Teatro della crudeltà

Il discorso della povertà

La povertà estrema si è dimezzata, ma il divario tra ricchi e poveri rimane. Come mai?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La globalizzazione ha lasciato un sapore agrodolce. Aveva un sapore dolce quando l'obiettivo del millennio di dimezzare la povertà estrema è stato raggiunto ben cinque anni prima dell'obiettivo. Sfortunatamente, un retrogusto molto amaro è seguito quando l'ombra di estrema disuguaglianza è stata proiettata su di noi.

Dopo il rapporto di Oxfam "Un'economia per il 99%", si è diffusa a macchia d'olio una frase: "Gli otto uomini più ricchi del mondo possiedono quanto la metà più povera del mondo". Sebbene il peso delle cifre possa essere dibattuto, come ha fatto Anders Hofseth in NRKBeta (9.2.2017/XNUMX/XNUMX), il rapporto sottolinea ugualmente la distribuzione grottescamente distorta che esiste nel mondo. La disuguaglianza è un dato di fatto, sia tra paesi che all'interno dei paesi.

La grande domanda allora diventa: come si può dimezzare la povertà estrema, mentre il divario tra ricchi e poveri esiste ancora nel miglior modo possibile? Per trovare la risposta a questo, dobbiamo prima capire cosa sia veramente la "povertà".

Cos'è la povertà? Le opinioni ideologiche determinano l'esito del sistema di sviluppo internazionale. Le ideologie costituiscono la struttura per obiettivi, opinioni, aspettative e motivazioni per cambiare una società. In altre parole, il sistema di sviluppo è una raccolta di convinzioni e idee – un modo di immaginare sul mondo. Ma le persone devono poterlo fare relazione al mondo: cercare l'ordine nel caos, concretizzare l'astratto e tradurre in parole il non detto. Con discorsi migliori possiamo quindi comprendere meglio il mondo.

Se si dà uno sguardo storico alla globalizzazione, si può vedere chiaramente che l’agenda dello sviluppo è cambiata in linea con il discorso dominante. Se sbucciamo tutti gli strati della cipolla, ci rimane definizioni og unità di misura, che a sua volta legittima la politica di sviluppo e chi ne trae vantaggio.

Una crepa nella società. Ecco alcuni esempi: Il discorso dell'evoluzionismo sociale e la distinzione tra le società barbare "sottosviluppate" e le società civilizzate "sviluppate" hanno legittimato l'intervento occidentale. Questo è stato anche conosciuto come il fardello dell’uomo bianco. Il discorso sullo sviluppo come sinonimo di “crescita economica” ha portato a unità di misura come il prodotto interno lordo (PIL), dove la distribuzione della ricchezza e dei beni era nascosta nell’angolo cieco. Con la critica del punto di vista puramente economico si è aggiunta una maggiore attenzione ai "bisogni umani" fondamentali ed è stato introdotto l'indice di sviluppo umano (ISU).

Il neoliberalismo è particolarmente interessante: con la sua attenzione alle riforme radicali, al libero scambio, ai mercati aperti, alla concorrenza, alla deregolamentazione e alla ristrutturazione, il neoliberalismo ha svolto un ruolo importante nel discorso della politica di sviluppo. La globalizzazione della finanza liberale, le privatizzazioni, la crescente invisibilità dei confini nazionali e la reificazione delle risorse naturali hanno messo il potere nelle mani di un pugno di persone. Le persone già intraprendenti venivano ricompensate e valorizzate, mentre le persone in condizioni più povere erano considerate pigre. L'ideologia ignora completamente il contesto dei sistemi educativi, dei mercati immobiliari e della distribuzione distorta delle risorse della terra. Ciò creò una spaccatura nella società, che in seguito si trasformò in un’estrema disuguaglianza.

Un prodotto di discorsi. La nozione di “povertà” è semplicemente un prodotto dei discorsi, e il significato della parola è cambiato di conseguenza. Il discorso sullo sviluppo – qualunque forma abbia assunto nel corso degli anni – porta con sé il suo insieme di potere e abuso. È quindi importante essere consapevoli di come misuriamo e definiamo sia la povertà che lo sviluppo.

Una buona qualità della vita dovrebbe essere un diritto per tutte le persone. Ciò che ciò comporta, tuttavia, varia da paese a paese e da persona a persona. Anche così, è necessario che ogni individuo abbia un punto di partenza più o meno uguale per poter raggiungere questo obiettivo. Finché la distribuzione distorta delle risorse della terra resta quella attuale, sarà difficile sfidare il potere dei discorsi esistenti.

Fortunatamente, si potrebbe dire, sia la “disuguaglianza” che la “qualità della vita” sono entrate nell’arena dello sviluppo in tempi relativamente recenti. Si spera che ciò coinvolga più voci nel linguaggio del discorso del futuro.

 

Potrebbe piacerti anche