Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La protesta contro le élite, contro il governo, contro la burocrazia e la democrazia rappresentativa

De Gule Veste ha la parola, Il caso della DEGROWTH, Fearless Cities: A guide to the Global Municipalist Movement
3 LIBRI SULL'ECOLOGIA / Dai Gilet Gialli sono nate nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, abitazione e consumo. E con la "Decrescita", a cominciare da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E per quanto riguarda il locale?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Prima Francia e Usa. Successivamente, Bielorussia e Russia. Nelle grandi manifestazioni si vede che gran parte della popolazione – durante la più grande crisi dalla seconda guerra mondiale – si rivolta contro i propri leader politici. Nel 2020-21, il mondo è colpito da una pandemia che aumenta i divari sociali. E la battaglia per la biodiversità e il clima è stata sospesa. I vecchi concetti non sono più sufficienti e non ne abbiamo di nuovi. Siamo di fronte alla scelta tra un collasso imminente o un difficile processo di trasformazione. I temi del tempo sfidano il nostro giudizio.

Centinaia di migliaia di francesi

In Francia abbiamo assistito alle proteste più estese dal 1968. De Le manifestazioni di Gule Veste# nel periodo 2018-2020 non hanno lasciato subito spazio per riassumere le tante immagini di ribellione e manifestazioni.

È quindi positivo che il francofilo Mads Christoffersen sia tornato nella sua Francia e abbia ascoltato un'ampia gamma di attivisti di De Gule Veste per cercare di svelare, con 68 interviste, il carattere politico del movimento e le sue ambizioni.

Contemporaneamente al ricevimento a Copenaghen per la pubblicazione del libro (novembre 2020), in Francia è stato convocato un comizio di rilancio del “De Gule Veste”. Qui si riflettevano i temi che costituivano il culmine provvisorio di De Gule Veste: la struttura futura del movimento, reddito e potere d'acquisto, ecologia, democrazia diretta e sviluppo internazionale del movimento. A causa della pandemia l’incontro ha dovuto essere annullato.

Gilet gialli

All’improvviso, De Gule Veste è emerso nell’autunno del 2018. Il presidente Macron aveva imposto una tassa ambientale sulla benzina e, dopo un mese di espressione di rabbia sui social media, è esplosa il 17 novembre. Centinaia di migliaia di francesi si sono poi incontrati indossando i gilet gialli che in Francia devono essere presenti su ogni automobile. È diventato subito evidente che la protesta riguardava molti tipi di malcontento accumulato. C’è stata la protesta contro le élite, contro il governo, contro la burocrazia e la democrazia rappresentativa praticata oggi. La particolarità dei Gilet Gialli era che l’unica cosa su cui erano uniti era ciò contro cui erano. Erano arrabbiati e contrari al sistema. Certo, volevano dei cambiamenti, ma a questo punto non avevano idea di cosa. Inoltre, nessuna delle costellazioni politiche dei partiti era riuscita ad affermarsi in alcun modo tra i numerosi partecipanti, che nella maggior parte dei casi non avevano alcuna esperienza politica.

L'incertezza che le mutazioni di coronala diffusione del virus non fa altro che enfatizzare tutto
per chiaramente l'importanza di dare priorità al “locale” in una prospettiva eco-anarchica.

Inutile dire che un'insoddisfazione accumulata avrebbe espressioni diverse, sia che si manifestasse in Francia o che avvenisse a Parigi. Tuttavia, secondo il libro, c'erano alcune caratteristiche comuni nelle manifestazioni: alle riunioni c'era tempo di parola per tutti. Le opinioni di tutti dovevano essere ascoltate e rispettate. E dai numerosi incontri alle rotatorie e dalla resistenza incontrata dalla polizia, sono emerse nuove comunità. "Queste persone sono diventate la mia famiglia", si diceva tra i partecipanti, e come estensione di ciò sono nate nuove forme di organizzazione delle funzioni fondamentali nella società. Le funzioni di produzione, abitazione e consumo sono solo alcune di esse.

