Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Cos'è l'accelerazionismo?

Ørjan Steiro Mortensen
Ørjan Steiro Mortensen
Dottorato di ricerca norvegese studente di filosofia presso l'Università di Jyväskylä, Finlandia. Ho un master presso l'Università di Oslo. Gli interessi di ricerca sono il trascendentalismo kantiano, l'ontologia fondamentale heideggeriana, la filosofia della tecnologia, l'idealismo tedesco, il realismo speculativo.
Accelerazione (antologia, estratto)
Forfatter: Armen Avanessian
Forlag: Existenz (2021)
DICHIARAZIONE DEL LIBRO / Nessuna politica seria nel nostro tempo può rimanere sulla difensiva se vuole vincere. Il lettore è incoraggiato a vedere le possibilità per un futuro liberato e solidale nell'estensione dello sviluppo guidato dal capitalismo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'accelerazionismo filosofico è una tendenza che si è cristallizzata per la prima volta come direzione intellettuale separata in Gran Bretagna a metà degli anni '1990. Intorno al collettivo di critica culturale CCRU (Cybernetic Culture Research Unit) presso l'Università di Warwick in Inghilterra, si è formato un ambiente radicale e interdisciplinare che combinava la teoria francese d'avanguardia, la cultura pop ispirata alla fantascienza, la sociologia, la politica e gli studi tecnologici nei suoi ricerca di un progetto ideologico lungimirante che potesse rispondere a quella che percepivano come l'esigenza contemporanea di un nuovo paradigma intellettuale.

Il CCRU è stato ufficialmente istituito dalla cyberfemminista Sadie Plant, che nel periodo tra il 1995 e il 1997 è stata impiegata presso l'Institute of Philosophy di Warwick. Il CCRU era un gruppo vagamente composto composto da studenti e personale dell'università. Pensatori come Nick Land, Stephen Metcalf, Mark Fisher, Iain Hamilton Grant, Reza Negarestani, Robin Mackay, Ray Brassier e Kodwo Eshun sono stati più volte associati al CCRU. Da quando Sadie Plant ha lasciato l'Università di Warwick, Nick Land è diventato la figura di spicco del collettivo, e nel suo periodo di attività fino al 2003 il lavoro del CCRU è diventato sempre più sperimentale e trasgressivo rispetto allo standard accademico. Alla fine il CCRU trasferì la sua attività in un appartamento privato e pubblicò principalmente i suoi lavori come fanzine autoprodotte.

Robot e tecnologia informatica affascinati

L'accelerazionismo della CCRU si rivolgeva al potenziale sempre crescente di rinnovamento e sviluppo delle società moderne e guardava avanti. Ispirandosi alle incursioni speculative della letteratura di fantascienza sulle possibilità tecnologiche e sociali del futuro, si è cercato di vedere nella realtà politica e sociale di oggi i semi della nuova realtà che stava per manifestarsi a scapito di quella vecchia. La robotica e l'informatica in particolare affascinarono profondamente gli accelerazionisti e nel lavoro della CCRU emerse l'imperativo normativo di costruire tutto ciò che potesse accelerare lo sviluppo di queste tecnologie e allo stesso tempo attaccare le tendenze contemporanee viste come ostacoli allo sviluppo.

L'ambiente attorno al CCRU si preparò mentalmente per l'arrivo del nuovo mondo high-tech sperimentando nuove forme di arte industriale, musica e film e attraverso droghe che spostano la coscienza e la cultura rave. Basandosi su una reinterpretazione del concetto di soggetto orientato al desiderio di Gilles Deleuze, si è cercato di andare oltre l'autocomprensione delle ideologie classiche per identificarsi con le violente forze di sconvolgimento della stessa modernità. Il concetto di "materialismo libidico" di Deleuze identificava la soggettività con la pulsione del desiderio e spiegava l'essere del soggetto come una pulsione interiore che si dirigeva verso oggetti del desiderio al di fuori di sé. La tendenza trasgressiva del soggetto del desiderio è stata messa in contesto con la tendenza delle società a trascendere le strutture sociali tradizionali "territorializzate" (solidificate) nella modernità, e il capitalismo globale è stato identificato come la forza motrice metasoggettiva e collettiva dietro il rilascio di crescenti forze trasformative in tutto il mondo. .

