalit indiani, coloro che si collocano in fondo alla piramide sociale. Lui, uno stimato professore arrivato in aereo da un altro continente e seduto al tavolo del Primo Ministro?
Il dottor King superò lo shock e si rese conto che sì, era un "intoccabile" "come ogni negro negli Stati Uniti". Per il colore della sua pelle apparteneva alla stessa categoria inferiore dei prigionieri africani che dodici generazioni fa furono deportati nel Nuovo Mondo per costruire il paese e servire i conquistatori. La casta, osserva Wilkerson, è stata fin dall’inizio il sistema operativo dell’interazione economica, politica e sociale in America. Significava che qualsiasi persona considerata "bianca", anche una persona povera in fondo alla scala sociale, era al di sopra di una persona dalla pelle scura, indipendentemente dal rango sociale.

americano contro Sistema indiano delle caste

Wilkerson illustra quanto sia profondo questo indottrinamento, anche nei cittadini illuminati di oggi, con un episodio vissuto personalmente. Lei, una giornalista afroamericana in missione per il New York Times, ha organizzato un incontro per un'intervista con il proprietario di un negozio a Chicago. Esce presto ed è sola nella stanza. Un uomo (bianco) senza fiato, in giacca e cappotto, si precipita dentro, l'intervistato. Si presenta, ma viene subito interrotta: "Non posso parlarti. Sono in ritardo per un appuntamento." Wilkerson: "Probabilmente sono io l'accordo." "No, questo è un accordo importante con il New York Times." Si presenta di nuovo. Non ci vuole credere e ripete che non ha tempo, perché il giornalista è atteso da un momento all'altro. La giornalista non accetta alcuna accusa e nota che questa è la prima volta che viene accusata di essersi spacciata per se stessa.

Cosa differenzia il sistema delle caste americano da quello indiano? In India non è il colore della pelle, ma il cognome ad essere decisivo. Dalit significa oppresso, senza casta e appartiene a una tradizione millenaria di umiliazione ed esclusione. I nomi sono tipicamente "spregevoli" e si riferiscono al semplice lavoro che erano incaricati di svolgere. I Bramini, invece, appartengono alla casta più alta, che prende il nome da una divinità indiana.

Il sistema indiano delle caste è radicato nella religione e nella fede nell’incarnazione ed è quindi stabile e incontrastato. Tuttavia, la mancanza di opposizione non è stata un segno di soddisfazione. Alcuni Dalit sentivano una tale affinità con il movimento per i diritti civili in America che negli anni '1970 crearono il movimento The Dalit Panthers, ispirato al Black Panther Party. In un recente incontro tra gruppi di entrambi i paesi, tutti erano d'accordo sulla canzone che tutti conoscevano: "We Shall Overcome".

foto: pixabay

Il razzismo nel Terzo Reich

In un giorno di giugno del 1934, un gruppo di burocrati nazisti si riunì a Berlino per discutere su come istituzionalizzare il razzismo nel Terzo Reich. Hanno iniziato osservando come hanno fatto gli americani. Durante la prima guerra mondiale, la Die Gesellschaft für Rassenhygiene applaudì "l'impegno dimostrato dagli americani nel sostenere la ricerca sull'igiene razziale e il modo in cui mettono in pratica le conoscenze teoriche".

Si tratta di rispetto, autorità e presunta competenza: chi
accreditato, e che rimane a mani vuote.

il termine Untermensch (subumano) deriva dal libro dell'autore del New England Lothrop Stoddard La rivolta contro la civiltà – La minaccia del sottouomo. Hitler lodò il massacro americano dei nativi americani e vide l'Immigration Restriction Act del 1924 come modello per il suo piano di pulizia razziale.

I nazisti all'incontro di giugno avevano buone referenze quando gettarono le basi per la loro versione del sistema delle caste e quando, tra l'altro, legiferarono sul divieto del matrimonio tra ebrei e ariani.

Isabel Wilkerson vede una grande differenza tra il sistema delle caste tedesco e quello americano nel modo in cui le due nazioni hanno trattato la propria storia. In Germania trova un trattamento quasi esemplare in tutto, dall'onorare le vittime della guerra ebraica all'accettazione della corresponsabilità da parte dei giovani. In America, vede una evidente mancanza di qualcosa di simile.

India e Stati Uniti sono le due più grandi democrazie del mondo. Entrambi si basano su sistemi di caste cementati attraverso l'interpretazione dei testi sacri e la “necessità” della gerarchia sociale, di “quelli in alto” e “quelli in basso”. L’America è il paese più colpito da questa situazione un lavoro in corso. Wilkerson discute del futuro con uno storico e mette sul tavolo il numero 2040. È l’anno in cui gli statistici prevedono che il numero delle persone di colore negli Stati Uniti supererà il numero dei bianchi. Lo storico chiede: "Se alle persone fosse data la scelta tra democrazia e bianchezza, quante sceglierebbero la bianchezza?" La domanda resta nell'aria.

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche