Teatro della crudeltà

Il mercato immobiliare crollerà

Per quanto tempo possiamo mantenere un modello sociale che non funziona?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Per molti anni il credito a buon mercato ha portato alla festa del debito, a investimenti sbagliati e all’inflazione delle prestazioni sociali in tutto il mondo industrializzato. I livelli dei prezzi e dei salari in paesi come Grecia, Portogallo e Spagna diminuiranno, in gran parte a causa dello squilibrio di competitività tra i paesi della zona euro. L’alternativa è che in paesi come la Germania il livello dei costi dovrebbe aumentare del 50-70%. È escluso per la competitività tedesca. Alla fine, il mercato risolve questo squilibrio come risultato della lunga festa del credito dei politici e della banca centrale. È come una spugna bagnata piena di credito, materie prime, servizi, salari e prezzi errati gonfiati. In un regime di tasso di interesse pari a zero, nell’economia si creano bolle artificiali – bolle immobiliari e bolle del mercato azionario – che scoppiano quando le forze di mercato spremono tutto dalla spugna.

Guasto. La strada verso il disastro è breve nel mercato immobiliare. Immaginate una casa con un valore di mercato di 10 milioni di corone norvegesi, ipotecata al 95%. Quindi il mercato crolla del 25%. La banca ti chiede di coprire i 2 di NOK mancanti nel capitale proprio. Immaginiamo che il tasso d'interesse immobiliare salga al livello normale del 000-000% e che tu debba pagare spese per interessi che sono il doppio. Immaginate di non poter coprire né il fabbisogno di capitale proprio né l’aumento delle spese per interessi, che l’inflazione riduca il vostro potere d’acquisto del 40% e che questo non venga compensato con uno stipendio più alto. Cosa succederebbe se il mercato immobiliare crollasse del 50-XNUMX%? Quanto tempo ci vuole prima che la casa venga venduta con la forza? Per comprendere le perdite che subiscono le banche, si può moltiplicare l’esempio per centinaia di migliaia di case, così come per tutte le altre forme di beni sopravvalutati finanziati da banche e istituti finanziari senza sufficienti garanzie e capitale di riserva. Le conseguenze per le banche e il mercato finanziario in un simile scenario sono catastrofiche.
Per mettere i numeri in prospettiva, un'analisi del mercato immobiliare americano mostra che un calo del valore del 25% rispetto al debito immobiliare di circa 11 trilioni di dollari USA significa una perdita di circa 2,8 trilioni di dollari. Il capitale/liquidità disponibile nel settore bancario statunitense ammonta a circa due trilioni di dollari. Implica un collasso finanziario. Se guardiamo al Regno Unito, alla Francia e alla Spagna e tralasciamo gli altri paesi europei indebitati, un calo del valore del 25% significherebbe la cancellazione del settore bancario europeo.
In Norvegia, enormi somme sono nelle mani di un vasto apparato statale senza alcuna idea su come costruire e preservare imprese redditizie – o gestire il denaro della gente. Lo Stato opera con un deficit del 13-14% (pari al 5-6% del nostro prodotto interno lordo (PIL)). Gli obblighi pensionistici dello Stato superano il valore del Fondo petrolifero e il deficit aumenta di giorno in giorno. L’arretrato nei requisiti per la manutenzione pubblica equivale alla metà di un fondo petrolifero e sprechiamo circa 40 miliardi di corone norvegesi ogni anno a causa delle norme sugli appalti pubblici. Il 35% del bilancio statale va alle spese di previdenza sociale, e un ragazzo su quattro passa direttamente dalla scuola secondaria superiore alla NAV. I politici municipali attenti al welfare hanno investito miliardi di soldi dei contribuenti in progetti che non producono rendimenti, come il capitale morto nei centri culturali e altri beni sociali prestigiosi. A Tjøme, il debito lordo ammonta a circa 400 NOK per famiglia. Tjøme sembra una tenuta in bancarotta, così come molti altri comuni.

