Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Raccogli il potere

Il movimento pacifista norvegese sta seguendo le orme del movimento ambientalista, della comunità per i diritti umani e delle organizzazioni di solidarietà: per la prima volta sono riuniti sotto lo stesso tetto. L'obiettivo delle ONG è di restare più uniti, con una Norvegia sotto tiro in Afghanistan, Libia, Israele/Palestina e forse Siria.

Vai all'inferno

“Non sono più importante. Voglio vivere in una società equa", scrive Hanne Ramsdal, che ha creato opere d'arte sulla mancanza di diritti dell'uomo come padre. 

Con il burqa per l'apertura gay

Skeiv Verden renderà visibili i musulmani gay norvegesi. Il 28 giugno saliranno su un treno a Oslo, indossando il burka.

- Dipingere l'avventura a olio di LO

Ora è chiaro che parti del movimento sindacale vogliono trivellazioni petrolifere alle Lofoten. Il leader di LO Roar Flåthen non dice di no a tali esplorazioni petrolifere. Allo stesso tempo, siede nel consiglio di un "contribuente centrale" al programma droni della NATO. Tuttavia, secondo gli statuti di LO, Flåthen deve lavorare per "distensione, disarmo e pace".

Crescita ferma

Il regista di IA Most Violent Year JC Chandor continua la sua critica a una mentalità capitalista predatoria attraverso uno studio limitato di intrighi drammatici.

Il capitalista Michael Moore

"Il capitalismo è il male" dice Michael Moore nel suo ultimo film. Lui stesso ha chiesto 100.000 dollari per tenere un'ora di lezione a Bergen.

- La rivoluzione è ancora in corso

È chiamata "la madre della rivoluzione". Un modello per le forze democratiche nei paesi arabi. L'editorialista di Ny Tid Nawal El-Saadawi (79) è ottimista, ma sostiene le richieste. Crede che la speranza crei potere.

FILM: Alle barricate

Attualità.

Le giornate del cinema arabo, che fanno parte della fondazione Film from the South, sono organizzate quest'anno per la quarta volta. Dal 4 al 6 aprile sono in programma 15 film da 11 paesi diversi.

Uguale dalla vita in giù

Le artiste funk di Rio de Janeiro chiamano femminismo far rimanere a bocca aperta gli spettatori maschi e cantare in modo sprezzante sulla loro sessualità.

La vendetta dei repressi

Ne consegue diventa più inquietante perché tocca questioni più profonde di quanto non faccia di solito il genere.

Dal tutto esaurito alle strade grigie

Ny Tid era presente quando le giovani donne conservatrici si sono ribellate martedì, ma sono state respinte, durante la riunione sulla libertà vigilata di quest'anno per la Giornata della donna. – L'estrema sinistra ha ottenuto il monopolio l'8 marzo, afferma il leader di Venstre Trine Skei Grande. – Costruisci il tuo treno, com'era prima, risponde Torhild Skard. La polizia è aperta ad approvare più treni già dall'8 marzo.