Come nel 1968, ora veniva sviluppata una critica più fondamentale del sistema politico. Dell’economia capitalista e della sua distruzione delle persone e dell’ambiente. Dell'insensato spreco di risorse nella società dei consumi, delle pessime condizioni di vita e di lavoro e del servizio pubblico nel campo dell'istruzione, della sanità e dell'assistenza sociale. Tutto ciò ha posto le basi per le rivendicazioni di autodeterminazione e per l’introduzione della democrazia diretta con, tra le altre cose, Referendum promossi dai cittadini, secondo Kristoffersen.

Trasformazione ecologica sociale

È stato anche in Francia Decrescita-il movimento ha avuto la sua prima espressione organizzativa alla conferenza internazionale di ricerca del 2008 a Parigi. Con un background in i.a. il libro Limiti alla crescita (1972) avevano già sviluppato in precedenza una piattaforma critica: «una crescita economica continua su un pianeta limitato non è possibile». E nel corso degli anni è diventata una critica del sistema sempre più sofisticata, sviluppata con base in ambienti prevalentemente intellettuali nei paesi dell’Europa meridionale e con l’Universitat Autònoma de Barcelona come sede accademica dominante.

Dopo una lunga serie di convegni internazionali e scuole estive incentrate sulla crescita economica e le sue sfide, è ora disponibile, da parte di alcuni dei principali rappresentanti del movimento, il libro Il caso della decrescita, che è un invito a presentare strategie per una trasformazione socio-ecologica , pur partendo da azioni molto semplici (tutela dell'acqua, dell'aria, del suolo). Oltre a sottolineare la necessità di «una vita semplice», l'unica raccomandazione per il lettore è quella di contribuire alle discussioni sullo sviluppo.

Uno dei capitoli tratta del senso di condividere e vivere una vita semplice, in modo che ad altri venga data l'opportunità di vivere. Il focus è sul comune, per sviluppare insieme e sviluppare ulteriormente strutture sociali dove «i beni comuni» trovano espressione. Il caso della decrescita costituisce un’introduzione soprattutto per coloro che sono interessati agli assetti economici.

Laddove De Gule Veste appariva come una ribellione manifesta senza una prospettiva strategica, la «Decrescita» appare come un contributo ancora prevalentemente teorico alla comprensione di ciò che accade all’interno della sala macchine della società capitalista – aggiunto al desiderio che noi, come singoli cittadini, cambiamo il nostro stile di vita. Il concetto di «decrescita» non lascia alcuna indicazione su se il contenuto debba essere raggiunto o meno all’interno del capitalismo, per non parlare di chi debba essere il motore di un tale cambiamento.

Più importante che enfatizzare le differenze – cosa che non deve però portare a nascondere gli inevitabili disaccordi nei movimenti – è unirsi al fondo comune secondo cui la sopravvivenza della vita sul pianeta – e soprattutto dell’umanità – è contraria al capitalismo e al produttivismo. e che bisogna quindi cercare vie d'uscita da questo sistema distruttivo e disumano.

"Pensa globalmente agisci localmente"

Sulla base delle strette relazioni e del rapporto con la natura è stato sviluppato e fondato il movimento ombrello «Comunità per il futuro». Come l’ONU alla conferenza di Rio del 1992 con l’Agenda 21 locale si è concentrata su «Pensare globalmente, pensare localmente», così «Comunità per il futuro» riunisce una serie di diverse piattaforme di transizione con un focus sull’organizzazione a livello locale e regionale. Ciò riguarda, tra l’altro, sulle cooperative che puntano su solidarietàe rapporti di lavoro; «Camphills» incentrato sulle persone con bisogni speciali; Rete globale di ecovillaggi focalizzata sulla coltivazione della terra; ed ECOLISE – Rete europea per iniziative guidate dalla Comunità sui cambiamenti climatici e la sostenibilità.

C'è Colau i Barcelona

Oggi, una diversità costituisce la base per la costituzione di comunità locali: quella rigenerativa, quella resiliente, quella terapeutica, di progettazione e pianificazione (permacultura), tutte basate sull’immediato sociale e sul rapporto con la natura.

Una parte di queste comunità locali si è incontrata nel 2017 a Barcellona, ​​dove è stata invitata l’ex attivista per la casa Ada Colau – eletta sindaco di Barcellona nel 2015. Per Ada Colau, sia l'alto/il basso che noi/gli altri sono esempi di divisioni che sono riduttive e possono essere pericolose. Nel municipalismo si cerca di abolire queste contraddizioni in modo che noi, nelle nostre comunità locali, possiamo incontrarci come persone uguali in comunità inclusive.

