Teatro della crudeltà

Odiamo solo un po'

La Norvegia è un fannullone quando si tratta di combattere i crimini ispirati dall'odio e la violenza razzista. In un periodo segnato dalla crisi dei profughi e dall'estremismo in aumento, non ci resta che irrigidirci.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Mia figlia aveva solo quattro anni quando uno strano uomo mentre tornava a casa dal negozio le disse che si sarebbe sposata con Al Qaeda. Dopo tutte le storie simili che ho sentito da amici e conoscenti musulmani negli ultimi anni, non sono rimasto nemmeno scioccato. Solo triste.
I campi dei commenti e i social media sono traboccanti di espressioni razziste e di odio, in particolare sulla scia della crisi dei rifugiati e degli attacchi terroristici a Parigi. L'odio trova sfogo violento anche nelle strade. Un giovane di origine somala è stato chiamato "bastardo musulmano" e accoltellato a Bærum pochi giorni dopo il terrore di Parigi. Un'altra ragazza di 15 anni e la sua sorellina, anche lei di origine somala, sono state spinte a terra e oggetto di grossolane istigazioni razziste mentre tornavano da scuola.
I crimini d'odio colpiscono le persone per qualcosa che sono – è un attacco diretto all'identità dell'individuo – ed è quindi estremamente difficile essere colpiti da questo tipo di violenza. In Inghilterra, i crimini d’odio contro i musulmani sono aumentati del 300% nella settimana successiva agli attacchi terroristici di Parigi. La maggior parte delle vittime erano donne musulmane di età compresa tra i 14 e i 45 anni, mentre gli autori erano per lo più uomini bianchi di età compresa tra i 15 e i 35 anni.

Problema democratico. Qui in Norvegia, il Centro antirazzista ha recentemente scritto sulla sua pagina Facebook di aver riscontrato recentemente un aumento del razzismo e dei crimini ispirati dall’odio. La ricercatrice post-dottorato Karoline Andrea Ihlebæk dell'Università di Oslo dice a NRK che "i commenti e i post stanno diventando sempre più duri, e soprattutto eventi come il terrore a Parigi e la crisi dei rifugiati spingono le persone a lanciarsi contro la tastiera".
Il Comitato per la Discriminazione Razziale delle Nazioni Unite (CERD) è arrivato all'inizio di quest'anno con aspre critiche alla mancanza di lavoro della Norvegia contro l'incitamento all'odio e la violenza razzista. Il rapporto delle Nazioni Unite chiede una chiara definizione di crimine d’odio nel codice penale e un sistema per registrarlo.
Anche il difensore civico per l’uguaglianza e la discriminazione (LDO) mette in guardia da tempo contro la Norvegia che non prende abbastanza sul serio la lotta contro l’incitamento all’odio. LDO riceve richieste da persone che vengono derise, sputate e molestate per le strade. In particolare, molti messaggi riguardano odio e molestie legate ai copricapi. Indossare l'hijab aumenta il rischio di incitamento.
In un incontro di dibattito al Litteraturhuset di Oslo il mese scorso, la direttrice del centro Mira, Fakhra Salimi, ha affermato che le donne musulmane con l’hijab sono le più esposte ai crimini d’odio. Ciò è confermato dal capo dell'unità crimini d'odio della polizia di Manglerud, Monica Lillebakken.
Alla luce di ciò, è estremamente opportuno che il governo il 27 novembre abbia lanciato una dichiarazione politica contro l’incitamento all’odio presso il Museo ebraico di Oslo. Nel suo discorso la prima ministra Erna Solberg ha sottolineato in particolare le ragazze appartenenti a minoranze che partecipano al dibattito pubblico come un gruppo gravemente colpito. Diventa un problema democratico quando le voci rifiutano di partecipare al discorso pubblico a causa dell’odio e dell’incitamento. Era quindi giunto il momento che le autorità mettessero finalmente questo grave problema all'ordine del giorno. Il governo ha inoltre invitato la società civile a fornire input per la preparazione di un piano strategico contro l’incitamento all’odio.

In ritardo. Dal 1° ottobre 2015 le norme relative ai crimini d’odio nel codice penale sono state inasprite. Nella nuova legge, diversi nuovi reati, compreso il danneggiamento, saranno considerati gravi se la motivazione del reato è il colore della pelle, l'etnia, la religione, l'orientamento o la ridotta capacità funzionale della vittima. Sarà possibile inasprire la pena anche per altri tipi di reati se questi motivi ne costituiranno la base.

Le donne musulmane che indossano l’hijab sono le più esposte ai crimini d’odio.

Una sfida importante nella lotta contro l’incitamento all’odio e i crimini generati dall’odio è l’elevato numero di ricatti. Sappiamo anche che sia la polizia che il pubblico in generale sanno troppo poco su cosa sia il crimine d’odio, su come distinguerlo da altri reati e sulle conseguenze per coloro che ne sono colpiti, e non ultimo per la società.
Nel 2012, la polizia norvegese ha ricevuto critiche dall’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) per non aver fatto abbastanza per identificare e combattere i crimini ispirati dall’odio in Norvegia. Il gruppo criminale d’odio di Manglerud rappresenta un grande passo avanti nel contesto norvegese, ma è lungi dall’essere sufficiente. Abbiamo bisogno di competenza e consapevolezza in tutto il Paese.
In Svezia vengono segnalati circa 5500 casi all’anno, mentre qui in Norvegia il numero di segnalazioni è compreso tra 250 e 300. Ciò dimostra che è una questione di priorità e risorse. A Sverge, ce ne sono molti altri nella polizia che hanno i crimini ispirati dall’odio come un campo speciale, e hanno lavorato intenzionalmente su questo problema per un tempo molto più lungo rispetto alla Norvegia. Gran parte del lavoro di registrazione e analisi viene svolto in Svezia dal consiglio di stato BRÅ (corrispondente al Consiglio per la prevenzione della criminalità in Norvegia).

Decisivo. Dare seguito ai casi di crimini ispirati dall’odio è importante per molte ragioni. Un episodio raramente riguarda un caso isolato, ma spesso è il sintomo di un problema più ampio nella società che deve essere affrontato. L'effetto segnaletico di una forza di polizia attiva è di grande aiuto nel lavoro preventivo. È inoltre estremamente importante che la polizia registri correttamente i crimini ispirati dall’odio, in modo che appaiano correttamente nelle statistiche sulla criminalità.
Dipendiamo completamente da dati concreti per convincere i politici e le autorità a dare priorità al problema e a stanziare le risorse necessarie per far rispettare la legislazione e dare seguito alle persone colpite. In Francia, le autorità hanno stanziato un importante investimento di 100 milioni di euro per prevenire i crimini d’odio nei prossimi tre anni. È giunto il momento che le autorità norvegesi intraprendano la lotta contro i crimini ispirati dall’odio con lo stesso peso di Svezia e Francia.
In una prospettiva sociale più ampia, dare priorità ai crimini ispirati dall’odio eviterà un’escalation della violenza e porterà a una maggiore sfiducia e odio tra i gruppi della popolazione. In un’Europa caratterizzata da un’economia debole, dalla crisi dei rifugiati e dall’estremismo in aumento, concentrarsi sui crimini ispirati dall’odio è una necessità assoluta.


Noor è un direttore generale di Minotenk e un antropologo sociale qualificato. Contribuisce regolarmente a Ny Tid con la rubrica Krysskultur.
linda@minotenk.no.

Potrebbe piacerti anche