Ordina qui l'edizione estiva

Lunga vita a Falluja!

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

I crimini di guerra che gli Stati Uniti stanno commettendo in Iraq non finirà mai. La liberazione di Falluja nel novembre 2004 si è ora rivelata essere un genocidio chimico di civili innocenti.

Ciò che è stato subito affermato da medici e testimoni oculari in Iraq, ma in passato sui media occidentali, ora è stato documentato: gli Stati Uniti hanno usato armi chimiche – in particolare la sostanza simile al napalm fosforo bianco contro la popolazione di Falluja. Quando il fosforo bianco entra in contatto con l'uomo, la morte è inevitabile. Non puoi proteggerti in alcun modo dalle particelle, penetrano attraverso i tessuti e altre forme di protezione. La sostanza si infiamma a 30 gradi Celsius, cioè quando le particelle entrano in contatto con la pelle. Il fosforo bianco si brucia fino alle ossa. L'effetto è immediato e la combustione non può essere fermata con l'acqua.

Secondo la Convenzione su alcune armi convenzionali, è illegale usare il fosforo bianco contro i civili. Il Pentagono ora ammette l'uso illegale di fosforo bianco. Ma si difende con il fatto che gli Usa non hanno firmato il protocollo che vieta l'uso del fosforo bianco contro i civili.

Se la sostanza è utilizzata allo scopo di sfruttarne l'effetto tossico, rientra nella "Convenzione sulle armi chimiche". Questa convenzione proibisce l'uso di armi chimiche e gli Stati Uniti l'hanno firmata. Utilizzato per lo scopo suddetto, il fosforo bianco rientra nella stessa categoria del napalm e dei gas velenosi a base di cianuro.

Non c'è più alcun dubbio che gli americani abbiano utilizzato il fosforo bianco nell'attacco a Fallujah a causa del suo potenziale tossico. Si tratta quindi di una grave violazione della convenzione che regola l'uso delle armi chimiche. Si tratta quindi di un grave crimine di guerra commesso dalle autorità di occupazione americane.

Una parte importante dei circa 300.000 abitanti di Falluja hanno dovuto abbandonare le loro case quando è stato lanciato l'attacco a Falluja nel novembre 2004, circa 150.000 di loro rimangono sfollati interni. Coloro che non sono fuggiti hanno subito un destino terribile. C'erano solo pochi sopravvissuti dopo l'attacco. I morti si contano a decine di migliaia, sia donne che bambini. Lo sappiamo per certo, perché anche se i corpi sono stati bruciati in modo irriconoscibile, i vestiti erano intatti. Il fosforo bianco danneggia solo i tessuti viventi e lascia intatti i tessuti.

Ma Falluja non è solo una città in rovina, la città rimarrà per sempre il simbolo della resistenza in Iraq e della sconfitta degli Stati Uniti. Perché anche se gli Stati Uniti hanno schiacciato la città, non hanno sconfitto la resistenza.

Kristian Kårbø, Comitato per un Iraq libero, Bergen.

Potrebbe piacerti anche