eyJwaG9uZSI6IkJlc3RpbGwgduVydXRnYXZlbiBtZWQgdmFyc2xlcmJpbGFnZXQgaGVyIn0=
Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

La crisi quando arriva

La prossima crisi finanziaria non sarà come la precedente.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Lasciatemi accennare a questo con Charlie Chaplin – poiché vede due modi per filmare la barzelletta con la buccia di banana: il primo mostra un uomo ben vestito che cammina lungo la Fifth Avenue a New York. La telecamera passa quindi al primo piano della buccia di banana stessa, taglia il piede che scivola e poi uno zoom indietro con l'uomo che atterra sulla schiena. Hahaha. Ma la seconda scena, spiega Chaplin, inizia come la prima, ma poi l'uomo vede la buccia di banana e sorride quando scopre la cinepresa nascosta, quindi si sposta rapidamente di lato – ma cieco com'è al tombino aperto, cade dentro il buco.

Joseph Vogl

Il berlinese Joseph Vogl è dietro il bestseller Il fantasma della capitale – recentemente pubblicato in norvegese come Il fantasma della capitale (Editore H // O // F, 2019, tradotto da Eirik Høyer Leivestad). Il punto principale mentre leggo il libro è il futuro irrazionale e imprevedibile del mercato finanziario, nonostante il fatto che gli economisti sembrano ancora credere in mercato come giusto ed equilibrante. Vogl si riferisce alla "mano invisibile" di Adam Smith come alla credenza un po 'religiosa dei liberalisti del mercato in una razionalità dietro ciò che funziona. Al lancio a Oslo a gennaio, Ebba Boye, nella conversazione con Vogl, ha anche sottolineato che l'economia ha ora bisogno di nuovi libri di testo, poiché il mercato non è un meccanismo "perfetto" in cui sorgono le crisi per ragioni completamente diverse.

finanziarizzazione

Boye e Vogl si riferiscono alla nuova ideologia di oggi come "finanziarizzazione", dove l'enfasi si è spostata dall'economia reale. I finanziatori stanno degradando l'economia reale per i valori accumulati, poiché sono più interessati al valore delle vendite delle aziende che alla produzione stessa. Questa finanziarizzazione si sta anche insinuando in aree di vita sempre crescenti, dove il denaro è diventato l'obiettivo e la scala della società.

- annuncio pubblicitario -

Boye menziona la casa automobilistica Ford, che oggi guadagna di più dai profitti delle vendite prestiti auto rispetto alla vendita di auto reale. E che gli imprenditori sono sempre più interessati al valore delle vendite delle loro azioni che alla società che reinvestisce i profitti nelle operazioni. Profitti sostanziali vanno quindi nell'acquisizione di azioni piuttosto che nel reinvestimento in posti di lavoro o produzione.

Qui possiamo aggiungere che anche il finanziere è guidato dal cosiddetto prestiti a leva – prestiti speculativi ad alto rischio. Il Fondo monetario internazionale scrive che questi prestiti sono utilizzati per acquisizioni e fusioni, pagamenti di dividendi e riacquisti di azioni. I prestiti non vanno al necessario investimento a lungo termine nella produzione, ma piuttosto esprimono il desiderio di guadagno a breve termine. E tali valori azionari possono improvvisamente diminuire se le aspettative di rendimento diventano scarse, come una società che Apple ha recentemente "perso" valori azionari superiori a 3000 miliardi di NOK (a causa delle scarse vendite in Cina) o dal momento che il valore azionario della compagnia aerea norvegese si è dimezzato da maggio. l'anno scorso (a causa di risultati indeboliti).

Estate folle

Ebba Boye

Secondo Vogl e Boye, il mercato finanziario è ora – in quanto è in gran parte costituito derivati e simili – a circa 10 di corone, o quasi 000 fondi petroliferi, se ho tenuto traccia di tutti gli zeri. Questo è virtuale denaro, prodotti finanziari e investimenti speculativi al di fuori dell'economia reale. Si spiega che i derivati ​​siano in grado di assicurare contro il prezzo, ad esempio, della caduta del grano – prima della stagione – se sei un agricoltore. D'altra parte, i panettieri possono assicurarsi che i prezzi dei cereali aumentino. Questa potrebbe essere stata una buona idea una volta, ma oggi si tratta principalmente di speculazione grezza su tassi di cambio, azioni di rischio, prestiti subprime, tassi di interesse, inflazione e possibili scambi o eventi politici. Questo fatturato "virtuale" è ora circa 15 volte quello che il mondo intero produce e vende effettivamente ogni anno, ovvero il prodotto nazionale lordo (PIL) totale mondiale.