Poiché il capitalismo rispecchiava fondamentalmente le caratteristiche essenziali del soggetto del desiderio, si è giunti alla conclusione che al capitalismo guidato dal desiderio bisognava dare libero sfogo affinché lo sviluppo potesse accelerare e lasciarsi alle spalle le strutture sociali storicamente condizionate che ostacolavano la massima attuazione del desiderio. dispiegamento della pulsione collettiva del desiderio.

L'ambiente attorno al CCRU si preparò mentalmente per l'arrivo del nuovo mondo high-tech sperimentando nuove forme di arte industriale, musica e film e attraverso droghe che cambiano la coscienza e la cultura rave.

Non si è trattato solo di preparare se stessi e la cultura all’inevitabile alienazione che era già in gioco, poiché gli interessi di mercato avevano recentemente stabilito il dominio del mondo dopo la caduta della cortina di ferro; bisognava giocare con questa alienazione, perdersi in essa e cercare con tutti i mezzi di contribuire a dissolvere le strutture e le norme delle società costituite per affrontare attivamente il futuro cibernetico. L'accelerazionismo come progetto ideologico nel senso della CCRU si opponeva quindi a qualsiasi conservatorismo, a qualsiasi umanesimo, a qualsiasi movimento sociale collettivista come il socialismo tradizionale e la socialdemocrazia, al movimento ambientalista, al nazionalismo, al populismo (la democrazia in generale), in breve a qualsiasi progetto sociale che volesse preservare i valori umanisti esistenti nell’incontro con la modernizzazione. L'accelerazionismo della CCRU finì quindi in conflitto con quelle che chiameremo le tendenze accelerazioniste della sinistra, dove i criteri per giudicare lo sviluppo sociale erano dettati da concetti di giustizia sociale e benessere umano.

Ill. Fabio Magnasciutti, Se Www.Libex.Eu
Ill. Fabio Magnasciutti, Se Www.Libex.Eu

Accelerazionismo di sinistra

Nel nostro periodo storico tardo moderno, noi occidentali ci troviamo di fronte a un serio problema politico. Questo problema è ben riassunto nella dichiarazione neoliberista di Margaret Thatcher secondo cui "Non esiste alternativa", nello status indiscusso del liberalismo di mercato come sistema politico e nel titolo del famigerato libro di Francis Fukuyama del 1989 (La fine della storia e l'ultimo uomo).

Poiché è una verità accertata che il capitalismo è la vera forza trainante del rinnovamento, e poiché i grandi esperimenti socialisti moderni sono stati screditati dal loro stesso collasso, o oggi dallo scenario autoritario dell’orrore che è diventato il capitalismo cinese con i valori del Partito Comunista, il sistema progressista la sinistra ha perso ogni legittimità. O meglio: il progetto della sinistra non è più progressista. I pochi simbolici "cani da guardia" dell'estrema sinistra nei parlamenti occidentali oggi hanno il compito di scoprire e mobilitarsi contro le conseguenze più disumane della costante marcia in avanti degli interessi del capitale. I guerrieri di classe della sinistra sono diventati reazionari e difensivi.

Si è giunti alla conclusione che al capitalismo guidato dal desiderio bisognava dare libero sfogo.

A differenza della tradizione marxista classica, che guardava al futuro e alla rivoluzione come al corso necessario di eventi che puntavano all’eliminazione delle contraddizioni interne al sistema sociale capitalista, il Fronte Rosso di oggi ne ha abbastanza di lottare per difendere ciò che resta del welfare, regolamentazione della vita lavorativa e gestione democratica delle risorse. La capacità dinamica del capitalismo di sviluppare costantemente nuove forme di creazione di valore sotto forma di nuovi modelli di business e nuove tecnologie che tentano di aggirare il suddetto “sistema di sicurezza umana” costituisce oggi la forza più trasformativa che il pianeta abbia mai visto.