Arco Città senza paura: una guida al movimento municipalista globale documenti del meeting di Barcellona di una rete informale di organizzazioni di tutto il mondo che hanno contribuito a trasformare le città in una prospettiva dal basso verso l'alto. Il libro si concentra su questo sviluppo, su una femminilizzazione della politica e sugli aspetti trasversali dell'universo municipale e infine sui contributi che possono sostenere il movimento municipale.

Realizzazione delle comunità locali

L'incertezza che le mutazioni di corona-il virus si sta diffondendo, sottolinea fin troppo chiaramente l'importanza di dare priorità al "locale" in a eco-anarchico prospettiva.

Debbie Bookchin – figlia dell’anarchico americano Murray Bookchin [vedi precedente MODERN TIMES] – è una figura centrale nel municipalismo libertario (che attribuisce un’alta priorità alla libertà individuale e cerca di minimizzare l’importanza del potere statale). Negli sforzi per raggiungere la realizzazione di comunità locali – basate sulla democrazia diretta – è necessario uno scontro con la gerarchizzazione, l'oppressione delle donne e il patriarcato.

"La nostra difesa più elementare contro i disastri è diventare localizzata. Significa
per conoscere i nostri vicini, mantenerci in contatto regolare con loro, partecipare alla comunità locale e fare "apprendistato" della natura che ci circonda e ci mantiene in vita."
Davide Abramo.

Qui è coerente ricordare che gli stati centralizzati non possono implementare sistemi di “vita semplice” sotto forma di piccole economie locali molto autosufficienti, in gran parte indipendenti dall’economia globale. Questi possono essere stabiliti solo da cittadini responsabili di società che brancolano verso soluzioni che funzionino nelle loro condizioni fisiche, biologiche e sociali. Ma lo Stato e i comuni possono contribuire sostenendo i cittadini con il giusto quadro istituzionale che promuova il lavoro di aggiustamento dei cittadini.

In collaborazione con le amministrazioni comunali, è compito garantire i diritti umani fondamentali e la dignità a tutte le persone, promuovere un’economia basata sulla giustizia sociale e ambientale, democratizzare le istituzioni per le persone e garantire il diritto delle persone a decidere quale città vogliono vivere, e infine che le amministrazioni assumano un impegno etico nei confronti dei cittadini.

È giunto il momento di abbandonare l’immagine globale di crescita e prosperità e di dimostrare che esistono alternative praticabili e attraenti. In tutto il mondo sono in corso cambiamenti, anche in Francia, Stati Uniti, Bielorussia e Russia.

Niels Johan Juhl-Nielsen
Niels Johan Juhl-Nielsen
Juhl-Nielsen vive a Copenaghen.

Il pianeta umano

SAGGIO: Cosa si nasconde realmente nel termine “antropocene” come termine per l’era in cui ci troviamo ora? L’Antropocene si riferisce ai molti modi in cui noi esseri umani abbiamo trasformato il mondo e lo abbiamo ricreato a nostra immagine. Ma c’è stata una discussione tra biologi, antropologi, geologi e altre discipline su cosa significhi effettivamente il termine.

Il desiderio, secondo Lacan, è impossibile da afferrare

PSICOLOGIA: Blaise Pascal fu una figura contraddittoria: fu uno dei matematici e scienziati più importanti di tutti i tempi, ma allo stesso tempo un cattolico piuttosto severo e dogmatico. Per dogmatico si intende principalmente il fatto che egli sottolineava una chiara distinzione tra fede e conoscenza. E chiediti: esiste una differenza tra la "verità dell'idiozia" e l'"idiozia della verità"?

La resistenza della NATO, un germoglio per SF e Orientering

PARTITO LAVORATORE: La forza trainante del movimento operaio ha manipolato la Norvegia obbligandola ad un matrimonio militare, politico ed economico con il blocco capitalista occidentale della NATO. Quali metodi ha utilizzato la leadership del Partito Laburista per ottenere la maggioranza e come è stata organizzata la prima opposizione? Sigurd Evensmo era redattore culturale dell'Arbeiderbladet quando furono annunciati i primi progressi della NATO. Quando il partito iscrisse la Norvegia all'alleanza nel 1949, lasciò la presidenza del redattore e si dimise dal partito laburista.

