Ordina qui l'edizione estiva

Benvenuto, 2007

Scelto della settimana: non lasciare che il 2007 sia l'anno del maiale. Lascia che l'anno sia nel segno del pinguino.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[2007] Hai notato quanto è andato veloce? 2006. Era appena iniziato prima che finisse. Ci sono stato, l'ho fatto.

Già da lunedì è il nuovo anno che conta, il 2007. O MMVII come si chiamava originariamente l'anno del calendario gregoriano, basato sul calendario solare egiziano.

Nuovo anno, nuove possibilità. Fogli di calendario bianchi, pastelli appuntiti, secchi di vernice pieni. Si tratta solo di riempire i fogli di contenuti. Lascia che i colori spruzzino sul foglio, la grande tela bianca con i 365 giorni di calendario vuoti. Ma che tipo di visioni future vogliamo dipingere? Più foto in bianco e nero o più colorate? Impressionista come Claude Monet, espressionista come Vincent Van Gogh, cubista come Picasso o assurdo come Salvador Dalì?

Mentre pensiamo come pazzi, mentre la vernice si solidifica e i pastelli si incrinano, possiamo consolarci del fatto che "2007" è solo uno dei tanti termini per capire il nostro tempo. Il calendario armeno è ora nell'anno 1456, l'etiope nel 1999, il cinese nel 4673, il kali yuga indù nel 5108 e l'ebraico nell'anno 5767. Bisogna vivere nel tempo, dicono. Conosci te stesso, conosci il tuo prossimo, comprendi il tuo tempo. Ma quale anno scegliere? Con che ora dobbiamo fare i conti? Dove viviamo davvero? E quando?

Puoi ottenere la risposta il 3 gennaio nella città di Allahabad, nel nord dell'India. È allora che inizia il più grande raduno religioso del mondo – sì, in realtà il più grande raduno organizzato di persone al mondo: 70 milioni di persone provenienti da tutto il mondo si riuniscono per celebrare l'Hindu Kumb Mehla sul fiume Gange.

Il pellegrino che si riunisce qui, ogni 12 anni, è così grande che può essere visto dallo spazio. Questo dà prospettive. Quando Mark Twain sperimentò la seduta spiritica nel 1895, la definì "meravigliosa". Dopo un viaggio come questo, sappiamo sicuramente in che tipo di tempo viviamo. Presumibilmente, allora sappiamo anche quali colori vogliamo usare nel 2007.

Se non arrivi in ​​India entro mercoledì e se non ne hai abbastanza di razzi, putter cinesi e jubalong dopo i festeggiamenti di domenica, ecco parole di conforto: ci sarà un'altra possibilità il 28 febbraio. Quindi possiamo celebrare il capodanno cinese e passare dall'anno del cane all'anno del maiale.

[film] Nonostante le tradizioni del calendario cinese: il 2007 non dovrebbe essere nel segno del maiale, ma in quello del pinguino. Dopo tutto, il 2007 è stato nominato Anno Polare Internazionale. In questi tempi climatici, è anche opportuno preoccuparsi del destino dei poli nord e sud.

La cosa che attualizza l'Antartide di questi tempi è comunque il grande film ambientalista della vigilia del 2006. No, non stiamo parlando del moralistico un po' pesante An Inconvenient Truth di Al Gore, ma del film d'animazione australiano-americano Happy Feet, come è chiamato sia in inglese che in norvegese. Un cosiddetto film per famiglie, ma proprio per questo, la sua prospettiva di base del pinguino avrà un impatto molto maggiore sulla consapevolezza ambientale delle persone rispetto a una prospettiva Gore più prevedibile.

Dopo la sua prima negli Stati Uniti il ​​17 novembre, Happy Feet, con Robin Williams nei panni di Mumle, ha raggiunto la vetta delle classifiche e ha incassato oltre 1,5 miliardi di corone norvegesi in tutto il mondo. Dopo questo film, vorrai sicuramente battere sul vetro la prossima volta che vedrai un pinguino in gabbia in un acquario.

Quindi non resta che congratularsi con te per l'ottimo lavoro. E benvenuti in un altro glorioso anno dei pinguini.

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche