Teatro della crudeltà

Per vedere il presente come il passato del futuro

ACCELERAZIONE / Abbiamo intervistato il pensatore Armen Avanessian sull'"accelerazionismo" e la possibilità di un nuovo pensiero politico.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

- Il tuo libro La metafisica per il nostro tempo (Metaphysik zur Zeit, 2019 [2021]) sarà ora pubblicato in norvegese insieme nell'antologia Accelerazione (#Accelerazione, 2013). Da dove è iniziato il tuo impegno filosofico con questo argomento?

- Nel periodo in cui ho realizzato l'antologia, era emerso uno spettro di filosofia che aveva una temporalità speculativa – che vedeva il mondo dal punto di vista del futuro. La filosofia speculativa oggi ha molte ramificazioni che a volte sono in conflitto tra loro, ma condividono tutte una credenza realista o materialista nella scienza.

In termini più astratti, il pericolo è sempre che la differenza tra i presupposti sul futuro e il futuro stesso scompaia, così che il futuro sia perso anche per l'individuo.

Sono particolarmente interessato a cosa potrebbe significare pensare alla nostra attuale situazione politica in modo ottimista e con uno sguardo rivolto al futuro. Come possiamo guardare al presente dall'esterno per individuare quali sono le tendenze più promettenti nel nostro mondo capitalista moderno? Il presupposto è che ci siano progressi scientifici e tecnologici inutilizzati, opportunità che possono essere sfruttate per trasformare la nostra società in modo più illuminato. Nonostante apparentemente si muova troppo velocemente, il capitalismo ci rallenta e ci trattiene.

L’accelerazionismo ci permette di rompere “l’equazione” che ci è rimasta in testa, vale a dire che modernità = illuminismo = progresso = crescita = capitalismo = neoliberalismo. Se scomponiamo questo complesso di idee, vediamo che il progresso è ancora realizzabile: è possibile migliorare la nostra società sulla base di criteri razionali che siano nel migliore interesse della maggioranza. Dobbiamo cercare tendenze che possano e debbano essere accelerate. Un simile sforzo può essere trovato in quello che viene chiamato “accelerazionismo di sinistra”.

Accademia e pensiero

- Il tuo contributo all'antologia sull'accelerazione riguarda il mondo accademico. Il pensiero accademico semplicemente non è abbastanza veloce per essere all’altezza del proprio tempo?

- Mi sono chiesto se esiste un modo accelerazionista di affrontare il mondo accademico? Non volevo solo scrivere di accelerazionismo, ma affrontare la politica del mio ambiente di lavoro. Nel mio libro sovrascrivere (2017) Cerco di dimostrare che alcune categorie capitaliste, come innovazione, creatività, concorrenza e branding, hanno sempre avuto un ruolo nelle istituzioni accademiche, anche nelle prime idee che hanno plasmato la moderna università di ricerca. Volevo resistere al ruolo di vittima ingenua spesso assunto dagli accademici che soffrono di economizzazione, da tutta la gestione neoliberista dell’università. Sebbene questi problemi siano reali e difficili, dobbiamo anche renderci conto che il mercato e lo sviluppo della teoria sono storicamente più profondamente intrecciati e che possiamo affrontare la costellazione in modo più offensivo.

- Spesso metti in risalto il pensiero che si svolge fuori dalle università. Nel mondo dell'arte, per esempio?

- Non è ancora vero che il pensiero filosofico prospera solo al di fuori del mondo accademico; Direi che circa il cinquanta per cento di tutti i filosofi famosi del nostro canone fossero accademici. Tuttavia, dopo aver curato l’antologia dell’accelerazione, abbiamo continuato la serie di libri con libri su nuovi movimenti come lo xenofemminismo e l’etnofuturismo, una polemica ai margini della filosofia accademica. I co-curatori dei libri sopra menzionati diventarono sempre più giovani – e gli autori diventarono sempre meno accademici.

I governi a corto di liquidità sono anche ansiosi di abbracciare qualsiasi tecnologia in grado di garantire incrementi di efficienza.