Il privato è politico

ATTIVISMO: Uno degli obiettivi principali del clero iraniano, dei politici e delle persone che sostengono il clero è quello di tenere le donne e tutto ciò che riguarda loro fuori dalla sfera pubblica. Ma la candidata al Premio Nobel Masih Alinejad sta dando voce alle donne oppresse dell’Iran attraverso i media sociali e globali. L'onestà, senza pretese, è una parte importante della vita e della scrittura di Alinejad.

Progresso nei tempi bui

FUTURO: Con crisi da tutte le parti, è diventato difficile affermare che il mondo sta andando avanti progressivamente. Nel suo nuovo libro Fortschritt und Regression, Rahel Jaeggi si attiene tuttavia all'idea di progresso. La società non mira a obiettivi intrinseci: risolvono principalmente i problemi, afferma.

Un rinnovamento della critica dell’ideologia

ALIENAZIONE: Questo piccolo libro di Rahel Jaeggi è stimolante e utile, in un'epoca in cui la critica dell'ideologia e l'ermeneutica del sospetto sono messe sotto pressione, tra l'altro da parte di persone che coltivano la “presenza” e la quotidianità. E se le nostre azioni e istituzioni si svuotassero di significato e andassero con il pilota automatico, verremmo percepiti come alienati?

C'era una volta

GAZZA: Istantanee da una Gaza che non c'è più. Una volta tutti passavano per Gaza. E per tutti era l'"Atene dell'Asia", perché era un centro di filosofia. Gaza fu conquistata, e fu ottomana dal 1516, britannica dal 1917, egiziana dal 1948 – e infine israeliana dal 1967. Nella vecchia Gaza, vedevi ragazze in minigonna, ragazze con whisky e sigarette, ragazze che ballavano e ragazze che dipingevano all'opera d'arte. accademia. E la casa da tè ottomana Beit Sitti era un ritrovo di intellettuali, musicisti e artisti. C'erano anche un gruppo rock e un centro yoga, e pizzeria Italiano e granita... Ma oggi?

Le basi biopolitiche della società moderna

FILOSOFIA: Un corpo immune è inteso come protetto contro gli invasori esterni. Ma come ha accennato Esposito, l’immunità biologica ha avuto anche un significato storico politico e militare.

Fare dell’UE gli «Stati Uniti d’Europa»

NATO/USA: Spesso i media sono inondati di dichiarazioni di “esperti” di think tank – direttamente sponsorizzati dall’industria militare – che chiedono più armi per l’Ucraina, ma senza rivelare il conflitto di interessi che devono affrontare a causa del finanziamento dell’industria degli armamenti. E ben l’85% di tutte le interviste, dichiarazioni e altri riferimenti ai think tank sono sponsorizzati dall’industria. La NATO non è solo una collaborazione militare, ma anche una rete di sub-organizzazioni intrecciate con gli interessi economici americani, da cui si cerca di rendere dipendenti sia i membri attuali che quelli futuri.

Burocrazia politica e capitale degli investitori

DETROIT: Quando la crisi finanziaria colpì gli Stati Uniti nel 2008 e da allora il resto del mondo, Detroit si stava già esaurendo l’orgogliosa città industriale che era stata un tempo. Mentre gli avvoltoi degli investitori si radunavano come nuvole scure e i politici organizzavano la grande rapina, anche gli abitanti rimasti della città si riunivano per un modo diverso di pensare alla città e alla proprietà.

"Propongo di porre fine alla guerra per avere tempo di salvarci"

Federico: TEMPI MODERNI pubblica qui un discorso del presidente colombiano all'Assemblea generale delle Nazioni Unite: un vero 'ministro della pace'?

Una tenera oscurità mozzafiato

FOTO DOCUMENTALE: Anders Petersen ha un progetto umanistico che abbraccia diversi decenni. Ad esempio, la sua trilogia di libri fotografici sulle istituzioni chiuse è uno dei progetti più toccanti e insistenti nella storia dei libri fotografici svedesi. Attualmente sta presentando una grande mostra del suo progetto di lunga data City Diary presso l'Hasselblad Center di Göteborg.
- Annuncio pubblicitario -spot_img

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato