Teatro della crudeltà

Elena Lande

Lande è uno sceneggiatore, regista e sceneggiatore abituale di Ny Tid.

Ricco, sfaccettato e giocoso

BELLE ARTI: Attualmente in mostra New Visions – The Henie Onstad Triennial for Photography and New Media. 22 artisti, ad esempio, mettono in primo piano le questioni dell'energia e dell'estrazione di risorse naturali – e le loro conseguenze.

Patrimonio, arte e messa in scena

ROMANZO DI REALTÀ: Il progetto di Lene Berg è una messa in scena della memoria di un padre avvolto nel mito – ma altrettanto di se stessa e della propria identità. Aveva solo nove anni quando suo padre fu arrestato per l'omicidio della sua matrigna Evelyne.

Strana storia norvegese: 29 interviste stimolanti

FOTOLIBRO: Le icone queer trattano di una generazione che ha vissuto con la paura dell'AIDS, l'esclusione e la criminalizzazione – e non da ultimo con il dolore per la mancanza di modelli di ruolo.

I volti senza tutore

MI SONO IMBATTUTO: Questo è un film politico che ha scelto il genere thriller per esercitare un'aspra critica sociale contro l'Iran. Come molti dei manifestanti di oggi nel paese, le persone dietro il film hanno ricevuto minacce di morte e messaggi di odio dal regime iraniano.

Per poter dire addio

FOTOGRAFIA: Un monumento a una vita vissuta o un album fotografico modificato per chi ti è vicino?

Il rapporto sul trauma

22 LUGLIO: Utøya come focolaio per la nascente affiliazione al partito: questa generazione non si lascia ancora imbavagliare.

Una foto presente investigativa del 22 luglio

22 luglio: Il secondo documentario di Tommy Gulliksen sul 22 luglio mostra una vulnerabilità che è allo stesso tempo riflessiva, sorprendente e sinceramente onesta.

Per stare insieme fino al raccolto della vita

FOTOLIBRO: Alcune fotografie in questo libro sono percepite come spietate, nonostante il fatto che la fotografia sia stata fatta tra amici.

Il mostruoso costo del pesce a buon mercato

INDUSTRIA ITTICA: Gli Stati Uniti importano il 91% di tutto il pesce alimentare dall'altra parte del globo e l'assunzione di pesce è limitata a cinque varietà mentre le antiche comunità costiere giacciono in rovina. In Cambogia, il fondale marino viene ripulito vuoto e sterile dalla pesca illegale proveniente dal Vietnam. L'argomento è desolante, ma due diversi documentari trovano punti luminosi.