Molti dei contributori, ad esempio, all'antologia dell'etnofuturismo sono artisti visivi e DJ. Ti dice qualcosa su come la filosofia e la riflessione sui termini vengono utilizzati in modo non tradizionale e resi produttivi in ​​una discussione e in un contesto politico più ampi. Per me la forza e la direzione di un progetto sono spesso più interessanti delle meticolose letture filologiche o della storicizzazione di correnti di pensiero.

- Possiamo dire che l'accelerazionismo consiste nel rivoltare la selvaggia potenza produttiva del capitalismo contro se stesso?

- Una delle provocazioni degli accelerazionisti è rivolta ai profeti capitalisti della liberalizzazione che parlano di flussi deregolamentati di beni e servizi. Ovviamente, tutto ciò è ipocrita, poiché continuiamo a utilizzare i confini a beneficio di pochi e a scapito della maggioranza di noi. Allora gli accelerazionisti dicono: vi prendiamo in parola, apriamo davvero le frontiere, anche per le persone!

Aan Adi Jaya. Adorazione della tecnologia. Vedi Libex.Eu
Aan Adi Jaya. Adorazione della tecnologia. Vedi Libex.Eu

Il rifugiato e il futuro

- Sembra un’accelerazione della stessa crisi migratoria. Lei ha già fatto riferimento al rifugiato come a una figura a cui si può e si deve dare un'accezione positiva e progressista?

- Per me la migrazione non è solo teorica, visto il mio background familiare, ma anche qualcosa di personale. Ma oltre a ciò, la migrazione è ovviamente una grande questione politica, e sarà ancora più grande in futuro a causa della crescente disuguaglianza globale, ma anche del riscaldamento globale e delle conseguenti guerre climatiche.

È importante sottolineare che “crisi migratoria” è un’etichetta fuorviante, poiché una crisi in medicina denota un momento decisivo, in cui o sopravviviamo o periamo. Se guardiamo alla migrazione dal punto di vista del futuro, diventa chiaro che non si tratta di una crisi passeggera. Vedremo sempre più persone fuggire e migrare, quindi dobbiamo smettere di considerarlo un problema temporaneo che può essere risolto con muri e chiusura delle frontiere.

- Cosa può dirci allora la figura del rifugiato – come messaggero del futuro?

- I migranti ci ricordano cos'è veramente la politica. Ho studiato con Jacques Rancière a Parigi, e per lui la politica non è questo o quel gruppo che chiede un aumento salariale del XNUMX% e cose del genere. Si tratta piuttosto di creare nuovi soggetti politici, come quelli che bussano alla porta e si fanno strada nell’arena democratica e politica (la polizia). Ciò è avvenuto prima con la borghesia contro gli aristocratici, poi con gli operai e le donne, che per secoli non hanno avuto voce in capitolo. Poi vennero le minoranze etniche e così via. Adesso sono i rifugiati a bussare alla nostra porta e a reclamare il diritto di entrare. Hanno anche una sorta di diritto a essere accolti, poiché è stato il cambiamento climatico a creare indirettamente il conflitto in Siria. Il nostro modo di consumare ha causato il fallimento dei loro raccolti, quindi sono stati costretti a fuggire.

Il capitalismo stesso, nonostante la sua velocità apparente, ci rallenta e ci trattiene.

Ciò potrebbe trasformare radicalmente il nostro sistema politico, perché i migranti non devono essere inclusi solo nel nostro sistema politico, ma anche nel nostro pensiero e immaginazione politica. Ciò che è politicamente in gioco nel nostro presente, dal punto di vista del futuro, sono le generazioni future. Dobbiamo urgentemente iniziare a includere nelle nostre azioni politiche le persone che non sono nemmeno nate. Anche a loro occorre dare voce. Quindi, se si guarda al nostro tempo dal futuro, è chiaro che la migrazione e il riscaldamento globale stanno diventando sempre più rilevanti, ma la politica di oggi non riesce ad affrontare realmente questo problema.

- Allora come possiamo affermarci nel futuro per vedere il presente più chiaramente?