Come sono diventati possibili questi "giochi piramidali"? Direi che lungo la strada, almeno le banche centrali – come la Federal Reserve, la Banca centrale europea o la Norges Bank – hanno "stampato" denaro che prestano alle banche, che a loro volta le prestano a imprese e privati. Le banche spesso vanno anche per diversi round di denaro, che vengono riciclati a diversi mutuatari. E quando ci sono periodi di crisi, le banche statali offrono il cosiddetto allentamento quantitativo, in cui viene spinto e versato più denaro per prevenire la recessione. La crescita economica è la nostra prima priorità.

Anche altre persone che guadagnano i nostri soldi dai salari del lavoro normale perderemo anche relativamente se i nostri "risparmi" diventeranno una quota sempre più ridotta dell'aumento delle disponibilità finanziarie. E se le banconote delle banche centrali "si surriscaldano, hai scarse prospettive nazionali, dove affronti lo scetticismo sulla valuta estera – ad esempio, poiché la valuta in Venezuela è scesa al di sotto del cento rispetto al dollaro in passato.

Di nuovo a Vogl

Scrive che prevedere il punto in cui possono scoppiare bolle finanziarie e di debito si trova da qualche parte "tra rischio (calcolabile) e incertezza (irregolare)". Vogl descrive la gigantesca speculazione del nostro tempo come "il rischio attuale è compensato con il rischio futuro, che a sua volta è compensato con il rischio futuro". Per i contemporanei "i mercati sono governati da una serie infinita di anticipazioni". Quindi le bollette vengono spostate nel futuro. Qui "il futuro, cioè il tempo, è considerato una risorsa infinita e inesauribile".

"Il rischio attuale è compensato dal rischio futuro, che a sua volta è compensato dal rischio futuro."

Permettetemi di aggiungere che lo stato probabilmente non è molto migliore degli speculatori finanziari – dove le banche statali prendono prestiti che difficilmente ripagheranno, cioè rimborseranno immediatamente. Il principio di servire tradizionalmente i prestiti con tassazione futura o altre entrate della produzione pubblica sembra abbandonato. Bene, in Norvegia hai ricchezza, finora: il fondo petrolifero è investito principalmente in titoli a scopo di lucro piuttosto che in immobili.

Negli Stati Uniti, hanno raccolto prestiti per circa 2800 miliardi di NOK nell'ultimo trimestre, in effetti, proprio come i prestiti del governo nel corso dell'intero 2006. Si dice che siano direttamente in vista della recessione quando il debito pubblico supera il 90% del prodotto interno lordo. Ma, abbastanza interessante, secondo The Economist, il debito pubblico in Giappone è ora pari al 230% del PIL – eppure uno sta investendo con impazienza lì. Giocatori così forti hanno ovviamente più credito di altri.

opzioni

Bowie
Perché Bowie nel video Improvvisamente visto con una maglietta con la scritta "canzone della Norvegia" non è noto.

Se tu, come noi, non credi che questo cresca solo verso il cielo, la domanda è come renderti meno dipendente dalle bolle finanziarie. Oltre a spendere soldi per possedere cose reali, posso, come altri, suggerire alcuni valori dalla parte del mondo in fuga del denaro finanziario: come l'acquisizione di conoscenza ed esperienza; mantenere una buona salute; solidarietà umana e amicizia a lungo termine; o la gioia di ciò che la natura ha da offrire. Godersi il sole pomeridiano ancora non costa nulla.

Nuove crisi monetarie si verificano periodicamente e la prossima può essere catastrofica – come la storia della buccia di banana.

Quindi finisco qui con la canzone di David Bowie "Dove Siamo Ora»(2013, guarda il video) – secondo quanto riferito, una considerazione da quando cadde il muro, alla Berlino odierna. Perché solo quando si verifica il momento – "il momento che conosci, sai di sapere" – allora il futuro è qui.


Sentiti libero di guardare il video http://youtube.com/watch?v=QWtsV50_-p4
o l'articolo Economia troppo matura.

Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi gli articoli precedenti di Lie i Le Monde diplomatique (2003-2013) e Morgenbladet (1993-2003) Vedi anche part lavoro video di Lie qui.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un mondo sottile, bello, brutto e strano

ARTE: L'artista oggi lavora costantemente gravato dalla cura della rete, dalla comunicazione e dalla visibilità, senza produrre nulla di veramente creato? Chris Kraus dà la sua opinione su ciò che dovrebbe essere un lavoro artistico.

Una condanna a morte per lo Stato siriano

SIRIA: Uno stato multiselettrico, multireligioso, multilingue e multietnico dilaniato dal partito Ba'ath, estremisti, milizie e superpotenze rivali, che chiedono la loro parte del Paese.

Il neoliberismo come arte di governo più indiretta?

GESTIONE: Questo è un libro su cos'è il neoliberismo, anche come un'arte di governo più indiretta

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.