Si parla dell'attuale epoca geologica come di "antropocene", come l'era in cui l'uomo è la forza fisica che ha il maggiore impatto sull'aspetto reale del pianeta nel suo insieme. I critici di questo termine preferiscono chiamare quell’era “Capitalocene”, poiché è impossibile comprendere come avvengano le devastazioni del pianeta da parte dell’uomo senza comprendere il capitalismo come una condizione sistematica di opportunità.

#Accelerare! Manifesto per una politica accelerazionista

Le tendenze accelerazioniste significavano quindi per la prima sinistra rivoluzionaria qualcosa di diverso da ciò che intendiamo oggi con questo termine. Ciò che può essere definito il tratto accelerazionista del marxismo classico e altamente moderno è la comprensione che la storia si stava muovendo verso una nuova fase, perché le condizioni prodotte dal capitalismo secondo la sua stessa logica erano così insostenibili che le persone alla fine avrebbero dovuto ribellarsi per salvarsi. se stesso. Per loro ogni progresso del capitalismo era allo stesso tempo un passo verso la propria fine. Doveva semplicemente peggiorare abbastanza prima che potesse davvero diventare buono. Quanto più brutalmente le contraddizioni di classe venissero alla luce, quanto più il capitalismo mostrasse il suo vero volto, tanto più facile sarebbe reclutare attivisti e radicalizzare le masse.

Il progetto della sinistra non è più progressista.

Ma se la storia del capitalismo non ha una fine in vista, che dire della sinistra politica? Sì, assume la forma di un baluardo difensivo per la dignità umana e per la preservazione di ciò che rende ancora degna di essere vissuta la vita delle persone. Risuona in un tono moralistico e sentimentale e ci ricorda i vecchi ideali di solidarietà che ci perseguitano come fantasmi privi di sostanza, mentre competiamo gli uni con gli altri per il privilegio di essere sfruttati nel mercato del lavoro internazionalizzato. Ma in questo modo, dover andare controcorrente e cercare di frenare la tendenza generale dello sviluppo a livello mondiale, è una posizione ingrata in cui trovarsi. Non è sexy essere un freno al partito, e forse non è affatto possibile vincere a lungo termine.

Questa situazione ha ispirato gli autori del Manifesto Nyxelerazionista Accelerare! Manifesto per una politica accelerazionista del 2013, Nick Srnicek e Alex Williams, che sostiene che nessuna politica seria del nostro tempo può restare sulla difensiva se vuole prevalere, e sollecita il lettore a vedere di nuovo le possibilità di un futuro liberato e solidale nell’estensione dello sviluppo guidato dal capitalismo. Se non riusciamo a inventare nuovi modi di immaginare il futuro, il risultato sarà semplicemente nessun futuro, e gli effetti catastrofici della distruzione delle risorse naturali, così come la possibilità di nuove guerre ad alta tecnologia, porteranno alla caduta collettiva del mondo. civiltà.

La prima di queste sfide è rimuovere la maschera progressista del capitalismo.

La maschera progressista del capitalismo

Il manifesto diagnostica che l’immaginazione è paralizzata. In una nuova alleanza tra pensiero illuminista e fantascienza, noi che pensiamo politica dobbiamo darci il compito di inventare un futuro possibile che risponda alle sfide che il nostro tempo ci presenta. La prima di queste sfide è rimuovere la maschera progressista del capitalismo: il capitalismo deve essere smascherato come un parassita dello sviluppo che distorce la capacità di stabilire priorità e porta a un enorme spreco di risorse.

