Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

L'autoisolamento esteso

L' Corona Generazione. Diventare maggiorenne in una crisi
Forfatter: Jennie Bristow og Emma Gilland
Forlag: Zer0 Books (Storbritannien)
COVID-19 / La SARS nel 2003, l'influenza aviaria nel 2005, la MERS nel 2012, l'Ebola nel 2014, combinate con la crisi finanziaria, i massicci flussi di profughi e le rivoluzioni in Medio Oriente e la voce stridente del giorno del giudizio di Greta Thunberg, avevano ampiamente immunizzato la popolazione contro qualcosa di astratto come Covid19.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Una delle esortazioni che ci siamo abituati a sentire durante la pandemia è che dobbiamo assicurarci di "mantenere R sotto 1". Ciò significa che il tasso di riproduzione del virus deve essere mantenuto basso, in modo che ogni persona infetta infetti statisticamente meno di un'altra persona. Ciò impedisce che si diffonda in modo esponenziale. Ha subito senso sociale.

Ma porta anche a un fenomeno che abbiamo imparato a conoscere fin troppo bene, ovvero l'autoisolamento esteso, che è stata la norma nella maggior parte del mondo per un paio d'anni. E questo ha conseguenze mentali drastiche.

Adesso ha senso parlarne corona- generazione.

Uno dei gruppi molto vulnerabili a questo proposito è la generazione giovane, dove proprio questa brusca limitazione del contatto sociale irrompe in modo fortemente distruttivo in una lunga serie di norme e aspirazioni, dove tutti si collegano alla fase importante, dove ci si insegna a conoscere in modo nuovo modo interagendo con altre persone. Quindi dove fino ad ora abbiamo avuto la Generazione Z come punto di riferimento per lo sviluppo, ora ha senso parlarne Corona- generazione.

Covid-19

La sociologa britannica Jennie Bristow, insieme alla figlia, ha scritto un libro intelligente e accattivante sul fenomeno. È diventato un resoconto profondamente personale, che conferisce agli argomenti un peso speciale, ma l'autore poi indossa anche gli occhiali del ricercatore e inserisce il tutto in una prospettiva sociale più ampia. Cosa significa questo per le giovani generazioni qui e ora, e come plasmerà il futuro?

Come utile quadro di riferimento, il libro utilizza l’epidemia di AIDS degli anni ’1980. Ciò ha suscitato una paura naturale nella giovane generazione, che non da ultimo aveva un rapporto distorto con la generazione dei genitori, che aveva avuto il privilegio di poter praticare il sesso senza timore di possibili conseguenze.

Ma l’Aids, d’altro canto, è apparso anche come qualcosa di relativamente concreto. Potresti semplicemente proteggerti o astenervi dal sesso. Il Covid19 si è presentato come una minaccia diffusa in modo completamente diverso, e quando sono arrivate le prime chiusure i ragazzi hanno reagito quasi con piacere, perché il tempo libero da scuola e gli esami annullati non potevano essere altro che una cosa positiva. Un professore di scienze politiche, Matthew Flinders, ha suggerito che l'apatia diffusa fosse dovuta al fatto che la nuova norma è già entrata in crisi da tempo. La SARS nel 2003, l’influenza aviaria nel 2005, la MERS nel 2012, l’Ebola nel 2014, combinati con la crisi finanziaria, i massicci flussi di rifugiati, le violente rivoluzioni in Medio Oriente e la voce stridula apocalittica di Greta Thunberg, avevano ampiamente immunizzato la popolazione contro qualcosa di astratto come COVID-19.

Le giovani generazioni non potrebbero prenderlo sul serio. Pertanto, le autorità britanniche hanno lanciato quella che può essere meglio descritta come una campagna allarmistica. Il libro cita un sondaggio d’opinione che a metà del 2020 mostrava che quasi il 60%. della fascia di età 18-34 considera il virus una seria minaccia, nonostante il fatto che il rischio di morire di covid19 sia quasi evanescente.

Angoscia permanente

Ciò ha creato una nuova realtà in cui gran parte della popolazione all’inizio del 21° secolo vive in uno stato di ansia permanente. Emma, ​​la figlia, scrive così della sua sensazione di uscita dalla società, delle persone al supermercato che «non avevano paura solo della malattia, ma l'una dell'altra. E penso che la gente fosse ancora più diffidente nei confronti dei giovani, semplicemente a causa del pregiudizio contro l’essere giovani.»

Le autorità britanniche hanno lanciato quella che può essere meglio descritta come una campagna di intimidazione.

Questo è il dilemma e la situazione difficile dei giovani. Tagliati fuori dall’importante rito di passaggio inerente a cose apparentemente banali come il grande ballo di fine anno del liceo, i giovani non sentono di entrare nel mondo degli adulti. E questo mondo adulto è diventato uno solo temere la società, dove l’impennata dei prezzi delle case e il lavoro mal retribuito rendono ancora più difficile trovare un posto nella vita.

La generazione del baby boom che, attraverso il consumo eccessivo e lo spreco irresponsabile di risorse, ha lasciato l’intero mondo occidentale indebitato.

Inoltre, la grande responsabilità per la generazione del baby boom ricadrà sui giovani di oggi. Si tratta probabilmente della generazione più viziata di tutte, quella che attraverso il consumo eccessivo e lo spreco irresponsabile di risorse ha indebitato l’intero mondo occidentale e vive anche più a lungo del previsto. Come inevitabile conseguenza, le giovani generazioni si sentono deluse e, in questo senso, gli enormi cambiamenti che la pandemia ha già creato nella nostra società possono facilmente portare a una guerra aperta tra le generazioni.

Potrebbe esserci un elemento positivo nella competizione sociale per essere popolari e benvoluti scuolaSi può dire che la nostra vita quotidiana sia scemata da quando l’istruzione è diventata digitale. E allo stesso modo non c’è più lo stesso prestigio nel fare bene un esame. In questo modo è sorto un diverso senso di coesione, perché la pandemia esige responsabilità collettiva. È qualcosa che, da un punto di vista positivo, può creare un maggiore senso di responsabilità nei confronti, ad esempio, del clima e dell'ambiente – e degli altri peccati dei baby boomer.

Vista in una prospettiva più ampia, tuttavia, questa generazione si scontra con il muro quando ad un certo punto entra in un mercato del lavoro che è cambiato drasticamente e non offre più le stesse opportunità delle generazioni precedenti. Crea paura e ansia, e proprio perché c’è una generazione che non ha attraversato i classici riti di passaggio, l’individuo qui mancherà del senso di comunità e sarà completamente solo.

Hans-Henrik Fafner
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare di Ny Tid. Vive a Tel Aviv.

Potrebbe piacerti anche