Teatro della crudeltà

No, non amiamo la NATO

La campagna per il rifiuto politico di servire richiama l'attenzione sugli obiettivi e sulla strategia della NATO. Non abbiamo soldati il ​​cui unico compito è proteggere la "sicurezza nazionale", ma soldati della NATO che sono servi obbedienti della forza militare più grande e offensiva della storia. La domanda quindi non diventa più per quali valori stai combattendo, ma contro quali valori stai combattendo, quando ti metti a disposizione dell'esercito americano, dipartimento della Norvegia del Nord.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Fra Orientering 28 ottobre 1967

Il punto di partenza del concetto di rifiuto politico militare è che l'apparato militare non può essere valutato separatamente dalla politica, e che la Norvegia non può essere valutata separatamente dalla NATO e dagli USA. Come ha scritto Jens Bjørneboe: La società educa i giovani secondo l'ideale combatti per tutto ciò che ti è caro. Implicito: devi amare la stessa cosa della società, cioè la NATO. Questo è il prerequisito perché sia ​​più facile vivere e morire.

Esercito / Dipartimento degli Stati Uniti Norvegia settentrionale. Nel libro No, amiamo Tutti gli autori, sotto la guida di Arnulf Kolstad, hanno considerato il loro compito principale quello di tracciare un quadro del mondo con al centro il conflitto tra i paesi ricchi e quelli poveri. Attraverso le statistiche commerciali e le descrizioni della strategia statunitense nel Terzo Mondo, siamo costretti a vedere i nostri volti, costretti ad ammettere la responsabilità dei nostri crimini. L'immagine umanistica della domenica della nostra volontà di pace e del nostro "sforzo" per i paesi in via di sviluppo viene fatta a pezzi. L'ipocrisia è esposta in ognuna delle 194 pagine del libro.

La campagna per il rifiuto politico-militare dirige l'attenzione su ciò che accademicamente viene chiamata integrazione nella NATO, che in norvegese significa che l'intero sistema militare è subordinato agli obiettivi e alla strategia della NATO. Non abbiamo una difesa norvegese, solo una difesa della NATO. Non abbiamo soldati il ​​cui unico compito è proteggere la sicurezza del regno, ma soldati della NATO che sono servitori obbedienti della forza militare più grande e offensiva della storia. La questione non diventa più per quali valori combatti, ma contro quali valori combatti, quando ti metti a disposizione dell’esercito americano, dipartimento della Norvegia settentrionale. È quindi sbagliato parlare di difesa congiunta della NATO senza parlare allo stesso tempo di attacco congiunto della NATO. L'attacco ai poveri che lottano per la loro libertà e il loro diritto a sopravvivere alla minaccia della fame.

Un concetto ampliato di pace e violenza. Da tempo si discute su un concetto più ampio di difesa, ed è ovviamente importante valutare quali misure a breve termine siano possibili per allontanare la tendenza dalla sterile politica di potere di oggi. Ma è più importante parlare di un concetto allargato di pace, un concetto che includa quella parte degli abitanti della terra che vivono politicamente e materialmente nella mancanza di libertà e povertà, che includa i poveri contadini che combattono in Vietnam, in Bolivia, in Angola e Mozambico. E la cosa più importante oggi è discutere un concetto ampliato di violenza, per descrivere la violenza diretta e indiretta di cui siamo complici ogni giorno attraverso la politica militare, la nostra alleanza con il Portogallo e gli Stati Uniti, la nostra politica commerciale e la nostra posizione come parte della lotta degli interessi del capitale internazionale per lo status quo. In alcune aree del mondo vengono utilizzati metodi di violenza attiva contro le persone che i socialisti ritengono sia loro compito sostenere. Tutti i tentativi di lottare contro l’attuale sistema economico vengono repressi con mezzi brutali. Lo facciamo anche in modo più umano e indiretto attraverso la politica del potere economico protetto dalla nostra superiorità militare. Lo chiamiamo ad es. politica commerciale e non si sporca le mani di sangue. Non corriamo al fronte e usiamo metodi di uccisione appresi alla scuola di reclutamento, aiutiamo "semplicemente" a condividere il bottino.

Una guerra che fece 30 milioni di vittime nel 1967. Chiunque entri come pezzo in questo sistema senza opporre resistenza, in realtà lotta contro la liberazione sociale e contribuisce ad approfondire il divario tra ricchi e poveri. Sono già coinvolti in una guerra, una guerra mondiale che nel 1967 farà 30 milioni di vittime della fame. Quelli che chiamiamo problemi dei paesi in via di sviluppo non sono un disastro naturale che meriti esclusivamente riflessioni umaniste, o che il Partito dei Giovani Conservatori risolve aumentando una voce isolata del bilancio norvegese. Lo scintillante articolo di Rune Skarstein – I dannati – mostra che si tratta di una situazione complessiva che è dovuta all'organizzazione economica, politica e militare della comunità mondiale da parte dell'alta borghesia occidentale. Pertanto, siamo già impegnati nella più sporca e ingiusta di tutte le guerre. È una guerra che richiede sacrifici su una scala tale da far impallidire in termini numerici gli elenchi delle vittime delle trincee della Seconda Guerra Mondiale. Meritano il nostro sostegno in questa guerra coloro che sono disertori e che, attraverso azioni politiche, ne attaccano le cause.

