Teatro della crudeltà

L'ascesa della Cina di silicio

I giganti della tecnologia cinese si stanno espandendo e la loro posizione sulla raccolta dei dati e sulla privacy sfiderà altri paesi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In futuro, se non già, i centri di intelligenza artificiale (AI) della Silicon Valley saranno situati in Cina. Le aziende high-tech Xiaomi, Baidu, Didi Chuxing, Meituan e Toutiao hanno tutte il loro quartier generale a Pechino. Alibaba, il gigante cinese dell'e-commerce, ha sede a Hangzhou. E Tencent, un conglomerato multinazionale che investe molto nell'IA, ha sede a Shenzhen. Tencent ha già una capitalizzazione di mercato superiore a quella di General Electric e Baidu è più grande di General Motors.

La Cina ha l’opportunità di assumere una posizione di leadership nell’intelligenza artificiale perché il paese è stato in grado di adottare le nuove tecnologie molto rapidamente. Proprio come milioni di consumatori in India sono passati direttamente dall’assenza di telefono agli smartphone, abbandonando i telefoni fissi e i telefoni cellulari, i consumatori cinesi stanno ora facendo lo stesso, e con una serie di nuove tecnologie. Ad esempio, i clienti cinesi hanno abbandonato le carte di credito e sono passati direttamente a utilizzare piattaforme di pagamento elettronico. Mentre Apple Pay fatica a prendere piede negli Stati Uniti, Tencent viene già utilizzato ogni giorno per oltre 600 milioni di transazioni senza contanti.

Nessuna cultura della privacy

Le piattaforme altamente centralizzate di Tencent e di altre aziende cinesi offrono loro un vantaggio nella ricerca e nello sviluppo dell’intelligenza artificiale, grazie alla capacità di raccogliere grandi quantità di dati che possono poi essere utilizzati per addestrare gli algoritmi di apprendimento automatico. Queste piattaforme hanno anche un potere quasi monopolistico, che aumenterà i guadagni sulle future applicazioni di intelligenza artificiale.

Le aziende cinesi sono avvantaggiate anche per quanto riguarda le norme culturali relative alla privacy. In Occidente la privacy è considerata un diritto personale ad avere il proprio "spazio" e, in un senso leggermente più ampio, a "possedere" i propri dati. Questa percezione della privacy è positiva per l’individuo e, si potrebbe sostenere, per la società, ma per gli sviluppatori di intelligenza artificiale non è così positiva, poiché una tale mentalità creerà ostacoli nella ricerca dei dati necessari per addestrare gli algoritmi.

Nella cultura cinese la privacy è vista con sospetto, come una forma di segretezza. Si parte dal presupposto che una persona onesta non abbia nulla da nascondere al pubblico: quindi i consumatori cinesi di solito trovano perfettamente accettabile fornire i propri dati personali. A differenza dell’India, dove la Corte Suprema del paese ha sostenuto il diritto alla privacy come diritto fondamentale, e dell’UE, che ha legiferato sul “diritto all’oblio”, in Cina non c’è stata alcuna discussione seria sulla privacy e sui dati.

Ciò si adatta bene alle aziende tecnologiche cinesi. Il quadro giuridico in Cina consente a tali aziende di raccogliere un’ampia varietà di dati degli utenti per una varietà di scopi, ad esempio creando sistemi di valutazione sociale, come Sesame Credit di Alibaba.

Altri ostacoli sulla strada

Tuttavia: le limitate opportunità di finanziamento e investimento sia in patria che all’estero potrebbero ritardare i progressi della Cina nell’intelligenza artificiale e nei settori correlati. I risparmiatori cinesi hanno pochi incentivi a investire i propri soldi nelle banche del paese, poiché il tasso di inflazione è superiore al rendimento reale dei depositi. E data la volatilità dei prezzi al consumo in Cina, molti sono riluttanti a bloccare a lungo i propri risparmi.

Nella cultura cinese la privacy è vista con sospetto, come una forma di segretezza.

Inoltre, non c’è motivo di investire nella Borsa di Shanghai finché la crescita economica è sistematicamente superiore al rendimento del mercato azionario. E gli investitori temono che si ripeta la crisi del 2015, quando le turbolenze del mercato portarono a un forte calo dei prezzi e a diverse interruzioni delle compravendite azionarie – e il governo si sentì obbligato a intervenire. Le autorità sono riuscite a stabilizzare i prezzi, ma ciò è stato fatto aumentando gli incentivi per gli agenti di cambio e vietando le vendite allo scoperto e la vendita di azioni al di sopra di un certo limite.

Un terzo problema è che il costante aumento dei prezzi delle case ha reso gli investimenti in tutti i valori di rischio ancora più rischiosi. Zhou Xiaochuan, capo della Banca popolare cinese, mette ora in guardia da un “momento Minsky”, in cui il debito delle famiglie cinesi alimentato dall’edilizia potrebbe portare a un improvviso calo dei prezzi immobiliari.

Le aziende cinesi hanno inoltre limitate opportunità di investire all’estero. Oltre ai controlli sui capitali da parte del governo cinese, il governo degli Stati Uniti ha preso in considerazione restrizioni più severe sugli investimenti cinesi in settori strategicamente importanti, in particolare quelli legati all’intelligenza artificiale e all’apprendimento automatico. In effetti, le autorità di regolamentazione statunitensi hanno recentemente bloccato il tentativo di Alibaba di acquisire MoneyGram, citando preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Creerà dilemmi

La prospettiva di una rivoluzione dell’intelligenza artificiale guidata dalla Cina presenta sia opportunità che sfide. Dal punto di vista dell’Occidente, ciò potrebbe aprire la strada a una maggiore cooperazione con una delle economie più dinamiche del mondo. E potrebbe portare la Cina più profondamente nell’ambito dell’ordine internazionale basato su regole.

Ma allo stesso tempo, la leadership cinese nel campo dell’intelligenza artificiale causerà probabilmente ulteriori scontri tra le aziende cinesi e le normative straniere. I giganti tecnologici cinesi ex-
stanno assecondando a livello internazionale e il loro approccio alla raccolta dei dati e alla privacy creerà dilemmi per altri paesi. La sfida sarà quella di osare fare affari con uno Stato illiberale senza perdere gli investimenti e le innovazioni cinesi. 

marion@nytid.no
marion@nytid.no
© Progetto Sindacato, 2016.

Potrebbe piacerti anche