Il manifesto sostiene che nel sistema capitalista odierno non possiamo nemmeno immaginare il potenziale insito nella tecnologia che è già stata sviluppata. Dobbiamo riconquistare la tesi secondo cui il capitalismo non solo è ingiusto e distruttivo, ma che in realtà frena lo sviluppo. Le società avrebbero potuto essere organizzate in modo più razionale, la nuova tecnologia utile avrebbe potuto essere distribuita e implementata liberamente ed equamente in un mondo senza diritti di proprietà privata. Le condizioni fisiche e psicologiche in cui vivono le persone in una vita quotidiana competitiva non sono le migliori per il pensiero creativo e lo sviluppo innovativo. Dobbiamo sostenere che l’obiettivo di una società democratica postcapitalista è l’autocontrollo collettivo, non la crescita economica. La sinistra accelerazionista sostiene quindi che il capitalismo nella nostra fase storica ci impedisce di diventare ancora più moderni.

La sinistra deve quindi diventare una piattaforma che costituisca una complessa ecologia organizzativa, dove una diversità di forme organizzative si completano a vicenda e insieme possono soddisfare le esigenze sociali, tecniche, economiche e psicologiche poste dalla lotta contro il capitalismo. Questa ecologia organizzativa deve costituire essa stessa un microcosmo e un modello per la nuova società. La sinistra deve dimostrare nella pratica che il progresso ha migliori condizioni di crescita al di fuori del capitalismo, e deve essere in grado di appropriarsi di ogni progresso tecnologico e scientifico che è stato sviluppato sotto il capitalismo, per dimostrare che questi possono essere realizzati più efficacemente in un mondo non-capitalista. contesto capitalista. La sinistra accelerazionista deve quindi diventare esperta nell’analisi delle reti sociali, della modellazione basata sugli attori, dell’analisi dei big data e dei modelli economici avanzati, in modo che gli strumenti efficaci che la scienza e la tecnologia moderne hanno sviluppato non rimangano nelle mani degli interessi di capitale che oggi detiene l'egemonia. Solo in questo modo la spada del capitalismo potrà essere rivolta contro il capitalismo stesso e un’alternativa high-tech al capitalismo potrà emergere come mappa cognitiva speculativa (mappatura cognitiva) per il futuro.

Dopo l'ottimismo dell'alta modernità?

La profezia auto-minante del giorno del giudizio purtroppo sembra un progetto che ha più risonanza nella nostra contemporaneità paralizzata dall'immaginazione dell'idea più ottimistica di iperstizione, che Armen Avanessian riprende dagli accelerazionisti degli anni '90 nella CCRU. L'idea di "iperstizione" (combinazione dei termini esagerazione e superstizione) afferma che il rinnovamento deve avvenire nell'estasi della speculazione, che il futuro deve scaturire dalla fiducia nelle possibilità del futuro attraverso un'acuta anticipazione del presente . Il fatto che nel disperato clima intellettuale di oggi si desideri una nuova "campagna pubblicitaria" che anticipa speculativamente un nuovo possibile futuro, non significa che siamo in grado di prevedere le conseguenze reali dei nuovi progetti che intraprendiamo. Nella nostra situazione precaria, forse è meglio intraprendere una via negativa e concentrarsi sull’evitare i peggiori disastri che sono già identificabili e in vista. Un po’ come un tossicodipendente in riabilitazione, dobbiamo concentrarci su quali strategie terapeutiche specifiche possiamo attuare qui e ora, in modo da non finire per riprodurre i circoli viziosi in cui siamo attualmente intrappolati. Si può arrivare a chiamare l’accelerazionista? struggersi per il prossimo "hype" per una sorta di sindrome di astinenza spirituale che resta indietro rispetto all'ottimismo dell'alta modernità? Dobbiamo trovare un nuovo modo di essere come umanità, sia tecnologicamente che politicamente. Ma poiché la questione di questo nuovo modo di essere è un “essere o non essere” sempre più acuto, noi che viviamo nella tarda modernità dobbiamo esercitare un’enorme cautela quando osiamo fantasticare sul futuro.

Stampato con il permesso dell'editore Existenz, un estratto della postfazione all'antologia Akselerasion (2021). Il libro è curato da Armen Avanessian e tradotto in norvegese da Anders Dunker.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.