Un punto di vista situazionale? Questo libro è positivo anche perché punta i riflettori sulla base nucleare norvegese, sulla Norvegia come territorio di esercitazione e campo di battaglia della NATO, sulla Norvegia come fianco settentrionale da rafforzare secondo gli ultimi piani, sulla Norvegia che ha tutta la sua politica orientata verso le armi nucleari, contro la Norvegia che si rinchiude in una strategia e in un’infrastruttura che hanno senso solo in un suicidio nucleare collettivo. Pertanto non è sufficiente parlare di coscrizione. Dobbiamo chiederci se non sia la migliore difesa opporsi a un sistema costruito sulle armi nucleari. Lo sviluppo della tecnologia degli armamenti ha tolto ogni significato alla parola difesa, ma i nostri politici usano ancora parole (difesa, pace, protezione, sicurezza) che appartengono ad un altro periodo storico. Vogliono prevenire la seconda guerra mondiale, hanno visto ridimensionata la loro visione politica nel 1949 e sono addestrati a vedere il mondo attraverso gli occhi del dollaro. Lasciate che vi riveli il mio vecchio sogno: per un solo giorno all’anno scambiamo parole come guerra e difesa con la parola rovina. Quel giorno si parla del ministro dell'Apocalisse Grieg Tiedemand, dell'Apocalisse come continuazione della politica con altri mezzi, della volontà popolare dell'Apocalisse, dell'entità del bilancio dell'Apocalisse e dell'organizzazione Folk og Undergang. Forse anche sulla negazione della catastrofe per motivi politici ed etici. Dovrebbe essere vietato. Potrebbe minare la moralità del destino. Come lo esprime lo stesso Arnulf Kolstad nel capitolo Come riuscire a uccidere senza provarci veramente: Proteggere le case e le abitazioni aumentando i pericoli di una guerra nucleare comporta una grave contraddizione.

Ci sono molti compiti che vengono risolti contemporaneamente in "No, amiamo". Particolarmente utili sono gli attacchi alla distinzione conservatrice tra politica ed etica (come due cassetti separati nella coscienza). Coloro che rifiutano il servizio militare nella situazione odierna cercano di riportare l'etica e l'umanità con i piedi per terra, permettono che l'esperienza della nuova visione del mondo diventi un imperativo dell'azione. L'etica nel 1967, cioè la politica e la morale tradotte in azioni concrete.

Questo non significa opportunismo, la posizione non è situazionale? Quale punto di vista non è situazionale? La maggior parte di coloro che sono considerati pacifisti etici e che hanno superato l'esame di coscienza del Ministero della Giustizia, diranno che anche la loro posizione è situazionale. Naturalmente, sono le proprie esperienze, intuizioni e ambiente a modellare il modello dettagliato dell'azione. A parte coloro che obbediscono in modo assolutistico a una norma data da Dio, pochi affermerebbero che le loro serie convinzioni sono indipendenti dal tempo e dal luogo. Le derivazioni pratiche dei principi morali fondamentali non saranno mai una quantità costante.

Partita di classe su scala mondiale. In questa recensione è stato scritto di più sui retroscena del rifiuto militare che sull’azione stessa e sulle sue conseguenze pratiche. Se questa è un’obiezione, è un’obiezione che influenzerà anche il libro. Forse è una debolezza. Continuo a pensare che il dibattito interno di critica e le giuste interpretazioni possano aspettare, la cosa più importante è essere informati sulla situazione esterna. È quello di cui scrivono Arnulf Kolstad, Rune Skarstein, Bernt Michael Førre, Einar Tetne, Johan Ludwig Mowinckel e Rakel Nordseth. Inoltre, il rettore Edvard Bull ha un’interessante valutazione storica dell’antimilitarismo nel movimento operaio. Conclusione: se oggi il potere militare deve essere percepito come un'arma in una lotta di classe, deve essere una "lotta di classe" su scala mondiale. I contributi di Jan Myrdal e Hans Magnus Enzensberger meritano entrambi una trattazione più approfondita, e dovrebbero essere presentati più ampiamente in altra occasione.

Tra tutti questi applausi, vorrei infine sollevare un'obiezione seria, possibilmente personale in primo luogo. È del tutto superfluo e anche un po' antiquato sputare sui "pacifisti" (la parola deve essere pronunciata con ringhioso disprezzo). Negli ultimi anni il dibattito sulla coscrizione obbligatoria è stato "un dialogo astratto su questioni di coscienza". Sembra convulso dover prendere le distanze da tutti gli ex obiettori di coscienza – in blocco – ad ogni costo. Per molti, forse una base etica astratta è stata il seme di una visione politica, e negli archivi del Ministero della Giustizia ci sono anche molte richieste approvate che mettono in risalto la politica della NATO, la questione delle armi nucleari e il rapporto con il Terzo Mondo. Il gruppo PAX si è spesso stupito che i socialisti e gli oppositori della NATO non abbiano prima fatto proprie le conseguenze delle loro posizioni. I lavoratori civili non sono mai stati un gruppo omogeneo e la consapevolezza politica dovrebbe essere sostenuta positivamente. Invece di dare la caccia ai tuoi nemici, dovresti piuttosto trovare persone in questo gruppo che possano partecipare al lavoro di informazione sui nostri crimini su scala mondiale e sulla partecipazione della Norvegia all'uso della forza da parte degli Stati Uniti e del Portogallo. E sicuramente è più importante creare consapevolezza politica (e cambiamenti politici) che presentarsi come persone senza macchia che rifiutano di essere ostaggi della società borghese?

No, amiamo. Antologia dell'obiezione di coscienza politica,
a cura di Arnulf Kolstad. PAX 1967.

toreorientering@nytid.no
toreorientering@nytid.no
Eriksen ha scritto per il predecessore di Ny Tid Orientering.

Potrebbe piacerti anche