Disastri pubblici. Regolamentazioni e divieti costantemente nuovi hanno portato ad un livello di costi superiore di circa il 60-70% rispetto ai nostri partner commerciali. La Norvegia è costosa e manca di competitività. In un mondo in cui quasi tutti gli asset perdono valore e lo spettro della deflazione incombe, la Norvegia è probabilmente il paese che sarà colpito più duramente, perché è qui che il calo è maggiore. L'85% del debito dei norvegesi è legato alla propria casa e un collasso immobiliare colpirà duramente la popolazione.
L’economista e scrittore americano Bill Bonner ha affermato che il troppo bene finisce sempre in un disastro. L’affermazione si adatta bene allo stato sociale norvegese: un esempio è il NAV ingovernabile, un altro è il sistema sanitario, che evidentemente fornisce un’assistenza sanitaria peggiore di quella svizzera a un prezzo tre volte superiore.
Secondo Bonner, i disastri pubblici hanno alcune somiglianze elementari:
1. Il disastro è il prodotto del pensiero razionale, cioè di persone intelligenti e ben intenzionate. 2. Il disastro è sempre il risultato di una pianificazione su larga scala, nella maggior parte dei casi sostenuta dalla polizia e dal potere statale. 3. Il ciclo di feedback viene ribaltato: invece di reagire razionalmente al deficit di bilancio o al fallimento del sistema, il dolore causato dal problema viene scaricato sugli altri, in modo che i responsabili possano continuare come prima con la loro linea di condotta dannosa.

Sempre più esigente. Le crisi del sistema hanno una loro giustizia interna creando “zombi” – persone che traggono profitto in termini di status o finanziariamente da attività che distruggono valore.
Si inizia sempre con buone intenzioni: creare un buon sistema sanitario, una buona vita lavorativa e buoni sistemi di previdenza sociale, pensionistica e di indennità di malattia. Il primo investimento dà un buon ritorno sul capitale investito. Successivamente il rendimento viene gradualmente ridotto. Quando il rendimento diventa negativo, la crisi e il calo delle perdite aumentano, come vediamo nel sistema sanitario e nel NAV. La responsabilità non funziona, come vediamo in alcune parti dell’amministrazione statale.
Il disastro è inevitabile perché ci sono persone razionali e ben intenzionate che controllano tutto, e perché il sistema premia chi ne trae profitto, cioè gli zombie.
In questo stato amministrativo vengono poste richieste sempre maggiori ai servizi pubblici e alle normative. Le prestazioni sociali sono finanziate da tasse, tributi e debito, e gradualmente il prezzo dei servizi e il livello dei costi nella società aumentano. Si crea un circolo vizioso con un'inflazione persistente di beni e servizi, salari, ferie e tempo libero e un elevato livello dei costi. Il risultato è che la società non può pagare beni e servizi senza aumentare le tasse e i dazi e senza assumere sempre più prestiti. Lo Stato è un’impresa sostanzialmente in perdita.

Cosa succederebbe se il mercato immobiliare crollasse del 40-50%? Quanto tempo ci vuole prima che la casa venga venduta con la forza?

Le statistiche dell’OCSE mostrano che il settore pubblico in Norvegia è cresciuto da circa il 29% nel 1960, a circa il 50% di oggi, misurato come quota del prodotto interno lordo (PIL). A titolo di confronto, nel 27 la cifra per gli USA ammontava a circa il 1960%, oggi a circa il 40%. Uno studio di John W. Dawson e John J. Seater (Federal Regulatory and Aggregate Economic Growth) conclude quanto segue per gli Stati Uniti: se le regolamentazioni governative fossero rimaste al livello del 1949, il PIL degli Stati Uniti sarebbe stato invece di 54 trilioni di dollari di 18 trilioni. Ciò significa che l’americano medio avrebbe quasi un milione di corone in più con cui vivere ogni anno.

Hans Erik Olav
Hans Eirik Olav
Olav ha alle spalle molto tempo lontano dal mondo finanziario.

Potrebbe piacerti anche