- In Germania siamo uno Zeitgenosse contemporaneo – tradotto letteralmente un "compagno del nostro tempo". Dobbiamo sviluppare un cameratismo con il futuro. Oggi vediamo troppi compagni del passato che desiderano ritornare.

Anche i politici guardano indietro, a un passato immaginario, sul quale desiderano modellare il presente: un passato immaginario che presumibilmente era più autentico in termini di cultura, razze, religioni o paesi. Ma come ha detto Quentin Meillassoux: "Il passato è imprevedibile". L'obiettivo deve essere quello di guardare al presente come al passato del futuro, invece di guardare indietro alla ricerca di un idillio immaginario e perduto.

- Ma sicuramente questo è più complesso?

- I La metafisica per il nostro tempo è una delle idee principali che non solo viviamo in tempi nuovi, ma che il tempo stesso è cambiato. Non può più essere seguito in modo lineare e cronologico dal passato al futuro. Facciamo parte di un tempo complesso e complesso, pieno di attori diversi da quelli umani. Non abbiamo a che fare solo con animali e piante, ma anche con macchine e algoritmi che operano tutti in temporalità diverse. Non possiamo obbligare tutti gli altri partiti a seguire il nostro calendario. Tra le altre cose, cerco di collegare un modo di pensare speculativo alla nostra economia attuale, caratterizzata da una finanza speculativa e automatizzata. Qui, il tempo stesso diventa oggetto di calcoli e analisi che possono aiutarci a comprendere meglio noi stessi e a svilupparci come specie: dovremmo imparare dagli algoritmi che imparano da noi.

Mettere sotto pressione il presente

- Ma quando il futuro interviene direttamente nel presente e ci costringe a reagire a tutto lungo il percorso, non perdiamo forse la capacità di agire di nostra iniziativa?

- Esistono molti modi di pensare al rapporto tra presente e futuro, come la previsione, la prevenzione, ma oggi sempre più spesso anche ciò che chiamiamo "prelazione" – come nelle guerre offensive preventive. IN Metafisica futura (2019, presentato da MODERN TIMES qui) Discuto molti esempi problematici di polizia preventiva o di personalizzazione digitale. In termini più astratti, il pericolo è sempre che la differenza tra le ipotesi sul futuro e il futuro stesso scompaia, così che anche il futuro vada perso per l’individuo.

La distanza tra il futuro presente (ciò che immaginiamo accadrà) e il futuro presente (ciò che effettivamente accadrà) non deve né essere soppressa né scomparire. Oggi gli algoritmi possono conoscere il nostro futuro meglio di noi, poiché anticipano le nostre azioni. La distribuzione ineguale delle conoscenze sul futuro diventa un problema di potere: i proprietari di Facebook e Google ottengono così un vantaggio pericoloso.

- In uno spazio di azione più a lungo termine, la sinistra politica si accusa da tempo di aver perso la propria immaginazione politica. Per molti sembra che l’orizzonte del futuro si sia chiuso al punto che non siamo in grado di immaginare una società radicalmente diversa e migliore. C’è un nuovo slancio utopico nei tuoi progetti?

- Non sono un futurologo e non scrivo di come la società o gli istituti filosofici dovrebbero o potranno essere in futuro. Cerco di intervenire nelle pratiche filosofiche, accademiche e artistiche nel presente per mobilitare e mettere il presente sotto pressione dal futuro.

Nel libro credo anche che altri concetti metafisici come verità e realtà, forma e materia o vita e morte debbano essere rivalutati rispetto al nostro mondo moderno. Per una volta, invece di decostruire i sistemi di pensiero del passato ed essere malinconici per non sbarazzarci della metafisica, utilizziamo di nuovo questi concetti, proviamoli, per così dire. Penso che tutti questi termini oggi significhino qualcosa di radicalmente diverso, ma che forse proprio per questo sono ancora molto utili.


Porta con te Presentazione del libro su Facebook Live martedì 16.3  (arr. libero)

Leggi estratti del libro Accelerazione suo.

Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Articoli Correlati